Connect with us

Musica

Ecco come vengono rimborsati i soldi alle major del disco dal Governo

Avatar photo

Pubblicato

il

    Attenzione: i dati che leggerete potrebbero farmi molto arrabbiare, internauta avvisato mezzo salvato. Perchè questa avvertenza preliminare? E’ presto detto. Il Ministero della Cultura ha recentemente diffuso i dati relativi ai costi sostenuti dalle etichette discografiche (e non solo) per la realizzazione e la promozione dei dischi usciti l’anno scorso.

    Quanto costa fare musica pop in Italia

    Vi siete mai domandati quanto occorra per produrre e promozionare un disco di musica pop di largo consumo? Se credete che, grazie alla tecnologia che permette di evitare l’uso di session man e sale d’incisione super costose, utilizzando i social in modalità marketing… vi sbagliate! Parliamo delle spese sostenute dalle imprese per lo più del settore discografico al 1° gennaio 2021 per le opere commercializzate nel 2023. Li rende noti il Ministero della Cultura nell’ambito delle comunicazioni relative ai beneficiari del credito d’imposta previsto dal Tax Credit Musica

    Uno stimolo al settore

    Il Ministero della Cultura ha stabilito di riconoscere un credito d’imposta alle imprese produttrici di dischi, video e spettacoli dal vivo per stimolare la crescita di questo settore. Le condizioni in vigore riconoscono tale credito nella misura del 30% dei «costi sostenuti per attività di sviluppo, produzione, digitalizzazione e promozione di registrazioni fonografiche o videografiche musicali». In soldoni… chi spende 100 mila euro pdr un disco, potrà in seguito pagare meno tasse, usufruendo di 30 mila euro di credito d’imposta. Tutto questo grazie al ministero diretto da Gennaro Sangiuliano, delizioso gaffeur che confonde Londra con New York…

    Il tetto di spesa

    C’è un’altra considerazione da tenere presente: tale misura prevede ovviamente dei massimali di spesa e dei limiti che sono stati alzati in epoca Covid e post Covid. Attualmente il Ministero riconosce il 30% su un massimo di 250 mila euro per singola opera, con un totale di tax credit per casa discografica pari a 2 milioni di euro nel triennio (in precedenza ammontava a un milione e 200 mila euro).

    Nell’olimpo del credito d’imposta

    L’elenco che segue riguarda i dischi solo quelli che hanno chiesto e ottenuto nei giorni scorsi il credito di imposta. Lavori che hanno fatto registrare i maggiori costi per le attività di sviluppo, produzione, digitalizzazione e promozione.

    Madame, L’amore 1.089.463 euro
    Måneskin, Rush! 807.101 euro
    Laura Pausini, Anime parallele 688.586 euro
    Elodie, Ok. Respira 477.500 euro
    Samo & Noyz Narcos, Cvlt 375.958 euro
    Tedua, La divina commedia 338.092 euro
    Emis Killa, Effetto notte 269.781 euro
    Carl Brave, Migrazione 267.123 euro
    Paola & Chiara, Per sempre 263.080 euro
    Marco Mengoni, Materia prima (Prisma) 260.120 euro
    Gemitaz, QVC 10 259.800 euro
    Geolier, Il coraggio dei bambini 250.344 euro
    Annalisa, E poi siamo finiti nel vortice 250.000 euro
    Blanco, Innamorato 250.000 euro
    Drillionaire, 10 250.000 euro
    Dylan, Love Is War 250.000 euro (*)
    Elisa, Intimate 250.000 euro
    Emma, Souvenir 250.000 euro
    Guè, Madreperla 250.000 euro
    Ligabue, Dedicato a noi 250.000 euro
    Sfera Ebbasta, X2VR 250.000 euro

    (*) Dylan non è – come alcuni potrebbero pensare – Bob… ma un rapper della Dark Polo Gang.

    A scorrere i nomi c’è da mettersi le mani nei capelli: non sottolineiamo alcuni nomi nello specifico in omaggio alla ben nota espressione latina de gustibus… ma che brutti gusti! Oltre 260 opere alle quali è stato riconosciuto il credito, anche con spese modeste, nell’ordine di 1000 e 2000 euro. Il credito di imposta complessivo che è stato riconosciuto sfiora i 5 milioni di euro. Che mondo sarebbe senza musica? Ma fatevi anche un’altra domanda: che mondo sarebbe senza musica inutile?!? La musica ITAGLIANA, quella sgrammaticata, zoppicante e cialtrona impazza: poveri noi…

    In loving memory of Lester Bangs (1948-1982)

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Musica

      Per Elisa arriva il momento dello stadio, mentre Vasco pianifica i suoi nel 2025

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        La cantautrice Elisa annuncia il ritorno in concerto: nel 2025 la cantautrice sarà allo stadio San Siro. Una situazione, quella delle grandi arene, che è diventata l’unità di confronto per chi voglia esibirsi live. Oggi lo stadio rappresenta per la musica quello che negli anni 70-80 era il palazzetto. Nel 2025 potremo quindi vedere anche Elisa esibirsi in questo contesto, dopo averne calcato il palco come ospite dei Coldplay. Proprio nella “Scala del calcio” milanese la cantautrice di Monfalcone ha annunciato il suo ritorno live.

        Tra un anno esatto

        La data sarà quella del 18 giugno 2025, regalandosi una delle esperienze più importanti della sua carriera, come sottolinea anche la nota stampa di lancio del concerto. La cantautrice è reduce da Intimate – Recordings at Abbey Road Studios, l’album uscito lo scorso dicembre registrato, ovviamente, in presa diretta presso i leggendari Abbey Road Studios di Londra – uno dei luoghi simbolici della musica mondiale -, proprio come se fosse uno show dal vivo.

        Biglietti già disponibili

        Le prevendite sono già aperte, l’ultima volta che i fan hanno potuto vederla dal vivo è stata con due concerti lo scorso 15 e 16 dicembre 2023 al Forum di Assago. Elisa è senza dubbio una delle voci simbolo della musica italiana di questi ultimi anni, in grado – caso più unico che raro – di affermarsi con l’inglese. Vincitrice nel 2001 del Festival di Sanremo con Luce (Tramonti a Nord Est) a cui si aggiungono Targhe Tenco, Festivalbar, Nastri d’argento e David di Donatello, tra gli altri premi.

        Nel frattempo il Komandante…

        Mentre è ancora in tour, Vasco Rossi si porta avanti, annunciando il tour negli stadi 2025: 12 concerti in 6 città. Il rocker inaugurerà i nuovi concerti dal palco dello Stadio Olimpico di Torino per poi fare tappa a Firenze e Bologna. Comprese anche Napoli, Messina e infine Roma, protagonista delle ultime due date.

        31 Maggio e 01 Giugno – TORINO – Stadio Olimpico
        05 e 06 Giugno – FIRENZE – Visarno Arena
        11 e 12 Giugno – BOLOGNA – Stadio Dall’Ara
        16 e 17 Giugno – NAPOLI – Stadio Diego Armando Maradona
        21 e 22 Giugno – MESSINA – Stadio San Filippo
        27 e 28 Giugno – ROMA – Stadio Olimpico


          Continua a leggere

          Musica

          Emma “fatale” alla conquista delle classifiche estive

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Emma ha annunciato l’uscita del suo nuovo singolo, Femme Fatale. Sui social ha condiviso un frammento del brano, per alimentare il già febbricitante interesse dei suoi estimatori. Il nuovo singolo che ha tutte le carte in regola per diventare uno dei tormentoni della prossima estate. Potete trovarlo tutte le piattaforme di streaming e noi, naturalmente, ve lo proponiamo.

            Atmosfere cangianti

            Dopo il successo sanremese di Apnea, ad oggi certificato disco di Platino, Emma torna sulle scene con un singolo dalle spiccate andature dance. Scritto da Simone Capurro, Jacopo Ettore e Julien Boverod e prodotto da JVLI e Starchild, si presenta perfettamente in linea con il percorso artistico della cantante. In grado di far emergere tutta la trasversalità di Emma, spaziando dal genere ballad – rappresentato dall’accostamento piano – voce iniziale, in tonalità malinconicamente minore – sfociando poi in sonorità molto vicine a quelle techno.

            Ritmo e narrazione corrono su binari paralleli

            L’Emma Marrone Magazine, a cui diamo il benvenuto qui su LaCity Mag, ci ha inviato una personale “micro-recensione”, utile per entrare maggiormente nello spirito del brano. Nonostante il ritmo incalzante da dance floor, non manca la volontà di tracciare una storia concreta, così da potersi raccontare all’ascoltatore mentre lo fa ballare:
            E piango il male non ci provo a somigliare ad una
            Femme fatale
            Sembro una bambina
            Non c’è la medicina
            Per questo male che rimane
            Anche dopo le tre”

            Sembra impossibile, quindi, per la cantante apparire come ciò che non è: una donna apparentemente forte e sicura di sé che in realtà rivela un animo fragile con un occhio rivolto sempre al passato.

            Dove si balla…

            Con Femme Fatale, Emma sembra intenzionata a proseguire sul filone elettro-pop iniziato l’anno scorso. La scorsa estate, infatti, la cantante ha fatto ballare tutti con il brano Taxi sulla luna, realizzato in collaborazione con Tony Effe, prodotto da Takagi & Ketra. Intelligentemente, Emma ha deciso di far uscire la sua nuova hit poco prima dell’inizio del suo tour estivo. Da giugno ad agosto, infatti, l’artista sarà in giro per l’Italia.

            Le date del tour estivo confermate ad oggi

            27 giugno – AZZANO DECIMO (PN) – Fiera della Musica
            03 luglio – BRESCIA – Brescia Summer Music (Arena Campo Marte)
            05 luglio – PECCIOLI (PI) – Festival 11 Lune
            06 luglio – MAROSTICA (VI) – Marostica Summer Festival
            19 luglio – LANCIANO (CH) – Parco Villa delle Rose
            20 luglio – PARMA – Parco Ducale
            30 luglio – ALGHERO (SS) – Alguer Summer Festival
            02 agosto – SOTTOMARINA (CHIOGGIA – VE) – Sottomarina Sound Beach
            03 agosto – FORTE DEI MARMI (LU) – Villa Bertelli
            06 agosto – BAIA DOMIZIA (CE) – Arena dei Pini
            07 agosto – DIAMANTE (CS) – Tirreno Festival (Teatro dei Ruderi)
            08 agosto – ROCCELLA JONICA (RC) – Roccella Summer Festival
            10 agosto – CATANIA – Sotto il Vulcano Fest (Villa Bellini)

              Continua a leggere

              Musica

              Dave Davies dei Kinks ritrova la sua statuetta della Hall of Fame… in asta su eBay!

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Dave Davies, chitarrista dei Kinks e fratello del leader Ray Davies, ha trovato su eBay la sua statuetta della Rock and Roll Hall of Fame, della quale aveva perso le tracce. Un trofeo che nel 1990 aveva sancito l’ingresso della band di You Really Got Me nella prestigiosa Rock and Roll Hall of Fame. In vendita a 12.500 dollari, senza il suo consenso.

                Persa nel 2004

                La sua reazione: «Non voglio sganciare 12 mila dollari per riavere un premio che è mio, troviamo una soluzione ragionevole». Che forse parrebbe essere stata trovata. Prosegue Davies sulla sua pagina X: «Avevo perso le tracce del mio premio anni fa, non sapevo dove fosse finito. Se davvero quella persona l’ha comprato in un magazzino, potrebbe essere successo all’epoca del mio ictus, nel 2004, quando ero nel Regno Unito e incapace d’intendere e volere. L’ictus ha ispirato un album, ma è una vergogna che non sia stato contattato. Presumo sia andata così».

                L’asta è stata rimossa

                Il chitarrista ha scritto al venditore perché «non voglio sganciare 12 k per riavere il mio premio, magari possiamo trovare una soluzione ragionevole». A quel punto il venditore, Colony Records, ha risposto con una richiesta: quella di essere contattato su X per risolvere la cosa. Nel frattempo l’asta su eBay è stata cancellata. Si può quindi pensare che la soluzione sia stata raggiunta?

                Un brano dall’origine decisamente rock

                La sopracitata You Really Got Me è fra gli inni della musica rock, scrittìa da Ray Davies, fu però il fratello Dave a conferirgli il sound definitivo. Arrabbiato e stufo del suono che facevano tutti e che non li aveva ancora fatti sfondare, un giorno si scagliò con una lama contro il suo amplificatore, aprendolo letteralmente in due. Poi volle sentire come suonava, e quel che ne uscì fu strepitoso! Lui racconta così l’episodio: «Iniziai a sentirmi veramente frustrato dal suono del mio amplificatore, e dissi: so cosa fare! Ti buco! Presi una lametta Gillette e tagliai l’amplificatore, quindi era tutto tagliato ma ancora funzionante, ancora intatto. Provai a suonare e il suono che ne uscì mi sembrò fantastico!».

                Qualche curiosità

                Quel suono da “amplificatore tagliato” fu utilizzato al momento dell’incisione perchè ritenuto perfetto, trasformandosi successivamente nel suono distintivo dei loro brani (ascoltate, per esempio All Day and All of the Night). La rivista “Rolling Stone” inserì la canzone alla quarta posizione nella lista delle “100 Greatest Guitar Songs of All Time”. Il brano è diventato ancora più famoso con la versione che ne fecero i Van Halen nel 1978, anche se Dave Davies ha dichiarato di detestare la loro reinterpretazione…

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù