Connect with us

Cinema

Anch’io molestata: Jasmine Trinca parla del MeToo all’italiana

Avatar photo

Pubblicato

il

    La 43enne attrice è pronta a partire in direzione Cannes, dove presenta la serie L’arte della gioia diretta dalla sua collega Valeria Golino. Si tratta di una storia di riscatto femminile (nei cinema in due parti – la prima dal 30 maggio e la seconda dal 13 giugno – e poi su Sky e in streaming su Now). Sulla Croisette si fa un gran parlare di un’onda di ritorno della questione MeToo e la Trinca non si sottrae dal commentarla.

    Anche lei fra le molestate

    Alla precisa domanda “Ha mai subito molestie?” la sua risposta è lapidaria: “Certo, come il 90 per cento delle donne. È successo diverse volte, quando ero giovane. Molestie sia fisiche che verbali”. Una denuncia contro i cosiddetti “insospettabili”: nomi stimati, potenti e celebrati della celluloide… ma anche contro un preciso sistema. Dichiara l’attrice alla rivista Vanity Fair: “Non si tratta di mele marce, non si tratta di maniaci: parliamo di un sistema di potere, del prodotto di una cultura».

    Ma non fa i nomi

    Qualcuno le suggerisce di fare i nomi di questi personaggi. Lei risponde: “No, perché all’epoca dei fatti non ho capito fino in fondo cosa mi accadeva ed è stato solo dopo che ho preso coscienza. Oggi è troppo tardi per fare le denunce. Ma io lo racconto perché altre donne possano riconoscersi e mi interessa farne un discorso politico, denunciare un sistema. Io non ho nessun timore. Venissero da me a dirmi qualcosa: ma non verranno”.

    Fallimento del dissenso

    Circa l’esperienza di Dissenso comune, collettivo di attrici nato sull’onda del MeToo a stelle e strisce, del quale lei era una delle attiviste in prima linea: “È stato un fallimento. E me lo assumo politicamente”.

    Una predilezione speciale per la Golino

    Non è nuova alla collaborazione a fianco di Valeria Golino. Insieme hanno recitato in Miele, in Euforia e ora in questo nuovo progetto. Una domanda sul loro legame speciale è d’obbligo. “Valeria Golino è la mia regista preferita. La serie è bellissima ed è sexy perché lei è sexy. Con Valeria è tutto bellissimo… Niente può essere brutto nei suoi film, perché lei vede tutto bello. Il suo sguardo è un regalo”.

      Cinema

      Nel 2025 Ficarra e Picone saranno due dei mille garibaldini

      Una grande produzione da 18 milioni di euro che unisce Medusa e Rai Cinema con Tramp Limited e Bibi Film in collaborazione con Netflix. L’arrivo nelle sale è previsto per il 16 gennaio 2025, con lo sbarco nella successiva primavera su Mediaset e poi sulla Rai

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Mentre il regista Roberto Andò stava girando La stranezza aveva già in mente di fare un film d’avventura riproponendo i tre attori principali, mescolando dramma e comicità, come spesso accade nella vita reale. Nasce così L’abbaglio, una pellicola dedicata alla storica impresa dei Mille nel 1860, attualmente in lavorazione in Sicilia. La triade attoriale che ritorna è naturalmente formata dal duo Ficarra e Picone, con l’aggiunta di Toni Servillo, che nel primo film interpretava Luigi Pirandello.

        Garibaldi e i suoi compromessi

        “Quello è stato un periodo di storia talmente cruciale, denso, dove si muovono idealità pure, basta leggere le cronache dell’epoca. C’era allora – dice ancora il regista – un entusiasmo interessato da parte di questi ragazzi che molto spesso erano musicisti, artisti. E poi si vede anche come Garibaldi si trovi allora costretto a far passare dei compromessi, una cosa che purtroppo anticipa l’oggi”.

        La trama

        Garibaldi inizia da Quarto l’avventura dei Mille circondato da giovani idealisti giunti da tutta Italia e da un fedele gruppo di ufficiali, tra i quali il colonnello palermitano Vincenzo Giordano Orsini (interpretato da Toni Servillo). Tra i militi reclutati ci sono anche due siciliani: Domenico Tricò, contadino emigrato al Nord, e Rosario Spitale, illusionista. Sbarcati in Sicilia, a Marsala, i Mille scoprono come l’esercito borbonico abbia un’enorme preponderanza numerica. Garibaldi escogita così un piano ingegnoso affidando una manovra diversiva al colonnello Orsini che si rivela vincente.

        Arriverà anche in tv

        Una grande produzione da 18 milioni di euro che unisce Medusa e Rai Cinema con Tramp Limited e Bibi Film in collaborazione con Netflix. L’arrivo nelle sale è previsto per il 16 gennaio 2025, con lo sbarco nella successiva primavera su Mediaset e poi sulla Rai

          Continua a leggere

          Cinema

          Sharon Stone: l’icona hollywoodiana cerca l’amore sui social

          La regina degli schermi ha deciso di cercare l’amore digitale, dimostrando che non è mai troppo tardi per lanciarsi in nuove avventure romantiche. Che sia un “match” perfetto o una serie di appuntamenti bizzarri, il diario amoroso digitale di Sharon Stone si annuncia già come una delle storie più intriganti di Hollywood. Stay tuned per il prossimo “swipe” epico!

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Chi l’avrebbe mai detto? Sharon Stone, la regina delle scene hot di “Basic Instinct”, è ufficialmente in cerca di amore, e dove cerca? Su Tinder, ovviamente! A 65 anni, la diva ha annunciato al Times il suo desiderio di innamorarsi “al cento per cento” quest’anno. Un annuncio che ha fatto tremare persino il mondo digitale del dating!

            Scandali, matrimoni, e ora… Tinder!

            Dopo scandali sensazionali, due matrimoni e decenni sul grande schermo, Sharon Stone decide di abbandonare la sua comfort zone e tuffarsi nel selvaggio mondo del dating online. Su Tinder! Sì, hai letto bene, su quella app dove potenziali cuori infranti si incontrano con un semplice “swipe.”

            Amore, arte e una sincera confessione

            Mentre prepara una mostra d’arte a Berlino, la Stone rivela il suo desiderio di innamorarsi, ma non prima di lanciarsi in un’estenuante sessione di pittura. “Sto cadendo a pezzi”, scherza, mostrando che anche le icone di Hollywood affrontano le sfide della vita amorosa come noi comuni mortali.

            Canzoni, romanzi e… suore?

            Oltre a essere un’attrice straordinaria, Sharon Stone è un’artista poliedrica. Sta scrivendo canzoni, e addirittura un romanzo sulle suore! “Sono un’artista internazionale e la mia arte può prendere tante forme diverse”, dichiara, dando un tocco di ironia alla sua creatività senza limiti.

            Tinder Tales

            La diva alla ricerca dell’amore digitale: Le esperienze di Stone su Tinder? Un misto di risate e orrori. Dal cattivo ragazzo con la fedina penale sporca al romantico dipendente dall’eroina, Sharon ha incontrato di tutto. Ma il Covid ha scompigliato anche le storie più promettenti: “Sono stata una specie di terapista per loro,” racconta con uno scintillio di saggezza.

            Svelarsi senza filtro: In un mondo dominato da filtri Instagram, Stone si presenta al Times senza trucco e con i capelli grigi. “Sto cadendo a pezzi,” confessa. La sua onestà sulla sua vita amorosa aggiunge un tocco di umanità all’icona di Hollywood, dimostrando che la ricerca dell’amore è universale. E così, mentre il mondo si chiede chi sarà il fortunato a conquistare il cuore di Sharon Stone su Tinder, noi restiamo con il fiato sospeso.

              Continua a leggere

              Cinema

              Il weekend a Cannes ci regala tanto bagliore

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Continuiamo a parlare del Festival di Cannes 2024, che entra sempre più nel vivo, confermandosi come uno degli eventi cinematografici più attesi e prestigiosi al mondo. La presenza delle star internazionali, sempre più numerose, sottolinea l’importanza e l’attrattiva di questa kermesse. Nel primo weekend della manifestazione, il red carpet si anima di glamour e talento con la sfilata delle star, regalando al pubblico momenti indimenticabili di eleganza e fascino.

                Il bagliore delle star

                Tanto bagliore sul red carpet il weekend di Cannes festival. Cate Blanchett ha optato per un abito lungo tempestato di strass, firmato da Louis Vuitton. Il capo con una gonna lunga e aderente che termina con uno strascico. La parte superiore è un bustino ampio e drappeggiato alla giunzione con la gonna. Le spalle larghe sono impreziosite da cristalli applicati lungo le cuciture. Carla Bruni ha scelto un abito a colonna firmato Celine. Il corpetto a bustier, senza maniche, presenta una profonda scollatura a V, mentre la gonna dritta con uno spacco sul lato sinistro.

                Demi Moore ha sfoggiato un abito color crema di Schiaparelli, caratterizzato da un taglio a sirena. L’abito, aderente in vita e sui fianchi, si allarga in un elegante drappeggio sotto le ginocchia. Lo scollo a cuore è decorato con un elemento rigido che si estende verso l’esterno, creando una sorta di pinna laterale.

                Bianco e nero, togliamoci il pensiero

                Per il look black & white hanno optato la cantante Selena Gomez, che ha sfoggiato un abito a colonna in velluto nero con una scollatura drappeggiata in satin bianco ottico, firmato Saint Laurent. A completare il suo look, un preziosissimo collier di Bulgari, il cui valore si aggira intorno ai 2,5 milioni di dollari. Ed Eva Green, l’attrice e modella francese, sfila sul red carpet con un outfit che cattura l’attenzione: un abito Chanel bicolore, caratterizzato da una gonna lunga in raso di cotone e seta nella tonalità bianco brillante, che si fonde perfettamente con un top in velluto nero a doppia abbottonatura, in stile doppiopetto. Immancabile il suo iconico rossetto rosso fuoco, che accentua il suo fascino distintivo e inconfondibile.

                Un look classico ed elegante è stato scelto dal nostro Pierfrancesco Favino. L’attore ha optato per un completo nero, firmato Dior, composto da una giacca a doppiopetto e pantaloni in raso. Questo ensemble è stato valorizzato dalla classica camicia bianca e dalla cravatta nera, elementi che non passano mai di moda. L’ideale per un look bon ton che, pur rimanendo formale, evita di sembrare troppo rigido o inamidato. A completare il suo outfit, Favino ha scelto delle scarpe lucide a punta tonda.

                Un po’ di colore ci vuole

                Eva Longoria sfoggia un abito turchese di Tony Ward Couture. Il look combina dettagli cut-out con inserti preziosi di cristalli e perline. La gonna con strascico e l’ampio spacco conferiscono all’attrice un’eleganza e una sensualità straordinarie. La divina Julianne Moore, invece, opta per un abito verde smeraldo, una tonalità che esalta il suo fascino e che spesso predilige per le grandi occasioni. L’abito lungo a sirena è impreziosito da una balza che funge da mantella, aggiungendo un tocco di charme al suo look.

                Kevin Kostner ha presentato il suo ultimo film al festival di Cannes, facendo di lui uno dei protagonisti indiscussi della serata. Perlopiù si è commosso durante la standing ovation di circa 10 minuti. L’attore e regista, noto per le sue interpretazioni memorabili e il suo carisma, ha indossato uno smoking impeccabile con il tre pezzi d’ordinanza, firmato Brioni. Questo elegante look ha completato un papillon annodato sotto il colletto della camicia bianca. La presentazione di “Horizon: An American Saga” ha segnato un momento significativo nella sua carriera, suscitando grande interesse e aspettative tra il pubblico presente.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù