Connect with us

Televisione

Chiambretti: “Ritorno a casa, ma spero di trovare ancora qualcuno”!

Nuove formule per RAI 3. Dopo tanto tempo, volti noti al pubblico italiano ritornano in autunno con grandi contratti di programmi di attualità e spettacolo, realtà e leggerezza.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Con una nuova narrazione imposta dai vertici, il terzo canale è in fase di trasformazione. In questo contesto, Piero Chiambretti si inserisce in un mix di generi e punti di vista, cercando di adattarsi alla nuova direzione del canale.

    I veri amori non finiscono…
    In un comunicato della rete si esprime soddisfazione per il ritorno di Piero Chiambretti alla Rai e si dicono soddisfatti di riaccogliere uno dei personaggi più istrionici e amati della televisione italiana. Piero Chiambretti, grande conoscitore della televisione, saprà riprendere quel viaggio iniziato in Rai nel 1989 con la stessa ironia e quel suo essere mai scontato.

    Cosa farà Piero Chiambretti di ritorno in Rai
    A partire da maggio prossimo, sarà il protagonista della prima serata del martedì sera su Rai 3 con un nuovo programma, della durata prevista di circa 8 settimane. Sebbene i dettagli sul format siano ancora scarsi, è evidente che sarà una sfida impegnativa, soprattutto dopo l’abbandono di Bianca Berlinguer per la rete concorrente e il deludente risultato di Avanti Popolo.

    Lo showman durante le prove dei prossimi spettacoli

    Ma non è tutto: a partire dall’autunno, Chiambretti sarà coinvolto anche in un altro programma quotidiano in onda in prima serata. Secondo le ultime indiscrezioni di TvBlog, il titolo provvisorio di questa trasmissione sarebbe “Finché la barca va”.

    Il titolo stesso suggerisce una delle peculiarità di questo nuovo format: si vocifera infatti che il programma sarà ambientato su un’imbarcazione che solca le acque del Tevere. Questa scelta non è casuale, ma sembra essere una metafora della precarietà della vita.

    Al momento, si prevedono 50 episodi divisi in 25 slot, distribuiti tra l’autunno e l’inizio del 2025. In ogni puntata, Chiambretti intervisterà un diverso personaggio, offrendo così un’alternativa alle solite interviste condotte negli studi televisivi.

    Chi ha lasciato Rai 3 di recente
    Qualcuno come Bianca Berlinguer, Lucia Annunziata, Fabio Fazio e Corrado Augias….altri!

    C’è posto pure per Massimo Giletti
    Per il giornalista e presentatore è previsto un nuovo programma su Rai 3 dal titolo evocativo: “Donne sull’orlo di una crisi di nervi”. Questo show, per maggio, esplorerà l’universo femminile in relazione agli avvenimenti del mondo, alternando momenti di riflessione con musica e comicità.

      Televisione

      Che al Festival i “migliori anni” siamo finiti?

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Dopo settimane di rumors, che dicevano tutto e il loro contrario, giunge la conferma ufficiale: Carlo Conti sarà il conduttore dei prossimi due Festival di Sanremo! L’annuncio è arrivato dopo una lunga trattativa che si è conclusa con un esito inaspettato: non una ma due edizioni per l’abbronzatissimo professionista del piccolo schermo. Infranti quindi i sogni di chi confidava in una vera e propria scolta, con Alessandro Cattelan su tutti, alla guida della seguitissima kermesse.

        Il vecchio che avanza

        La Rai quindi opta in maniera unanime per una novità che a molti osservatori appare quantomeno di “rottura col passato”, per tornare ulteriormente indietro nel tempo della kermesse. Se Amadeus ha rappresentato, nelle edizioni da lui gestite, una ventata di rinnovamento soprattutto stilistico, la scelta di un professionista esperto ma forse meno moderno – a partire dallo stile – come Conti rinverdisce vecchi schemi festivalieri, che pensavamo ormai archiviati per sempre.

        Su X partono le polemiche

        Riuscira il toscano ad emulare i grandiosi ascolti della conduzione Amadeus (e Fiorello a rimorchio)? Se lo chiedono in molti. Per ora, dato non trascurabile, il popolo del web non sembra aver accolto con entusiasmo la scelta dei vertici Rai. Sull’ex Twitter (ora X) sono spuntati come funghi tantissimi post che lamentano la decisione dei vertici della tv di Stato. Sempre più, a quanto parrebbe, ripiegata su se stessa e non rivolta al futuro.

        Chi ha fortemente voluto Conti

        A decretare il nuovo direttore artistico del Festival sono stati l’Amministratore delegato Roberto Sergio, il Direttore generale Giampaolo Rossi e il Direttore Intrattenimento Prime Time Marcello Ciannamea. L’annuncio con il tradizionale e formale comunicato stampa: “Come annunciato al Tg1 sarà Carlo Conti il nuovo Direttore artistico e conduttore del Festival della Canzone Italiana di Sanremo”.

        Ci promettono sorprese e novità: sarà vero?!?

        Il documento prosegue: “Per il conduttore non si tratta di un semplice ritorno al Festival ma di una nuova sfida che, come obiettivo, ha quello di continuare a promuovere e valorizzare le nuove tendenze, cosi come fece nelle tre edizioni di successo, dal 2015 al 2017, che vide lanciare artisti oggi protagonisti della musica italiana. Il Direttore artistico è già al lavoro per un Festival con tante sorprese e novità“.

          Continua a leggere

          Televisione

          Luciana Littizzetto: “Dai gradini di una latteria ho imparato a notare gli altri”!

          Luciana Littizzetto, attrice e comica di grande successo, ricorda con affetto la sua infanzia a Torino. La sua carriera ha avuto inizio insegnando nelle periferie della città, dove ha mosso i primi passi anche nel mondo del cabaret. Poi, l’approdo in Rai con Fazio e il recente trasloco sul Nove.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Dai gradini della latteria di famiglia in borgata San Donato a Torino fino all’amicizia fraterna con Fabio Fazio, Luciana Littizzetto racconta: “Da piccola andavo con le amiche all’oratorio di San Donato, lì ho incontrato una persona eccezionale, don Gianni Fornero, un prete operaio e intellettuale finissimo. Aveva fondato la GIOC, gioventù operaia cristiana, e mi faceva scrivere articoli per il giornale del gruppo”.
            La sua storia è un mix di ricordi affettuosi e incontri significativi che hanno plasmato il suo percorso verso il successo, dove fin da giovane, osservava e studiava le persone e i loro comportamenti.

            Luciana ha iniziato ad osservare le persone fin da bambina, mentre stava sul gradino della latteria dei suoi genitori. “Ero molto determinata. Mi piaceva studiare le persone, capire chi fossero attraverso i loro movimenti e sguardi. Su quel gradino, ho imparato che nella vita è fondamentale notare gli altri, entrare nei loro stati d’animo, comprendere le loro gioie e le loro sofferenze. È una lezione che cerco di portare con me ogni giorno”.

            Inoltre, Lucianina ha iniziato la sua carriera come insegnante di musica, avendo studiato al Conservatorio. Nonostante le difficoltà iniziali nel mondo dello spettacolo, è riuscita a emergere grazie alla sua determinazione e al suo talento comico.

            Dopo aver lasciato la carriera di insegnante di musica, Luciana Littizzetto si è dedicata completamente ai suoi spettacoli, approdando infine in Rai dove affianca Fabio Fazio nel suo programma. “Con Fabio siamo come fratelli. Ognuno sa che l’altro non lo tradirà, anche se ci diciamo di tutto. Quando vuole farmi arrabbiare davvero, mi rimprovera”.


            Proprio insieme a quello che considera come un fratello, Fabio Fazio, Luciana Littizzetto si è trasferita dalla Rai al Nove. “Anche noi lo chiamiamo trasloco. Ci siamo spostati tutti, armi e bagagli, senza eccezioni. E il pubblico ci ha seguito, anche se era difficile cambiare l’abitudine del canale”, racconta Luciana con entusiasmo, sottolineando il legame forte e la fiducia che il pubblico ha dimostrato nei loro confronti.

              Continua a leggere

              Spettacolo

              Dazn, i nuovi aumenti scatenano le proteste

              DAZN continua a sfruttare la sua posizione dominante per imporre aumenti di prezzo ripetuti, suscitando il malcontento degli utenti e l’intervento delle associazioni di consumatori. Federconsumatori è pronta a tutelare i diritti dei clienti contro queste pratiche considerate abusive e speculative.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

                E’ sempre stata fin dall’inizio una spina nel fianco per gli utenti. Negli ultimi giorni, Dazn ha notificato ai titolari degli abbonamenti Plus un significativo aumento del canone a partire dal mese di agosto. I costi annuali passeranno da 539 euro a 599 euro per chi paga in un’unica soluzione. Mentre per chi ha optato per la rateizzazione, il canone mensile aumenterà da 49,99 euro a 59,99 euro per 12 mesi. IL fatto è che questo incremento segue di pochi mesi un precedente aumento applicato lo scorso gennaio.

                Reazioni e proteste…varranno qualcosa?

                La notizia ha provocato un’ondata di proteste da parte degli utenti, manifestate attraverso siti web, blog e social network. Questa volta, ma era già successo in passato, anche le sedi di Federconsumatori continuano a ricevere numerose segnalazioni.

                Problemi Tecnici e Scelte Commerciali

                Dazn ha iniziato la sua attività acquisendo i diritti di trasmissione delle partite di Serie A, ma ha spesso mostrato gravi carenze tecniche che hanno compromesso la fruizione dei servizi. Questi problemi si sono ripresentati periodicamente fin dall’inizio delle trasmissioni. I meme sui social non si contano più. Diciamo che sui social la Società ha fatto scuola oltre che evidenziare una gestione e una struttura non sempre all’altezza delle aspettative degli utenti.

                Una vera e propria speculazione

                Le politiche commerciali di Dazn hanno ulteriormente aggravato la situazione. Gli aumenti di prezzo ripetuti e ravvicinati sono percepiti come una speculazione a danno degli utenti, sfruttando una posizione di forza dovuta alla mancanza di alternative sul mercato.

                Farsi sentire a livello istituzionale

                Federconsumatori considera questo comportamento inaccettabile. E per questo ha deciso di trasmettere una segnalazione per abuso di posizione dominante all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) e all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM).

                Come difendersi: i diritti dei consumatori

                In risposta agli aumenti, i clienti hanno il diritto di recedere senza penali né costi di disattivazione entro 60 giorni dalla data della comunicazione dell’aumento. Chi vuole può rivolgersi direttamente a una delle sedi Federconsumatori presenti su tutto il territorio nazionale per promuovere una class action.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù