Connect with us

Benessere

Amore: “Che pasticcio Bridges Jones”!

È chiamata la “sindrome di Bridget Jones” ed è la ricerca spasmodica dell’amore che si intreccia con l’emozione più potente: la paura di rimanere single. Vediamo come gestire la pressione
e il panico per chi si trova ad affrontare la vita sentimentale da soli.

Avatar photo

Pubblicato

il

    La paura di rimanere single e l’ansia che ne deriva
    La frase iconica dal film “Il diario di Bridget Jones”, che riflette perfettamente la paura di rimanere single e l’ansia che ne deriva, è:
    “Mi chiedo se essere single è davvero così terrificante. Dovrebbe esserlo? Non so. Tutto ciò che so è che il disperato bisogno di una schiena calda sembra essermi invaso il cervello”.
    Questa citazione incarna perfettamente la lotta interna di Bridget Jones e di molte altre persone che affrontano la paura di rimanere single. Esprime il desiderio umano di connessione e di calore umano, ma anche la domanda se questo desiderio sia motivato dalla vera necessità di amore e compagnia o dalla pressione sociale e culturale di conformarsi a un ideale romantico.

    Tecnicamente si chiama “anuptafobia”
    Sintetizzando significa “paura di rimanere non sposati”, ovvero la fobia persistente di rimanere single e di non avere relazioni di coppia. Ma si chiama “Sindrome di Bridget Jones” informalmente e non scientifico, utilizzato per descrivere la paura persistente di rimanere single e di non avere relazioni di coppia, anche se in effetti clinicamente non esiste una sindrome ufficialmente riconosciuta con questo nome.

    Il personaggio del cinema e il messaggio
    Bridget Jones, come personaggio, è diventata un’icona popolare che rappresenta le sfide emotive e le preoccupazioni legate alla vita sentimentale da single. Le sue avventure romantiche e le sue ansie riguardo all’essere single sono diventate parte integrante della cultura popolare, contribuendo così a diffondere e a condividere esperienze comuni legate al tema delle relazioni amorose.

    Anche se la “Sindrome di Bridget Jones” non è un termine clinico, il personaggio del cinema ha giocato un ruolo significativo nel mettere in luce le complessità delle relazioni romantiche e della vita da single, contribuendo così a una maggiore consapevolezza e comprensione di queste questioni all’interno della società.

    Come si ricostruisce la propria identità
    La strada che porta verso il benessere emotivo non dipende sicuramente dalla presenza di un partner romantico. Ma farsi supporto da professionisti della psiche può essere estremamente utile, specialmente se la paura di rimanere single è profondamente radicata o se causa significativi disagi emotivi.

    Single è bello
    Ma essere single non significa essere limitati o soli, ma piuttosto aperti a un mondo di possibilità e di crescita personale. Sfruttare appieno questo momento prezioso per esplorare se stessi, costruire interessi personali e godere della libertà e dell’indipendenza può essere un passo fondamentale verso una vita soddisfacente e appagante.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Benessere

      DOC: Quando le ossessioni diventano un incubo senza fine!

      È una malattia seria. Riconoscere i primi segni e sintomi del Disturbo Ossessivo-Compulsivo è fondamentale per intervenire subito e migliorare la qualità della vita di chi ne è affetto. Se sospetti di avere sintomi del DOC, consulta subito uno specialista.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Cos’è e come si manifesta
        Si chiama DOC in termini medici, il Disturbo Ossessivo-Compulsivo. È una condizione psichiatrica caratterizzata dalla presenza di ossessioni e compulsioni che possono interferire significativamente con la vita quotidiana di chi ne soffre.
        Le ossessioni sono pensieri, immagini o impulsi ricorrenti e indesiderati, mentre le compulsioni sono comportamenti ripetitivi o azioni mentali che una persona si sente obbligata a compiere per ridurre l’ansia provocata dalle ossessioni.

        Primi segni e sintomi
        Ossessioni. I sintomi iniziali spesso si manifestano con ossessioni che possono includere paure eccessive di contaminazione, preoccupazioni per l’ordine e la simmetria, pensieri aggressivi o intrusivi riguardo a danni che potrebbero essere inflitti a sé stessi o agli altri. Questi pensieri sono persistenti e causano notevole disagio.

        Compulsioni. Per cercare di gestire l’ansia causata dalle ossessioni, una persona con DOC può sviluppare comportamenti compulsivi come lavarsi le mani ripetutamente, controllare continuamente che porte e finestre siano chiuse, contare oggetti o ripetere parole specifiche. Questi rituali sono spesso eseguiti secondo regole precise e rigide.

        Interferenza nella Vita Quotidiana. Un segnale precoce di DOC è l’incapacità di svolgere normalmente le attività quotidiane a causa del tempo e dello sforzo dedicati alle compulsioni. Ciò può portare a difficoltà significative sul lavoro, a scuola e nelle relazioni interpersonali.

        Diagnosi e trattamento. La diagnosi di DOC viene solitamente effettuata da un professionista della salute mentale attraverso una valutazione clinica che include l’osservazione dei sintomi e il loro impatto sulla vita del paziente. I trattamenti efficaci includono la terapia cognitivo-comportamentale e farmaci come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina.

        Ecco alcuni esempi comuni di come si presenta questo disturbo.

        Bisogno di simmetria e ordine. Preoccupazione estrema per l’ordine, la simmetria o la disposizione esatta degli oggetti. Necessità di allineare perfettamente oggetti o di disporli in un ordine specifico.

        Compulsioni Comuni: Lavaggio e Pulizia. Lavarsi le mani ripetutamente e per periodi prolungati, spesso fino a irritare la pelle.Pulire e disinfettare oggetti o superfici in modo eccessivo. Controllo Ripetitivo: Controllare ripetutamente che porte, finestre, elettrodomestici siano chiusi o spenti. Verificare molte volte di aver completato correttamente compiti quotidiani. Rituali Mentali: Ripetere mentalmente parole, frasi o preghiere per ridurre l’ansia provocata dalle ossessioni.  Contare o eseguire calcoli mentali in modo compulsivo.

        Rituali di Ordinamento e Simmetria: Organizzare oggetti in modo preciso e simmetrico, spendendo molto tempo a farlo. Riordinare continuamente oggetti fino a quando non sembrano “giusti”.

        Rassicurazioni Ripetitive: Chiedere continuamente conferme agli altri per ridurre l’ansia legata ai dubbi e alle preoccupazioni ossessive. Ripetere le proprie azioni fino a sentirsi sicuri che siano state eseguite correttamente.

        Questi esempi illustrano come il DOC possa manifestarsi in modi vari e debilitanti, interferendo significativamente con la vita quotidiana delle persone. Se riconosci uno o più di questi comportamenti in te stesso o in qualcuno che conosci, è importante cercare aiuto da un professionista della salute mentale per una valutazione e un trattamento appropriati.

          Continua a leggere

          Benessere

          Superfood emergente: Le lenticchie d’acqua!

          Dette anche Lemma Minor, rappresentano un superfood dalle qualità straordinarie per la nutrizione umana. La loro storia millenaria, come fonte di cibo e rimedio naturale, si intreccia con il ruolo contemporaneo per promuovere un nuovo tipo di alimentazione che questo minuscolo cibo ha da offrire.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Esistono tesori nascosti nella natura che spesso ignoriamo o sottovalutiamo. Tra questi, c’è un piccolo protagonista che merita di essere portato alla ribalta: le lenticchie d’acqua, o Lemna minor. Questi minuscoli organismi acquatici stanno guadagnando sempre più attenzione come superfood emergente, grazie alla loro ricchezza nutrizionale e al loro potenziale ecologico.

            Le lenticchie d’acqua, appartenenti al genere Lemna, sono piante acquatiche che si trovano comunemente in stagni, laghi e corsi d’acqua tranquilla in tutto il mondo. La varietà più nota, Lemna minor, è stata utilizzata fin dall’antichità come fonte di cibo e rimedio naturale. In molte culture, Lemna minor è stata apprezzata per la sua capacità di crescere rapidamente, fornendo una fonte sostenibile di nutrizione in tempi di scarsità alimentare.

            Proprietà nutrizionali delle lenticchie d’acqua
            Nonostante le sue dimensioni apparentemente trascurabili, sono una potenza di nutrienti essenziali. Queste minuscole piante sono ricche di proteine, vitamine (tra cui la vitamina A, la vitamina C e alcune del gruppo B), minerali (come il ferro, il calcio e il magnesio) e antiossidanti. Inoltre, sono una fonte preziosa di fibra alimentare, che favorisce la salute digestiva e la sensazione di sazietà. Grazie a questa composizione nutrizionale, offrono un contributo significativo alla dieta umana, specialmente in contesti in cui l’accesso a cibi ricchi di nutrienti è limitato.

            Alcune fasi dopo la raccolta delle lenticchie d’acqua

            Come si mangia
            Le lenticchie d’acqua possono essere consumate crude, essiccate o trasformate in vari prodotti alimentari. Le foglie fresche possono essere aggiunte a insalate, frullati o zuppe per aumentare il contenuto proteico e vitaminico del pasto. Inoltre, le lenticchie d’acqua possono essere essiccate e macinate per ottenere una farina ad alto contenuto proteico, ideale per la preparazione di pane, pasta e prodotti da forno.

            Fonte e Credit foto copertina – www.giardinaggio.org

              Continua a leggere

              Benessere

              Quel leggero chiodo fisso quando nasce un amore…

              Il pre-innamoramento è quel delicato periodo durante il quale esistono sentimenti romantici verso un’altra persona, ma non è amore. È solo un’anticipazione di sentimenti che potrebbero diventare tali. Ecco come si fa ad affrontare il momento.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                È un’anticipazione di sentimenti che potrebbero evolversi in amore, ma al momento sono ancora in fase di formazione. Durante questo periodo, si possono sperimentare emozioni intense e desiderio di avvicinarsi alla persona desiderata, ma è importante mantenere la prospettiva e comprendere che questi sentimenti potrebbero cambiare nel tempo.

                Come ci sentiamo quando ci piace qualcuno
                Durante questa fase, le emozioni sono intense e la mente è piena da pensieri che si accavallano riguardanti la persona che suscita interesse. È come se si stesse fluttuando in una nuvola di felicità e fascino, senza ancora toccare terra. Ogni piccolo gesto, ogni sguardo, ogni parola assume un significato speciale e viene ripassato dalla mente con attenzione tantissime volte.

                Ma quanto dura il pre-innamoramento?
                Può durare per un breve periodo o protrarsi per settimane, mesi o anche più a lungo, a seconda delle circostanze e della propria natura o dei rapporti interpersonali con l’agognato partner. È una fase, quindi, preziosa e delicata, che prepara il terreno per un possibile sviluppo dei sentimenti più profondi, ma che richiede tempo, pazienza e apertura emotiva per essere pienamente vissuta.

                Il limbo emotivo
                Questo stato di cosa può essere davvero complesso perché, se da un lato c’è quel desiderio profondo di avvicinarsi alla persona, dall’altro lato, però, c’è la paura del rifiuto e dell’incertezza sulle reciproche intenzioni e sentimenti. Questo può scatenare ansia se mettersi in gioco completamente, di mostrare i propri veri sentimenti e di essere vulnerabili. La paura di non essere corrisposti o di essere respinti può frenare le azioni e portare a una sorta limbo, senza osare fare il primo passo.

                Come si gestisce questo stato di incertezza?
                La pazienza è fondamentale in questa fase. Bisogna permettere ai sentimenti di evolversi naturalmente, senza forzarli o anticipare troppo le cose. È un processo che richiede tempo e rispetto. Ascoltare se stessi e accettare l’altro senza giudizi o preconcetti. L’apertura emotiva favorisce la connessione, creando un terreno fertile per la crescita dei legami.

                Le soluzioni che possono aiutare
                Prima di tutto, è importante conoscere te stesso. Fai un’analisi dei tuoi sentimenti, dei tuoi desideri e delle tue paure. Capire le tue emozioni ti aiuterà a gestire meglio il periodo di infatuazione. Poi parla con la persona che ti interessa in modo aperto, esprimi i tuoi sentimenti e ascolta i suoi. Non avere fretta nel definire le cose, perché il pre-innamoramento è una fase delicata che richiede tempo per svilupparsi pienamente. Goditi il momento e lascia che le cose accadano naturalmente. Inoltre, sii realistico perché tutto questo lavoro potrebbe non portare necessariamente a una relazione romantica duratura. Accetta che le cose possano andare in diversi modi e concentrati sul goderti il momento. Sii sempre gentile con te stesso e con l’altra persona e continua a mantenere la tua vita uguale a prima, perché rimanere se stessi potrebbe aiutarti a gestire meglio le emozioni e ad avere una prospettiva più ampia. C’è il rischio di essere feriti o respinti, ma accettare la vulnerabilità è parte integrante del processo di connessione emotiva. Infine, la parte più importante è cercare supporto da amici, familiari o se necessario, professionisti della salute mentale. Parlarne con qualcuno di fiducia può aiutarti a ottenere prospettive diverse e a trovare comfort.

                Affrontare il pre-innamoramento in modo saggio e consapevole può aiutare a creare basi solide per una relazione sana e significativa nel tempo.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù