Connect with us

Cronaca

Per Schumacher… svendita familiare totale

Solo la moglie Corinna e i figli Gina Maria e Micke Jean Todt conoscono quale sia l’esatta realtà dei fatti. Un paio di mesi fa la Bild ha fatto riferimento a una speciale terapia riabilitativa in grado di stimolare il cervello del campione.

Avatar photo

Pubblicato

il

    La moglie del campione di Formula 1 Corinna Schumacher starebbe vendendo gran parte del patrimonio di famiglia per sostenere le cure che servono a mantenere in vita il marito Michael. E’ quello che sostiene dalle sue pagine il tabloid inglese The Sun:, la moglie e i figli dell’ex campione del mondo di Formula 1, spenderebbero ben 7 milioni di euro all’anno per continuare a sostenere le cure delle quali necessita Schumi, a seguito di quel fatale incidente sugli sci accaduto il 29 dicembre 2013, durante il quale perse quasi la vita.

    Orologi da collezione, aereo privato e immobili vari

    Di recente alcuni degli orologi appartenuti a Schumacher sono stati messi all’asta a Ginevra, ricavando circa 4,4 milioni di euro. L’ex pilota nutriva per gli orologi una venerazione collezionistica, tra i suoi pezzi più pregiati un Patek Philippe modello 1948, prodotto in soli 58 esemplari al mondo, battuto a 2,5 milioni di euro. Anche l’aereo privato della famiglia (del valore di 31,6 milioni) ha – è il caso di dirlo – preso il volo. Insieme ad alcune ville che nel frattempo non erano state più abitate.

    Come sta l’ex pilota

    Non si hanno notizie recentissime, gli ultimi aggiornamenti risalgono ad alcune dichiarazioni rilasciate dai suoi familiari alcuni anni fa, precisamente nel 2019: «Potete stare certi che siete ancora nelle migliori mani e che stiamo facendo tutto il possibile per aiutarvi. Vi preghiamo di comprendere che stiamo seguendo la volontà di Michael e per questo manteniamo privata una questione delicata come la sua salute». Un atteggiamento di totale riserbo per preservare la dignità di una persona chiamata ad affrontare la prova più difficile della sua vita. E nonostante questo, in passato gli Schumacher hanno dovuto combattere contro speculazioni di ogni tipo.

    Solo i famigliari conoscono l’esatta verità

    Solo la moglie Corinna e i figli Gina Maria e Micke Jean Todt conoscono quale sia l’esatta realtà dei fatti. Un paio di mesi fa la Bild ha fatto riferimento a una speciale terapia riabilitativa in grado di stimolare il cervello del campione. “Se le notizie su di lui a tavola o in macchina fossero vere, non mi sorprenderebbe affatto perché immagino che sia il tipo di cosa faresti per far ripartire il cervello”, dichiara Fry riprendendo le parole di Johnny Herbert, ex pilota britannico secondo cui Schumacher sarebbe anche in grado di “sedersi a tavola per pranzare e cenare”.

    Tutto e il suo contrario

    Dal giorno di quel terribile incidente si sono susseguite notizie, indiscrezioni e fake news sulla salute del campione tedesco della Ferrari. Di recente, sulla vicenda, si è espresso anche l’ex amministratore delegato di Mercedes ed ex della Ferrari Nick Fry sintetizzando cosa è successo in questi anni in cui si è saputo davvero molto poco. Lui sostiene che “nessun essere umano nella storia ha ricevuto cure mediche migliori di quelle di Schumacher”, ha detto in un’intervista. “Non ho sentito nulla sulle sue reali condizioni, quindi non sono in grado di confermare o smentire nessuna delle recenti notizie su di lui”, ha aggiunto.

    La speranza alla quale ci si aggrappa

    “Gli esseri umani sono straordinari e non è impossibile sperare che le cose tornino il più vicino possibile alla normalità”, ha chiosato Fry, concludendo con la speranza di poter sentire, prima o poi, la voce di Michael…

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Cronaca

      Ucraina svelati i primi insediamenti umani in Europa

      La scopetta del sito di Korolevo in Ucraina amplia le conoscenze sulla presenza umana in Europa, e sottolinea l’importanza di metodi innovativi nella ricerca archeologica.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      insediamenti umani in Ucraina

        I primi insediamenti umani in Europa potrebbe risalire a circa 1,4 milioni di anni fa, secondo una recente scoperta di un team di ricercatori della Repubblica Ceca. Gli scienziati dell’Accademia Ceca delle Scienze, guidati da Roman Garba, hanno pubblicato un articolo sulla rivista Nature, dove annunciano i risultati del loro studio su manufatti rinvenuti in un sito archeologico in Ucraina. Questi ritrovamenti forniscono importanti informazioni sull’arrivo dei primi esseri umani in Europa e sulle loro migrazioni.

        Antica presenza umana in Europa

        Le teorie più accreditate finora suggerivano che i nostri antenati avessero raggiunto l’Europa tra uno e due milioni di anni fa. Tuttavia, la datazione precisa è sempre stata complicata a causa della scarsità di siti archeologici ben conservati di quel periodo. Nel sito di Korolevo, situato nell’Ucraina occidentale, sono stati scoperti strumenti e oggetti risalenti al Paleolitico. Questi ritrovamenti hanno permesso agli scienziati di utilizzare un metodo innovativo per ricostruire la storia degli artefatti. Un metodo basato sul decadimento dei nuclidi cosmogenici, che ha reso possibile esaminare i sedimenti in cui sono stati sepolti gli strumenti di pietra.

        Tracciata la migrazione dei primi ominidi

        Gli autori dello studio hanno anche valutato l’idoneità degli habitat negli ultimi due milioni di anni. I risultati suggeriscono che i primi ominidi potrebbero aver approfittato dei periodi interglaciali più caldi per colonizzare regioni a latitudini più elevate, come Korolevo. Questo sito, geograficamente significativo, si trova tra il Caucaso e l’Europa e potrebbe rappresentare una tappa importante nella migrazione degli ominidi.

        Che valore ha questa scoperta

        La datazione delle prime occupazioni da parte degli ominidi in queste aree è cruciale sia dal punto di vista temporale che spaziale. La scoperta supporta l’ipotesi, già sostenuta da diversi esperti, secondo cui l’Europa fu colonizzata da est a ovest. Questo studio fornisce nuove prove a favore di questa teoria, contribuendo a una migliore comprensione della preistoria europea.

          Continua a leggere

          Cronaca Nera

          Su Satnam Singh siamo perfettamente d’accordo con Selvaggia Lucarelli

          La giornalista critica duramente il servizio sulla morte di Satnam Singh, bracciante indiano abbandonato dopo un incidente sul lavoro. La vicenda ha scatenato un’ondata di indignazione sui social, mettendo in luce gravi problemi di sfruttamento e caporalato nel settore agricolo italiano.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Questa volta siamo perfettamente d’accordo con Selvaggia Lucarelli. La nota giornalista e opinionista ha duramente criticato il servizio del Tg1 sulla morte del bracciante indiano Satnam Singh, che è stato trovato senza vita dopo essere stato abbandonato per strada dal suo datore di lavoro, un imprenditore agricolo di Latina che lo sfruttava pagandolo in nero.

            La morte di Satnam Singh: il servizio surreale del Tg1

            Il servizio del Tg1 ha suscitato indignazione perché ha dato spazio alle giustificazioni del datore di lavoro, Renzo Lovato, che ha parlato di una “leggerezza costata cara a tutti”. Lovato, già indagato per caporalato, è accusato di omissione di soccorso, violazione delle disposizioni in materia di lavoro irregolare e omicidio colposo.

            Il servizio del Tg1 non ha sottolineato adeguatamente la crudeltà della vicenda e le condizioni disumane a cui Singh era sottoposto, suscitando le critiche di Selvaggia Lucarelli e di molti utenti sui social.

            Lo sdegno di Selvaggia Lucarelli e la reazione dei social

            Selvaggia Lucarelli ha espresso tutta la sua amarezza su X, definendo il servizio del Tg1 “vergognoso” e criticando duramente il modo in cui è stata trattata la vicenda. “Lo fanno lavorare senza contratto regolare, lo mollano per strada col braccio mozzato e la leggerezza è del lavoratore, leggerezza che È COSTATA CARA A TUTTI. Ma la vergogna” ha scritto Lucarelli, raccogliendo il consenso di tantissimi follower.

            Barbarie che ignora ogni gesto di umanità

            I commenti sui social hanno sottolineato come questo episodio rappresenti non solo uno sfruttamento, ma una vera e propria barbarie che ignora ogni gesto di umanità. Molti utenti hanno criticato il Tg1 per aver trasmesso l’intervista al datore di lavoro, accusando il telegiornale di voler distogliere l’attenzione dalle colpe dell’imprenditore.

            Sotto inchiesta

            Nel frattempo si è scoperto che il titolare della cooperativa Agrilovato, Renzo Lovato, padre di Antonello Lovato, l’imprenditore agricolo che ha abbandonato, senza chiamare i soccorsi, il bracciante indiano Satnam Singh davanti casa dopo un incidente sul lavoro nella sua azienda che gli è costato la vita, è indagato da cinque anni per reati connessi al caporalato.

            Il procedimento giudiziario, un altro rispetto a quello che riguarda la morte del bracciante 31enne, conosciuto come Navi, deceduto in ospedale dopo aver perso il braccio destro, amputato da un macchinario avvolgiplastica, è stato rivelato da Enrico Mentana al TgLa7.

            L’uomo, che dopo l’incidente aveva accusato Satnam Singh di aver “commesso una leggerezza che ha fatto male a tutti”, è sospettato dalla procura di Latina di avere sottoposto “i lavoratori, almeno sei, a condizioni di sfruttamento e approfittando del loro stato di bisogno” corrispondendo loro una retribuzione inferiore a quella stabilita dal contratto nazionale.

            Sfruttamento dei lavoratori

            Secondo le accuse, inoltre, Lovato, avrebbe violato la “normativa sull’orario di lavoro, sulla sicurezza e sull’igiene dei luoghi di lavoro” e avrebbe sottoposto i lavoratori “a condizioni di lavoro e a situazioni alloggiative degradanti”. I fatti risalgono al periodo che va da novembre 2019 a maggio 2020: con Renzo Lovato sotto indagine ci sono anche altre due persone, responsabili di una cooperativa agricola.

              Continua a leggere

              Mondo

              Annullata la condanna a morte del rapper iraniano Toomaj Salehi: la mobilitazione internazionale ha vinto

              LaCityMag.it si era schierata chiaramente per chiedere la grazia per Toomaj Salehi, il cui caso ha attirato l’attenzione globale. La lotta per i diritti umani in Iran continua.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                La notizia dell’annullamento della condanna a morte del rapper iraniano Toomaj Salehi è stata accolta con grande sollievo dai suoi sostenitori in tutto il mondo. Toomaj, noto per le sue canzoni contro il regime iraniano, era stato arrestato e condannato a morte, suscitando un’ondata di proteste e appelli per la sua liberazione.

                Toomaj Salehi è diventato un simbolo della lotta per la libertà di espressione in Iran. Le sue canzoni critiche verso il governo lo hanno reso un bersaglio, ma hanno anche attirato l’attenzione internazionale. Organizzazioni per i diritti umani, artisti e attivisti da ogni parte del mondo hanno chiesto con forza la sua liberazione.

                La mobilitazione globale

                La mobilitazione per Toomaj ha visto la partecipazione di numerose piattaforme e testate internazionali. Tra queste, anche LaCityMag.it si è schierata chiaramente per chiedere la grazia per il rapper. La pressione internazionale ha giocato un ruolo cruciale nel portare l’attenzione sul caso e nel sollecitare le autorità iraniane a rivedere la sentenza.

                La situazione in Iran

                Nonostante questa vittoria, gli attivisti avvertono che l’attenzione internazionale non deve calare. La situazione in Iran rimane critica, con numerosi prigionieri politici e attivisti sotto costante minaccia. Il caso di Toomaj Salehi è solo uno dei tanti che richiedono una vigilanza costante e un sostegno globale. Gli arresti di artisti, giornalisti e attivisti sono all’ordine del giorno, e il regime continua a reprimere duramente ogni forma di dissenso.

                La lotta per i diritti umani

                Il caso di Toomaj Salehi ha messo in luce la difficile situazione dei diritti umani in Iran. La libertà di espressione è costantemente minacciata, e coloro che osano criticare il regime rischiano la vita. La comunità internazionale deve continuare a monitorare e a intervenire per proteggere i diritti fondamentali dei cittadini iraniani.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù