Connect with us

Sonar: tra suoni e visioni

Reunion Sex Pistols senza Lydon: ma perchè?!?

Avatar photo

Pubblicato

il

    L’occasione per tornare su un palco con la (quasi) formazione originale è una raccolta fondi per la Bush Hall, storica venue di West London. Parla il batterista Paul Cook: «Hanno bisogno di soldi, hanno bisogno del nostro supporto. Sarebbe una vergogna se chiudesse». In questo modo, con grande sorpresa generale, i Sex Pistols hanno annunciato una reunion per due concerti in favore della storica, piccola sala concerti situaata a West London (circa 400 persone).

    Una incolmabile mancanza

    A differenza dell’ultimo tour (quello del 2007-2008), mancherà John Lydon. Al suo posto – al fianco di Paul Cook, Glen Matlock e Steve Jones – ci sarà Frank Carter, già vocalist dei Gallows, Pure Love e Frank Carter and the Rattlesnakes. Rispetto ai tre componenti originali della band, che si avvicinano inesorabilmente ai 70, Carter è molto più giovane, avendo da poco compiuto 40 anni.

    Lydon mi ha fatto risparmiare una spesa non preventivata

    Se la formazione fosse stala al completo… ci avrei fatto un pensierino, non ho vergogna ad ammetterlo. Con Carter al posto di Lydon… grazie, anche no! Peraltro non si conoscono i motivi della defezione di John Lydon alias Johnny Rotten. Lo storico frontman, 67 anni, prosegue la sua attività nei Public Image Ltd., con la recente pubblicazione dell’album End Of World, il primo lavoro uscito dopo la scomparsa di sua moglie, Nora Forster, venuta a mancare lo scorso 5 aprile, a cui la band britannica ha dedicato, oltre che l’intero album, anche il primo singolo, Hawaii, presentato anche alle selezioni irlandesi per l’ultima edizione dell’Eurovision Song Contest.

    Un disco seminale

    Sono quelle del 13 e 14 agosto le date prescelte per i due show che rivedrà i Pistols riuniti. La scaletta riguarderà interamente l’unico album in studio, Never Mind the Bollocks, Here’s the Sex Pistols, sicuramente una delle pietre miliari del punk e del rock in generale.

    I locali rappresentano la linfa vitale

    Paul Cook ha dichiarato: «Lo faremo per beneficenza, hanno bisogno del nostro supporto, hanno bisogno di soldi, e questa ci sembrava una buona idea per non farli rimanere in rosso. Sono cresciuto qui, è il mio locale. Sarebbe una vergogna vederlo scomparire». Al discorso di aggiunge Matlock: «I locali più piccoli sono la linfa vitale della nuova musica. È in questi luoghi intimi che i talenti più grezzi hanno un’occasione per brillare, dove le band possono davvero relazionarsi con in loro pubblico. È dove il vero spirito della musica live avviene».

    I Pistols senza Lydon sono come… Stanlio senza Ollio, la pizza senza le acciughe, una strepitosa giornata di sole trascorsa in ufficio, un film di Nanni Moretti senza Margherita Buy, una giornata intera senza dita nel naso (gesto estremamente “punk”), un discorso di Matteo Salvini senza neanche un… “prima gli italiani”.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Sonar: tra suoni e visioni

      Taylor Swift: non staremo un tantino esagerando?!?

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Leggo questa notizia – che non è una fake – e non riesco a trattenere un’imprecazione di disgusto: Taylor Swift è stata votata tra le migliori chitarriste degli ultimi vent’anni. Per la precisione risulta in ottava posizione, nell’ambito di un sondaggio indetto dal retailer per chitarre inglese guitarguitar. Va detto che la classifica sarebbe stata stilata elencando i chitarristi che sono stati più “d’ispirazione”, mettendo in secondo piano quindi tecnica e stile. Insomma… ti voto perchè fai perfettamente pendant con lo strumento sul palco, chissenefrega se strimpelli come un musicastro da ristorante di terz’ordine!

        La classifica dei primi 10

        1. 1) John Frusciante (Red Hot Chili Peppers)
          2) Alex Turner (Arctic Monkeys)
          3) John Mayer
          4) Sam Fender
          5) Jonny Greenwood (Radiohead)
          6) Chris Shiflett (Foo Fighters)
          7) Ed O’Brien (Radiohead)
          8) Taylor Swift
          9) Tom DeLonge (Blink-182)
          10) Simon Neil (Biffy Clyro)

        Anche sforzandosi non si riesce proprio a digerire una castroneria del genere! D’accordo che le chitarriste donne vengono spesso ignorate (a volte ingiustamente) da questo genere di poll, e che anche molti giovani strumentisti spesso non vi compaiono. Ma, a parte la popstar americana, alcuni nomi compresi nella lista come Chris Shiflett, Tom DeLonge, Ed Sheeran (…) e Julien Baker (…) fanno alzare gli occhi al cielo.

        IMHO…

        Sarà perchè sono un “vecchio 61enne nostalgico”… ma i miei chitarristi sono ben altra cosa. Cito alla rinfusa: Jimi (vabbè, che lo dico a fare…), Richie Blackmore, Allan Holdsworth, Rory Gallagher, Steve Hackett, Eddie Van Halen, Brian May, Jeff Beck, Adrian Belew, Frank Zappa, Steve Rothery, Derek Trucks, Alex Lifeson, Stevie Ray Vaughan, Eric Clapton, Ry Cooder, Jeff Healy (ho avuto la fortuna di vederlo dal vivo nel 1991), Warren Haynes, David Gilmour… e potrei andare avanti per ore. Una volta tanto non rimpiangendo, con orgoglio, i vent’anni perduti. La mia America rimane quella di Re Elvis, spero di non dover mai vedere quella di Taylor Swift Presidente degli USA (visto che moltissimi osservatori politici le riconoscono grandi qualità da endorser). Anche se, a ben guardare… alla Casa Bianca c’è già stato un attorucolo come Ronald Reagan.

          Continua a leggere

          In primo piano

          Creuza de ma, capolavoro di De Andrè, esce in versione napoletana

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Un grande intenditore di musica come l’ex leader dei Talking Heads lo definì «il disco più importante della world music. E se l’ha detto David Byrne c’è da starne sicuri. Sicuramente “il più coraggioso”, come riconosce la stessa Dori Ghezzi, partendo proprio da una scelta, anzi da una serie di scelte insensate e geniali, unico modo per far nascere i capolavori.

            Con il fondamentale aiuto di Mauro Pagani

            Parlo di Crêuza de mä, disco di Fabrizio De Andrè scritto a 4 mani con l’ex PFM Mauro Pagani. Eh sì… perchè va dato a Cesare il suo: Pagani, raffinato musicista senza frontiere, tecniche e geografiche. E’ lui a compilare tutti gli spartiti e gli arrangiamenti delle sette canzoni dell’album, suonando buona parte degli strumenti e sovrapponendo la voce nei cori, saccheggiando suoni, ritmi, strumenti e melodie dell’Africa e del vcino Oriente mediterraneo.

            Il gruppo dei napoletani

            A 30 anni da quella pietra miliare alcuni musicisti reinterpretano le canzoni del celebre disco del cantautore genovese scomparso nel 1999, riproponendole in un altro idioma: quello napoletano. Sono Teresa De Sio, Francesco Di Bella, Gerardo Balestrieri, Enzo Gragnaniello con Mimmo Maglionico, Maldestro, Nando Citarella e Nuova Compagnia di Canto Popolare. Protagonisti di questa nuova versione dell’opera che, in origine, è scritta e cantata in genovese antico. Il titolo è “’Na strada ’mmiez ’o mare – Napoli per Fabrizio De André”.

            Sul palco nel 2015, ora in cd

            Arriva a più di trent’anni dall’uscita dell’originale, nascendo da un’operazione datata quasi un decennio fa. L’intero album è stato tradotto in napoletano per due concerti che si tennero nel cortile del Maschio Angioino il 14 e il 15 settembre del 2015. Ora, in occasione del quarantennale dell’uscita discografica dell’album di Faber (e di Pagani…), ciò che venne registrato a Napoli in quell’occasione targata 2015 viene pubblicato su CD da Nota.

            L’intuizione di teresa De Sio

            L’intuizione di tradurre in napoletano Crêuza de mä, è stata della cantautrice napoletana Teresa De Sio, autrice di album come Sulla terra sulla luna (1980), Ombre rosse (1991) e dei più recenti Tutto cambia (2011) e Teresa canta Pino (2017). Proprio nel sopracitato Tutto cambia, la cantante aveva ripreso Crêuza de mä traducendola in napoletano. Assecondando quella intuizione, lo scrittore e giornalista musicale Annino La Posta ha avuto la brillante idea di estendere quel processo linguistico all’intera tracklist del disco di Fabrizio De Andrè.

            Un ricordo anche per Dario Zigiotto

            Un’operazione, quella di traduzione dal dialetto ligure a quello napoletano, che ha fatto emergere, prima di tutto, quanto questi due vernacoli siano compatibili tra loro. Dimostrando anche come l’arricchimento musicale conferito dal napoletano alla fonetica delle canzoni rappresenti un plus notevole, senza nulla togliere ai brani originali. L’idea è stata poi condivisa con il recentemente scomparso Dario Zigiotto (eravamo amici e di lui conservo un ricordo dolcissimo, persona garbata ed estremamente competente), collaboratore di artisti come Enzo Jannacci, Ivano Fossati e dello stesso De André, nonché organizzatore di eventi e di festival molto importanti, come quello di Villa Arconati a Castellazzo di Bollate (MI). Coinvolta naturalmente anche la Fondazione De André (la cui Presidente, Dori Ghezzi, si è resa disponibile come consulente del progetto) e il Club Tenco.

            Tutti i brani

            1 – Teresa De Sio – ’Na strada ’mmiezz’o mare (Crêuza de mä)


            2 – Francesco Di Bella – Jamina (Jamìn-a)

            3 – Gerardo Balestrieri – Sidòne (Sidùn)

            
4 – Enzo Gragnaniello con Mimmo Maglionico – Sinan Capudan Pascià (Sinàn Capudàn Pascià)


            5 – Maldestro – ’A pittima (Â pittima)

            
6 – Nando Citarella – ’A dummeneca (Â duménega)

            
7 – Fausta Vetere e Corrado Sfogli – Nccp – Da chella riva (D’ä mê riva)

              Continua a leggere

              Sonar: tra suoni e visioni

              Elvis è vivo… e lotta insieme a noi

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Se non esistessero le leggende sui musicisti, la storia della musica rock si ridurrebbe ad un periodico elenco di uscite discografiche, intervallate ogni tanto da morti improvvise, per lo più di ventisettenni (per chi fosse interessato, cerchi su Google il “club dei 27”).

                La morte rende eterni

                A chi questa musica l’ha vissuta sulla propria pelle, legandoci i momenti più esaltanti e divertenti della sua vita (come il sottoscritto), piace invece cullarsi nell’idea che – per esempio – Jim Morrison dei Doors stia bellamente sorseggiando un daiquiri su una spiaggia caraibica, magari riservando una sdraio accanto a lui per qualche amico. La morte delle rockstar è certamente l’argomento sul quale si fondano la maggior parte delle storie (inverosimili) del rock. Il motivo è semplice: perché ci permettono di credere che quella storia straordinaria non possa dirsi interrotta per sempre.

                Elvis numero uno… anche in materia di follie

                Se esistesse una classifica di fake news del rock’n’roll (e magari esiste pure…) a Elvis “The King” Presley andrebbe senza dubbio il primato. Notizie confezionate per addolcire lo strazio di quel maledetto 16 agosto 1977, in cui il cadavere del re del rock’n’roll fu trovato senza vita nella sua tenuta di Graceland. Io quel giorno me lo ricordo bene: mi trovavo sulla passeggiata di Lavagna (GE) in vacanza, apprendendo la funesta notizia dal mio inseparabile radioregistratore Philips. Un vero colpo al cuore, anche perchè ero cresciuto con il culto di Presley e del rock’n’roll in generale (Chuck Berry, Little Richard, Bill Haley, Gene Vincent, Eddie Cochran e altri…) grazie a mio padre, da giovane un perfetto teddy boy della riviera di Levante!

                Falsa morte per permettergli una seconda identità segreta

                La teoria più accreditata è quella che il suo entourage abbia imesso in scena la morte del musicista per permettergli di diventare definitivamente un agente della DEA. The King possedeva persino il tesserino identificativo del dipartimento, regalatogli dal presidente Nixon in persona. Una leggenda talmente diffusa che la piattaforma Netflix ha deciso di realizzarne una serie animata, Agent Elvis, doppiata tra gli altri dalla compianta figlia Priscilla e da Matthew McConaughey.

                Via dalla pazza folla

                Un’altra tesi, certamente meno macchinosa, è che Elvis sia semplicemente fuggito dall’inferno della fama e dei riflettori, utilizzando l’identità di Jon Burrows, un misterioso personaggio partito da Memphis per l’Argentina proprio pochi giorni dopo la morte di Elvis…

                Sull’autostrada

                Altri ancora sostengono che il Re sia rimasto nascosto per decenni nella sua Graceland o, ancora, che abbia preso l’identità del predicatore Bob Joyce o, infine, che sia tornato a dedicarsi al suo primo mestiere prima di diventare famoso: il camionista. Se in autostrada veniste superati da un tir con alla guida uno che ci assomiglia… siete avvertiti! Anche se oggi Elvis avrebbe 88 anni: difficile che gli abbiao rinnovato la patente di recente…

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù