Connect with us

Benessere

L’effetto Sinner sul tennis! Aumento di praticanti e nuove tendenze moda

Boom del tennis italiano: tutti i benefici fisici e psicologici del gioco con la racchetta più famoso del mondo

Avatar photo

Pubblicato

il

    Lo chiamano “effetto Sinner”: da quando Jannik Sinner, il campione di tennis altoatesino, è diventato il numero uno al mondo, si è visto un notevole aumento di appassionati e praticanti del tennis in Italia. Questo fenomeno ha coinvolto anche i più giovani, con un incremento significativo di bambini che si avvicinano a questo sport. Eventi come Wimbledon, in corso fino al 14 luglio sui campi erbosi dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club di Londra, diventano trend topic sui social e tengono incollati alla televisione milioni di spettatori. Per esempio, oltre due milioni di persone hanno seguito il match tra Sinner e Berrettini.

    Anche il cinema ha contribuito a questa rinascita del tennis: il film di Luca Guadagnino, “Challengers”, ha avuto un enorme successo al botteghino, rilanciando ulteriormente l’interesse per questo sport. La moda non è rimasta indietro, con il tennis che ha ispirato le collezioni delle Fashion Week di tutto il mondo, dando vita al trend del “tenniscore”. Dalle collezioni primavera/estate 2022, molti stilisti hanno rivisitato le classiche gonne da tennis. Per la primavera/estate 2024, il tenniscore è tornato sulle passerelle di Andreas Kronthaler for Vivienne Westwood, Celine, Brunello Cuccinelli, Gucci, Benetton e Miu Miu.

    Il cuore pulsante di questo sport rimane però i campi di gioco e i grandi tornei, come Wimbledon. Il tennis, infatti, è uno sport che piace anche agli scienziati: numerosi studi ne attestano i benefici fisici e psicologici. Una ricerca dell’Università di Oxford, pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, ha dimostrato che il tennis può diminuire del 47% il rischio di morte in generale. Un’indagine della Società Italiana di Cardiologia Geriatrica (SICGE) ha evidenziato come giocare a tennis regolarmente riduca il rischio di ipertensione, ictus e malattie delle valvole cardiache anche negli over 65. Dopo un accurato check-up e un’adeguata preparazione atletica, anche i non più giovani possono divertirsi con la racchetta.

    Il tennis è uno sport completo che combina attività aerobica e anaerobica, bruciando circa 360 kcal all’ora nel singolo e 200 kcal all’ora nel doppio. Scolpisce i muscoli di spalle e braccia, così come quelli delle gambe e cosce, impegnati in servizi, volée e brevi ma veloci cambi di direzione. Anche gli obliqui e i glutei sono sollecitati durante i colpi e i movimenti. Per chi cerca addominali tonici, il tennis è l’alleato ideale, poiché coinvolge i muscoli addominali per stabilizzare il tronco ad ogni colpo.

    Per giocare a tennis con sicurezza ed efficacia, è consigliabile prendere almeno una trentina di lezioni iniziali, con una frequenza di tre volte a settimana, per poi eventualmente scendere a due. Un’adeguata preparazione è fondamentale per migliorare le prestazioni e prevenire infortuni come la distorsione della caviglia o l’epicondilite. Alternare lezioni con il maestro a ore di palleggio con un amico è ideale per affinare la tecnica. È importante anche allenarsi fuori campo per rendere più forti ed elastiche le catene muscolari soggette a stress durante il gioco. Un allenamento base può includere esercizi brevi ma intensi, sviluppando resistenza, velocità e potenza aerobica con l’interval training e il fartlek. Rinforzare bicipiti, tricipiti e spalle con flessioni al petto ed elevazioni con manubri o pesi leggeri aiuta a prevenire asimmetrie.

    Non bisogna sottovalutare l’importanza degli allenamenti e delle partecipazioni ai doppi, dove l’elemento tattico è predominante. La tecnica e l’affiatamento con il proprio compagno di gioco diventano determinanti.

      Beauty

      Caldo, afa, sudorazione… come contenerla

      La gestione della sudorazione e dei cattivi odori richiede un approccio multifattoriale che comprende igiene, alimentazione, scelta degli indumenti e trattamenti specifici. Consultare un medico per una diagnosi accurata e trattamenti personalizzati può fare la differenza. Implementare questi consigli pratici può aiutarti a sentirti più sicuro e a tuo agio nella vita quotidiana.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      sudorazione eccessiva

        Perché si suda

        La sudorazione è un meccanismo fisiologico essenziale per regolare la temperatura corporea. Secondo il dottor Pietro Locantore, sudiamo quando la temperatura corporea aumenta per diverse ragioni, come l’attività fisica, la febbre o l’aumento della temperatura ambientale. Il sudore aiuta a disperdere il calore e mantenere la temperatura corporea costante.

        Le cause dell’ipersudorazione

        Il medico spiega che ci sono due tipi di ipersudorazione. Quella più generica può essere causata da condizioni organiche come ipertiroidismo, squilibri ormonali, obesità o ansia.
        Quella parcellare di solito non ha cause organiche ed è spesso una condizione costituzionale individuale.

        Quali sono i trucchi per non sudare (o sudare meno)

        Per prima cosa serve curare di più l’alimentazione iniziando a limitare alcolici, caffè e cibi piccanti che causano eccessiva vasodilatazione. Meglio evitare anche cibi dall’aroma intenso come aglio e cipolla.

        Ma come faccio a detergere quando colo…?

        I consigli sembrano troppo semplici ma vanno applicati in maniera costante. Per esempio è indispensabile lavarsi il viso con detergenti delicati e applicare idratanti leggeri dopo la detersione. Lavarsi regolarmente con detergenti delicati per rimuovere la sudore inoltre aiuta a prevenire possibili infezioni e acne. Un altro accorgimento è quello di utilizzare il talco. Dopo la detersione, asciugare bene la pelle e applicare una spolverata di talco per assorbire l’umidità.

        Come scegliere il deodorante giusto

        E’ consigliabile utilizzare deodoranti su pelle pulita e asciutta. Preferire prodotti delicati e senza sostanze irritanti. E naturalmente meglio indossare abiti in fibre naturali come cotone e lino che favoriscono la traspirazione. Indossa calzature aperte in estate e fare frequenti pediluvi con sale grosso o bicarbonato. Qualcuno inoltre per contenere l’eccessiva sudorazione estiva anche di rimuovere i peli che faciliterebbe anche la pulizia.

        C’è anche un problema psicologico: come gestire l’ansia

        Per tenere sotto controllo la sudorazione è consigliabile, inoltre, praticare attività rilassanti come yoga o pilates. In caso di ansia severa, considera la consulenza di uno psicologo. La gestione della sudorazione e dei cattivi odori richiede un approccio multifattoriale che comprende igiene, alimentazione, scelta degli indumenti e trattamenti specifici. Se poi si manifesta in modo eccessivo è consigliabile, come sempre, consultare un medico per una diagnosi accurata e trattamenti personalizzati può fare la differenza. Implementare questi consigli pratici può aiutarti a sentirti più sicuro e a tuo agio nella vita quotidiana.

          Continua a leggere

          Benessere

          Psicologia: perché è difficile parlare con qualcuno guardandolo negli occhi?

          Secondo una ricerca dell’Università di Kyoto, evitare il contatto visivo durante una conversazione potrebbe non essere solo timidezza. Lo studio suggerisce che il cervello umano potrebbe sperimentare un sovraccarico cognitivo quando si deve gestire contemporaneamente l’interazione verbale e il contatto visivo. Questa scoperta getta nuova luce sulle dinamiche del comportamento umano nelle interazioni sociali.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Se durante una conversazione ti trovi a distogliere lo sguardo o a evitare il contatto visivo, potrebbe non essere semplicemente timidezza. Secondo una ricerca condotta dall’Università di Kyoto, esiste una spiegazione scientifica: il fenomeno potrebbe derivare da un sovraccarico del sistema cognitivo. Lo studio, guidato da Shogo Kajimura e pubblicato sulla rivista Cognition, suggerisce che il cervello umano può trovarsi sotto pressione quando deve gestire simultaneamente l’interazione verbale e il contatto visivo.

            Durante l’esperimento, i ricercatori hanno esaminato volontari che dovevano associare parole a termini specifici, sia guardando direttamente volti generati al computer che distogliendo lo sguardo da essi. È emerso che i partecipanti incontravano maggiori difficoltà nel processo di associazione delle parole quando erano impegnati nel contatto visivo diretto. Secondo Kajimura, queste difficoltà indicano che il cervello potrebbe essere sovraccaricato nel gestire simultaneamente molteplici attività cognitive e visive.

            Questo fenomeno evidenzia l’importanza delle risorse cognitive limitate e della loro distribuzione durante le interazioni sociali. In pratica, mantenere il contatto visivo può competere con altre attività cognitive, portando il cervello a dover fare delle scelte su dove focalizzare l’attenzione in un dato momento. Questa ricerca non solo aiuta a comprendere meglio i meccanismi del comportamento umano durante le conversazioni, ma suggerisce anche che il contatto visivo è un’attività che richiede risorse cognitive significative, oltre a essere influenzata da variabili individuali e contestuali.

              Continua a leggere

              Beauty

              Dolce sonno e rimedi naturali contro l’insonnia

              Combatte l’insonnia può richiedere una combinazione di approcci, ma spesso i rimedi naturali offrono soluzioni efficaci. Sperimenta con diverse strategie e osserva quali funzionano meglio per te. Se l’insonnia persiste, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute per una valutazione approfondita.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                L’insonnia può disturbare la qualità del nostro sonno, influendo sulla nostra salute generale e sulla qualità della vita. Invece di affidarsi a farmaci sonniferi, molte persone cercano soluzioni naturali per migliorare il sonno. In questo articolo, esploreremo alcuni rimedi naturali efficaci per combattere l’insonnia e promuovere un riposo rigenerante.

                Creare una routine del sonno

                Stabilire una routine regolare può aiutare a regolare il ritmo circadiano, migliorando la qualità del sonno. Vai a letto e svegliati alla stessa ora ogni giorno, anche nei giorni festivi, per aiutare il tuo corpo a stabilire un modello di sonno coerente.

                Scegliere alimenti rilassanti

                Certamente, alcuni alimenti possono favorire il sonno. Bevi una tazza di tè alla camomilla o al valeriano prima di coricarti. Evita invece cibi ricchi di caffeina o zuccheri nelle ore serali, poiché possono interferire con il sonno.

                Esercizio fisico regolare

                L’esercizio fisico regolare può contribuire a migliorare il sonno. Svolgi attività fisica moderata durante il giorno, evitando l’esercizio intenso poco prima di andare a letto. L’esercizio aiuta a rilasciare endorfine e a ridurre lo stress, favorendo un sonno più profondo.

                Creare un ambiente di sonno confortevole

                La creazione di un ambiente di sonno confortevole è fondamentale. Assicurati che la tua camera da letto sia buia, silenziosa e a una temperatura confortevole. Investi in un buon materasso e cuscini per favorire una postura corretta durante il sonno.

                Tecniche di rilassamento

                Pratiche come la meditazione, la respirazione profonda o lo yoga possono aiutare a rilassare mente e corpo. Dedica alcuni minuti ogni sera a pratiche di rilassamento per liberare la tensione e prepararti per una notte di sonno riposante.

                Utilizzare rimedi naturali

                L’utilizzo di rimedi naturali come l’olio essenziale di lavanda o la melatonina può essere utile per indurre il sonno. Tuttavia, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute prima di utilizzare qualsiasi integratore.

                Limitare l’esposizione alla luce blu

                La luce blu emessa da dispositivi elettronici può interferire con la produzione di melatonina, l’ormone del sonno. Riduci l’uso di dispositivi elettronici almeno un’ora prima di andare a letto o utilizza filtri di luce blu per mitigare l’impatto.

                Monitorare il consumo di caffeina e alcol

                Limita il consumo di caffeina e alcol nelle ore serali, poiché entrambi possono interferire con il sonno. Opta per bevande rilassanti come tisane senza caffeina prima di andare a letto.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù