Connect with us

Musica

I Watussi di Vianello… e quella n-word, politicamente scorretta

Avatar photo

Pubblicato

il


    In una recente intervista Edoardo Vianello il cantante ha parlato di quella n-word (“negro”, ndr) che non ha intenzione di togliere dal testo della sua epocale hit. Un termine che in molti identificano come scorretto e offensivo, anche se la canzone fu un geniale tentativo di ambeintare un hully gully nella profonda Africa, creando I Watussi.

    Non vuole modificarne il testo

    La sua teoria per certi versi non fa una grinza: «Non demoliamo mica il Colosseo perché ci hanno ammazzato i cristiani. Quando l’abbiamo scritta era lecito chiamarli come li abbiamo chiamati, quindi non ho nessuna intenzione di cantarla diversamente. I Watussi rimangono come sono nati: cambio il testo solo se nello stesso giorno demoliscono pure il Colosseo».

    Spirito critico

    Così si esprime Vianello, 86enne che nella sua epoca di successo veniva identificato come il re dei tormentoni estivi. Sulla musica attuale dice «Non mi piace, non distinguo i vari interpreti perché mi sembra cantino tutti allo stesso modo. Mi piace molto però Annalisa, ha un genere di canzoni che mi sarebbe piaciuto scrivere, frizzanti e divertenti. Invece non sopporto Giuliano Sangiorgi che ha rovinato una canzone come Meraviglioso con un’interpretazione totalmente sguaiata. Ho avuto l’occasione di dirglielo, chissà perché mi ha guardato male… uno deve cantare con gusto per prima cosa».

    Quando non c’era ancora l’Ariston

    Con il medesimo sarcasmo parla di Sanremo, «qarla di quella cosa che si svolge in provincia di Imperia? Il mio ultimo festival è del 1967, al casinò, non conosco nemmeno il teatro Ariston. Sono un timido, sul palco prima di prendere contatto bene con il pubblico ho bisogno di un quarto d’ora, a Sanremo quel tempo non te lo danno. Il mio Sanremo sono stati i jukebox».

    Il concetto di “tormentone”

    Per arrivare “a tormentare” le canozoni devono avere caratteristiche precise: l’idea presente nel testo, facile ma intrigante, la semplicità della musica, e una certa orecchiabilità sofisticata. In modo da sopravvivere anche ai rivolgimenti sociali e politici: «La situazione politica e sociale è cambiata nel ‘68, mi sono ritrovato estraneo perché le mie canzoni non le volevano ascoltare, mi fischiavano, per un bel pezzo ho smesso di cantare perché non mi dava più gusto. Poi negli anni ’80 c’è stato un movimento di recupero dei ’60 e mi sono subito accodato: ho fatto il testimonial delle mie canzoni».

    Prima delle sponsorizzazioni social

    Lui fu anchel’antesignano delle sponsorizzazioni, che oggi regolano gli algoritmi dei social: «Accompagnavo i miei amici nelle spiagge e nei bar più frequentati e facevo inserire le 50 lire che davano diritto a tre canzoni, ovviamente facevo selezionare i miei pezzi. Io non mi facevo vedere per paura di essere riconosciuto e poi scappavo come un ladro. Evidentemente è una strategia che ha dato i suoi frutti, alla fine le canzoni sono penetrate definitivamente nei cervelli delle persone».

      Musica

      Siamo la coppia più bella del mondo… da 60 anni!

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Adriano Celentano e Claudia Mori festeggiano 6 decadi di matrimonio, rimanendo ancora “la coppia più bella del mondo”, almeno per quanto riguarda la musica italiana. Per festeggiare le nozze di diamante, il Molleggiato ha postato uno scatto sui social. Che raffigura un cuore rosso e la cifra tonda tonda che contraddistingue un traguardo così importante.

        Un matrimonio all’alba, per evitare giornalisti e fotografi

        Adriano nazionale ha voluto condividere col popolo della rete il bellissimo traguardo raggiunto con la sua Claudia, compagna di una vita. Ottantasei anni lui, ottanta lei, Adriano Celentano e Claudia Mori (che di cognome vero fa Moroni, ndr) si sposarono in una situazione molto particolare. Essendo lui già molto famoso in ambito musicale (vendendo milioni di dischi), decisero un orario quantomeno bizzarro: le 3.30 del mattino del 14 luglio 1964, presso la chiesa di San Francesco a Grosseto. All’alba infatti riuscirono ad evitare i paparazzi.

        Il loro primo incontro risale a qualche anno in precedenza, anche se la loro relazione era cominciata sul set di un film nel quale recitavano per la prima volta insieme. Era il 1963, la pellicola si intitolava Uno strano tipo diretto da Lucio Fulci, regista famoso in seguito per le sue pellicole horror. Fra i due scoccò il classico “colpo di fulmine”, una relazione che è diventata sempre più solida, cementata dalla nascita di tre figli: Rosita (1965), Giacomo (1966), e Rosalinda (1968).

        Anche per loro un momento critico lungo il percorso di coppia

        Una coppia consolidata ed affiatata che, come tutti, ha conosciuto anche qualche momento di crisi. Come agli inizi degli anni ottanta, quando i due decisero di vivere per qualche anno separati. Il motivo? All’epoca si giornali parlarono di una presunta relazione del cantante con Ornella Muti, con la quale aveva girato due film di grande successo commerciale, Il bisbetico domato e Innamorato pazzo. La crisi rientrò nel 1985 con la richiesta fatta da Adriano alla moglie di partecipare al suo film Joan Lui – Ma un giorno nel paese arrivo io di lunedì. Secondo la Mori, lei – anche nel periodo critico – non ha mai considerato l’ipotesi di lasciarsi. Fatto sta che da quel momento i due non si lasciarono mai più… arrivando fino ad oggi, con 60 anni di matrimonio alle spalle. Nel 2004 Celentano è diventato nonno per la prima volta, con l’arrivo di Samuele Celentano, figlio di Giacomo e sua moglie Katia.

        Il segreto? Mettere la moglia a capo di tutto

        Dal 1991 la Mori risulta essere amministratore delegato della casa discografica di famiglia, la Clan Celentano srl. Innumerevoli le canzoni di successo che li hanno visti fianco a fianco, a partire dal Cantagiro 1967 quando presentarono Siamo la coppia più bella del mondo, che ancora oggi rappresenta il loro biglietto da visita.

          Continua a leggere

          Musica

          In affitto breve la villa di George Michael: 550 sterline a notte

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Se sei un fan di George Michael, l’artista scomparso il giorno di Natale del 2016, da oggi potrai concederti l’emozione di una vacanza (lunga o breve sta alle dimensioni del tuo portafoglio) nella casa dell’indimenticabile cantante.

            Dormendo dove ha dormito lui

            La lussuosa casa della star, prematuramente scomparsa a Natale del 2016, si trova a Goring-on-Thames nell’Oxfordshire. Disponibile per tutti i turisti su AirBnB alla modica cifra di 550 sterline a notte. Come si legge sul quotidiano The Sun, la proprietà, che risale al XVI secolo, è composta da una camera da letto ed è collegata alla casa principale. Nella tenuta ci sono degli splendidi giardini e una piscina e si trova vicino a una chiesa del X secolo. Una fonte vicina alla faniglia della popostar ha affermato che: “È stato molto apprezzato dai fan del cantante che sono grati dell’opportunità di vivere in prima persona la casa di George”.

            Un’operazione simile a quella di Abba Voyage

            Nel frattempo stanno girando voci su un ritorno di George Michael sul palco in versione ologramma. La società Nobby’s Hobbies Holdings, che gestisce l’eredità di Michael, ha dichiarato che “L’attività del gruppo si amplierà nei prossimi tre anni per includere esibizioni pubbliche dal vivo”.

            Michael virtuale sul palco con l’ex compagno Andrew?

            Il compagno di band degli Wham!, Andrew Ridgeley, lo scorso anno confidò che gli sarebbe piaciuto rivedere il gruppo sul palco in uno spettacolo in stile Abba Voyage, ma questo avrebbe sollevato questioni di genere etico: “Il mio pensiero sarebbe: ‘Fantastico!’ Avere gli Wham! al loro massimo splendore, suonare dal vivo. Certo, esistono questioni etiche. Quella decisione sarebbe da prendere da me e da chi gestisce l’eredità di George, se mai si dovesse realizzare. Io non posso parlare per loro, non so come si sentirebbero al riguardo. Ma penso che si potrebbe fare, e penso che potrebbe essere fatto eccezionalmente bene. Pagherei per vederlo!”.

              Continua a leggere

              Musica

              Passata la tempesta Taylor Swift, Milano torna alla noia di sempre

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Taylor Swift non mi ha mai convinto, oggi più che mai. Ma – perchè se sei curioso ed attento il “ma” lo devi necessariamente contemplare – il ciclone Switf ha rappresentato per Milano un evento comunque memorabile. Soprattutto per una città come questa, “livida e sprofondata per sua stassa mano” (come cantava Ivano Fossati). Una città letteralmente bloccata dai fan, braccialetti dell’amicizia ovunque, le code per il merchandising ufficiale e tanto altro. Una macchina americana da guerra che non permette sbavature: quasi 50 canzoni per più di tre ore di concerto, con così tanta roba – bella o brutta è un’altra questione – che non ci si crede che la ragazzone abbia solo 35 anni.

                Un anno di tour

                L’Eras Tour va avanti da un anno, se ne è parlato così tanto che tutti abbiamo l’impressione di conoscerlo, anche se non l’abbiamo visto. L’aria che si è respirata in città è proprio quella dell’evento epocale, unico ed irripetibile, anche se diviso in due sere. Già due giorni prima la città era stata invasa dai fan, riconoscibili dai glitteri e dai sopracitati braccialetti. Al Carrefour di via Torino – furbacchione il direttore – in sottofondo ci sono le sue canzoni mentre fai la spesa, gli stranieri chiedono info su come raggiungere facilmente San Siro.  Come si dice… the place to be, almeno per qualche giorno… e per chi ci crede.

                Niente è lasciato al caso

                Tre ore e passa di show, lei ha solo 35 anni e fa già i concerti come Springsteen. Perché l’Eras Tour è già un celebration tour in piena regola, con così tanta roba che non ci si crede che Taylor sia nata nel 1989. Il concerto è un susseguirsi di cambi di ambientazioni con un ritmo che non lascia spazio a nessuna improvvisazione. Una grande macchina, direbbero alla finale di X Factor. Una grande macchina americana, maestosa, a volte quasi plastica. Non c’è spazio per nulla che non sia stato scritto, provato e riprovato.

                Quei furbacchuoni degli americani

                Ad un certo punto dello show la Swift si side al pianoforte. La gente inizia a urlare «Taylor, Taylor!», lei si toglie le cuffie e dice «What is that?». Sembra davvero emozionata, stupita. «Grazie. You are just the best, you know that». Gli americani restano sempre dei professionisti delle buone maniere. A un certo punto aggiunge: «Evermore nasce durante il lockdown. Non sapevo quando avremmo potuto cantare questi pezzi dal vivo. Scrivevo e dicevo “chissà se le canterò in uno stadio a Milano». Una captatio benevolentiae in piena regola… e l’audience osannante si pella le mani.

                Una dedica specialissima

                Il pubblico, ad un certo punto, le dedica un coro sulle note di Sei bellissima di Loredana Bertè: chissà se in questo caso scattano le royalties per gli autori…

                Counque sia coi decibel che producono 70.000 persone l’avranno sentito in tutta la città. Lei ferma tutto, toglie gli auricolari: «Grazie. Wow! Nessuno è mai stato così tanto buono con me in tutta la mia vita!». A concero finito centinaia di persone senza biglietto ballano e cantano vicino ai bus dei panini: un fenomeno mediatico che, in tutta franchezza, non si vedeva da un bel po’ in città…

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù