Connect with us

Cronaca Nera

“La voce di Accetti” e “l’audio delle torture”. Riaperto il caso Orlandi

La vicenda delle scomparse di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori nel 1983 a Roma ha conosciuto nuovi sviluppi con le audizioni dei familiari davanti alla Commissione d’inchiesta. Emergono dettagli sconcertanti, come la presunta esistenza di un’audiocassetta delle torture e la possibile identificazione del misterioso telefonista come Marco Accetti. Questi elementi aggiungono nuove sfaccettature a un caso già complesso, sollevando interrogativi sulla verità nascosta dietro alle sparizioni e il coinvolgimento di persone precedentemente indagate.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Le audizioni dei familiari di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, due 15enni scomparse a Roma nel 1983, hanno iniziato a Palazzo San Macuto, davanti alla Commissione bicamerale d’inchiesta. Prima dell’inizio della seduta, il presidente della commissione, Andrea De Priamo, ha sottolineato l’importanza di trattare entrambi i casi con la stessa serietà e dedizione. Si è anche menzionato il giornalista Andrea Purgatori, che precedentemente si era interessato al caso Orlandi. Nel frattempo, emergono nuovi dettagli sulla possibile identità del misterioso telefonista che chiamò a casa Orlandi due settimane dopo la scomparsa di Emanuela, con un’accentuata inflessione anglofona, potrebbe essere l’ex indagato Marco Accetti.

    La testimonianza della sorella di Mirella Gregori

    Maria Antonietta Gregori, la sorella di Mirella, ha aperto le audizioni con parole commoventi, sottolineando l’importanza di dare giustizia a sua sorella e alle loro famiglie. Ha descritto il giorno della scomparsa di Mirella, avvenuta dopo una chiamata da parte di un tale “Alessandro”, fingendosi un ex compagno di classe. Maria Antonietta ha richiesto una chiara separazione tra il caso di sua sorella e quello di Emanuela Orlandi, sottolineando la necessità di analizzare ogni dettaglio con attenzione.

    Le rivelazioni di Pietro Orlandi

    Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, ha sollevato una pista intrigante riguardo a un misterioso nastro di tortura che potrebbe contenere la voce della sorella. Ha testimoniato di aver ricevuto informazioni su questo nastro, ma non è riuscito a trovarlo, suggerendo che potrebbe essere custodito negli archivi della questura. Ha anche indicato tre piste per arrivare alla verità, incluso un incontro tra un magistrato e emissari del Vaticano.

    La testimonianza di Federica Orlandi

    Federica Orlandi, una delle sorelle di Emanuela, ha condiviso il suo ricordo dell’ultima telefonata con sua sorella, sottolineando i dettagli dell’incontro di Emanuela con un presunto reclutatore di Avon poco prima della sua scomparsa. Ha raccontato di aver consigliato a Emanuela di tornare a casa e di aver inizialmente pensato che fosse stata vittima di un truffatore

    La misteriosa cassetta delle torture

    Una delle rivelazioni più scioccanti durante le audizioni è stata la menzione di una presunta audiocassetta contenente le urla di una ragazza che veniva torturata ripetutamente. Pietro Orlandi ha espresso la speranza che la Commissione d’Inchiesta possa rintracciare questa cassetta, sottolineando che la voce registrata potrebbe appartenere a sua sorella Emanuela. Questo nastro, se trovato, potrebbe fornire importanti indizi per risolvere il caso, ma la sua scomparsa e le circostanze che lo circondano rendono tutto più enigmatico.

    La possibile identità del misterioso telefonista: Marco Accetti

    La nuova perizia fonica ha portato alla luce un nome: Marco Accetti, già coinvolto in precedenti indagini. Secondo quanto emerso, vi è una notevole compatibilità tra la voce registrata del presunto telefonista e quella di Accetti, con una percentuale di corrispondenza dell’86%.

    Accetti, precedentemente condannato per un omicidio stradale, è emerso in quanto potenziale sospettato, aprendo una nuova prospettiva investigativa nel caso delle due ragazze scomparse. Tuttavia, resta ancora da chiarire se Accetti abbia effettivamente un ruolo nella vicenda o se si tratti di un altro tentativo di depistaggio nell’ambito dell’inchiesta.

      Cronaca

      Il lusso sfacciato di Matteo Messina Denaro

      Durante le commemorazioni per la strage di Capaci, il comandante del ROS rivela l’ampio patrimonio criminale di Matteo Messina Denaro, con già 250 milioni di euro sequestrati. Il boss mafioso, noto per il suo lusso sfrenato, accumula ricchezze in settori diversificati, coinvolgendo anche imprenditori. Il suo stile di vita opulento emerge con un orologio da 30.000 euro al momento dell’arresto. Un’impresa di trent’anni per arrestarlo svela la pervasività della mafia in Italia.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Durante le cerimonie commemorative per il 32° anniversario della strage di Capaci, il comandante del Reparto Operativo Speciale (ROS), Vincenzo Molinese, ha gettato luce su una dimensione sconcertante del mondo criminale italiano: il vasto patrimonio accumulato da Matteo Messina Denaro, uno dei boss più rinomati della mafia siciliana. Secondo le sue parole, sono stati già sequestrati ben 250 milioni di euro di beni riconducibili al capo mafioso, ma la cifra totale del suo patrimonio si stima possa raggiungere la strabiliante cifra di quattro miliardi di euro, comprendendo beni sequestrati e confiscati a prestanome.

        Ciò che emerge da questa narrazione non è solo la dimensione monetaria impressionante di questo impero criminale, ma anche il suo carattere sfacciato e opulento. Messina Denaro non sembrava accontentarsi di una semplice accumulazione di ricchezza illecita, ma mostrava una predilezione evidente per il lusso. Un esempio eclatante di ciò è rappresentato dall’orologio da polso di lusso dal valore di 30.000 euro che indossava al momento del suo arresto, simbolo di uno stile di vita sontuoso e privo di scrupoli.

        Le indagini condotte sul vasto impero criminale di Matteo Messina Denaro hanno rivelato un quadro complesso e variegato. Il boss mafioso aveva diversificato i suoi investimenti in molteplici settori, tra cui la grande distribuzione commerciale, gli impianti eolici, i villaggi turistici e gli immobili. Tuttavia, ciò che rende ancora più inquietante questa storia è il coinvolgimento di imprenditori, spesso in buona fede o sotto minaccia, nella gestione di attività economiche controllate dalla famiglia Messina Denaro.

        Questa intricata rete di ricchezza illecita e potere criminale ha reso incredibilmente difficile l’arresto di Messina Denaro, che per tre decenni è riuscito a sfuggire alla giustizia, mantenendo il suo status di latitante. La sua abilità nel navigare tra le pieghe del sistema giudiziario italiano, oltre alla sua capacità di coinvolgere e corrompere, ha dimostrato la forza e la pervasività della criminalità organizzata in Italia.

          Continua a leggere

          Cronaca

          “Dormivamo davanti alla porta per non farle uscire”: parlano i genitori delle baby squillo

          Una madre sconvolta rivela il dramma della sua figlia coinvolta in un giro di prostituzione minorile, sgominato dalla polizia a Bari. Le indagini portano all’arresto di presunti sfruttatori. Segnali d’allarme ignorati dai genitori emergono, inclusi incontri con personaggi loschi e uso di droghe. La giovane si allontana sempre di più, scaricando le colpe su sua madre mentre si avvicina a un pericoloso mondo oscuro.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            “All’inizio avevo scoperto soltanto che mia figlia frequentava persone poco raccomandabili, tra cui un certo Bino che apparteneva alla famiglia malavitosa Capriati di Bari vecchia. Insieme con mio marito abbiamo aumentato la sorveglianza su di lei. Approfittando dei momenti in cui riposavo, però, usciva di nascosto per poi tornare a tarda sera, tanto da costringerci a uscire a cercarla. Talvolta ero costretta a dormire davanti alla porta di casa per evitare le sue fughe”: questo racconto struggente arriva dalla madre di una sedicenne coinvolta in un giro di prostituzione minorile, sgominato recentemente dalla Squadra mobile a Bari.

            Questo resoconto, denso di dramma e di sconcerto, ha catalizzato l’avvio delle indagini, guidate dal pm Matteo Soave e dal procuratore aggiunto b. Le inchieste hanno portato all’arresto di sei presunti sfruttatori, mentre due clienti sono agli arresti domiciliari e altri due con l’obbligo di dimora. I verbali integrali della madre fanno parte del fascicolo investigativo, che si prevede si concluderà presto grazie alle testimonianze decisive delle giovani coinvolte e dei loro genitori, ritenute attendibili dal gip Giuseppe Ronzino.

            I segnali d’allarme erano evidenti. Le mamme erano sconvolte e impotenti nel vedere le loro figlie cadere in questo abisso. Raccontano di come, nella primavera del 2021, due delle ragazze cominciassero a frequentare compagnie poco raccomandabili, ritardando sempre di più il loro rientro serale. Una madre, con la complicità di un’altra, ha iniziato a monitorare attentamente i loro movimenti, fino a trovare casualmente in macchina un telefono di ultima generazione, non appartenente a nessuna delle due.

            Le ragazze, chiamate a spiegarsi, hanno fornito una storia poco credibile. Ma il loro tentativo di inganno è stato scoperto, e i genitori hanno iniziato a nutrire sospetti sempre più gravi, soprattutto quando è emerso che frequentavano Antonella Albanese, sospettata di essere una escort. Anche il ritrovamento di sostanze stupefacenti nelle loro borse ha acceso un ulteriore campanello d’allarme.

            La situazione è precipitata quando, all’inizio del 2022, una delle ragazze ha cominciato a rimanere fuori casa di notte. La madre, agendo insieme al figlio, ha scandagliato il suo telefono, scoprendo una chat compromettente con un uomo di quarant’anni che discuteva di pagamenti in cambio di favori sessuali. I genitori si sono rivolti a quest’uomo, che li ha indirizzati verso altri possibili complici, evidenziando la pericolosità del giro di amicizie frequentato dalle ragazze.

            Il sequestro della scheda SIM non ha fermato la spirale negativa. La giovane ha continuato a trascorrere notti fuori casa, mentre i genitori, sempre più disperati, hanno chiesto l’intervento della polizia. La madre ha descritto il terrore di vedere sua figlia pubblicare sui social storie in cui ballava in abiti succinti, segno inequivocabile del suo scivolamento verso la prostituzione.

            Il padre, un poliziotto, ha annotato l’inutilità dei loro sforzi nel cercare di capire cosa stesse accadendo alla ragazza. Lei si era chiusa in se stessa, eludendo la sorveglianza familiare, mentre si legava sempre più alle escort adulte, scaricando le colpe su sua madre. In tutto questo, la sedicenne si intratteneva con personaggi loschi, come Bino e Christian Capriati, e altri giovani affiliati a famiglie malavitose, in un oscuro intreccio di pericoli e tragedie.

              Continua a leggere

              Cronaca

              Ilaria Salis: dalla prigione ai domiciliari a Budapest

              Dopo 466 giorni di carcere, Ilaria Salis, attivista italiana e candidata alle Europee con Alleanza Verdi e Sinistra, è stata rilasciata dalla prigione di Gyorskocsi utca a Budapest e ora si trova ai domiciliari. La svolta è avvenuta grazie al pagamento della cauzione di oltre 40 mila euro. Domani è prevista una nuova udienza del processo per lesioni. La campagna di supporto #iostoconilaria continua a crescere.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Ilaria Salis non è più in catene. Ora ai domiciliari, l’attivista italiana e candidata alle Europee con Alleanza Verdi e Sinistra si trova in un appartamento a Budapest. Dopo 466 giorni di carcere, Salis è stata rilasciata questa mattina alle 10:15 dalla prigione di massima sicurezza ungherese di Gyorskocsi utca. La famiglia ha trovato un alloggio dove sarà sottoposta alla misura cautelare. “Finalmente l’abbiamo riabbracciata,” ha commentato il padre, Roberto Salis, sperando che presto possa tornare in Italia.

                Il passaggio ai domiciliari: un momento cruciale

                La svolta è arrivata ieri con il bonifico di oltre 40 mila euro per la cauzione, raccolti da amici e famiglia e trasferiti in Ungheria. La Corte dei conti ungherese ha confermato il pagamento, permettendo al tribunale di disporre i domiciliari. Ilaria Salis, accusata di aver aggredito tre neonazisti durante il Giorno dell’Onore a Budapest, ha ricevuto il braccialetto elettronico ai domiciliari.

                La trepidante attesa e i progetti futuri

                Ieri, Roberto Salis ha incontrato sua figlia in carcere per l’ultima volta. “È in trepidante attesa per l’uscita,” ha raccontato. Durante il colloquio, hanno parlato della campagna elettorale e del libro che Ilaria sta scrivendo sulla sua esperienza e visione della società.

                Prossima udienza

                Domani, 24 maggio, si terrà una nuova udienza del processo per lesioni contro Ilaria Salis. Saranno ascoltati Zoltan Toth, una delle vittime, e due testimoni dell’accusa. Ilaria sarà presente in aula insieme ai suoi familiari, i legali italiani e sostenitori della campagna #iostoconilaria, per la prima volta senza catene.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù