Connect with us

Benessere

Ormoni dell’amore: I segreti per raggiungere la gioia assoluta!

Stimolare la produzione di ormoni come le endorfine, la serotonina, l’ossitocina e la dopamina, può essere un modo efficace per creare il benessere emotivo e raggiungere il massimo della gioia. Incorporare attività che favoriscano il rilascio di questi ormoni nella nostra routine quotidiana, può essere un passo importante verso una vita più felice e appagante.

Avatar photo

Pubblicato

il

    La felicità è uno stato desiderato da tutti, ma spesso può sembrare fugace o difficile da raggiungere. Tuttavia, ci sono ormoni nel nostro corpo che possono svolgere un ruolo fondamentale nel promuovere il benessere emotivo e aiutarci a raggiungere il massimo della gioia. Tra questi ormoni ci sono le endorfine, la serotonina e altri ancora, che possono essere stimolati per favorire la sensazione di felicità e benessere.

    Le endorfine, spesso chiamate “ormoni della felicità“, sono prodotte dal cervello e rilasciate durante l’esercizio fisico, l’eccitazione e il ridere. Queste sostanze chimiche hanno un effetto analgesico e possono indurre una sensazione di euforia e benessere generale. Stimolare la produzione di endorfine attraverso l’attività fisica, come una corsa o una sessione di allenamento, può aiutare a migliorare l’umore e ridurre lo stress.

    La serotonina è un altro importante neurotrasmettitore che influisce sul nostro umore e sul senso di felicità. Livelli adeguati di serotonina nel cervello sono associati a una maggiore sensazione di felicità, calma e benessere. Alcuni modi per aumentare i livelli di serotonina includono l’esposizione alla luce solare, l’esercizio fisico regolare, una dieta ricca di triptofano (un precursore della serotonina) e la pratica di tecniche di rilassamento come la meditazione e lo yoga.

    Oltre alle endorfine e alla serotonina, ci sono altri ormoni e sostanze chimiche nel corpo che possono influenzare il nostro umore e la nostra felicità. Ad esempio, l’ossitocina, conosciuta anche come “ormone dell’amore”, è associata ai legami sociali e alla sensazione di connessione emotiva con gli altri. L’ossitocina viene rilasciata durante l’abbraccio, il contatto fisico e l’intimità, e può contribuire a promuovere sentimenti di calma e fiducia.

    Inoltre, la dopamina è un altro neurotrasmettitore che svolge un ruolo chiave nella regolazione dell’umore e della motivazione. Livelli ottimali di dopamina sono associati a una sensazione di piacere, gratificazione e motivazione. Attività come raggiungere obiettivi, sperimentare nuove esperienze e ricevere ricompense possono aumentare i livelli di dopamina nel cervello, contribuendo così alla sensazione di felicità e soddisfazione.

      Benessere

      Acqua Training: benessere a 360 gradi!

      È una innovativa disciplina fitness che si svolge in piscina e combina l’elemento rinfrescante dell’acqua con l’intensità di jump, step, byke e altro ancora. Un modo coinvolgente per migliorare la forma fisica e il benessere, immersi in un ambiente che favorisce la salute e la vitalità del corpo e della mente.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        L’acqua, grazie alla sua resistenza, amplifica ogni movimento rendendo l’allenamento più intenso e bruciando più calorie. In questo modo si tonificano tutti i muscoli del corpo, in maniera armoniosa e senza traumi per le articolazioni.

        L’assenza di gravità in acqua riduce il carico sulle articolazioni, rendendo l’Acqua Training un’attività ideale per chi soffre di dolori articolari, artrite, osteoporosi o è in fase di riabilitazione dopo un infortunio.

        L’Acqua Training aumenta la resistenza cardiovascolare e la flessibilità muscolare, migliorando la coordinazione e l’equilibrio. L’allenamento in acqua può favorire una migliore circolazione sanguigna e una funzione cardiaca ottimale. La pressione idrostatica dell’acqua aiuta a migliorare il flusso sanguigno, il che può ridurre il rischio di edema e gonfiore. Inoltre, l’esercizio aerobico in acqua può aumentare la capacità polmonare e migliorare l’efficienza del cuore nel pompare il sangue, contribuendo così alla salute cardiovascolare complessiva.

        L’immersione in acqua ha dimostrato di avere un effetto calmante sul sistema nervoso, aiutando a ridurre lo stress e i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress. L’ambiente rilassante dell’acqua può favorire una sensazione di calma e benessere, aiutando a migliorare l’umore e a ridurre l’ansia. Molte persone trovano l’esercizio in acqua particolarmente terapeutico per il loro benessere mentale e emotivo.

        La resistenza dell’acqua impone una maggiore consapevolezza del corpo e del movimento, contribuendo al miglioramento della postura e del controllo del corpo. Gli esercizi di stabilizzazione e equilibrio in acqua possono aiutare a rafforzare i muscoli stabilizzatori e a prevenire lesioni legate alla postura scorretta. Questo è particolarmente vantaggioso per coloro che trascorrono molte ore seduti o che soffrono di dolori muscolari causati da una postura scorretta.

        L’esercizio in acqua è adatto a persone di tutte le età e livelli di fitness. È particolarmente vantaggioso per gli anziani, le donne in gravidanza e coloro che si riprendono da infortuni o interventi chirurgici. Le piscine sono spesso dotate di rampe e attrezzature per l’accesso facilitato, consentendo a tutti di godere dei benefici dell’attività acquatica in modo sicuro e confortevole.

          Continua a leggere

          Benessere

          I mille benefici di una carezza

          Una carezza non ti lascia mai. Quando puoi permetterti di avere avuto una infanzia e adolescenza circondata di affetto e premure, si può dire che il più è fatto. Nel senso che resterai una persona attenta e sensibile alle manifestazioni di affetto da parte degli altri. Spesso ci dimentichiamo che oltre alla testa e la nostra mente, siamo soprattutto corpo.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

            Una carezza non ti lascia mai. Quando puoi permetterti di avere avuto una infanzia e adolescenza circondata di affetto e premure, si può dire che il più è fatto. Nel senso che resterai una persona attenta e sensibile alle manifestazioni di affetto da parte degli altri. Spesso ci dimentichiamo che oltre alla testa e la nostra mente, siamo soprattutto corpo. A differenza di quello che normalmente ci viene trasmesso, è il corpo il primo sensore. Quello che ci fa capire se stiamo bene o stiamo attraversando un momento no della nostra vita. Sentimenti e pensieri sono caratteristiche che ci rendono umani. Sono il risultato di uno scambio tra ondate sensoriali e percettive che confluiscono e determinano il nostro stato d’animo.

            Quella carezza che ci arriva prima di venire al mondo

            Non bisogna mai dimenticare che nella formazione del carattere di una persona un grande ruolo è determinato dai modi in cui i nostri genitori manifestavano il loro affetto fra di loro. Quante carezze si davano e con quanta frequenza? La loro affettività ha influito anche sul nostro concepimento. Le prime carezze, indubbiamente, ce le ha fatte il liquido amniotico facendoci sperimentare la prima esperienza di “tocco affettivo” grazie al sistema tattile. Che vuol dire. Il “tocco affettivo” ha la temperatura della pelle e non supera, così dice la scienza, la velocità di 10 centimetri al secondo. Può essere una carezza, un tenero abbraccio, una leggera pacca sulle spalle oppure una coccola per celebrare l’amore. Di certo sappiamo che è sempre presente nella nostra vita.

            Un abbraccio non dovrebbe mai mancare

            Eppure se ci pensiamo bene anche tra moglie e marito, tra genitori e figli e aggiungiamoci spesso anche tra amanti o amici, amiche, ci si sta progressivamente disabituando a toccarci. La carezza resta imbrigliata nella testa che blocca il gesto. Come ha scritto Ada d’Adamo, scrittrice e saggista premio Strega nel 2023 con il romanzo Come d’Aria, Elliot editore. “bisognerebbe potersi immergere ogni giorno in una pozza d’acqua nella quale, stretti in un abbraccio, sciogliere per un po’ il peso della vita”. Bello no? Cosa c’è di più riappacificante di un abbraccio, cadere l’un dentro il cuore dell’altro. Dal punto di vista chimico quando ci abbracciamo rilasciamo ossitocina, l’ormone che ci fa sentire meglio alla base dello sviluppo e del conseguente mantenimento delle nostre relazioni sociali e affettive. Il nostro sistema tattile affettivo è una cartina al tornasole per farci capire come stiamo. Le sue distorsioni portano disturbi di diversi tipi.

            Bisognerebbe potersi immergere ogni giorno in una pozza d’acqua nella quale, stretti in un abbraccio, sciogliere per un po’ il peso della vita

            Accarezzare, però, non basta, bisogna saperlo fare

            Nelle carezze non conta solo la quantità ma soprattutto la qualità. Per esempio nel gestire un bambino, la scienza dice che “se lo si solletica sempre in modo prepotente e poco delicato, se i “vola vola” sono troppo frequenti e usati per contenere i comportamenti più che per giocare, quel bambino cercherà di stare in braccio il più possibile per ottenere una compensazione tattile“. Purtroppo oggi il corpo è manipolato e idealizzato attraverso i social che lo trasformano con l’uso della tecnologia dai filtri a photoshop. Bisognerebbe, invece, recupere la nostra corporeità, ricercare il “tocco affettivo” che ritempra. Visto il troppo tempo che spesso dedichiamo ai social attraverso la ricerca di like dovremmo forse riappropriarci dei tocchi affettivi andando a colmare quel vuoto lasciato proprio dalla mancanza di carezze.

              Continua a leggere

              Benessere

              Bicicletta: Pedala per 1 ora e bruci fino a 1000 calorie!

              L’abitudine di andare in bicicletta quotidianamente si rivela un vero toccasana per il corpo e il benessere, offrendo un modo piacevole e sostenibile per perdere peso e migliorare la salute generale.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                È un investimento prezioso per la salute, è una scelta ecologica ed economica. Che si tratti di un giro rilassante nel parco, di un tragitto per andare al lavoro o di un’escursione più impegnativa, andare in bicicletta offre una miriade di benefici che possono migliorare la qualità della vita.

                Un’ora al giorno per una vita migliore
                Andare in bicicletta è molto più che un semplice passatempo o un mezzo di trasporto ecologico. Trascorrere almeno un’ora al giorno pedalando può trasformarsi in un’arma segreta per migliorare la salute fisica e mentale, aumentare il benessere generale e persino contribuire alla sostenibilità ambientale.

                Andare in bicicletta è un esercizio aerobico eccellente che rafforza il cuore, riduce il rischio di malattie cardiovascolari e migliora la circolazione sanguigna. Un’ora di ciclismo moderato al giorno può ridurre significativamente il rischio di infarto e ictus.

                Pedalare coinvolge vari gruppi muscolari, in particolare quelli delle gambe, glutei e addominali. Questo esercizio aiuta a tonificare e rafforzare i muscoli, migliorando anche la postura e la stabilità.

                Andare in bicicletta è un’attività che brucia molte calorie. In un’ora di bicicletta, si possono bruciare tra 400 e 1000 calorie, a seconda dell’intensità e del peso corporeo. Questo lo rende un ottimo strumento per la perdita di peso e il mantenimento di un peso sano.

                In media, una persona di circa 70 kg brucia circa 500 calorie all’ora pedalando a un ritmo moderato (circa 19-22 km/h).
                Quindi, per bruciare 1000 calorie, dovremmo pedalare per circa 2 ore.

                Se consideriamo una velocità media di 20 km/h, questo si traduce in circa 40 km per bruciare 1000 calorie.

                Peso di 70 kg, velocità moderata (19-22 km/h): Circa 40 km per bruciare 1000 calorie.

                Peso di 90 kg, velocità moderata (19-22 km/h): Circa 30-35 km per bruciare 1000 calorie.

                Peso di 70 kg, velocità elevata (25-30 km/h): Circa 30-35 km per bruciare 1000 calorie.

                Inoltre…
                Diversi studi hanno dimostrato che andare in bicicletta può essere efficace nel trattamento della depressione. La combinazione di attività fisica e tempo trascorso all’aperto contribuisce a migliorare il benessere mentale.

                Utilizzare la bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano contribuisce a ridurre le emissioni di CO2 e l’inquinamento atmosferico. Ogni chilometro percorso in bicicletta invece che in auto aiuta a proteggere l’ambiente.

                La bicicletta è un mezzo di trasporto economico. Non richiede carburante, e i costi di manutenzione sono relativamente bassi rispetto a quelli di un’auto. Inoltre, può ridurre le spese per il trasporto pubblico.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù