Connect with us

Società

Più mi insulti, più guadagno

il ‘nuovo lavoro’ degli influencer basato sulla monetizzazione degli insulti ricevuti sui social rappresenta un’innovativa strategia di guadagno che sfrutta le leggi sulla diffamazione per ottenere risarcimenti economici significativi. Questo fenomeno evidenzia ancora una volta l’evoluzione costante del mondo dei social media e delle opportunità di monetizzazione legate a essi.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Guadagnare con gli insulti sui social è il nuovo lavoro degli influencer che godono ancora di un minimo di credibilità. Dopo i mini scandali che hanno coinvolto la regina degli influencer italiani Chiara Ferragni, la credibilità di molti suoi collegi ne ha risentito parecchio. E il risultato è stato minori incassi, minori guadagni e a volte cachet a picco. Che fare?

    In cerca di un nuovo lavoro

    Ecco il motivo per cui molti colleghi della Ferragni stanno cercando modi sempre più creativi per monetizzare la loro presenza online. Per esempio? Per esempio un nuovo metodo di guadagno emerso è basato sui commenti diffamatori e sugli insulti ricevuti sui social. Questo fenomeno è stato esplorato in un servizio de Le Iene del 3 luglio scorso, dove hanno rivelato come alcuni influencer riescano a incassare somme significative grazie agli insulti ricevuti. Vediamo come funziona.

    Il meccanismo dietro il guadagno dagli insulti

    Il primo passo è individuare l’identità dell’autore del commento diffamatorio. Gli avvocati degli influencer possono risalire al nome e cognome dell’hater, spesso tramite indagini sui profili social o altre fonti di informazione online. Una volta identificato l’hater, si raccolgono le prove dei commenti lesivi. Questi commenti rientrano nell’ambito dell’articolo 595 del codice penale italiano, che definisce i termini della diffamazione. Con il nome e cognome dell’hater, gli avvocati recuperano un certificato di residenza, necessario per procedere con le richieste legali. A questo punto viene inviata una lettera all’hater in cui si chiede un risarcimento economico per evitare azioni legali. Le cifre richieste variano generalmente dai mille ai duemila euro per ogni commento diffamatorio. Ne consegue che i proventi del risarcimento vengono poi divisi tra lo studio legale che ha gestito la pratica e l’influencer.

    Ma quali sono i vantaggi?

    Non rispondere mai ai commenti. E’ questa la regala fondamentale. L’influencer non deve rispondere ai commenti diffamatori. Rispondere potrebbe indebolire la posizione legale, trasformando il confronto in una discussione che potrebbe complicare la richiesta di risarcimento. La diffamazione ha una prescrizione di cinque anni, il che significa che gli avvocati possono agire anche su insulti comparsi molto tempo fa.

    Diecimila euro di incassi solo negli ultimi tre mesi

    Un celebre influencer ha rivelato a Le Iene di aver incassato quasi 10.000 euro negli ultimi tre mesi grazie a questo metodo, senza fare altro che raccogliere i commenti diffamatori e seguire la procedura legale descritta.

    Più commenti negativi, più possibilità di guadagno

    Questo nuovo metodo di guadagno potrebbe diventare sempre più popolare tra gli influencer, specialmente quelli con un grande seguito che ricevono numerosi commenti negativi. Tuttavia, potrebbe anche portare a un cambiamento nel comportamento degli utenti sui social, che potrebbero diventare più cauti nel lasciare commenti offensivi.

      Lifestyle

      Ma se loro vanno in vacanza e io no sono proprio un fallito?

      In conclusione, l’estate mette alla prova la generazione paranoia, spingendo a confrontarsi costantemente con gli altri. Riconoscere questo meccanismo e limitare l’uso dei social media può aiutare a vivere in modo più sereno e appagante, godendosi le proprie vacanze senza cadere nella trappola del confronto.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

        Ce chi le fa e chi non le fa. La vacanza estiva è un momento fondamentale per confrontarsi con gli altri. Siamo tutti curiosi di capire dove andranno in vacanza i nostri amici e anche quelli che amici non sono, come vicini di casa, colleghi. Abbiamo spesso il sospetto che agli altri capitino cose belle e a noi no. Mai, o quasi. E proprio nel confronto continuo su tutto lo scibile nascono le paranoie. Un vero e proprio disturbo psichico che – qualcuno dice per colpa dei social media – coinvolge sempre di più le generazioni più esposte ai commenti e al potere dei like: i Millennial e la Generazione Z.

        La “generazione paranoia” che mette tutto a confronto, pure le vacanze estive

        Fare paragoni con gli altri è un istinto che l’essere umano si porta dietro dalla preistoria. Ma se c’è un momento dell’anno in cui il paragone si trasforma in paranoia è quello delle vacanze estive. Tutti sembrano potersi permettere una vacanza migliore, più lussuosa e più esotica della nostra, lasciando chi resta a casa con un senso di inadeguatezza. Quasi un fallimento. Nei Paesi anglofoni hanno coniato un termine per descrivere questo stato d’animo: “conparanoid“, una combinazione di “confrontation” e “paranoid“.

        Millennial e Gen Z, i più colpiti dalla paranoia del confronto

        L’estate è un periodo critico per i Millennial e la Gen Z, che soffrono maggiormente il confronto con gli altri. È il momento dell’anno in cui si fa il bilancio dei successi personali e professionali, spesso misurati attraverso la capacità di permettersi vacanze da sogno. I social media amplificano questo fenomeno, mostrando costantemente immagini di spiagge paradisiache e destinazioni esotiche, alimentando il senso di inferiorità di chi non può permettersi lo stesso lusso. Tra barche a vela, sculettamenti e aperitivi mentre tramonta il sol la nella playa

        La cultura del successo e la tossicità dei social

        Alla base di questa paranoia c’è la cultura del successo, che spinge a misurare il valore personale attraverso il possesso di beni materiali e la possibilità di fare vacanze costose. I social media giocano un ruolo chiave in questo, normalizzando il confronto continuo e rendendo difficile riconoscere che le vite perfette mostrate online non sono rappresentative della realtà.

        L’impulso primordiale del confronto sociale

        Il confronto sociale è un impulso primordiale, presente anche nel regno animale. Gli esseri umani, tuttavia, hanno portato questo istinto a un livello estremo. Lo stress derivante dal percepirsi come inferiori può causare un aumento del cortisolo e un senso di minaccia, che nei tempi antichi serviva per ritirarsi in sicurezza, ma oggi alimenta ansia e depressione.

        Il ruolo dei social media sulla salute mentale

        Psychology Today consiglia di limitare l’uso dei social media per ridurre la paranoia da confronto. Studi dimostrano che l’abbandono dei social porta a un aumento della soddisfazione di vita e delle emozioni positive. Tuttavia, rompere il ciclo dello scrolling infinito è più facile a dirsi che a farsi, specialmente per chi è abituato a un flusso costante di immagini e informazioni.

        Affrontare l’ansia da confronto

        Il primo passo per affrontare l’ansia da confronto è riconoscere che esiste. Disagio e invidia non sono causati da ciò che fanno gli altri, ma sono meccanismi autonomi del cervello. Imparare a gestire questi sentimenti è essenziale per la propria sicurezza e il proprio benessere.

          Continua a leggere

          Lifestyle

          Il coitus interruptus diventa una (stupida) sfida

          Si chiama “sex roulette” e chi rimane incinta perde. Si tratta di una delle challenge social che mettono a rischio la vita dei più giovani che per gioco, orgoglio e valutazioni errate, mettono in pericolo la propria salute e incolumità con attività fuori dalla norma. Lo si fa per attirare l’attenzione dei coetanei e, a volte, anche dei più grandi. Ma le conseguenze spesso sono delle peggiori.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          sex challange

            Una sfida denominata “sex roulette” ed è una delle più pericolose challange social che mettono a rischio la vita dei più giovani. Si tratta di una pratica in cui i partecipanti hanno rapporti sessuali consenzienti senza preservativo, o lo rimuovono durante l’atto, per vedere cosa succede. Le conseguenze possono includere gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili (MST). Un fenomeno diffuso inizialmente per attirare l’attenzione e per il gusto del rischio, ma che può comportare gravi rischi per la salute.

            Ma quando è nata questa challange

            La sfida è emersa da circa un anno in Italia, ma ha radici più profonde all’estero, in particolare tra i giovani di Belgrado. L’incontro avviene spesso per noia o per il desiderio di sperimentare il pericolo, con i partecipanti che condividono i contenuti sui social network. Nel tempo, la sfida ha assunto diverse varianti, inclusa quella di coinvolgere una persona sieropositiva, aumentando ulteriormente il rischio di trasmissione di malattie.

            Quanti si sfidano in Italia

            I primi casi documentati di “sex roulette” in Italia sono stati registrati in Lombardia. La Procura di Brescia ha avviato un’indagine su questo fenomeno durante una conferenza sul cyberbullismo. Con la crescente diffusione di piattaforme per adulti, il rischio è che questa pratica diventi più comune e pericolosa.

            Coitus interruptus? Una mitologia

            In Italia, circa l’11,6% dei giovani ha avuto la sua prima esperienza sessuale prima dei 13 anni, secondo l’Osservatorio ‘Giovani e sessualità’ di Durex e Skuola.net. Meno della metà di questi giovani usa il preservativo (43,4%), e la percentuale è ancora più alta tra gli 11 e i 13 anni, dove il 55,6% non utilizza alcun metodo contraccettivo.

            Quali sono i rischi oltre che restare incinta

            Il principale rischio associato alla “sex roulette” è la contrazione di infezioni sessualmente trasmesse (IST). Queste malattie, trasmesse principalmente attraverso rapporti sessuali non protetti, possono avere un impatto significativo sulla salute sessuale e riproduttiva e aumentano il rischio di infezione da HIV. Il Ministero della Salute riporta che oltre 30 diversi batteri, virus e parassiti possono essere trasmessi attraverso il contatto sessuale. Tra questi, quattro (sifilide, gonorrea, clamidia e tricomoniasi) sono curabili, mentre altre quattro (epatite B, Hsv, HIV e HPV) sono infezioni virali incurabili.

            Aumentano le infezioni trasmesse sessualmente

            Ogni giorno si registrano un milione di nuove infezioni sessualmente trasmesse, molte delle quali non presentano sintomi gravi immediati. L’uso del preservativo e la vaccinazione sono gli unici metodi efficaci per ridurre il rischio di contagio. Sono disponibili vaccini sicuri ed efficaci per l’epatite B e l’HPV, e la ricerca è in corso per sviluppare vaccini contro l’herpes genitale e l’HIV.

            E’ auspicabile una maggiore prevenzione e soprattutto più presenza delle famiglie

            Una maggiore educazione sessuale e all’affettività potrebbe aiutare a prevenire la partecipazione a sfide pericolose come la “sex roulette”. Educare i giovani sui rischi e sulle conseguenze delle loro azioni è fondamentale per proteggerli da pericoli evitabili.

              Continua a leggere

              Lifestyle

              Lavoro facile e stipendio da favola: come funziona la truffa WhatsApp

              La “task scam” è una truffa sofisticata che sfrutta le necessità economiche e la buona fede delle vittime. Rimanere informati e diffidare di offerte di lavoro troppo belle per essere vere è fondamentale per proteggersi.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              lavoro truffa

                Negli ultimi tempi, una nuova truffa sta prendendo piede su WhatsApp, nota come “task scam“. Questa frode sfrutta l’attrattiva di offerte di lavoro estremamente semplici con guadagni elevati, ingannando le vittime e sottraendo loro denaro.

                Come funziona la truffa

                Il messaggio truffaldino arriva tramite WhatsApp e si presenta come un’allettante offerta di lavoro. Ad esempio, un tipico messaggio potrebbe recitare: “Abbiamo bisogno di qualcuno che valuti le prenotazioni alberghiere. Pagheremo 200-1000 euro. Tutto quello che devi fare è valutare o mettere mi piace all’hotel su Booking.com“. Questo tipo di messaggi mira a colpire persone meno esperte con la tecnologia, disoccupate o con lavori precari.

                Quali sono i segnali d’allarme

                Diversi elementi nel messaggio dovrebbero far scattare un campanello d’allarme. Dall’uso di un linguaggio e una forma grammaticale molto inusuale con frasi come “mettere mi piace all’hotel” o il riferimento a un “amministratore di WhatsApp” sono sospette. Un altro elemento che deve insospettire è un mittente sconosciuto. Il messaggio spesso proviene da numeri stranieri, in particolare dal sud-est asiatico. Si possono trovare anche richiami a società reali. Il mittente potrebbe dichiarare di far parte di una società esistente ma senza alcun legame reale con essa, per ottenere nostra fiducia.

                Cosa fare se si riceve il messaggio

                Il consiglio principale è di non rispondere al messaggio, bloccare il mittente e segnalarlo a WhatsApp. Tuttavia, è utile sapere cosa accade se si abbocca all’esca.

                Finti incarichi e prime ricompense

                Dopo aver risposto, la vittima riceve un link con semplici compiti da completare, come seguire profili, guardare video o mettere “like” a post. A queste azioni segue l’apertura di un portafoglio in criptovalute, dove si vedono i primi falsi guadagni, inducendo la vittima a credere nella legittimità dell’offerta.

                Richiesta di pagamento

                Dopo qualche giorno, al fine di incrementare i guadagni, viene proposto un upgrade del profilo che richiede un pagamento. I dati della carta di credito inseriti vengono rubati dai truffatori, causando possibili addebiti non autorizzati.

                La richiesta di depositi deve insospettire

                In un’altra variante, viene chiesto un deposito iniziale nel portafoglio di criptovalute, promettendo che verrà restituito. Con l’aumento della complessità dei compiti, aumentano anche i depositi richiesti, portando alla perdita di somme considerevoli. Tentare di recuperare il denaro sarà impossibile, con la scusa che i compiti assegnati devono essere completati per policy aziendale.

                Una truffa sofisticata

                La “task scam” è una truffa sofisticata che sfrutta le necessità economiche e la buona fede delle vittime. Rimanere informati e diffidare di offerte di lavoro troppo belle per essere vere è fondamentale per proteggersi. Bloccare e segnalare immediatamente i messaggi sospetti su WhatsApp è il primo passo per evitare di cadere in questa trappola.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù