Connect with us

Spettacolo

L’intrigante danza tra Francesca Chillemi e l’ardente Can Yaman!

Nel cuore pulsante di Palermo, tra i vicoli intrisi di storia e i colori accesi del mare, si dipana una storia avvincente e piena di passione, “Viola come il mare”, che nella seconda serie ci riporta in un viaggio emozionante attraverso gli occhi di una coraggiosa giornalista e di un misterioso poliziotto dal passato turbolento.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Can Yaman, celebre attore turco, porta sullo schermo il personaggio del poliziotto Francesco Demir, soprannominato Zelig, nella serie televisiva “Viola come il mare”.
    Il commissario Demir collabora con Viola per risolvere casi di cronaca nera, creando un coinvolgente mix di commedia romantica, dramma e giallo poliziesco.

    Francesca Chillemi e Can Yaman in una scena della seconda serie

    La trama si concentra sulla giornalista romana Viola Vitale, interpretata da Francesca Chillemi, che si trasferisce a Palermo e possiede un peculiare “superpotere”: la sinestesia, che le permette di percepire i sentimenti degli altri attraverso i colori.

    Immagini di scene della serie

    La serie, composta da 12 episodi divisi in 6 serate, introduce nella seconda stagione nuovi personaggi come Leonardo Piazza, il nuovo editore di Sicilia WebNews interpretato da Ninni Bruschetta, Vita Stabili, la nuova direttrice interpretata da Alice Arcuri, e Matteo Ferrara, il nuovo PM interpretato da Giovanni Scifoni, per arricchire ulteriormente la trama e creare nuove dinamiche con i personaggi esistenti.

    Can da vero professionista perfeziona il suo italiano con l’insegnate di scena

    Quindi intrighi, segreti e pericoli si nascondono dietro ogni angolo, mettendo alla prova il coraggio e la determinazione di Viola e Francesco. Tra le strade pittoresche di Palermo, tra le sfumature dei suoi colori e il profumo del mare, nasce una storia d’amore travolgente, che affronta le sfide con forza e speranza. In “Viola come il mare”, ogni battito del cuore è un invito a immergersi in un mondo di emozioni, dove l’amore è sempre il colore più intenso di tutti.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Musica

      Un nuovo Enrico Ruggeri tutto da… leggere!

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        E’ disponibile in libreria e nei principali store digitali 40 VITE (senza fermarsi mai), uscito per la Collana le Polene, La nave di Teseo. Si tratta dell’autobiografia del cantautore milanese Enrico Ruggeri. Un libro nel quale l’eclettico artista propone un racconto inedito della sua incredibile vita professionale e personale attraverso i brani dei suoi album.

        Le mie canzoni preferite

        E’ lo stesso Ruggeri ad auto-raccontarsi nell’introduzione: «Se stai per leggere queste pagine potrebbe voler dire che conosci già molte cose di me, che mi hai visto in concerto, che probabilmente le tue canzoni preferite non sono quelle che mi vedi eseguire nei ‘medley di successo’ che mi vengono chiesti nei programmi mainstream. Magari mi hai visto crescere, in un certo senso siamo cresciuti assieme, forse alcune tue esperienze di vita si sono rispecchiate in una mia canzone».

        Raccontando ed a volte anticipando gli eventi

        Ruggeri prosegue nella sua disamina: «Il mondo è molto cambiato da quel 1977, eventi pubblici e privati hanno accompagnato il mio percorso artistico: spesso li ho raccontati, a volte li ho anticipati. Come spesso mi accade le cose mi sono più chiare nel momento in cui finiscono in un foglio bianco, sospeso tra la voglia di conservare la memoria e il desiderio di condividere emozioni».

        Da leggere in un fiato

        Un’autobiografia che appassiona come un romanzo dal quale non riesci a staccarti, ricco di aneddoti e retroscena inediti tra politica, attualità, compagni di strada, amori furiosi, persone deludenti e anime rare. Su tutto aleggia un’unica passione assoluta, quella per la musica. Quella che Ruggeri ci ha regalato e continua a regalarci: travolgente e viscerale. La sua carriera rappresenta un’avventura meravigliosa che l’artista ha deciso di raccontare fino all’ultima pagina, senza filtri e a cuore aperto.

        Il potere evocativo delle canzoni

        Se la vita di ogni persona è accompagnata da brani musicali legate a ricordi e momenti importanti, in grado di formare una vera e propria “colonna sonora personale”, il percorso professionale di Ruggeri racconta quello che le sue stesse canzoni non dicono: le emozioni, i desideri, le delusioni e i sogni di una carriera unica tra musica, televisione e letteratura.

          Continua a leggere

          Cinema

          Io ce l’ho, Tim Burton no! La collezione in mostra alla Mole Antonelliana

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Dopo il successo della recente mostra dedicata al genio di Tim Burton, al museo nazionale della Mole Antonelliana di Torino arriva la galleria Theatrum Mundi di Arezzo.

            Veri e propri pezzi unici

            In esposizione centodieci oggetti di scena, costumi e memorabilia provenienti dai set cinematografici hollywoodiani. Dalla piuma di Forrest Gump alla bacchetta magica di Harry Potter, dal casco degli Stormtrooper di guerre stellari alla pallottola di Matrix: partiti da Arezzo alla volta di Torino dove, da domani, verranno mostrati al pubblico durante Movie Icons, all’interno del Museo Nazionale del Cinema.

            Tim Burton era invidioso

            La mostra viene inaugurata proprio negli spazi in cui, fino al mese scorso, era presente l’esposizione dedicata al visionario regista Tim Burton. Racconta l’organizzatore Luca Cableri: “In quell’occasione ho avuto il piacere di conoscerlo. Mi ha chiesto se nella mia collezione avessi oggetti di qualche suo film. Ma certo che sì, sono un appassionato, ne ho molti, gli ho risposto. Fra questi la tuta del primo Batman, quello del 1989, diretta proprio da lui”. Un’apparizione che ha sorpreso il regista, facendogli esclamare con una punta di invidia: “Accidenti, io non ce l’ho!”.

            Parla il curatore della mostra, cacciatore di cimeli

            Friulano di nascita, Cableri è approdato in quel di Arezzo – come spesso capita – per amore. Viene soprannominato il “gallerista dell’impossibile”. Da più di venti anni viaggia, infatti, in tutto il mondo a caccia dell’introvabile, non solo di carattere cinematografico.

            Uno spazio dove puoi trovare di tutto

            Il suo spazio Theatrum Mundi, pieno di cose fra le più disparate, ospita una eclettica selezione in cui straordinari esemplari paleontologici, come dinosauri, fossili e meteoriti, vengono presentati a fianco dei miti dell’era attuale. Tra cui costumi originali di produzioni cinematografiche hollywoodiane ma anche autentiche tute spaziali, testimonianza dell’era delle grandi conquiste del cosmo. Una combinazione più unica che rara di archeologia, arte classica e primitiva, design contemporaneo.

            Il suo culto per il cinema

            Dichiara Cableri: “Una collezione che nasce dalla passione per il cinema. Uno strumento magnifico che ha il potere di sollevarci dalla realtà, facendoci diventando quello che vogliamo. Avere questi oggetti, oltre alla loro bellezza, è terapeutico, mi riportano all’emozione suscitata dal film”.

            Il potere della celluloide

            Prosegue il curatore: “Le emozioni che i film sono in grado di trasmettere le ho riviste negli occhi di chi ha visitato la nostra galleria ad Arezzo. Davanti ad un oggetto di un film ho visto pianti, abbracci. Niente di simile difronte ad un dinosauro, ad un pezzo di luna o di meteorite esposti proprio vicini. Quelli cinematografici sono oggetti altamente iconici, che parlano al visitatore”.

            In lungo e in largo per la Penisola

            Una mostra che si prefigge di girare tutta l’Italia, per far conoscere oggetti che rappresentano vere e proprie iImmagini iconiche, paragonabili a opere d’arte di respiro universale. Ogni pezzo narra una ricerca artistica precisa.

              Continua a leggere

              Musica

              Che fine hanno fatto i Lunapop, Cremonini a parte

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Si celebra il venticinquennale di 50 Special, la canzone che portò al successo i Lunapop. Ma, a parte Cesare Cremonini, celebrato solista pop, vi siete mai chiesti oggi cosa facciano gli altri membri della band?

                Un occhio di riguardo per il chitarrista

                Michele Giuliani, che nei Lunapop suonava la chitarra elettrica, oggi ha 42 anni e dal 2007 gestisce un locale a Bologna, il Locomotiv Club, tra i locali di riferimento del circuito indipendente. Un vero e proprio crocevia della musica dal vivo italiana dove è passato chiunque, da Giovanni Truppi agli I Hate My Village, dai Bud Spencer Blues Explosion a Giorgio Canali, da Daniela Pes ai Calibro 35.

                Gli altri membri

                Gabriele Gallassi, che suonava la chitarra acustica, oggi ha 43 anni e fa il manager nel settore digitale. Nel 2018 è stato il fautore del lancio di un’app per la tutela della reputazione sul web, Linkiller, attualmente è head of business di Tutela Digitale. Il batterista Alessandro De Simone, soprannominato “Lillo”(43 anni anche lui), lavora invece nel settore immobiliare. A parte Cremonini, solo un altro ex componente dei Lunapop continua a vivere di musica: è Nicola “Ballo” Balestri, il bassista 41enne, che il cantante ha voluto al suo fianco quando nel 2002 con Bagus ha deciso di inaugurare la sua carriera solista e al quale non ha mai rinunciato anche in seguito.

                Uno spin-off che non ebbe successo

                In pochi sanno che nel 2009, mentre Cremonini si godeva il successo del suo terzo album solista Il primo bacio sulla luna, otto anni dopo la fine dell’avventura dei Lunapop, Gabriele Gallassi e Alessandro De Simone decisero di formare una una nuova band, i Liberpool. Senza infamia e senza lode, si fermarono al primo album.

                Dimostrazione che il pop non è roba da ragazzini

                Nel 2019 parlando dei Lunapop, Cremonini disse che: “Si sciolsero perché le regole che tenevano in piedi un progetto musicale composto da ragazzi così giovani erano regole strane, utili ma molto difficili. La prima era: i genitori fuori dalle scatole. La seconda: possibilmente anche le fidanzate Regole impossibili da rispettare, per ragazzi tra i diciassette e i diciotto anni, tutti di famiglie borghesi”.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù