Connect with us

Politica

In tribunale i film hard della premier, ma…

Il caso della Meloni a luci rosse è sicuramente uno dei più insoliti e sorprendenti degli ultimi tempi. Mentre la politica italiana si trova ad affrontare una serie di sfide e dibattiti, questa vicenda aggiunge un ulteriore elemento di discussione e riflessione. Resta da vedere quale sarà l’esito del processo e quali saranno le conseguenze di questa straordinaria situazione. Aih Aih Aih Aih!

Avatar photo

Pubblicato

il

    Meloni XXX
    Meloni XXX

    Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia, si trova al centro di una controversia che ha del bizzarro e del sconcertante. Il 2 luglio 2024, Meloni dovrà affrontare il tribunale di Sassari in qualità di parte offesa in un processo contro un padre e un figlio di 73 e 40 anni. La loro accusa? Pubblicare su un sito pornografico statunitense dei video falsificati in cui il volto della premier è stato apposto sui corpi dei protagonisti di scene hard.

    Meloni: una parte civile determinata

    La premier non ha esitato a prendere le redini dell’azione legale, costituendosi come parte civile nel procedimento. A rappresentarla, l’avvocata Maria Giulia Marongiu, che ha avanzato una richiesta di risarcimento danni pari a 100 mila euro. Un gesto che dimostra la determinazione di Meloni nel perseguire la giustizia e nel sostenere le donne vittime di violenza, dato che l’intero importo sarà devoluto al fondo del ministero dell’Interno a loro dedicato.

    Un caso insolito: la cronaca dei fatti

    Il processo si svolge con rito ordinario nei confronti del figlio, mentre per il padre l’avvocato difensore Maurizio Serra ha avanzato la richiesta di messa in prova. Le indagini sono partite nel lontano 2020, quando gli investigatori sono risaliti all’utenza telefonica da cui erano partiti i dati pubblicati sul sito pornografico. Si è così scoperto che il 40enne aveva modificato dei filmati pornografici, sostituendo il volto delle attrici con quello di Meloni grazie a software di manipolazione grafica.

    La Procura: accuse e risvolti della vicenda

    Secondo la Procura, i video falsificati sono rimasti online per parecchi mesi, raccogliendo milioni di visualizzazioni in tutto il mondo. Un fatto che ha generato scalpore e indignazione, ponendo la premier italiana in una situazione imbarazzante e inimmaginabile. Le accuse contro il 40enne sono serie e gravose, e il processo cercherà di fare luce su questo incredibile caso che ha scosso l’opinione pubblica.

    La difesa e le controverse strade del web

    Mentre il tribunale si prepara ad affrontare questa strana vicenda, la difesa e gli accusati dovranno rispondere di fronte alla legge delle loro azioni. La manipolazione di video a scopo pornografico è solo uno dei tanti risvolti oscuri e controversi del mondo online, che desta preoccupazione e richiede una maggiore attenzione da parte delle autorità competenti.

      Cronaca

      Bruno Vespa è una furia: la reazione al duello tv saltato tra Meloni-Schlein

      Dopo il no al duello in tv tra la Meloni e la Schlein, arriva lo sfogo di Bruno Vespa che avrebbe dovuto ospitare le donne a ‘Porta a Porta’.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Bruno Vespa non ci sta e scoppia la polemica dopo la cancellazione del duello televisivo tra Giorgia Meloni e Elly Schlein che avrebbe dovuto andare in onda a ‘Porta a Porta’ su Rai 1. Il celebre giornalista e conduttore ha espresso il suo sdegno in una nota accesa e in un’intervista infuocata al Tg1.

        Bruno Vespa e il mancato confronto Meloni-Schlein

        “Nelle ultime due tornate elettorali non ci è stato possibile trasmettere confronti tra il presidente del Consiglio – ieri Letta, oggi Meloni – e il leader più rappresentativo dell’opposizione – ieri Meloni, oggi Schlein”, ha dichiarato Bruno Vespa, manifestando la sua amarezza per la cancellazione del confronto TV tra Meloni e Schlein.

        Confronto tra donne

        “Ci è stato proibito il confronto tra due donne che per la prima volta nella storia italiana sono al vertice nei rispettivi ruoli. È una vittoria della democrazia? Non ne sono convinto”. Il noto giornalista ha concluso augurandosi che le cose possano cambiare: “L’esasperazione della par condicio non giova a nessuno. Non a caso i tecnici ne invocano da tempo la revisione. Si avrà il coraggio di farlo?”

        Lo sfogo al Tg1

        L’amarezza di Vespa è esplosa anche durante un’intervista al Tg1, dove ha dichiarato: “Per la prima volta nella storia d’Italia il presidente del Consiglio e il capo dell’opposizione sono due donne e noi non possiamo farle incontrare per una serie di cavilli burocratici?”

        Pluralismo a noi?

        Parlando di pluralismo e delle ragioni della cancellazione del duello TV tra le due politiche, Vespa ha aggiunto: “Pluralismo? Lo venite a dire a noi, che nasciamo proprio per assicurare il pluralismo e che misuriamo i sospiri delle persone per essere nella legge, tanto da diventare persino ridicoli certe volte?”

          Continua a leggere

          Cronaca

          La garanzia politica dei SE e dei MA

          Il garantismo, un concetto nobile e fondamentale nella giustizia, è spesso abusato nella politica italiana. Esso prevede la presunzione di innocenza fino all’ultimo grado di giudizio, un principio essenziale che, però, viene spesso strumentalizzato.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            È una delle parole più usate, se non abusate nella politica di oggi. Nobile e importante. Utilissima, perché fa bello e non impegna. Garantismo, che nell’accezione odierna altro non significa che garantire la presunzione di innocenza per le persone inquisite fino all’ultimo grado di giudizio. Che meraviglia. Come si fa a non essere garantisti? Basta fare il politico e vivere in Italia.

            Garazia, portami via…

            Ogni volta che un politico finisce dentro un’inchiesta giudiziaria, ecco spuntare puntuale la dichiarazione di facciata con proclami del tipo «Sono garantista», «Resto garantista», «Il garantismo è alla base». Wow, che meraviglia! Peccato che nel 90% dei casi (stiamo stretti…) si tratti di una fantastica recita.

            Due pesi, due misure: la solita vecchia storia

            Vale a destra, a sinistra, al centro e per i cespugli sparsi qua e là. Se ad avere problemi con la giustizia è un amico o collega di partito ecco partire lo sventolio della bandiera del garantismo. Se invece a finire sotto inchiesta è un avversario, ecco come per magia spuntare i «ma», i «però» e le questioni di opportunità più disparate.

            È facile essere buoni. difficile essere giusti

            Un garantismo a targhe alterne che sa di ridicolo se non di patetico e non fa altro che aumentare la distanza, già siderale, tra cittadini comuni e politica. Anche su principi sacrosanti come, appunto, il garantismo. Che diventa solo un triste slogan quando fa rima con ipocrisia. Ma sono pronto a essere smentito eh, sia chiaro. In fondo sono garantista…

              Continua a leggere

              Cronaca

              Arrestato per corruzione il Presidente della Liguria Toti

              I militari della Guardia di Finanza di Genova stanno eseguendo un’ordinanza di misure cautelari personali e reali emessa dal gip del Tribunale di Genova nei confronti del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, su richiesta della Procura depositata il 27 dicembre scorso.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                I militari del Comando Provinciale della guardia di finanza di Genova stanno dando esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misure cautelari (coercitive ed interdittive) personali e reali emessa oggi dal gip del Tribunale di Genova, su richiesta della Procura depositata il 27 dicembre scorso nei confronti del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, di Paolo Emilio Signorini, gia presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, degli imprenditori Aldo e Roberto Spinelli, dell’imprenditore Mauro Vianello, del consigliere di amministrazione di Esselunga, Francesco Moncada; e di Matteo Cozzani, capo di gabinetto del presidente della Regione.

                Gli altri destinatari dell’ordinanza sono Arturo Angelo Testa e Italo Maurizio Testa, e di Venanzio Maurici. Signorini, indagato per corruzione per l’esercizio della funzione e per atti contrari ai doveri d’ufficio, è destinatario di una misura della custodia cautelare in carcere, mentre per Toti sono stati disposti gli arresti domiciliari per gli stessi reati. 

                I fatti

                Ad Aldo Spinelli, imprenditore nel settore logistico e immobiliare, per il quale sono scattati gli arresti domiciliari, è contestata la corruzione nei confronti di Signorini e di Toti. Per l’imprenditore Roberto Spinelli, al quale è contestata la corruzione nei confronti del presidente della Regione, è stata disposta la misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare l’attività imprenditoriale e professionale. Stessa misura cautelare per Mauro Vianello, imprenditore operante nell’ambito del Porto di Genova, accusato di corruzione nei confronti di Signorini; per Francesco Moncada, consigliere di amministrazione di Esselunga spa, cui viene contestato lo stesso reato nei confronti di Toti.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù