Connect with us

Mondo

Trump condannato: andrà in carcere? E può correre alle elezioni?

Che cosa succede ora a Donald Trump, dopo la condanna per aver falsificato i conti e aver pagato la pornostar Stormy Daniels per il suo silenzio? L’impatto del giudizio e il futuro del candidato repubblicano

Avatar photo

Pubblicato

il

    La notizia della condanna di Donald Trump è stata letta con tono severo sulla CNN da Jake Tapper, che modererà il primo dibattito presidenziale tra Trump e Biden il 27 giugno. Tapper ha aggiunto: «Se vi chiedete quali saranno le conseguenze politiche di questo verdetto, la risposta breve è: nessuno ne ha idea. Punto». Sulla tv di destra Fox News, Jeanine Pirro, spesso presente in aula durante il processo, ha affermato che nessuno a parte Trump sarebbe mai stato condannato a New York per accuse simili. Tucker Carlson, ex commentatore di Fox ora su X, ha dichiarato apocalitticamente che i 13 giurati di New York hanno decretato «la fine del sistema giudiziario più giusto del mondo» e ha assicurato che Trump vincerà comunque se «non viene ucciso prima».

    La condanna di Trump: un evento storico senza precedenti

    La condanna di Trump nel tribunale penale di New York, la città che segnò la sua ascesa, è un evento storico: è la prima volta che accade a un ex presidente degli Stati Uniti e al candidato alla Casa Bianca di uno dei due maggiori partiti. La costituzione non vieta a un condannato (anche eventualmente in carcere) di correre per la Casa Bianca. Il socialista Eugene Debs fece campagna elettorale per la presidenza negli anni Venti da una prigione federale di Atlanta, con una condanna a dieci anni di carcere per sedizione.

    Le conseguenze politiche del verdetto restano incerte

    Le conseguenze del verdetto per le elezioni di novembre sono incerte. Un sondaggio della Quinnipiac University del mese scorso indicava che il 6% degli elettori di Trump sarebbe meno disposto a votare per lui se condannato: un numero piccolo ma che, in una elezione testa a testa come quella con Biden, potrebbe essere significativo. Altri credono che tra cinque mesi, questa condanna conterà poco in un’elezione in cui la priorità degli americani è l’economia. Inoltre, Trump ha usato questo processo per presentarsi come una vittima del sistema e motivare il suo elettorato.

    La pena: deciderà il giudice Merchan l’11 luglio

    Decidere la pena toccherà al giudice Juan Merchan, più volte accusato da Trump di essere «corrotto». Lo farà in un’udienza fissata per l’11 luglio, quattro giorni prima della convention repubblicana di Milwaukee che incoronerà Trump come candidato alla Casa Bianca. La pena potrebbe variare da una multa di 5.000 dollari alla libertà condizionata, fino agli arresti domiciliari o, possibilmente (ma è improbabile), tra i 16 mesi e i quattro anni di carcere. Il giudice dovrà tenere conto di diversi aspetti: l’età di Trump (77 anni), la mancanza di precedenti penali, il fatto che si tratta di un crimine non violento, e la violazione da parte dell’imputato dell’ordine di non attaccare i procuratori, i testimoni, il giudice e i loro familiari durante il processo.

    Le implicazioni di una potenziale incarcerazione di Trump

    Mettere in carcere Trump comporterebbe problemi non solo perché è candidato alla Casa Bianca, ma anche per questioni pratiche: in quanto ex presidente, ha diritto alla protezione dei servizi segreti, che dovrebbe continuare anche in prigione. I servizi segreti stanno analizzando questa eventualità, prendendo in considerazione Rikers Island, ma sarebbe estremamente complicato per il sistema carcerario e costoso. Anche gli arresti domiciliari o la libertà vigilata implicherebbero complicazioni: il candidato alla Casa Bianca dovrebbe essere autorizzato a fare i comizi fuori dallo Stato e chiedere il via libera all’ufficiale assegnatogli, per esempio, per partecipare al dibattito presidenziale con Biden ad Atlanta il 27 giugno.

    Il ricorso di Trump: un processo lungo e complesso

    In ogni caso, Trump farà ricorso in appello: ha trenta giorni per presentarne richiesta e sei mesi per consegnare l’intero appello, il che potrebbe significare mesi o anni prima di una sentenza definitiva, che nessuno si aspetta possa arrivare prima delle elezioni di novembre. Anche se condannato al carcere, rimarrebbe libero su cauzione durante il processo di appello. Se eletto presidente, Trump non può graziare se stesso in questo caso, poiché la grazia può essere utilizzata solo per casi federali, come due di quelli ancora in sospeso e che probabilmente non si chiuderanno prima delle elezioni. Tuttavia, questo è un caso deciso dallo Stato di New York.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Mondo

      Il piccolo mondo dei complottisti sfida il Vaticano

      A differenza degli scismi che hanno segnato la storia dell’Europa, quello di Viganò sembra più un prodotto del mondo dei complottisti sui social network. Un’analisi di questo possibile “scisma populista del XXI secolo”.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Recentemente, l’ex nunzio apostolico Carlo Maria Viganò ha lanciato accuse pesanti contro Papa Francesco, dichiarando che il Pontefice sarebbe in rottura con tutti i papi precedenti. Secondo Viganò, il Vaticano starebbe affrontando uno scisma, una frattura interna alla Chiesa cattolica.

        Un confronto con gli scismi storici

        A differenza degli scismi che hanno segnato la storia dell’Europa – come quello d’Oriente o quello provocato dalla riforma di Lutero – le affermazioni di Viganò sembrano provenire dal piccolo mondo dei complottisti che si annidano sui social network. Mentre gli scismi storici hanno avuto un impatto duraturo e profondo sulla Chiesa e sulla società, quello di Viganò potrebbe essere ricordato più come una curiosità del XXI secolo, piuttosto che un evento di reale importanza storica.

        Il “populismo religioso” di Viganò

        L’accusa di scisma di Viganò ha fatto scalpore, ma è importante sottolineare che potrebbe rappresentare più un caso di “populismo religioso” che una reale minaccia per l’unità della Chiesa. Le sue dichiarazioni sono state ampiamente diffuse e discusse nei circoli dei complottisti, ma non hanno trovato riscontro significativo tra i teologi e gli storici della Chiesa.

        La reazione del Vaticano

        Il Vaticano ha risposto alle accuse di Viganò con fermezza. Papa Francesco ha continuato la sua opera di riforma e di dialogo interreligioso, senza lasciarsi distrarre da queste polemiche. I portavoce del Vaticano hanno ribadito che l’unità della Chiesa è salda e che le accuse di scisma sono infondate.

        Un’accusa esplosiva

        Le accuse di scisma di Carlo Maria Viganò contro Papa Francesco rappresentano un caso interessante di come le dinamiche dei social media e dei complottisti possano influenzare il dibattito pubblico. Tuttavia, a differenza degli scismi storici che hanno profondamente influenzato la Chiesa e l’Europa, quello di Viganò sembra destinato a rimanere un episodio marginale, più rilevante per il suo impatto mediatico che per la sua sostanza teologica.

        In definitiva, questo “scisma populista del XXI secolo” potrebbe non lasciare un’impronta duratura nella storia della Chiesa, ma serve come promemoria del potere dei media e dei social network nel plasmare le narrazioni contemporanee.

          Continua a leggere

          Mondo

          Annullata la condanna a morte del rapper iraniano Toomaj Salehi: la mobilitazione internazionale ha vinto

          LaCityMag.it si era schierata chiaramente per chiedere la grazia per Toomaj Salehi, il cui caso ha attirato l’attenzione globale. La lotta per i diritti umani in Iran continua.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            La notizia dell’annullamento della condanna a morte del rapper iraniano Toomaj Salehi è stata accolta con grande sollievo dai suoi sostenitori in tutto il mondo. Toomaj, noto per le sue canzoni contro il regime iraniano, era stato arrestato e condannato a morte, suscitando un’ondata di proteste e appelli per la sua liberazione.

            Toomaj Salehi è diventato un simbolo della lotta per la libertà di espressione in Iran. Le sue canzoni critiche verso il governo lo hanno reso un bersaglio, ma hanno anche attirato l’attenzione internazionale. Organizzazioni per i diritti umani, artisti e attivisti da ogni parte del mondo hanno chiesto con forza la sua liberazione.

            La mobilitazione globale

            La mobilitazione per Toomaj ha visto la partecipazione di numerose piattaforme e testate internazionali. Tra queste, anche LaCityMag.it si è schierata chiaramente per chiedere la grazia per il rapper. La pressione internazionale ha giocato un ruolo cruciale nel portare l’attenzione sul caso e nel sollecitare le autorità iraniane a rivedere la sentenza.

            La situazione in Iran

            Nonostante questa vittoria, gli attivisti avvertono che l’attenzione internazionale non deve calare. La situazione in Iran rimane critica, con numerosi prigionieri politici e attivisti sotto costante minaccia. Il caso di Toomaj Salehi è solo uno dei tanti che richiedono una vigilanza costante e un sostegno globale. Gli arresti di artisti, giornalisti e attivisti sono all’ordine del giorno, e il regime continua a reprimere duramente ogni forma di dissenso.

            La lotta per i diritti umani

            Il caso di Toomaj Salehi ha messo in luce la difficile situazione dei diritti umani in Iran. La libertà di espressione è costantemente minacciata, e coloro che osano criticare il regime rischiano la vita. La comunità internazionale deve continuare a monitorare e a intervenire per proteggere i diritti fondamentali dei cittadini iraniani.

              Continua a leggere

              Mondo

              Giraffa: una possibile estinzione in sordina

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Vi ricordate quando eravate piccoli e i vostri genitori vi portavano alla zoo? Alzi la mano chi non è mai rimasto a bocca aperta di fronte alla singolarità della giraffa… con quel collo così lungo che manco Modigliani… Ebbene, nella giornata dedicata alla specie, è giusto ricordare che ne sopravvivono solo 117mila esemplari. E pensare che un secolo fa superavano il milione.

                L’allarme del Wwf

                Ora in natura ne restano solo 117mila esemplari. Si tratta di una lenta estinzione silenziosa quella delle giraffe. Nella giornata dedicata a questo animale, il 21 giugno, il Wwf ha lanciato l’allarme. Nonostante nell’ultimo decennio si stimi un lieve aumento della popolazione, la specie è tuttora in pericolo. In Africa ne esiste sola una ogni quattro elefanti.

                E’ colpa dell’isolamento riproduttivo

                Le stime più recenti della Giraffe Conservation Foundation indicano come le quattro specie di giraffa (settentrionale, reticolata, masai e meridionale) vivano in un “isolamento riproduttivo” che impedisce loro di incrociarsi. Anche l’apparente aumento della popolazione (un 20% in più tra il 2015 e il 2021) deriverebbe dal un miglioramento nelle tecniche usate per il censimento. I rilievi fotografici e l’uso di specifici software, in grado di scansionare e riconoscere gli individui sulla base della trama delle macchie del mantello, ha permesso di individuare anche gli erbivori che risultano nascosti all’occhio umano e agli elicotteri in sorvolo sulle aree strategiche.

                Occhio ai numeri: sono ingannevoli

                Rispetto al 2015, ci sono circa mille giraffe settentrionali in più. Adesso sono oltre 5.900, ma detengono ancora il triste primato della popolazione più ridotta. In quasi 10 anni, le reticolate sono quasi raddoppiate (16 mila in totale), mentre le masai sono aumentate del 44% (la stima si aggira sui 45 mila esemplari). La specie più numerosa è quella della giraffa meridionale, che conta circa 48 mila individui.

                Sono svariate le minacce

                Il futuro delle giraffe è minacciato da diversi rischi, legati soprattutto alle attività umane che causano degrado, frammentazione e perdita del loro habitat, oltre ai cambiamenti climatici. Senza contare il problema della caccia illegale per il mercato della carne di animali selvatici. L’augurio è quello di continuare a rimanere a bocca aperta alla vista della loro imponenza e mangari neanche allo zoo… ma possibilmente nel loro habitat naturale!

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù