Connect with us

Cronaca

Scandalo Baby Squillo: con la carta 20mila euro a settimana

Tra le prove chiave agli atti dell’inchiesta sulle baby squillo ci sono quattro screenshot presi dalle storie su Instagram di una delle adolescenti, consegnati alla polizia dalla madre dopo aver sporto denuncia

Avatar photo

Pubblicato

il

    Questa foto è una foto di stock che non si riferisce in nulla a questo caso

    Tra le prove chiave dell’inchiesta ci sono quattro screenshot presi dalle storie su Instagram di una delle adolescenti, consegnati alla polizia dalla madre dopo aver sporto denuncia. Un modo facile per condurre una “bella vita” piuttosto che un “bieco sfruttamento”. Sarebbe stata questa la percezione che le tre 16enni coinvolte nel giro di baby-prostituzione scoperto dall’indagine della Squadra Mobile di Bari avevano della loro condizione. Sui social, dove pubblicavano foto per adescare i clienti, si facevano chiamare “Squad girls”, e proprio delle immagini hanno contribuito a far partire le indagini.

    Gli arresti

    L’inchiesta ha portato a dieci arresti. In carcere sono finite quattro donne: Marilena Lopez di 35 anni, Antonella Albanese di 21 anni, Federica Devito di 25 anni ed Elisabetta Manzari di 24 anni. Due uomini, Ruggero Doronzo originario di Trani di 29 anni e Nicola Basile di 25 anni, sono stati arrestati. Due presunti clienti, Fabio Carlino e Roberto Urbino, sono agli arresti domiciliari, mentre per l’avvocato leccese Stefano Chiriatti, 55 anni, è stato disposto l’obbligo di dimora nel Comune di residenza. Anche Michele Annoscia, 45 anni, che gestiva una struttura ricettiva in cui “tollerava l’esercizio della prostituzione”, è sottoposto all’obbligo di dimora. Tutti sono accusati, a vario titolo, di aver indotto, favorito, sfruttato, gestito e organizzato la prostituzione delle ragazzine.

    Uno degli screenshots

    Le foto

    Tra le prove chiave agli atti dell’inchiesta ci sono quattro screenshot presi dalle storie su Instagram di una delle adolescenti, consegnati alla polizia dalla madre dopo aver sporto denuncia. In una delle foto si vedono “cinque ragazze su un letto mentre stavano consumando una pizza in una struttura ricettiva a Monopoli”, con una scritta che recita “Squad girls”. Era questo il nome che avevano dato al gruppo le quattro donne arrestate, il cui ruolo era quello di istruire le ragazze sul da farsi. Altre immagini mostrano mani femminili con “banconote da 50 euro e una carta di credito”.

    I guadagni facili

    Le ragazzine venivano pagate in contanti, fino a 400 euro, o con carte di credito, ma ne intascavano solo la metà: il restante 50% andava agli sfruttatori. Alcune arrivavano a guadagnare anche 20.000 euro al mese. Nelle intercettazioni, una ragazza racconta: «Mi hanno dato 300 euro per un rapporto».

    Girls Squad

    Una seconda minorenne ricorda l’ingresso nel giro delle “Squad girls”: «All’uscita di scuola la mia amica mi ha proposto di prostituirmi per guadagnare dei soldi. Poi ci portarono in un b&b e iniziarono ad arrivare degli uomini. Se volevano prestazioni con entrambe ci davano 200 euro, se volevano una sola 100. Le prestazioni duravano dieci minuti, quel giorno vennero due-tre clienti, ad alcuni fornivamo rapporti con la bocca, ad altri completi».

    20000 euro a settimana

    E ancora: «Con lei facevo i soldi. Abbiamo avuto rapporti sessuali con un uomo di Lecce in albergo. Una volta con lui c’era anche un avvocato, presero una suite con una vasca enorme. Un’altra volta ci portò anche del fumo ma noi non lo prendemmo perché era di scarsa qualità. Poi ci diede una carta oro e ci disse che non potevamo prelevare più di 20.000 euro a settimana».

    L’inchiesta rivela un sistema ben organizzato di sfruttamento di adolescenti, con adulti senza scrupoli che approfittavano della vulnerabilità e delle necessità economiche delle ragazze, alimentando un giro di prostituzione attraverso la manipolazione e la promessa di guadagni facili.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Mistero

      Cosa accomuna l’assassino di Giulia e Avril Lavigne?

      Che cosa potrebbe mai unire Filippo Turetta, un ragazzo italiano accusato di omicidio, e Avril Lavigne, l’icona pop canadese? Apparentemente nulla, ma secondo le teorie cospirazioniste, entrambi sarebbero personaggi di fantasia. Turetta sarebbe un’invenzione dell’intelligenza artificiale, mentre Lavigne sarebbe stata sostituita da una sosia. Scopri di più su queste assurde teorie nel nostro articolo.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Cosa mai potrebbero avere in comune Filippo Turetta, un ragazzo italiano in carcere per l’orribile omicidio della fidanzata, e Avril Lavigne, l’iconica cantautrice canadese? Facile: nessuno dei due esiste. O meglio, secondo le ultime teorie cospirazioniste, sono entrambi frutto di elaborate macchinazioni. Turetta sarebbe una creazione dell’intelligenza artificiale, mentre Lavigne sarebbe stata sostituita da una sosia.

        Le fantasie dei teorici del complotto

        Le teorie sulla sostituzione di persone sono un grande classico delle cospirazioni. I complottisti sono convinti che molte celebrità siano state rimpiazzate da sosia. Esempi famosi includono Paul McCartney, che secondo alcuni non sarebbe più lui dal 1966. Le case discografiche, sempre secondo questi illuminati, non tollererebbero le svolte artistiche dei loro artisti e li sostituirebbero con fantocci per massimizzare i profitti. Avril Lavigne sarebbe stata rimpiazzata dalla sua presunta sosia, Melissa Vandella. Lavigne, ironica come sempre, ha scherzato sull’argomento in una recente intervista: “Potrebbe andare peggio, dai, la cosa mi diverte”.

        Filippo Turetta: una creazione dell’AI?

        Il caso di Filippo Turetta è ancora più torbido. “Avete mai visto una sua foto dopo l’arresto?”, chiedono i teorici del complotto. La risposta è no, il che secondo loro basta per dimostrare che sia tutta un’invenzione. Le poche immagini di Turetta circolate sarebbero state generate dall’AI, un’ipotesi già smentita, ma perché fermarsi di fronte a una smentita ufficiale quando si può vivere nell’affascinante mondo della cospirazione?

        Persino i familiari della vittima, Giulia Cecchettin, sarebbero attori ingaggiati. Ma perché mai? Ogni volta che succede un fatto di cronaca violento, c’è sempre qualcuno pronto a sostenere che sia tutto finto. Secondo i cospirazionisti, è il deep-state a creare queste narrazioni, falsificando foto e video e ingaggiando comparse per recitare una parte. Un sacco di tempo perso, direte voi? Sciocchi! risponderebbero i sostenitori delle contro-narrazioni.

        I veri obiettivi delle cospirazioni

        Perché chi controlla il mondo dovrebbe fabbricare stragi e tragedie? Facile: A) per giustificare una stretta sul possesso delle armi (così, quando vi verranno a prendere, non potrete difendervi); B) per approvare leggi che vi privino delle vostre libertà fondamentali; C) per contribuire al caos generale, rendendo la società più debole e manipolabile.

        Nel caso dei femminicidi, il riferimento è sempre l’ipotesi B. I complottisti vedono il femminicidio come un reato “sbagliato” perché mina l’uguaglianza tra uomo e donna. “E il maschicidio allora?” vi risponderebbero. Peggio ancora, metterebbe in discussione il modello patriarcale di famiglia che, secondo loro, le perfide élite liberal vogliono smantellare.

          Continua a leggere

          Cronaca

          Calo dei tassi, un sollievo per le famiglie

          Il calo dei tassi di interesse sta portando benefici significativi alle famiglie italiane, con notevoli risparmi su mutui e prestiti. Le prospettive di ulteriori riduzioni dei tassi di interesse promettono di alleviare ulteriormente il carico finanziario, favorendo una crescita economica sostenibile e il recupero del potere d’acquisto. Le decisioni imminenti della Bce saranno cruciali per consolidare questa tendenza positiva.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

            Il calo dei tassi di interesse sta portando notevoli risparmi per le famiglie italiane. Anche se la Bce non ha ancora ridotto i tassi ufficiali, il mercato del credito ha già iniziato a incorporare le attese di ribasso, anticipando la decisione attesa per il 6 giugno. Uno studio della Fabi evidenzia che il costo dei prestiti è già sceso dai picchi del 2023, con significativi risparmi su mutui, prestiti auto e acquisti a rate.

            Risparmi su mutui e prestiti

            La riduzione dei tassi di interesse ha avuto un impatto positivo sui mutui. Per un immobile del valore di 200.000 euro con mutuo a 25 anni, i risparmi ammontano a 54.000 euro, con una rata mensile ridotta di 180 euro. Una gran bella boccata d’aria per le famiglie. Il tasso medio sui mutui è sceso infatti al 3,69%, rispetto a oltre il 5% del 2023. Anche i mutui a tasso variabile, seppur con una riduzione meno marcata, attualmente mostrano tassi medi del 3,67%.

            Anche i tassi sul credito al consumo sono diminuiti

            Per l’acquisto di un’auto da 25.000 euro a rate, con finanziamento a 10 anni, per esempio, il costo totale è sceso a 38.835 euro, rispetto ai 48.961 euro del 2023, risparmiando 10.126 euro. Tutti interessi. L’acquisto di una lavatrice da 750 euro a rate comporta un risparmio di 144 euro, con un costo totale di 962 euro.

            Sui tassi inversione di tendenza, ora si naviga verso una riduzione

            Secondo Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi, le banche hanno capito che era arrivato il momento di alleviare le difficoltà economiche di famiglie e imprese. Sebbene non si tornerà ai tassi zero, si prevede una riduzione del costo del denaro nei prossimi 18-24 mesi, con l’obiettivo di raggiungere un tasso di circa il 2%.

            Cosa significa per la nostra economia reale

            Il centro studi Unimpresa prevede che il taglio dei tassi atteso che effettuerà la Bce presumibilmente il 6 giugno contribuirà a spingere l’accelerazione del Pil italiano, che dovrebbe crescere tra l’1,2% e l’1,3% nel 2025. La crescita economica sarà favorita dal recupero del potere d’acquisto delle famiglie, dalla ripresa del commercio mondiale e dall’aumento della spesa finanziata dal Pnrr.

              Continua a leggere

              Cronaca

              Autovelox, nuove regole e restrizione

              Il decreto Salvini introduce importanti cambiamenti nell’uso degli autovelox, centralizzando il controllo e imponendo norme più stringenti. Questo provvedimento, pur volto a garantire maggiore sicurezza stradale, ha suscitato critiche per la limitazione dell’autonomia dei Comuni e per le possibili implicazioni sulla gestione locale della sicurezza stradale.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

                Il decreto Salvini rivoluziona l’uso degli autovelox in Italia, introducendo norme più stringenti e centralizzando il controllo delle installazioni. Da oggi 28 maggio, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il decreto entrerà in vigore, portando importanti novità.

                Tutto il potere ai Prefetti

                Sarà il Prefetto a decidere dove potranno essere installati gli autovelox, limitando l’autonomia dei Comuni. I dispositivi mobili, come quelli montati su treppiedi, dovranno essere coordinati con la Prefettura. I Comuni dovranno fornire un’accurata analisi del tasso di sinistri, specificando la velocità come causa principale, per ottenere l’autorizzazione all’installazione.

                I motivi degli incidenti? L’eccesso di velocità

                Nonostante il decreto sembri limitare l’azione dei Comuni, l’eccesso di velocità resta una delle principali cause di incidenti in Italia. Secondo l’ultimo rapporto Aci-Istat, la velocità eccessiva è tra le tre principali cause di incidenti, con oltre tre milioni di multe nel 2022. Anche i dati del Comune di Bologna confermano che una riduzione della velocità porta a una diminuzione degli incidenti.

                Un decreto che non piace

                Alcuni esperti, come Enzina Fasano della Consulta cittadina per la Sicurezza stradale di Roma, criticano il decreto. Fasano sottolinea l’importanza di limitare la velocità a 30 km/h nelle città per aumentare la sicurezza dei pedoni. Anche le opposizioni esprimono preoccupazione. Il deputato Pd Andrea Casu ritiene che il governo dovrebbe sostenere i sindaci nella lotta contro l’eccesso di velocità, anziché limitare la loro autonomia.

                Come ci avviseranno e quali saranno i nuovi limiti

                I cartelli che avvisano della presenza di autovelox dovranno essere posizionati almeno un chilometro prima fuori dai centri urbani e rispettare distanze minime nei centri urbani. Almeno 200 metri sulle strade di scorrimento e 75 metri sulle altre. Gli autovelox saranno utilizzati in base ai limiti previsti dal Codice della Strada, ossia 50 km/h nei centri urbani. Nelle strade extraurbane, i dispositivi potranno rilevare velocità non superiori a 20 km/h rispetto al limite ordinario.

                Ai Comuni dodici mesi per adeguarsi

                I Comuni avranno 12 mesi per adeguare gli autovelox alle nuove norme. Dopo questo periodo, i dispositivi non conformi dovranno essere disinstallati. Il decreto non affronta il tema dell’omologazione dei dispositivi, ma Salvini ha annunciato che intende risolvere questo problema entro l’estate con il nuovo Codice della Strada.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù