Connect with us

In primo piano

Nasce il primo ristorante erotico italiano

In fondo il concetto è semplice, al di là dell’idea imprenditoriale: portare l’eros in tavola utilizzando un linguaggio ironico, provocatorio ma anche elegante. E’ nato il primo ristorante erotico a Milano.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Ci volevano due giovani siciliani per portare l’eros a tavola a Milano sdoganando imbarazzi e tabù. Si chiama Voglia ed è il primo ristorante erotico in città. “Ma da noi solo preliminari“, ridono di gusto i due ragazzi planati alcuni anni fa nel capoluogo lombardo ma con alle spalle già una discreta esperienza nel settore della ristorazione. Siamo certi che l’idea è vincente. Andremo presto a verificare la sua cucina…

    Voglia, il rifugio dell’estasi

    Voglia, aperto dallo scorso 2 maggio, si auto definisce il rifugio dell’estasi. Uno spazio, un luogo in cui fare convivere arte ed eros. Aperto in Porta Venezia, quartiere ormai diventato centrale per la città soprattutto per la sua movida serale, le ambizioni di Voglia sono elevate e giocano sul doppio senso un po’ come tutto al suo interno. “Voglia è qui per farti venire, e poi, tornare“, recita la sua presentazione. L’architettura, la disposizione dei mobili e la scelta dei colori di base, rosa salmone e rosso bordeaux, accoglie gli ‘avventori’ in un ambiente confortevole fin dall’entrata. Un bancone con linee sinuose e morbidi divanetti stile sala d’attesa di un certo tipo di ‘case’ di una volta, rendono l’ambiente super accogliente e di gusto.

    E il menù? Un orgasmo culinario di prima qualità

    Anche il menù punta all’orgasmo culinario: spaghettoni all’aglio, olio e peperoncini “Too Hot to Handle“, il filetto di manzo con gremolada e tartufo nero “Meat Me” e la finta mela di ananas e cioccolato “La Mela del Peccato“. Pur essendo ancora molto giovani Claudia Mangano, 29 anni, e Stefano Vaccaro, 26 sono due imprenditori del settore con locali in Italia, Spagna e Gran Bretagna. “Abbiamo deciso di aprire a Milano un locale di questo tipo per prima cosa perché mancava. Quando lo abbiamo pensato puntavamo a un locale che celebrasse l’erotismo in tutte le sue possibili e variegate forme“.

    In fondo il concetto è semplice, al di là dell’idea imprenditoriale: portare l’eros in tavola utilizzando un linguaggio ironico, provocatorio ma anche elegante. Sdoganare l’erotismo servendo piatti gourmet sembra proprio una idea originale anche se Milano, così come altre città capoluogo, ma soprattutto delle provincie più ricche, pullula di locali per adulti in cerca di avventure erotiche di ogni genere.

    C’è da spostare…un tabù

    Il ristorante punta a essere una galleria di proposte artistico-culinarie con una cucina raffinata non troppo formale e un prezzo medio che per il capoluogo lombardo non è poi così eclatante e alla portata di molte giovani coppie: 100 euro. I piatti sono affidati alle cure dei giovani chef freschi freschi della Scuola di alta cucina Alma e provenienti anche da ristoranti stellati.

    L’arma segreta di Voglia: la secret room

    Il locale, aperto solo la sera (sabato e domenica fino alle 3 di notte) per ora è sempre pieno. Sarà per la novità, che per Milano – città capace di anticipare ma anche bruciare in fretta le nuove mode – assume sempre una particolare attrazione, ma Voglia ha già sospeso le prenotazioni del sabato sera. Il suo successo sarà anche dovuto all’esistenza di una stanza dell’amore. o secret room. Di cui si è sparsa subito la voce… Si tratta di una sala privata con tavolo da gioco con roulette e carte personalizzate a tema. Se si risolve un rebus, si ha diritto a entrare attraverso una porticina creata a misura, in un piccolo museo, dedicato al bondage, con tanti oggetti erotici. Ma solo in visione. Mi raccomando.

    Solo gioco niente sesso. I preliminari da noi, il resto fatelo a casa“, specificano bene i proprietari. Se volete passare alla pratica altri locali vi aspettano un po’ ovunque… Serata a tema ne abbiamo? Il calendario è fitto di eventi a tema Moulin Rouge, Eyes Wide Shut, burlesque, con la partecipazione di artisti professionisti internazionali. Insomma un locale dove fare crescere quella certa Voglia da soddisfare altrove.

      Gossip

      In vendita anche Villa Matilda, la reggia sul lago di Como

      L’annuncio della messa in vendita della sontuosa dimora sul Lago di Como, per un breve periodo emblema dell’amore e del successo dei Ferragnez, è il racconto di una residenza prestigiosa che cambia proprietà, ma anche della fine di un capitolo significativo nella vita di Chiara Ferragni e del suo ex-marito Fedez.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore


        Chiara Ferragni e suo marito Fedez hanno deciso di mettere in vendita la loro bellissima dimora sul Lago di Como “Villa Matilda”, che avevano acquistato con tanto amore solo un anno fa. Ora, dopo la separazione, quello che era uno dei simboli del loro status è diventato solo un investimento senza significato.

        Chiara adesso ha affidato a una prestigiosa agenzia immobiliare milanese la dimora per la vendita e apre anche ai fan le porte delle stanze per far sognare ad occhi aperti quello che fu, anche se per poco, la splendida casa felice, ma ora pronta per essere venduta.

        Alcuni ambienti di Villa Matilda

        Situata a Torno, incastonata tra le rive incantevoli del Lago di Como, sorge Villa Matilda, un’opera d’arte architettonica firmata dagli architetti e amici della coppia Filippo Fiora e Federico Sigali. L’eleganza e il prestigio di questa dimora si fondono armoniosamente con il paesaggio circostante e con l’atmosfera intramontabile delle dimore storiche che abbelliscono questa meravigliosa zona d’Italia.

        Esterni di Villa Matilda

        Luminosa e accogliente, Villa Matilda, chiamata così in ricordo dell’amatissima cagnolina di Chiara, si distingue per il suo stile classico, che cattura l’essenza della bellezza senza tempo. Con un parco lussureggiante che si estende su mille metri quadri e una piscina a sfioro che sembra fondersi con le acque placide del lago, questa dimora incanta con un’esperienza senza pari.

          Continua a leggere

          Gossip

          Diletta Leotta e Clio MakeUp: “Più belle coi Sex Toys!”

          In un’epoca in cui l’autocura e il benessere personale sono al centro dell’attenzione, c’è una tendenza che sta mandando in delirio gli amanti del piacere: l’uso dei sexy toys. Non è solo una moda glamour, ma una vera e propria rivoluzione piccante che sta trasformando il nostro approccio al piacere personale.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Una nuova categoria di dispositivi sta guadagnando popolarità e cambiando il modo in cui percepiamo l’intimità e il benessere personale: i sex toys normali e tecnologici. Questi gadget innovativi, spesso controllabili tramite app e dotati delle ultime funzionalità smart, offrono esperienze personalizzate e connesse, rispondendo alle esigenze di una società sempre più aperta e consapevole della propria sessualità. I sex toys tecnologici non solo rappresentano un’evoluzione nel campo del piacere, ma anche un passo avanti verso l’integrazione del benessere sessuale nella routine quotidiana, promuovendo una visione più inclusiva e positiva della sessualità.

            A questo proposito, Diletta Leotta, conduttrice televisiva e conduttrice radiofonica e mamma della piccola Aria, nata dall’amore con Loris Karius, che diventerà suo marito il prossimo 22 giugno, ha recentemente intervistato Clio Zammatteo, meglio conosciuta come ClioMakeUp, mota makeup artist, a sua volta madre di due bambine, ha condiviso con serenità e sincerità le sue esperienze di maternità e pareri sulla sessualità.

            Diletta e Clio si sono incontrate per un’intervista che ha alternato momenti di complicità e risate a discussioni più piccanti. “Scopri che alcune mamme di scuola si lamentano dei consigli sui sex toys pubblicati sul blog. Che fai?” domanda la speaker radiofonica, Diletta. E senza peli sulla lingua, Clio risponde con sicurezza: “Non ci sono argomenti tabù. I sex toys? Sul blog ne parliamo. Io sono la prima a dire “compratelo” perché aiutano soltanto. Ce ne sono anche alcuni costosi. Non stiamo parlando di chissà che cosa. Un conto è 60 anni fa, mia nonna si sarebbe scandalizzata, ma oggi non si fa niente di male. È un modo di volersi bene anche quello. Diletta Leotta aggiunge con un sorriso complice: “È un modo per prendersi cura della propria persona. Ormai fa parte della beauty routine.”

            Tra una risata e l’altra, le due donne hanno mostrato come la modernità e la sincerità possano convivere, offrendo spunti di riflessione e normalizzando conversazioni che, oggi più che mai, fanno parte della vita quotidiana.

             L’intervista, caratterizzata da un’atmosfera rilassata e complice, ha offerto uno sguardo intimo sulle vite di due donne di successo che, nonostante le sfide della maternità, continuano a perseguire costantemente le loro passioni, le loro idee e le carriere.

              Continua a leggere

              Cucina

              Mangiare con pochi soldi! 10 ricette da fare con poco più di un euro

              Può essere una sfida spendere 1 € al giorno per la cena, ma ci sono molte strategie che puoi adottare per risparmiare denaro senza sacrificare la qualità o la quantità del cibo. Seguendo questa linea guida e le nostre ricette, puoi ridurre significativamente le spese alimentari e mangiare bene. Vediamo come preparare i pasti con un budget limitato.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                A che punto stiamo messi
                Assistiamo a un incremento costante dei generi di prima necessità. Dunque, il costo della vita è salito alle stelle, con alcuni alimenti che hanno raggiunto prezzi record. Questo rende difficile per molte famiglie riempire il frigo decentemente per una settimana e sfamarsi dignitosamente, ma senza sforare il budget.

                Come si fa la spesa intelligente
                Pianifichiamo cosa mettere in tavola. Pensiamo con largo anticipo cosa acquistare di necessario, per evitare sprechi e acquistare solo ciò di cui hai bisogno all’ultimo minuto. Scrivi una lista della spesa e attieniti ad essa per evitare acquisti impulsivi. Cerca le offerte sui volantini e i coupon per trovare sconti sui prodotti alimentari. Acquista cibi non deperibili, quando puoi, in grandi quantità quando sono in offerta per risparmiare a lungo termine (latte UHT, pasta, olio, riso, passate di pomodoro, biscotti, farina, caffè, altro). Prepara i pasti a casa anziché mangiare fuori perché è più economico e più salutare. Riutilizza gli avanzi in frigo per creare nuovi piatti e ridurre gli sprechi (pasta e riso già cotti, formaggi, salumi, uova). Cerca alternative economiche a marchi costosi e prodotti gourmet, spesso ci sono opzioni più economiche altrettanto buone. Compra prodotti locali, spesso più economici e di migliore qualità rispetto a quelli importati.

                Gli alimenti cari al supermercato
                Carne: in particolare, la carne bovina e suina ha subito un forte aumento di prezzo. Pesce: anche il pesce è diventato più caro, soprattutto le varietà pregiate. Frutta e verdura: alcuni tipi di frutta e verdura, come le fragole e gli avocado, sono spesso molto costosi. Latticini e formaggi: il latte, il formaggio e lo yogurt hanno visto un aumento di prezzo negli ultimi mesi. Prodotti biologici: i prodotti biologici sono generalmente più cari dei prodotti convenzionali.

                Quindi, che cuciniamo? Ecco 10 piatti succulenti con meno di 1 € a persona
                Zuppa di legumi come fagioli, lenticchie o ceci, arricchita con verdure come carote, sedano e cipolle. È economico, nutriente e può essere preparato in grandi quantità per essere consumato durante la settimana.

                Pasta al pomodoro fresco. Una semplice pasta condita con salsa di pomodoro fresco, aglio, olio d’oliva e basilico. È un piatto economico e gustoso che può essere preparato rapidamente.

                Risotto ai funghi secchi porcini: Un risotto cremoso fatto con riso Arborio e funghi freschi o secchi. È un piatto confortante e soddisfacente che utilizza pochi ingredienti.

                Pollo arrosto con patate: Cosce di pollo o petti di pollo arrostiti in forno con patate, aglio e erbe aromatiche. È un pasto completo e abbondante che può nutrire tutta la famiglia a un costo relativamente basso.

                Frittata alle verdure. Una frittata preparata con uova, verdure a scelta (come zucchine, peperoni, pomodori) e formaggio a pezzetti. È un pasto versatile che può essere consumato a colazione, pranzo o cena.

                Riso, uova e pecorino. Riso basmati cucinato con una crema di uovo sbattuto e pecorino. È un piatto aromatico e ricco di sapore.

                Tortilla di patate. Una frittata alla spagnola fatta con patate a cubetti, cipolle e uova. È un piatto tradizionale economico e semplice da preparare.

                Minestra di verdure miste. Si prepara con una varietà di verdure di stagione, come cavolo, carote, sedano e pomodori, condita con brodo vegetale e aromi freschi. È un piatto leggero, ma soddisfacente.

                Piatto di fagioli e riso. Fagioli (come bianchi, di Spagna, fagioli neri o fagioli rossi) serviti con riso bianco e accompagnati da una cubettata semplice di pomodoro e peperoncino. È un pasto sostanzioso e ricco di proteine vegetali.

                Pennette alla rucola. Questa pasta la prepariamo con foglie di rucola fresca (in busta) frullate con un filo di olio buono, e sale. Scoliamo la pasta e condiamo con la crema e, perché no, una spolverata di grana.

                Questi pasti sono semplici, salutari ed economici, utilizziamo ingredienti di base per mangiare bene con ricette facili e deliziose con poca spesa.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù