Connect with us

Cucina

Omurice: il capolavoro gastronomico che seduce i sensi!

Omurice è una omelette giapponese farcita con riso e spesso decorata con ketchup, sta diventando una vera e propria sensazione sui social. Con il suo aspetto invitante e le varianti creative, questa deliziosa combinazione di cucina occidentale e giapponese conquista sempre più cuori (e palati) in tutto il mondo. Un piatto tanto semplice quanto affascinante: l’uovo soffice viene adagiato in genere sul riso e, una volta inciso, si sparge delicatamente sul piatto.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Ma chi l’ha inventata, e perché si chiama così?
    L’omurice è diventata virale per il suo aspetto invitante e il suo gusto delizioso. Si tratta di una frittata di riso fritto, farcita con ingredienti a scelta come pollo, verdure e salsa al pomodoro, e avvolta in una soffice omelette. L’omurice, vanta una storia affascinante che intreccia influenze orientali e occidentali. Le sue origini risalgono all’era Meiji (1868-1912), un periodo di grande apertura del Giappone verso l’Occidente. In questo contesto, la cultura culinaria nipponica subì un’importante influenza, incorporando elementi e tecniche provenienti da Europa e America. L’omurice nasce proprio da questa fusione di sapori e tradizioni.

    Alcune presentazioni dell’Omurice

    Cibo da imperatori

    La sua paternità è incerta, ma si ipotizzano diverse teorie. Secondo alcuni, l’omurice sarebbe nato dall’imitazione del “Riz à l’Impératrice“, un piatto francese a base di riso e omelette. La ricetta sarebbe stata adattata con l’aggiunta del ketchup, un ingrediente molto popolare in Giappone fin dall’inizio del Novecento. Altri invece sostengono che l’omurice sia nato all’interno di una scuola, come pietanza speciale per i bambini. L’unione di riso e omelette, facile da preparare e nutriente, sarebbe stata apprezzata dai piccoli studenti.

    Ricetta letteraria

    Un’ultima ipotesi riconduce l’omurice al romanzo “Sono un gatto” di Natsume Soseki, pubblicato nel 1905. Nel libro, il protagonista descrive un piatto simile all’omurice, chiamato “neko meshi” (riso del gatto). Altri ancora ritongono che il piatto sia stato creato in un ristorante di Tokyo chiamato Renga-tei, come parte della corrente “yoshoku” che combina elementi della cucina occidentale con quella giapponese. Il nome “Omurice” è una fusione delle parole inglesi “omelette” e “rice”, che descrive perfettamente la sua composizione, cioè un’omelette ripiena di riso condito.

    Dal Giappone con furore

    Indipendentemente dalle sue origini precise, l’omurice si è diffuso rapidamente in tutto il Giappone, diventando un piatto simbolo della cucina Yoshoku, ovvero la reinterpretazione giapponese di piatti occidentali. Oggi, l’omurice è un piatto amato da persone di tutte le età e ceti sociali. Lo si può trovare nei ristoranti, nei caffè e persino nelle bancarelle di street food. Esistono infinite varianti della ricetta originale, con l’aggiunta di ingredienti come pollo, verdure, funghi, frutti di mare e salse di ogni tipo.

    Tanta scena?

    L’omurice conquista non solo per il suo gusto, ma anche per la sua presentazione scenografica. La delicatezza dell’omelette che avvolge il riso fritto e la cascata di ketchup che ne decora la superficie creano un’estetica davvero invitante. La vera magia però avviene quando si taglia l’omelette: il tuorlo morbido si espande sul riso, creando un vortice di colori e sapori che unisce tutti gli ingredienti in un abbraccio culinario.

    Un’opera d’arte

    L’omurice rappresenta un esempio perfetto di come un piatto semplice possa diventare un’opera d’arte culinaria, grazie alla cura per i dettagli e alla creatività. Non a caso, questo piatto ha conquistato non solo il Giappone, ma anche il mondo intero, diventando un simbolo della cultura gastronomica giapponese apprezzato da tutti.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Cucina

      Zucchero di cocco, la dolce alternativa naturale

      Nel panorama delle alternative allo zucchero raffinato, quello di cocco sta guadagnando popolarità per i suoi benefici nutrizionali e il suo basso impatto ambientale. Estratto dalla linfa dei fiori della palma da cocco, questo dolcificante naturale vanta un indice glicemico inferiore rispetto allo zucchero bianco, rendendolo una scelta preferita per chi cerca di mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Cos’è lo zucchero di cocco e come si usa
        È un dolcificante naturale ottenuto dalla linfa dei fiori della palma da cocco (Cocos nucifera). Questo prodotto è sempre più apprezzato come alternativa allo zucchero raffinato per il suo profilo nutrizionale e il suo sapore unico.

        Come si ottiene
        La produzione dello zucchero di cocco avviene attraverso diversi passaggi:
        Raccolta della Linfa
        : La linfa viene estratta dai fiori tagliando i boccioli della palma da cocco e raccogliendo il liquido che ne fuoriesce.
        Riscaldamento e Riduzione
        : La linfa viene riscaldata fino a evaporare l’acqua, trasformandosi in uno sciroppo denso.
        Cristallizzazione
        : Il liquido addensato viene successivamente raffreddato e cristallizzato, formando lo zucchero di cocco.


        Caratteristiche Nutrizionali
        Indice Glicemico
        : Lo zucchero di cocco ha un indice glicemico (IG) intorno a 35-54, inferiore rispetto allo zucchero bianco (IG di circa 60-70), il che significa che ha un impatto minore sui livelli di zucchero nel sangue.
        Contenuto Minerale
        : È una fonte naturale di minerali come ferro, zinco, calcio e potassio, nonché di alcuni antiossidanti e inulina, una fibra prebiotica.
        Calorie
        : Ha un contenuto calorico simile a quello dello zucchero normale, con circa 15 calorie per cucchiaino.

        Come si usa
        Lo zucchero di cocco è molto versatile in cucina e può essere utilizzato in vari modi:
        Dolcificare Bevande
        : Può essere aggiunto a tè, caffè, frullati o altre bevande per una dolcezza naturale e un sapore leggermente caramellato.
        Cottura e Pasticceria
        : Sostituisce lo zucchero bianco o di canna nelle ricette di dolci, biscotti, torte e pane, mantenendo la consistenza desiderata e aggiungendo una nota di gusto più complessa.
        Condimenti e Salse
        : Ottimo per arricchire il sapore di salse, condimenti e marinate, conferendo un tocco di dolcezza naturale.
        Cereali e Yogurt
        : Può essere spolverato su cereali, muesli o yogurt per un inizio di giornata più gustoso.
        Cucina Salata
        : Può bilanciare i sapori in piatti salati, come curry o piatti a base di carne, dove un pizzico di dolcezza può esaltare il sapore complessivo.

        Conservazione
        Conservare lo zucchero di cocco in un contenitore ermetico in un luogo fresco e asciutto per evitare che assorba umidità e si indurisca.

        Considerazioni Ambientali
        La produzione di zucchero di cocco è considerata più sostenibile rispetto ad altre forme di zucchero, poiché la palma da cocco può produrre linfa per decenni senza necessità di essere ripiantata. Inoltre, questa pratica supporta le economie locali nelle regioni produttrici, come il Sud-est asiatico.

        Lo zucchero di cocco, grazie alla sua origine naturale e ai suoi benefici nutrizionali, rappresenta un’alternativa più sana e sostenibile allo zucchero tradizionale, senza compromettere il piacere della dolcezza nei piatti.

          Continua a leggere

          Cucina

          Il gelato nero ispirato all’Etna in eruzione

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Lanciato dal bar Ernesto di Catania in occasione dei festeggiamenti per i cinquant’anni di attività., questo gelato si chiama “Terra dell’Etna”: è il gelato del vulcano con pistacchio e frutta esotica.

            La ricetta, fra territorialità e innovazione tecnologica

            Fatto con pistacchio salato, un cuore di mango e maracuja e salsa ai frutti rossi. Il tutto ricoperto da una glassa al carbone vegetale. La scelta degli ingredienti è legata a quelle che sono oggi le colture tipiche all’ombra del Vulcano: pistacchio appunto, frutta esotica e frutti rossi.

            Due generazioni a confronto

            Una ricetta che celebra due generazioni. Da un lato c’è Francesco Urzì, che quel locale – nato su intuizione del maestro gelatiere Ernesto Risita, di cui era collaboratore – ha rilevato negli anni ’80a per farlo crescere nel segno della qualità, lanciando una sfida al territorio: perfezionare e inventare nuovi gusti per destagionalizzare il “cono da passeggio”. Dall’altro c’è Serena Urzì, giovane chef glacier che sta rivoluzionando l’arte della gelateria. Collezionando prestigiosi riconoscimenti e accreditandosi a livello nazionale grazie alle sue ideeall’insegna della grande innovazione. Senza dimenticare Anna Urzì, che in regia pianifica la crescita, diversifica il business, perfeziona il modello, allinea numeri, occupazione, posizionamento dell’azienda. Contribuendo a rendere l’esercizio una realtà sana e in crescita.

            La celebrazione di 5 decadi all’insegna del gusto

            Un’impresa di famiglia che festeggia 50 anni di attività proprio con la loro Terra dell’Etna, un gusto di gelato creato dal padre di Serena dopo l’eruzione e la conseguente pioggia di cenere e lapilli del 2002. Sperimentazione e creatività sono le chiavi, insieme ad altre due parole chiave: metodo e organizzazione. Nulla è lasciato al caso. Dalla selezione delle materie prime, diretta espressione del territorio e delle sue stagioni, agli equilibri dettati dalla tecnica, frutto di un mix sapiente fra l’unione degli ingredienti e l’equilibrio dei loro sapori. Eh già, si fa presto a dire gelato…

              Continua a leggere

              Cucina

              Ricette zero sprechi e nuova vita agli ingredienti dimenticati

              In un mondo dove le risorse scarseggiano e l’impatto ambientale è sempre più pressante, la sostenibilità diventa un imperativo in ogni aspetto della nostra vita, incluso quello culinario. Spesso capita di avere in frigo o in dispensa ingredienti che stanno per scadere o che avanzano da altre preparazioni. Invece di buttarli via, con un pizzico di fantasia e le giuste ricette, possiamo trasformarli in piatti nuovi e saporiti.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Combattere lo spreco alimentare è una sfida globale che richiede l’impegno di tutti. In Italia, il fenomeno assume dimensioni preoccupanti: si stima che ogni anno vengano gettati via ben 36 milioni di tonnellate di cibo, con un costo stimato di circa 50 miliardi di euro. Le cause sono diverse: cattiva pianificazione degli acquisti, conservazione scorretta degli alimenti, porzioni troppo abbondanti, eccessiva enfasi sull’estetica dei prodotti.

                Combatti lo spreco alimentare e delizia il tuo palato con queste ricette creative e gustose!
                Ecco alcune idee per dare nuova vita agli ingredienti dimenticati

                Verdure
                Le foglie appassite di insalata possono essere frullate per preparare un pesto saporito o un soffice impasto per crocchette.
                I gambi di broccoli o cavolfiore possono essere saltati in padella con aglio e peperoncino per un contorno sfizioso.
                Le bucce di patate possono essere trasformate in chips croccanti al forno.
                La polpa di pomodoro avanzata può essere utilizzata per preparare una salsa deliziosa per la pasta o una base per una zuppa.

                Pane raffermo
                Il pane raffermo può essere grattugiato per preparare polpette di pane, pan grattato per insaporire secondi piatti o crostini per antipasti.
                Le fette di pane raffermo possono essere utilizzate per preparare una panzanella fresca e saporita o una torta di pane ricca e gustosa.
                I ritagli di formaggio possono essere utilizzati per preparare una fonduta golosa o una quiche saporita. Le croste possono essere grattugiate per insaporire salse, minestre o piatti di pasta.

                La frutta matura può essere frullata per preparare frullati nutrienti, smoothie rinfrescanti o salse dolci per dessert.
                Yogurt scaduto, può essere utilizzato per preparare pancake soffici, muffin golosi o una marinata saporita per il pollo.
                Usando la creatività e un pizzico di ispirazione, possiamo trasformare i nostri “avanzi” in piatti originali e deliziosi, riducendo lo spreco alimentare e risparmiando denaro.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù