Connect with us

Calcio

La domenica al parco di Lautaro Martinez

La domenica al parco di Lautaro Martinez a passeggio con la moglie Agustina e i figli Theo e Nina al Parco Sempione

Avatar photo

Pubblicato

il

    Una giornata spensierata al Parco Sempione di Milano, in attesa dell’epico derby e con la famiglia al completo: Lautaro Martinez, il bomber dell’Inter, non solo fa vibrare le reti, ma anche i cuori, insieme alla sua dolce metà Agustina Gandolfo.

    La loro storia è un mix di passione calcistica e amore puro, nato sulle note di una discoteca argentina nel lontano 2018. Da allora, il legame tra Lautaro e Agustina è cresciuto, culminando in un matrimonio discreto e toccante lo scorso maggio a Milano, città che adesso chiamano casa.

    Ma chi è davvero Agustina Gandolfo? Oltre ad essere la splendida moglie di Lautaro, è una donna determinata, una mamma devota e una fashion blogger di successo. Il suo trasferimento da Buenos Aires a Milano è stato un atto d’amore, alimentato dalla sicurezza e dalla determinazione di El Toro.

    In un’intervista, Agustina ha raccontato come il coraggio e la convinzione di Lautaro l’abbiano conquistata: “Ha una visione chiara e va dritto al bersaglio. Mi ha detto fin dall’inizio: ‘Verrai qui, staremo insieme’. E così è stato. Quando Lautaro ha un obiettivo, non si ferma finché non lo raggiunge.”

    Ma Agustina non è solo la moglie di un calciatore di successo. È una donna indipendente, una mamma amorevole e una lavoratrice instancabile. Il suo messaggio è chiaro: basta con i pregiudizi sulle mogli dei calciatori. Lei è molto più di una “WAG” stereotipata. È una donna che lotta per essere riconosciuta per le sue capacità, non solo per il ruolo che ricopre nella vita di Lautaro.

    La loro famiglia è cresciuta con l’arrivo di Nina nel 2021 e ora con Theo, il loro adorabile maschietto nato nel 2023. Lautaro e Agustina incarnano l’amore, la determinazione e la forza di una famiglia moderna, pronta a sfidare ogni stereotipo e ad affrontare insieme ogni avventura che la vita ha in serbo per loro.

      Calcio

      Claudio Ranieri lascia il calcio: “Una decisione dura e sofferta”

      La sua carriera da allenatore è culminata con la storica vittoria della Premier League con il Leicester City uno dei risultati più sorprendenti nella storia del calcio. Ma anche portare il Cagliari in Serie A e poi la salvezza nel campionato di quest’anno, sono state due belle imprese

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

        Negli anni precedenti della storica vittoria in Premier League con il Leicester City nel 2015-2016 Claudio Ranieri non se lo filava nessuno. O quasi. Poi elogi su elogi. Eppure Claudio Ranieri ha avuto una carriera brillante. All’estero ha guidato Atletico Madrid, Chelsea, Valencia, Monaco, Nantes, Fulham e Watford. E in Italia non è stato da meno: Juventus, Inter, Roma, Napoli, Fiorentina e Sampdoria. L’allenatore del Cagliari ha annunciato il suo ritiro, mettendo fine a una carriera straordinaria che ha visto successi ovunque. Sia come giocatore che come tecnico. Certo la sua carriera da allenatore è culminata con la storica vittoria della Premier League con il Leicester City, uno dei risultati più sorprendenti nella storia del calcio. Ma anche portare il Cagliari in Serie A e poi la salvezza nel campionato di quest’anno sono state due belle imprese.

        Una carriera leggendaria su tutti i campi

        Ranieri ha reso noto il suo ritiro tramite un video messaggio sui social, dove ha dichiarato che dopo la promozione in Serie A e questa salvezza, ha deciso la cosa giusta da fare: lasciare il calcio adesso. Per lui non deve essere stato facile. Una decisione dura e sofferta. Ha deciso che preferisce andare via così sulla scia dell’entusiasmo della salvezza del Cagliari che magari farlo in un momento in cui le cose non vanno bene. Insomma voleva lasciare un bel ricordo alla sua gente. E d’altra parte cosa c’è di meglio per un allenatore come lui se non augurarsi di essere ricordato come una persona positiva?

        L’addio a Cagliari

        Cagliari ha avuto un posto speciale nel cuore di Ranieri, avendolo adottato già negli anni Ottanta durante la doppia promozione dalla Serie C alla Serie A. La recente salvezza in Serie A, ottenuta dopo una finale dei playoff di Serie B contro il Bari, ha segnato l’ultimo atto della sua carriera. Più che carriera si è trattato di un lungo viaggio che lo ha portato dal Vigor Lamezia nell’86-87 fino all’ultima soddisfazione con il Cagliari. Ranieri ha esplorato molte realtà calcistiche in Europa, come già riportato, allenando club come Atletico Madrid, Chelsea, Valencia, Monaco, Nantes, Fulham e Watford. In Italia ha guidato squadre prestigiose come Juventus, Inter, Roma, Napoli, Fiorentina e Sampdoria.

        Eleganza e resilienza per un signore d’altri tempi

        Conosciuto per la sua eleganza e il suo stile signorile, Ranieri ha sempre mantenuto un atteggiamento positivo nonostante le sfide. Ha dovuto aspettare fino ai 64 anni per vincere il suo primo campionato, dimostrando una resilienza fuori dal comune. La vittoria con il Leicester City rimane uno dei momenti più iconici della sua carriera, sfidando ogni previsione e conquistando il titolo contro ogni aspettativa.

        Un addio memorabile

        L’addio di Ranieri segna la fine di un’era. La sua storia resterà per sempre legata alla favola del Leicester e alla sua capacità di trasformare squadre inaspettate in vincitrici. Anche se si ritira in Sardegna, la sua “isola che non c’è”, Sir Claudio rimarrà una figura indimenticabile nel mondo del calcio.

          Continua a leggere

          Calcio

          Da Cenerentola di provincia a regina d’Europa

          Il 21 settembre 2016, l’Atalanta era in crisi con quattro sconfitte in cinque partite. Sembrava l’inizio della fine per Gasperini, ma quella sconfitta contro il Palermo segnò l’inizio di una rivoluzione. Da quel momento, Gasperini ha trasformato l’Atalanta, portandola a vincere la storica Europa League contro il Bayer Leverkusen. Un’impresa che ha cambiato per sempre il destino della squadra bergamasca.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Nestorovski inguaia Gasperini, ma nasce una rivoluzione

            Il 21 settembre 2016, l’Atalanta subisce una sconfitta casalinga contro il Palermo, con il gol decisivo di Nestorovski. I giornali titolano: “Nestorovski inguaia Gasperini”, riflettendo una situazione critica per la squadra bergamasca. È la quinta giornata di campionato e l’Atalanta ha già accumulato quattro sconfitte, trovandosi in fondo alla classifica con soli tre punti. L’ex tecnico del Genoa, Giampiero Gasperini, sembra destinato a un prematuro addio. Tuttavia, quel gol di Nestorovski segna inaspettatamente l’inizio di una nuova era per l’Atalanta e il suo allenatore.

            La rivoluzione di Gasperini e la storica conquista dell’Europa League

            Quello che nessuno poteva prevedere è che la sconfitta contro il Palermo sarebbe stata la scintilla per una rivoluzione. Gasperini trasforma l’Atalanta da una squadra provinciale, conosciuta per il suo settore giovanile di prim’ordine ma anche per le frequenti retrocessioni in Serie B, in una potenza del calcio europeo. Questo cambiamento culmina con la storica vittoria dell’Europa League contro il Bayer Leverkusen, il primo trofeo europeo nella storia del club e di Gasperini.

            Un percorso memorabile: da Anfield alla gloria

            L’Atalanta raggiunge la gloria superando squadre blasonate come il Marsiglia in semifinale e, soprattutto, il Liverpool nei quarti di finale. La vittoria ad Anfield Road contro i Reds rappresenta il punto di svolta, il momento in cui la squadra realizza che il sogno europeo è possibile. Questo successo cancella l’amarezza della sconfitta in finale di Coppa Italia contro la Juventus e segna l’apice di un percorso iniziato otto anni prima.

            La trasformazione dell’Atalanta: da provincia a vertice

            Gasperini prende in mano l’Atalanta e demolisce pezzo per pezzo la sua storia di alti e bassi. La squadra, che vantava solo la vittoria della Coppa Italia nel 1962/63 e la semifinale di Coppa delle Coppe nel 1987/88, si trasforma in una realtà di vertice, giocando un calcio moderno, entusiasmante e in continua evoluzione.

            L’inizio di un’era: dal quarto posto alla Champions League

            La stagione 2016/17 si chiude con un sorprendente quarto posto, garantendo all’Atalanta una qualificazione europea dopo 26 anni. Anche se l’Europa League dell’anno successivo termina ai sedicesimi di finale, serve come esperienza per affrontare i successivi impegni stagionali. L’Atalanta non si accontenta e alza la posta: nelle tre stagioni successive, raggiunge per tre volte il terzo posto in campionato, il miglior piazzamento della sua storia, assicurandosi così la partecipazione alla Champions League.

            L’Atalanta di Gasperini un’eccellenza europea

            I successi in campionato e le partecipazioni alla Champions League alleviano le amarezze delle finali di Coppa Italia perse contro Lazio e Juventus nel 2019 e 2021. Sotto la guida di Gasperini, l’Atalanta si è trasformata in un’icona del calcio europeo, dimostrando che anche le squadre di provincia possono raggiungere i vertici del calcio mondiale con determinazione, strategia e un gioco spettacolare.

              Continua a leggere

              Calcio

              Dopo la sfuriata c’è poco da stare… Allegri

              In sintesi, c’è poco da stare Allegri. La Juventus deve fare i conti con le conseguenze di una stagione tumultuosa e le cicatrici lasciate dalle tensioni interne. Tuttavia, come sempre, il calcio offre un palcoscenico imprevedibile, dove ogni partita può ribaltare le sorti e riscrivere la storia

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Con il campionato ormai alle battute finali, la Juventus si prepara ad affrontare l’ultimo turno del campionato contro il Monza, puntando al terzo posto in classifica. Tuttavia, l’attenzione mediatica continua a concentrarsi sulla clamorosa sfuriata dell’ormai ex tecnico bianconero Massimiliano Allegri. A prendere le redini della squadra è stato l’ex difensore Paolo Montero, ma inevitabilmente, tutti parlano ancora di quanto accaduto nella finale di Coppa Italia.

                Allegri e la sfuriata in diretta TV

                Massimiliano Allegri ha scosso il mondo del calcio italiano con la sua reazione furiosa in diretta televisiva. Raggiunto telefonicamente da Ivan Zazzaroni il giorno dopo lo sfogo, Allegri si è detto molto dispiaciuto, soprattutto per l’attacco a Guido Vaciago, direttore di Tuttosport. “Con Vaciago ha sbagliato nettamente,” ha spiegato il direttore del Corriere dello Sport durante il suo intervento a Pressing. “Io l’ho sentito il giorno dopo ed era veramente dispiaciuto. L’ho sentito alle 8 del mattino e mi ha detto ‘mi sono vergognato’, ed effettivamente ha ecceduto,” ha considerato Zazzaroni.

                Le scuse di Allegri

                “Non lo so, bisogna fidarsi di quello che ha detto Vaciago anche se c’è una versione di Allegri, ma ha sbagliato e lo sa perfettamente,” ha precisato il giornalista. “Non a caso è andato nella redazione di Tuttosport e ha chiesto scusa.” Con la sua reazione, l’ex allenatore bianconero è passato dalla parte del torto, ma a onor del vero, aveva una lunga serie di motivi per essere ferito e deluso dalla dirigenza della Juventus.

                Le frustrazioni di Max

                Scaricato da tempo, proprio nel momento migliore della stagione, Allegri aveva chiesto invano rinforzi di qualità nel mercato di gennaio per tentare l’impresa. “Io mi aspettavo queste reazioni conoscendo quello che aveva accumulato,” ha raccontato Zazzaroni. “Questi mesi sono stati molto duri, questi tre anni sono stati molto difficili. Quando si è spogliato lo ha fatto in modo strategico, ne sono sicuro. In quel momento doveva fermare la partita,” ha spiegato. “Sono strategie che Ulivieri insegnava a Coverciano. Non è la prima volta che si spoglia, ma chiaro che non è una bella scena.”

                Il futuro della Juventus

                Mentre la Juventus si avvia alla conclusione della stagione con Paolo Montero al timone, i tifosi e i media si interrogano sul futuro della squadra e sulla capacità di Montero di portare la Vecchia Signora al terzo posto in classifica. Ma una cosa è certa: la sfuriata di Allegri rimarrà impressa nella memoria collettiva come uno degli episodi più clamorosi della stagione.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù