Connect with us

Curiosità

Il mondo capovolto e la storia del “Paziente M” dopo il proiettile

Nel caos della Guerra Civile Spagnola, un soldato anonimo, passato alla storia come “Paziente M”, vive un’esperienza al limite dell’incredibile. Un proiettile lo colpisce alla testa, trafiggendo la corteccia cerebrale nella regione parieto-occipitale sinistra. Per due settimane rimane privo di conoscenza, appeso a un filo tra la vita e la morte.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Riallacciamo fili della storia
    Il paziente M è un nome che rievoca una storia clinica davvero singolare. Si tratta di un soldato spagnolo che, durante la Guerra Civile del 1938, fu ferito alla testa da un proiettile. La lesione ebbe un effetto sconvolgente sulla sua percezione del mondo: iniziò a vedere capovolto.

    Sorprendentemente, M supera la fase critica senza bisogno di interventi chirurgici o terapie particolari. Al suo risveglio, però, il mondo che lo circonda appare rovesciato. Una realtà capovolta, come se fosse riflessa in uno specchio distorto, diventa la sua nuova, sconvolgente normalità.

    Una ricostruzione grafica sul problema e il dr Gonzalo

    Il dottor Justo Gonzalo, il medico che lo segue, osserva con stupore questo singolare disturbo percettivo. Inizia così un’affascinante collaborazione che dura quasi mezzo secolo, fino alla morte di Gonzalo nel 1986. M diventa un caso di studio unico, fornendo preziose informazioni sui meccanismi di adattamento del cervello dopo traumi gravi.

    Nonostante la visione invertita, M impara a vivere e muoversi nel mondo con sorprendente disinvoltura. Cammina, mangia, interagisce con gli altri, dimostrando una capacità di adattamento straordinaria. Il suo cervello, in qualche modo, ha elaborato e integrato la nuova realtà capovolta, permettendogli di svolgere le normali attività quotidiane.

    Il mistero si infittisce: il paziente M e la sua doppia realtà
    Decenni dopo la scomparsa del dottor Gonzalo, la storia del Paziente M torna a bussare alla porta, questa volta grazie alla tenacia della figlia Isabel, fisica all’Università Complutense di Madrid. Insieme a Alberto García Molina, neuropsicologo dell’Institut Guttmann di Barcellona, Isabel decide di riaprire il caso, immergendosi in un mare di documenti e foto lasciati dal padre.
    E tra le ricerche conservate dal padre medico, emerge un dettaglio sconvolgente: quando a riposo, lontano da stimoli esterni, la percezione del soldato diventava ancora più stravagante. Il mondo rovesciato e duplicato, si tingono di verde. Una visione invertita a tal punto che M è in grado di leggere lettere e numeri sia normalmente sia capovolti, senza alcuna differenza per lui.

    Anche i sensi di udito e tatto subiscono un’inversione, suoni e tocchi provengono da direzioni opposte rispetto alla realtà. La ricercatrice racconta un aneddoto emblematico: M osservava il suo orologio da polso da ogni angolazione per controllarne l’ora.

    La storia del Paziente M, oltre al suo valore scientifico, offre un affascinante spunto di riflessione sulla natura soggettiva della realtà e sui meccanismi che plasmano la nostra esperienza del mondo. Un caso limite che ci ricorda quanto ancora ci sia da scoprire sui misteri della mente umana e sulle sue infinite potenzialità.

      Curiosità

      Basta, mi licenzio e cambio vita

      La storia di Erica dimostra che, nonostante le sfide, seguire i propri sogni e cercare una vita più appagante può portare a grandi soddisfazioni. La vita in crociera, seppur difficile, le ha permesso di scoprire il mondo e se stessa, offrendo una prospettiva unica su cosa significhi veramente vivere appieno.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      cambio vita

        Erica, una giovane laureata in giornalismo, ha scelto di cambiare radicalmente la sua vita lasciando un lavoro d’ufficio a New York per diventare intrattenitrice su una nave da crociera. Nonostante le difficoltà iniziali, oggi Erica è felice della sua scelta, avendo visitato 79 Paesi in dieci anni.

        La decisione di cambiare vita

        Erica ha lavorato in un prestigioso ufficio a New York, ma la routine stressante, il lungo tragitto e le ore passate in un cubicolo l’hanno portata a soffrire fisicamente e mentalmente. Cercando disperatamente una soluzione, ha scoperto il lavoro sulle navi da crociera, che le avrebbe permesso di viaggiare e conoscere nuove persone. Dopo aver superato un colloquio, ha iniziato la sua carriera come entertainment host.

        Le difficoltà dell’inizio? Superate con la solidarietà dei colleghi

        La vita a bordo non è stata facile all’inizio. Erica ha dovuto completare un rigoroso corso sulla sicurezza e imparare rapidamente le sue mansioni. Le cabine per i dipendenti sono spesso molto piccole e spartane, a volte condivise con altri membri dell’equipaggio, e le ispezioni settimanali sono una costante. Ma non mancano battute, scherzi e giochi tra colleghi per rendere la vita a bordo meno stressante. Nonostante questi ostacoli, Erica ha trovato un nuovo equilibrio.

        La vita a bordo? Mai la stessa

        La vita in crociera è intensa e non per tutti. I turni di lavoro possono variare dalle 8 alle 12 ore al giorno per sette mesi consecutivi. Tuttavia, Erica e molti dei suoi colleghi amano questa vita per le esperienze uniche che offre. Viaggiare continuamente permette di scoprire nuovi luoghi e culture, creando un forte senso di comunità tra l’equipaggio.

        Esperienze Indimenticabili da Petra alla Nuova Zelanda

        Grazie al suo lavoro, Erica ha avuto la fortuna di esplorare posti incredibili come Petra, l’Alaska e le grotte della Nuova Zelanda. Anche se a volte può sentirsi sola, considera la sua esperienza a bordo come la più emozionante e gratificante della sua vita. Insomma nonostante le sfide, seguire i propri sogni e cercare una vita più appagante può portare a grandi soddisfazioni. La vita in crociera, seppur difficile, le ha permesso di scoprire il mondo e se stessa, offrendo una prospettiva unica su cosa significhi veramente vivere appieno l propria esistenza.

          Continua a leggere

          Curiosità

          Boom del giardinaggio urbano: la terrazza diventa living!

          Il giardinaggio urbano è diventato una delle attività preferite dagli abitanti delle città, trasformando balconi, tetti e piccoli spazi all’aperto in veri e propri paradisi verdi. Questa tendenza, cresciuta esponenzialmente durante i periodi di lockdown, continua a prosperare portando una serie di benefici ambientali, sociali e personali.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Coltivare il tuo piccolo angolo di paradiso verde!
            Il giardinaggio urbano è molto più di un semplice hobby. È un movimento che con il continuo sviluppo di nuove tecnologie e l’aumento della consapevolezza ambientale, negli anni a venire potrebbe essere il momento in cui le città fioriranno come mai prima d’ora.

            L’ascesa dei giardini di città in casa
            Il giardinaggio urbano non è solo una moda passeggera, ma una risposta concreta alle sfide della vita moderna. Con l’aumento della densità abitativa e la diminuzione degli spazi verdi nelle città, sempre più persone stanno trovando modi creativi per coltivare piante e ortaggi. Dalle pareti verdi verticali ai mini-orti sui balconi, le soluzioni sono tante e varie.

            Alcuni esempi di balconi a terrazzino di arredo verde urbano

            Benefici per l’ambiente
            Uno dei principali vantaggi del giardinaggio urbano è il suo impatto positivo sull’ambiente. Le piante aiutano a ridurre l’inquinamento atmosferico, assorbendo anidride carbonica e rilasciando ossigeno. Inoltre, i giardini urbani possono contribuire a ridurre l’effetto isola di calore delle città, mantenendo le temperature più fresche durante i mesi estivi.


            Benessere personale
            Coltivare un giardino, anche se piccolo, ha dimostrato di avere effetti positivi sul benessere mentale e fisico. Il giardinaggio può ridurre lo stress, migliorare l’umore e offrire un senso di realizzazione. Per molti, prendersi cura delle piante è diventata una forma di meditazione e un modo per riconnettersi con la natura, anche in contesti urbani.

            Innovazioni e tecnologie
            Sistemi di irrigazione automatizzati, sensori per il monitoraggio delle piante e app dedicate alla cura del giardino sono solo alcune delle innovazioni che stanno rivoluzionando questo settore. Queste tecnologie permettono anche a chi ha poco tempo o esperienza di ottenere ottimi risultati.

              Continua a leggere

              Curiosità

              Il collezionista compra casa con le Carte Magic

              La storia di Tomaso Freschi dimostra come una passione per il collezionismo possa trasformarsi in un investimento significativo. Le carte Magic, con la loro combinazione di rarità, condizioni e domanda, possono raggiungere valori sorprendenti. Tomaso ha saputo capitalizzare la sua collezione, realizzando un obiettivo importante nella sua vita.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Carte Magic

                Tomaso Freschi, classe 1987, alla fine ha ceduto e ha fatto una scelta molto difficile: ha venduto la sua collezione di Carte Magic per acquistare una casa. Tomaso ricorda che quando ha iniziato a collezionare queste particolari carte non era sua intenzione specularci su. Era riuscito ad avere 80 album di carte tra cui l’ineguagliabile e unica Black Lotus dal valore inestimabile.

                Non sapeva di avere un tesoro nascosto nel cassetto

                Nel giugno del 2023, Wizards of the Coast ha lanciato una nuova espansione di Magic: The Gathering, ispirata all’universo del Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien. Tra le migliaia di carte distribuite, una in particolare ha catturato l’attenzione: L’Unico Anello, una carta scritta completamente in elfico. Questa carta unica è stata venduta a Post Malone per oltre due milioni di dollari.

                Una decisione difficile

                Tomaso. consulente finanziario residente a Piacenza, ha deciso di vendere la sua collezione di Carte Magic, anche se non possedeva tesori come L’Unico Anello. La somma ottenuta dalla vendita delle sue carte è stata sufficiente per acquistare una casa. E pensare che per anni usava queste carte solo per giocare con gli amici, sottolinea Tomaso.

                Quando è iniziata questa avventura

                Magic: The Gathering, nato nel 1993, è un gioco di carte a tema fantasy. Tomaso ha iniziato a collezionare le carte da bambino, comprandole in fumetteria e giocando con gli amici. Crescendo, i suoi mazzi Magic sono stati messi da parte. Si sa durante il liceo ci sono altri genere di attrazioni da seguire. Ma nel periodo dell’Università Tomaso le ha riscoperte riprendendo a collezionarle seriamente.

                La collezione che non ti aspetti

                Con il tempo, Tomaso ha accumulato 80 album di carte, tra cui una Black Lotus, una delle carte più rare e preziose del gioco. Un Black Lotus Alpha in condizioni perfette può valere oltre 800.000 dollari. Tomaso possedeva una versione più economica, valutata circa 10.000 euro.

                Vendere per acquistare una casa

                Nel 2019, Tomaso ha deciso di vendere la sua collezione per realizzare il sogno di una casa propria. Spinto dalla voglia di emanciparsi ha iniziato la ricerca di una casa tutta per se. E così ha deciso di vendere in blocco tutta la mia collezione, proponendola a due società collezionistiche italiane. E quindi? Centinaia di migliaia di euro per acquistare il suo primo appartamento.


                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù