Connect with us

Animali

Il tuo gatto non torna a casa? Ecco i consigli su come gestirlo.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Ti senti preoccupato per la vita del tuo amico pelosetto? Se il tuo gatto trascorre molto tempo all’aperto e sembra non voler mai rientrare, vediamo insieme le possibili cause di questo comportamento e alcuni consigli pratici su come gestirlo.

    Perché il gatto preferisce stare fuori?

    Alcuni gatti apprezzano il comfort della casa, mentre altri preferiscono esplorare gli spazi esterni e cercano di sgattaiolare fuori ogni volta che ne hanno l’occasione. Che tu abbia già permesso al tuo gatto di uscire o stia pensando di farlo, ecco alcuni suggerimenti per farlo rientrare di notte e tenerlo al sicuro.

    I benefici e i rischi dell’ambiente esterno

    Un ambiente esterno può arricchire notevolmente la vita del tuo gatto, offrendogli stimoli e opportunità di esplorazione che non potrebbe trovare all’interno della casa. I gatti che sono abituati a uscire possono godere di una vasta gamma di esperienze sensoriali, come l’osservazione della fauna selvatica, l’annusare piante e fiori, e la caccia a insetti. Questo contatto con la natura può contribuire al benessere fisico e mentale del gatto, riducendo lo stress e prevenendo la noia.

    Tuttavia, il tempo trascorso all’aria aperta comporta anche diversi rischi, specialmente durante le ore notturne. Di notte, i gatti possono essere esposti a pericoli come il traffico stradale, predatori naturali (come cani selvatici o altri animali più grandi), e il rischio di perdersi o essere rubati. Inoltre, le condizioni meteorologiche avverse e la possibilità di contrarre malattie da altri animali sono preoccupazioni valide.

    Per garantire che il tuo gatto possa godere dei benefici dell’ambiente esterno in sicurezza, è importante adottare alcune precauzioni. Assicurati che il tuo gatto sia microchippato e indossi un collare con una targhetta identificativa. Considera la possibilità di creare uno spazio esterno sicuro, come un giardino recintato o una catio (un patio per gatti), dove il tuo animale possa esplorare senza correre rischi. Infine, supervisiona le sue uscite, specialmente durante le prime volte, per assicurarti che non si allontani troppo e possa rientrare facilmente a casa.

    Perché il gatto non vuole tornare a casa?

    Capire perché il tuo gatto preferisce stare fuori è il primo passo per risolvere il problema. Ecco alcune possibili ragioni:

    • Territorialità: I gatti sono territoriali e quelli che vivono all’aperto tendono a rivendicare una zona intorno alla casa. Se non ci sono molti altri gatti nelle vicinanze, il tuo potrebbe espandere il suo territorio, sparendo per periodi più lunghi.
    • Curiosità: Alcuni gatti sono curiosi per natura e amano esplorare. Potrebbero seguire una farfalla, fare amicizia con i vicini o semplicemente vedere dove li porta la giornata, allontanandosi più del previsto.
    • Istinto di Caccia: I gatti sono cacciatori per natura. Anche se hanno cibo in abbondanza a casa, l’istinto di caccia li spinge a cercare prede all’aperto.
    • Stress: I gatti sono molto sensibili ai cambiamenti nell’ambiente domestico. Ristrutturazioni, rumori forti o l’arrivo di un nuovo animale possono stressarli, spingendoli a cercare tranquillità fuori casa.

    I gatti tornano quando scappano?

    La maggior parte dei gatti trova la strada di casa. Sebbene ci siano casi di gatti che si perdono, molti ritornano sani e salvi dopo un periodo di assenza, che può variare da cinque a sette giorni. Utilizzare un collare con localizzatore GPS può aiutarti a capire dove va il tuo gatto quando è fuori.

    Come ritrovano la strada di casa?

    I gatti imparano a conoscere l’ambiente circostante col tempo, proprio come fanno gli esseri umani. Tendono a seguire percorsi coerenti e a fare piccole esplorazioni, il che li aiuta a ritrovare la strada di casa. L’istinto di ritorno, collegato al campo geomagnetico terrestre, sembra giocare un ruolo importante in questo comportamento.

    Come trovare un gatto smarrito

    Se il tuo gatto non torna, ecco alcuni suggerimenti per ritrovarlo:

    • Distribuisci volantini nel quartiere con una foto recente e una ricompensa.
    • Pubblica annunci nei gruppi locali sui social media.
    • Cammina nel quartiere chiamando il suo nome o agitando una scatola di crocchette.
    • Lascia fuori il suo letto o una coperta.
    • Chiedi ai vicini di controllare garage e capannoni.
    • Contatta veterinari locali, centri di soccorso e controllo animali.
    • Cerca il tuo gatto all’alba e al tramonto, quando potrebbe sentirsi più sicuro.

    Come evitare che il gatto scappi

    Per prevenire le fughe, stabilisci una routine che il tuo gatto possa seguire. Ecco alcuni consigli:

    • Crea un angolo pranzo accogliente: Trova un posto tranquillo e comodo per dargli da mangiare, in modo che possa godersi il pasto senza distrazioni.
    • Lascia sempre fuori l’acqua: L’idratazione è fondamentale per il benessere del gatto.
    • Aumenta gradualmente il tempo all’aperto: Inizia con brevi sessioni di 10-15 minuti per abituarlo all’esterno senza stressarlo.
    • Scegli un’area sicura: Assicurati che lo spazio esterno sia recintato e sicuro. Installa una gattaiola per permettergli di rientrare facilmente.
    • Usa il rinforzo positivo: Premia il gatto quando torna a casa con un premio o un giocattolo. Vedi come fare un gustoso premietto a casa.

    Il richiamo

    Insegna al tuo gatto a rispondere a un segnale di richiamo specifico. Usa una parola o una frase che utilizzerai solo per questo scopo e premialo ogni volta che risponde correttamente.

    Seguendo questi suggerimenti, potrai aiutare il tuo gatto a sentirsi sicuro e a tornare a casa più spesso.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Animali

      Sorridi al gatto con un lento battito di ciglia!

      Nuovi studi hanno rivelato un modo per instaurare un legame positivo con i propri gatti: il “battito di ciglia lento”. Questa pratica, simile al sorriso umano, coinvolge il chiudere parzialmente gli occhi per poi farlo completamente per alcuni secondi.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Le ricerche partono in UK
        Secondo la professoressa Karen McComb dell’Università del Sussex, il lento battito di ciglia dedicato al nostro Micio, è un modo efficace per rafforzare il legame con i felini, sia quelli domestici sia quelli incontrati per strada.

        Come si fa
        Nel corso della ricerca, condotta nel Regno Unito su un gruppo di 21 gatti provenienti da 14 famiglie, i proprietari hanno partecipato attivamente. Si sono seduti a circa un metro di distanza dai loro amici felini e hanno praticato il lento ammiccamento, un gesto che imita il sorriso umano. I risultati hanno rivelato che i gatti erano significativamente più propensi a rispondere positivamente al battito di ciglia lento quando veniva eseguito dai loro proprietari, piuttosto che in altre circostanze.

        Queste scoperte potrebbero avere implicazioni significative nel valutare il benessere dei gatti in diversi contesti, inclusi gli ambienti domestici, gli ambulatori veterinari e i rifugi. Comprendere la reazione dei gatti al lento ammiccamento potrebbe fornire agli operatori di tali ambienti uno strumento utile per valutare il livello di comfort e fiducia dei felini nei loro confronti. Questo potrebbe contribuire a migliorare le pratiche di gestione e cura dei gatti, garantendo loro un ambiente più confortevole e favorevole al loro benessere emotivo e fisico.

          Continua a leggere

          Animali

          Biscotti fatti in casa per cani: una deliziosa leccornia fai-da-te

          Preparare biscotti per cani in casa non solo è un gesto d’amore, ma offre anche un controllo totale sugli ingredienti. I tuoi pelosi amici apprezzeranno la tua attenzione e saranno entusiasti di assaporare queste golosità fatte in casa. Sii creativo, sperimenta con gli ingredienti e goditi il piacere di vedere il tuo cane apprezzare le tue creazioni culinarie. Buon divertimento in cucina!

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            La cura e l’amore che dedichiamo ai nostri amici a quattro zampe si riflettono anche nella loro alimentazione. Oggi esploreremo un modo delizioso e salutare per viziare i nostri cani: i biscotti fatti in casa! Preparare queste gustose prelibatezze è facile, divertente e garantisce al tuo fedele amico una scorta di golosità senza conservanti o additivi nocivi.

            L’importanza di un’alimentazione sana per cani

            Prima di immergerci nella cucina, è fondamentale capire l’importanza di una dieta equilibrata per i nostri cani. Gli snack industriali possono spesso contenere ingredienti dubbi, mentre preparare biscotti in casa permette di scegliere ingredienti di qualità.

            Scelta degli ingredienti

            Iniziare con ingredienti di alta qualità è la chiave per biscotti salutari e gustosi. Utilizza farina integrale, ricca di fibre, e scegli proteine magre come pollo o tacchino per un apporto nutrizionale bilanciato. Aggiungi ingredienti come carote grattugiate o mela per un tocco di dolcezza naturale.

            Ricetta base per biscotti canini

            Ecco una ricetta di base per iniziare la tua avventura culinaria canina:

            Ingredienti:

            • 2 tazze di farina integrale
            • 1 tazza di carne cucinata (pollo o tacchino), tritata finemente
            • 1/2 tazza di carote grattugiate
            • 1/4 tazza di mela grattugiata
            • 1 uovo

            Istruzioni:

            1. In una ciotola, mescola la farina, la carne, le carote e la mela.
            2. Aggiungi l’uovo e mescola fino a ottenere un impasto omogeneo.
            3. Stendi l’impasto su una superficie infarinata e usa forme per biscotti per creare le tue leccornie.
            4. Disponi i biscotti su una teglia e cuoci in forno preriscaldato a 180°C per circa 15-20 minuti o fino a quando sono dorati.

            Varianti gustose

            Sperimenta con ingredienti come fiocchi d’avena, yogurt greco senza zucchero o burro di arachidi (senza xilitolo, nocivo per i cani). Questi elementi aggiungono varietà e apportano benefici nutrizionali.

            Conservazione e moderazione

            Una volta pronti, conserva i biscotti in un contenitore ermetico. Ricorda che, anche se deliziosi, gli snack fatti in casa devono essere somministrati con moderazione, integrando la loro presenza nella dieta quotidiana del tuo cane.

              Continua a leggere

              Animali

              Fido e il divano, perché la cuccia diventa un accessorio decorativo

              Molti cani sembrano avere un’inclinazione naturale per i divani piuttosto che per le loro cucce dedicate. Diverse motivazioni, legate al comfort, alla socialità e all’istinto, possono spiegare questa preferenza.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                I divani, si sa, sono generalmente più morbidi e confortevoli rispetto alle cucce, offrono un supporto migliore per le articolazioni e i muscoli e i tessuti sono più piacevole al tatto, per cui rispetto alle cucce, offrono un comfort superiore durante il riposo. Inoltre, durante l’inverno, il calore generato dai padroni e dai cuscini rende il divano un posto ancora più invitante.

                Perché i cani scelgono il divano
                Una delle ragioni è la posizione strategica dei nostri divani collocati spesso in zone centrali della casa, dove il cane può stare in compagnia dei suoi umani e osservare l’ambiente circostante. Il divano offre una superficie maggiore rispetto alla cuccia, permettendo al cane di muoversi, sdraiarsi e assumere diverse posizioni durante il sonno o il relax.
                I cani sono animali socievoli che amano stare vicini ai loro padroni e membri della famiglia e dunque il divano essendo spesso luogo di ritrovo per le persone, rappresenta per il cane l’occasione perfetta per stare in compagnia e sentirsi parte del gruppo. Inoltre, i nostri amici pelosi sono attratti dal calore residuo lasciato dagli umani sul divano, che ricorda la loro presenza e il contatto, in quanto il divano assorbe gli odori dei padroni, creando per il cane un ambiente familiare e confortevole e questo li fa sentire più sicuri e rilassati.

                Quindi, va da sé che, se a un cane è stato permesso di salire sul divano fin da cucciolo, può diventare un’abitudine difficile da cambiare. I cani tendono a cercare luoghi familiari e confortevoli rispetto alla cuccia, specialmente se è posizionata in una parte della casa troppo fredda o calda. Importantissimo da considerare l’imitazione dei comportamenti dei loro umani. Se vedono i membri della famiglia utilizzare il divano, potrebbero pensare che sia il posto migliore dove stare.

                Se desideri che il tuo cane utilizzi di più la sua cuccia, potresti renderla più attraente aggiungendo coperte morbide, posizionandola in una zona della casa dove passate molto tempo, e ricompensandolo quando la utilizza.  Ma non tutti i cani hanno la preferenza del divano alla loro cuccia. Difatti, molti fido apprezzano la tranquillità e la privacy della loro cuccia e la utilizzano volentieri per sonnecchiare o riposare indisturbati.

                Ma la scelta del luogo di riposo spetta al cane. Per favorire il suo benessere, è importante offrirgli sia un divano comodo e accessibile sia una cuccia accogliente e posizionata in un luogo tranquillo della casa. Inoltre, è fondamentale dedicare tempo al gioco, alle coccole e alle interazioni positive con il cane sia sul divano che nella sua cuccia, creando così associazioni positive in entrambi i luoghi.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù