Connect with us

Mondo

Collassi e proteste alla Boat Race Oxford-Cambridge 2024

Tutti gli atleti dell’ultima edizione della Boat Race Oxford- Cambridge sono stati soccorsi dopo la gara. Il motivo? L’alta concentrazione di batteri fecali Escherichia Coli nelle acque del fiume.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Tutti gli atleti dell’ultima edizione della Boat Race Oxford- Cambridge sono stati soccorsi dopo la gara. Il motivo? L’alta concentrazione di batteri fecali Escherichia Coli nelle acque del fiume.

    Una regata col mal di pancia

    La tradizionale regata di canottaggio tra Oxford e Cambridge, la “Boat Race 2024”, ha visto una doppia vittoria per Cambridge nelle gare maschile e femminile. Un trionfo oscurato dagli episodi di malore che hanno colpito la maggior parte dei canottieri dopo la gara. Il Tamigi, attraversato dalla competizione, si è dimostrato eccessivamente inquinato. E’ stata rilevata un’alta concentrazione del batterio Escherichia Coli, causando svenimenti e attacchi di vomito tra gli atleti.

    Liquami riversati nel Tamigi

    Le cause dell’inquinamento sono state attribuite agli scarichi inquinanti di diverse aziende, nonostante gli avvertimenti dell’organizzazione per la protezione dei fiumi nei giorni precedenti la gara. Alcune ditte, inclusa la Thames Water, hanno riversato nel fiume quantità eccezionali di liquami a breve distanza dalla linea di partenza della regata. La polizia è intervenuta per impedire ai manifestanti di interrompere la corsa e ha effettuato arresti in seguito.

    Collassi, vomiti e giramenti di testa per i canottieri

    Gli episodi di malessere hanno coinvolto atleti di entrambe le squadre, suscitando decise proteste. Il capitano dell’equipaggio di Oxford, Leonard Jenkins, ha lamentato la presenza di inquinanti nell’acqua. Molti atleti avevano avuto problemi di stomaco già durante la settimana. Anche Matt Edge, della squadra di Cambridge, è collassato in barca poco dopo la vittoria. Le condizioni inaccettabili del Tamigi hanno impedito il tradizionale “bagno” del timoniere della squadra vincente nelle acque del fiume.

    …e il timoniere della squadra vincente evita il tradizionale “bagno”

    Le autorità competenti sono chiamate a intervenire per affrontare il problema dell’inquinamento del Tamigi, per garantire la sicurezza e la salute degli atleti e preservare l’integrità delle competizioni sportive che si svolgono sul fiume.

      Cronaca

      Scarlett Johansson blocca OpenAI

      Scarlett Johansson minaccia un’azione legale contro OpenAI, accusandola di aver copiato la sua voce dopo che l’attrice ha rifiutato di concederla in licenza.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

        OpenAI ha deciso di mettere in pausa la voce di ChatGPT denominata ‘Sky‘, a causa delle somiglianze percepite con quella dell’attrice Scarlett Johansson, nota per aver prestato la voce a un’intelligenza artificiale nel film del 2013 “Her“. Secondo quanto riportato da The Verge, Johansson avrebbe minacciato azioni legali contro OpenAI, sostenendo che la voce di ‘Sky’ fosse una copia non autorizzata della sua.

        Cosa replica OpenAI

        La società ha dichiarato in un post sul proprio blog che la voce di ‘Sky’ è basata su quella naturale di un’altra attrice professionista – ma non ha dichiarato quale – e non intende imitare deliberatamente la voce di Johansson. Tuttavia, la somiglianza è stata notata da molti osservatori. Il giorno del lancio della nuova versione di ChatGPT, Sam Altman ha pubblicato un criptico messaggio su X con una sola parola: “Her“. In questo modo non ha fatto altro che aumentando ulteriormente le speculazioni. E le sfuriate dei fan di Scarlett nonché quella dell’attrice.

        La senti questa voce…

        Scarlett Johansson ha espresso il suo shock e la sua rabbia in una dichiarazione al Washington Post, affermando che la voce era così simile alla sua che anche i suoi amici più stretti non riuscivano a distinguerle. La chiamavano al telefono a tutte le ore per chiederle se era lei che aveva prestato la sua voce a GPT-4. Dopo aver declinato l’offerta di collaborare con OpenAI l’attrice ha richiesto un resoconto dettagliato su come la voce di ‘Sky’ sia stata realizzata. Di fronte al rifiuto di concederle la licenza, Johansson ha minacciato di fare causa.

        I grattacapi di Sam Altman

        Questa disputa rappresenta un nuovo grattacapo per Sam Altman, amministratore delegato di OpenAI, che ogni giorno deve affrontare diverse sfide nel campo dell’intelligenza artificiale.

          Continua a leggere

          Cronaca

          Wanted per Netanyahu e Sinwar, ricercati per crimini di guerra

          In un drammatico sviluppo, il procuratore capo della Corte penale internazionale dell’Aja, Karim Khan, ha richiesto l’arresto del premier israeliano Benyamin Netanyahu e dei leader di Hamas, accusandoli di crimini di guerra e contro l’umanità a Gaza. Le accuse includono sterminio, omicidio e tortura. Israele ha respinto le accuse, non riconoscendo l’autorità della CPI. Se accolte, queste richieste segnerebbero un punto di svolta nella giustizia internazionale.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Israele e Hamas sono stati accusati di aver commesso crimini di guerra e contro l’umanità a Gaza. In un colpo di scena drammatico, il procuratore capo della Corte penale internazionale dell’Aja, Karim Khan, ha chiesto alla Camera preliminare del tribunale di emettere mandati di cattura per i leader coinvolti. Tra gli imputati spiccano il premier israeliano Benyamin Netanyahu, il ministro della Difesa Yoav Gallant, il leader di Hamas a Gaza Yahya Sinwar, il capo delle Brigate Qassam Mohammed Deif e il leader all’estero Ismail Haniyeh.

            Accuse sconvolgenti e richieste di arresto

            Le accuse contro Hamas, a partire dal 7 ottobre 2023, giorno dell’assalto ai kibbutz, comprendono sterminio, omicidio, presa di ostaggi, violenza sessuale e tortura. Per Israele, Khan ha puntato il dito contro le conseguenze dell’assedio totale alla Striscia di Gaza, che hanno portato a denutrizione come strumento di guerra, sterminio, persecuzione, assassinio e privazione sistematica dei mezzi di sopravvivenza.

            Netanyahu e Sinwar: la giustizia internazionale nel mirino

            Se la richiesta di Khan verrà accolta, Netanyahu potrebbe trovarsi nell’infame compagnia di leader come Muammar Gheddafi e Omar al Bashir, fino al recente mandato contro Vladimir Putin. La giustizia internazionale torna così a focalizzare la sua attenzione su capi di Stato e di governo accusati dei più gravi crimini.

            Lo Statuto di Roma e la Corte penale internazionale

            La CPI, nata con lo Statuto di Roma, non è un organo delle Nazioni Unite e interviene solo quando gli Stati non possono o non vogliono agire per punire crimini internazionali. Tuttavia, per agire, è necessario che gli Stati abbiano ratificato lo Statuto di Roma. Israele, tra i Paesi firmatari che non hanno mai ratificato il trattato, non riconosce l’autorità della CPI, complicando ulteriormente l’azione giudiziaria.

            Reazioni e conseguenze

            Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha descritto le accuse come un “parallelo disgustoso” tra Israele e Hamas, riaffermando che Israele non riconosce l’autorità della CPI e difendendo il diritto di Israele all’autodifesa. L’emissione di un mandato di arresto internazionale dipenderebbe dalla presenza degli imputati in uno Stato che riconosca la CPI.

            Un contesto storico di provvedimenti clamorosi

            La richiesta di Khan si inserisce in una serie di azioni legali storiche della CPI contro leader mondiali. Tra i casi più noti, quello contro il presidente russo Vladimir Putin per la deportazione illegale di bambini dall’Ucraina alla Russia, e prima di lui, il caso di Muammar Gheddafi e del presidente sudanese Omar al Bashir, accusati rispettivamente di crimini contro l’umanità e genocidio.

              Continua a leggere

              Cronaca

              Sean “Diddy” Combs, rapper con licenza di pestaggio?!?

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Le sue parole lasciano a bocca aperta. Non si sa se infuriarsi o ridere… ma in maniera terribilmente amara. “Sono davvero dispiaciuto”: cosi il rapper Sean “Diddy” Combs – più famoso come Puff Daddy – dopo che la CNN ha pubblicato il video della telecamera di sorveglianza che immortala il pestaggio della ex Cassie Ventura nel 2016, si scusa pubblicamente sui social.

                Che altro avrebbe potuto dire?

                Combs parla di una “riflessione difficile” su uno dei “periodi più bui della vita”, ma che “a volte devi farlo”. “Ero incasinato, ho toccato il fondo, ma non ho scuse. Il mio comportamento in quel video – spiega l’artista su Instagram – è imperdonabile, mi assumo la piena responsabilità delle mie azioni in quel video. Ero disgustato quando l’ho fatto, sono disgustato ora. Ho cercato cercare aiuto professionale, sono andato in terapia, sono andato in riabilitazione. Ho chiesto a Dio la sua misericordia e la sua grazia – continua Diddy, trattenendo a stento le lacrime -. Mi dispiace tanto, mi sto impegnando ad essere un uomo migliore ogni giorno. Non sto chiedendo perdono. Sono davvero dispiaciuto”, conclude. Expand article logo  

                Un video davvero brutale

                Nel video pubblicato dalla CNN, Cassie Ventura esce da una stanza dell’hotel e si dirige verso gli ascensori. Combs, tenendo un asciugamano stretto intorno alla vita, la rincorre lungo un corridoio, la afferra per la nuca e la sbatte a terra. Tenendo ancora chiuso l’asciugamano con una mano, Diddy si gira e la prnde a calci. 

                Senza pietà

                Mentre la donna è a terra immobile, lui recupera una borsa e una valigia dal pavimento vicino agli ascensori. Poi si gira e prende nuovamente a calci la Ventura, immobile sul pavimento. Infine il rapper la trascina per la felpa verso una stanza, prima di andarsene. Sembra una scena da uomini delle caverne, invece siamo nel 2016… ma la trivialità è la stessa.

                Cassie Ventura, 37 anni, alla fine del 2023 aveva fatto causa a Daddy proprio per quell’episodio. La cosa era stata poi risolta per via extragiudiziale. Negli ultimi mesi il rapper è però stato chiamato in causa per altri presunti misfatti e accusato tra le altre cose di traffico e violenza sessuale. Il lupo perde il pelo ma non il vizio…

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù