Connect with us

Politica

Giorgia Meloni da Mentana: meglio nana che incontinente!

In un’intervista su La7, Giorgia Meloni ha risposto con ironia alle battute di Enrico Mentana, ribadendo: “Incontinente, no… mi tengo le altre accuse!”.

Avatar photo

Pubblicato

il

    L’intervista inizia con uno «scherzo» di Enrico Mentana agli spettatori. Il direttore del Tg di La7, parlando delle interviste pre-elettorali, accenna alle difficoltà di avere in studio la premier: «Ma abbiamo verificato che non ci fosse un problema con la nostra rete…». Poi, si volta: «Ed eccola qui». Giorgia Meloni è proprio lì, in studio. «Non c’è mai un problema tra me e le persone che non la pensano come me». Lei, dice, si è «limitata a ironizzare con alcuni conduttori, penso che sia un mio diritto. Non ce l’ho con i telespettatori». Insomma: «Se si vuole costruire il racconto del mostro, non si può pensare che io faccia il mostrino addomesticato».

    Il momento clou arriva quando Mentana tenta di arginare una Meloni molto tonica: «Presidente, non vorrei che si rigirasse a lei l’accusa di incontinenza che spesso si rivolge a me». Lei scoppia a ridere: «No, no… Io mi tengo tutte le altre accuse… nana… ma incontinente glielo lascio».

    Passando ai temi più seri, si parla dei flussi di immigrazione programmati. Mentana ricorda che il direttore di Bankitalia, Fabio Panetta, ha appena detto che sarebbe necessario un ingresso di immigrati regolari assai più alto di quello oggi previsto dalle stime Istat. Meloni ribatte: «Fermo restando che noi siamo il primo governo che ha fatto un decreto flussi triennale, quindi non di anno in anno, si figuri se non capisco questo problema. Però, i dati non dicono questo». La premier sottolinea che il sistema di monitoraggio ha rivelato dati «obiettivamente raccapriccianti». Ad esempio, la Campania ha richiesto 157mila migranti per posti di lavoro «in una regione che ha il 6% di aziende agricole in Italia». Al confronto, la Puglia, con il doppio delle aziende agricole, ha chiesto solo 20mila migranti: «Poi, hanno sottoscritto un contratto solo il 2,8% di queste persone». Per la premier, questo indica che «la criminalità organizzata si è infiltrata» nel sistema.

    Le parole di stima della premier per il capo dello Stato offrono a Mentana l’occasione per tornare alla richiesta di dimissioni venute dal leghista Claudio Borghi nel giorno della Festa della Repubblica. «Penso — dice Meloni — che sia un errore, particolarmente il 2 giugno. In quel giorno si dovrebbero evitare il più possibile le polemiche. Noi abbiamo fatto la nostra manifestazione alle 14 il primo di giugno proprio per evitare qualsiasi polemica». Tuttavia, Meloni critica anche la sinistra per le sue lezioni sul rispetto dei ruoli istituzionali. Mentana incalza: «Polemiche inaccettabili?». Meloni risponde: «Io non l’avrei fatto. È legittimo criticare ma sono contenta che Salvini abbia detto una parola chiara». E aggiunge: «Eviterei, e lo dico per le opposizioni, questo continuo tirare per la giacchetta il presidente della Repubblica, anche sulla riforma del premierato». Mentana scherza: «Mattarella ha un ottimo sarto, però non aiuta tirarlo per la giacchetta, e non penso che sia neanche rispettoso verso la figura del capo dello Stato».

    L’intervista tocca poi le guerre in corso, con Mentana che chiede se Putin stia cambiando atteggiamento verso l’Ucraina. Meloni risponde: «Penso che la campagna elettorale non aiuti. Ma c’è un punto che riguarda tanto l’Ucraina quanto il Medio Oriente. In Europa ci sono posizioni diverse ma c’è un punto su cui tutti siamo impegnati: la difesa della popolazione civile. La Russia ha ricominciato a bombardare sistematicamente le strutture civili. Noi dobbiamo aiutare Kiev soprattutto nella difesa aerea, e questo è il lavoro che fa l’Italia. Può la Nato attaccare la Russia nei luoghi da dove partono i missili? Ragionevolmente no, ma possiamo difendere il territorio ucraino».

    Insomma: «Se oggi si parla di diplomazia è perché prima abbiamo aiutato l’Ucraina, altrimenti ora avremmo una nazione invasa e una guerra più vicina»

      Politica

      Guerra è il più amato. Fedriga al top fra i governatori. Lo dice un sondaggio nazionale

      Un sondaggio ha evidenziato che le strade di sindaci e presidenti di Regione seguono tendenze divergenti. Mentre il calo di gradimento è fisiologico per un governatore su due, tre sindaci su quattro perdono consenso. Il ruolo dei presidenti di Regione è percepito come più incisivo, influenzato anche dal dibattito sull’autonomia differenziata che ha aumentato il loro protagonismo a livello nazionale.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Il Governance Poll 2024, condotto dall’Istituto demoscopico Noto Sondaggi per il Sole 24 Ore, ha svelato le classifiche di gradimento per sindaci e presidenti di Regione. In vetta alla classifica dei sindaci troviamo Michele Guerra di Parma con il 63%, seguito da Gaetano Manfredi di Napoli con il 62% e Michele De Pascale di Ravenna con il 61%, completando così un podio tutto di centrosinistra. Al quarto posto si piazzano Luigi Brugnaro (Venezia), Giuseppe Cassì (Ragusa), Claudio Scajola (Imperia) e Matilde Celentano (Latina).

        Per quanto riguarda i presidenti di Regione, Massimiliano Fedriga (Friuli Venezia Giulia) conquista la prima posizione con il 68%, superando Stefano Bonaccini (Emilia Romagna, 67%) e Luca Zaia (Veneto, 66%). Fedriga scalza così Bonaccini e Zaia, mantenendo invariato il trio di testa rispetto agli anni precedenti, ma con piazzamenti invertiti.

        Sindaci: cala la popolarità

        Un dato significativo del Governance Poll 2024 è il calo di popolarità della maggior parte dei sindaci. Solo uno su quattro ha visto un incremento di consenso rispetto al giorno delle elezioni. Clemente Mastella (Benevento) guida questo gruppo con un +6,3%, seguito da Jamil Sadegholva (Rimini, +6,2%) e Luigi Brugnaro (Venezia, +5,9%).

        Al contrario, tre sindaci su quattro hanno registrato una flessione nei consensi. Roberto Gualtieri (Roma) ha subito un calo del 15,2%, posizionandosi penultimo con il 45%, insieme a Roberto Lagalla (Palermo). Anche Giuseppe Falcomatà (Reggio Calabria) ha perso il 12,9%, piazzandosi al 77° posto con il 45,5%. Stefano Lo Russo (Torino) è sceso al 57° posto con il 51,5% (-7,7%), mentre Matteo Lepore (Bologna) ha registrato un calo del 7,4%, piazzandosi al 37° posto con il 54,5%. Marco Bucci (Genova) ha perso il 6,5%, scendendo al 67° posto con il 49%. Beppe Sala (Milano) è rimasto stabile al 57%, conquistando il 19° posto.

        Presidenti di Regione: Fedriga in vetta

        Tra i presidenti di Regione, Massimiliano Fedriga ha scalato la classifica con il 68%, seguito da Stefano Bonaccini (67%) e Luca Zaia (66%). Al quarto posto, con il 60%, si trovano Vincenzo De Luca (Campania) e Roberto Occhiuto (Calabria). Francesco Roberti (Molise) e Donatella Tesei (Umbria) condividono il sesto posto con il 57,5%, mentre Renato Schifani (Sicilia) è ottavo con il 57%. Attilio Fontana (Lombardia) è nono con il 55% (+0,3%). Francesco Rocca (Lazio) è in calo del 6,4%, posizionandosi undicesimo con il 47,5%.

        Stefano Bonaccini (+15,6%) e Renato Schifani (+14,9%) hanno registrato i maggiori incrementi di consenso rispetto al giorno delle elezioni.

          Continua a leggere

          Politica

          Dopo l’Inghilterra anche Parigi svolta a sinistra. Destra battuta, il tranello di Macron!

          La mossa coraggiosa del presidente francese Emmanuel Macron di indire elezioni anticipate ha mostrato segni di successo. Criticato per il rischio di consegnare il Paese all’estrema destra, i risultati suggeriscono una strategia ben calcolata.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Secondo le proiezioni, il Rassemblement National di Marine Le Pen, previsto vicino alla maggioranza assoluta, è stato punito al ballottaggio. La sinistra del Nuovo Fronte Popolare, unita, ha dominato con 180-215 seggi, seguita dal partito di Macron, Ensemble, con 170 seggi, e RN con 120-150 seggi. Jean-Luc Mélenchon, leader del NFP, ha dichiarato: “Il Nuovo Fronte Popolare è pronto a governare”, richiedendo a Macron di rispettare la volontà popolare.

            Questa elezione rappresenta una vittoria per la sinistra e un colpo significativo per l’estrema destra, evidenziando un cambiamento nel panorama politico francese. Ma non quello preventivato alla vigilia che prevedeva una seria vittoria per la destra populista dell’aspirante premier Bardella.

            Il presidente Emmanuel Macron ha scelto di anticipare le elezioni legislative, una mossa rischiosa che avrebbe potuto consegnare il Paese all’estrema destra del Rassemblement National di Marine Le Pen. Tuttavia, i risultati delle elezioni hanno riservato sorprese che hanno rivalutato la sua decisione.

            Secondo le proiezioni, il partito di Le Pen, dato vicino alla maggioranza assoluta con 260-280 seggi, ha subito una dura sconfitta al ballottaggio, ottenendo solo tra 120 e 150 seggi. Al contrario, il partito di Macron, Ensemble, ha superato le aspettative iniziali che lo vedevano attorno ai 100 seggi, raggiungendo probabilmente i 170. Il Nuovo Fronte Popolare (NFP), una coalizione di sinistra, ha dimostrato la sua forza unita, conquistando tra 180 e 215 seggi.

            Jean-Luc Mélenchon, leader del NFP, ha dichiarato: “Il Nuovo Fronte Popolare è pronto a governare”, affermando che “la volontà del popolo deve essere rigorosamente rispettata”. Mélenchon ha sottolineato la necessità per Macron di accettare la sconfitta e di chiedere al NFP di formare il governo. “Il presidente deve piegarsi ai risultati della sinistra, che diventa la maggioranza nell’Assemblea”, ha aggiunto.

            D’altro canto, Marine Le Pen, che aveva visto in queste elezioni un’opportunità per avvicinarsi alla conquista dell’Eliseo nel 2027, ha subito una battuta d’arresto significativa. Nonostante le previsioni favorevoli, il suo partito non è riuscito a raggiungere la maggioranza assoluta, un risultato che molti considerano un fallimento per l’estrema destra.

            In sintesi, le elezioni anticipate in Francia hanno rivelato un panorama politico dinamico e imprevedibile. La strategia di Macron, sebbene rischiosa, ha dimostrato una certa efficacia nel contenere l’avanzata dell’estrema destra e ha permesso al suo partito di ottenere un risultato migliore del previsto. La sinistra, unita sotto il Nuovo Fronte Popolare, ha mostrato una forza notevole, mentre il Rassemblement National ha subito un colpo significativo. Il futuro politico della Francia resta incerto, con un equilibrio di potere che continua a evolversi.

              Continua a leggere

              Politica

              L’autonomia non piace al sud: in Campania pronti al referendum?

              Il governatore della regione Campania annuncia la disponibilità della regione ad andare al referendum se la legge sull’autonomia differenziata non subirà modifiche. Tra le proposte, anche la “burocrazia zero” per semplificare il sistema burocratico italiano.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                l governatore della regione Campania, Vincenzo De Luca, ha dichiarato che seguirà attentamente la vicenda dell’autonomia differenziata e che la regione è pronta al referendum. “Se la legge resta quella che è, andremo al referendum,” ha affermato De Luca commentando la proposta che sarà discussa lunedì dal consiglio regionale.

                La proposta del governatore: burocrazia zero

                De Luca ha sottolineato l’importanza di non limitarsi a dire no alla legge, ma di presentare anche proposte concrete. Una di queste è la “burocrazia zero”. Il governatore auspica che le forze parlamentari decidano, in modo unitario, di semplificare il sistema burocratico italiano, indipendentemente dall’autonomia differenziata. Ha evidenziato come attualmente Roma stia centralizzando tutti i flussi finanziari, come il Pnrr, i fondi di coesione, la Zes unica meridionale e i fondi di perequazione infrastrutturale.

                La critica alla centralizzazione e le proposte di sburocratizzazione

                De Luca ha criticato la centralizzazione in atto e ha proposto di trasferire alle regioni competenze cruciali per gli imprenditori. Tra queste, i pareri ambientali, gli interventi energetici, le attività nei porti e i pareri sui piani paesaggistici, spesso bloccati per anni. Questi provvedimenti, secondo De Luca, possono essere implementati rapidamente e sono essenziali per il benessere degli imprenditori e delle famiglie.

                L’evoluzione della legge

                Il governatore ha concluso ribadendo che seguirà passo passo l’evoluzione di quella che definisce una legge sciagurata, pronto a portare avanti il referendum per l’autonomia differenziata se la legge non subirà modifiche sostanziali.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù