Connect with us

Mondo

Carla Bruni e l’inchiesta su Sarkozy: possibile rinvio a giudizio per l’ex top model

Carla Bruni potrebbe affrontare un rinvio a giudizio insieme a Nicolas Sarkozy nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte tangenti legate alla campagna elettorale del 2007. L’ex modella e cantante è sotto indagine per presunta complicità nelle attività illecite attribuite a suo marito.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Carla Bruni, ex top model e cantante, potrebbe presto trovarsi ad affrontare un rinvio a giudizio insieme al marito, l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy, nell’ambito di un’inchiesta che riguarda presunte tangenti legate alla campagna elettorale del 2007. Secondo gli inquirenti, Bruni avrebbe avuto un ruolo nella gestione di somme di denaro sospette, contribuendo alle attività illecite attribuite a Sarkozy.

    Il contesto dell’inchiesta

    L’inchiesta, che si protrae ormai da diversi anni, è focalizzata su presunte irregolarità nella raccolta fondi per la campagna elettorale che portò Sarkozy all’Eliseo nel 2007. Gli investigatori sospettano che vi siano state delle tangenti per finanziare la campagna, provenienti in parte dall’ex leader libico Muammar Gheddafi. Queste accuse sono state fermamente respinte da Sarkozy, che ha sempre sostenuto la sua innocenza.

    Il ruolo di Carla Bruni

    Gli inquirenti stanno esaminando il ruolo di Carla Bruni nella vicenda. Si ipotizza che l’ex modella possa aver avuto un ruolo attivo nella gestione dei fondi sospetti. In particolare, Bruni sarebbe stata coinvolta nel movimentare le somme di denaro attraverso conti bancari e operazioni finanziarie che potrebbero essere state utilizzate per coprire le attività illecite.

    Le possibili conseguenze legali

    Se le accuse dovessero essere confermate, sia Sarkozy che Bruni potrebbero essere rinviati a giudizio. Questo scenario rappresenterebbe un duro colpo per l’immagine pubblica della coppia, già sotto pressione per le numerose inchieste giudiziarie che hanno coinvolto Sarkozy negli ultimi anni. L’ex presidente ha già affrontato diversi processi, tra cui quello relativo alle intercettazioni illegali, per il quale è stato condannato a tre anni di carcere, di cui uno da scontare in detenzione.

    Le reazioni della coppia

    Fino ad ora, né Carla Bruni né Nicolas Sarkozy hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali in merito alle ultime evoluzioni dell’inchiesta. Tuttavia, in passato, Bruni ha difeso strenuamente il marito, definendo le accuse contro di lui come una caccia alle streghe orchestrata dai suoi avversari politici. Anche Sarkozy ha sempre mantenuto la propria innocenza, sostenendo di essere vittima di una persecuzione giudiziaria.

    L’attenzione dei media e del pubblico

    La notizia del possibile rinvio a giudizio di Carla Bruni ha suscitato grande interesse mediatico, sia in Francia che all’estero. L’ex top model, divenuta una figura di spicco nel panorama culturale e politico francese, continua ad attirare l’attenzione del pubblico. La sua storia personale e la sua relazione con Sarkozy sono state spesso al centro delle cronache, e l’eventuale coinvolgimento diretto di Bruni in un’inchiesta di tale portata non fa che aumentare l’interesse e le speculazioni.

    Il futuro della coppia

    Se rinviati a giudizio, Carla Bruni e Nicolas Sarkozy dovranno prepararsi ad affrontare un processo lungo e complesso, con ripercussioni significative sulla loro vita personale e pubblica. L’esito di questa vicenda potrebbe influenzare non solo la loro reputazione, ma anche il panorama politico francese, dove Sarkozy continua ad avere un’influenza notevole.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Mondo

      Biden fa gaffe a raffica: chiama Zelensky “Putin” e Kamala Harris “Trump”.

      La conferenza stampa conclusiva del vertice Nato era considerata come l’ultima prova d’appello concessa al presidente, per dimostrare che può ancora condurre la campagna elettorale. Ma la macchina per sostituirlo intanto si era già messa in moto

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Trump, molto probabilmente, sarà stato davanti alla TV con un pacco di popcorn a godersi lo spettacolo, visto che ormai ogni discorso di Biden si trasforma in uno spettacolo da comico provetto a forza di gaffe. Dopo essersi definito “il primo presidente nero e donna della storia”, ieri ha chiamato Putin il presidente ucraino Zelensky, ha chiamato Trump la sua vice Kamala Harris e ha lasciato di nuovo tutti senza parole. Ma lui va dritto per la sua strada: “Devo finire questo lavoro, ci sono troppe cose in gioco”.

        Una gaffe tira l’altra

        Se il Joe Biden che ha tenuto ieri sera la conferenza stampa finale del vertice NATO si fosse presentato così anche al dibattito di Atlanta con Trump, forse adesso mezzo mondo non starebbe discutendo l’opportunità che si ritiri dalla corsa presidenziale. Però, come ha scritto George Clooney sul New York Times, non è facile cancellare quello che 51 milioni di spettatori hanno visto con i propri occhi.

        Le prossime ore saranno decisive per capire se una serata può bastare a cancellarne l’altra, con tutte le paure che ha suscitato sulla capacità di terminare la campagna ed evitare il ritorno di un presidente che minaccia di scardinare l’ordine globale basato sulle regole.

        Zelensky è Putin

        Biden non si è presentato bene alla conferenza stampa più importante della sua carriera politica, compiendo un’altra serie di gaffe degne di un attore comico provetto: mentre introduceva Zelensky all’evento della NATO dedicato a Kiev, ha detto: “E ora vi presento il presidente dell’Ucraina, che non so dirvi se abbia più coraggio o determinazione. Presidente Putin.” Gelo in sala. Aveva appena commesso l’errore più grave che si potesse immaginare, nel vertice dove doveva dimostrare di essere ancora in grado di guidare gli USA e vincere le elezioni di novembre. Ha capito subito e si è corretto: “Non Putin, Putin è quello che lui batterà. Presidente Zelensky.” Ma poteva bastare?

        Kamala è Trump

        Poi all’inizio della conferenza stampa, ritardata di un paio di ore rispetto al programma originario, ne ha combinata un’altra, chiamando la sua vice Kamala Harris la “vice presidente Trump”. Di questo errore non si è neppure accorto, continuando a spiegare perché lei sarebbe attrezzata a battere Donald: “Non l’avrei scelta, se non fossi stato convinto che poteva fare il presidente. E lo sta dimostrando, con la sua efficacia nell’affrontare temi come la salute delle donne.” Poteva sembrare un’apertura all’ipotesi di essere sostituito, ma poi ha aggiunto: “Certo che ci sono altre persone in grado di battere Trump, però cominciare da zero è assai complicato.”

        I giornalisti lo hanno incalzato con le domande sul suo stato di salute, ma non ha ammesso di avere problemi: “Ho solo detto che devo gestire meglio il mio tempo e le mie forze.” Quindi non vede il motivo di sottoporsi a esami neurologici per provare che sta bene: “Ho fatto tre test e sono andati tutti bene. Se me lo ordinasse il mio medico, lo farei. Altrimenti non c’è ragione. L’unica cosa che porta l’età avanzata, se guardi bene, è un po’ di saggezza in più.”

        Stesso discorso per l’ipotesi di farsi da parte: “Sono la persona più qualificata per battere Trump. Non ho intenzione di ritirarmi, a meno che qualcuno non mi dimostri che non ho la possibilità di vincere, dati alla mano. Ma nessun sondaggio sostiene questo fatto e la campagna è appena agli inizi.” Se vorranno, i delegati alla Convention democratica di agosto a Chicago “avranno la libertà di votare per qualche altro candidato. Ma non lo faranno, perché io ho vinto le primarie e resto la persona più qualificata per battere Trump.”

        Ottimi risultati, ma presentati così…

        Quindi ha discusso le sue politiche, i risultati dell’amministrazione, il calo repentino dell’inflazione al 3% annunciato ieri, i successi nel tenere unita la NATO contro l’aggressione di Putin, così come frenare Netanyahu a Gaza, o contenere il leader cinese Xi. Quanto al motivo per cui non ha mantenuto la promessa di essere un ponte verso una nuova generazione di leader democratici, la ragione sta nella “gravità della situazione che avrei lasciato.” Insomma, nessun passo indietro: “Sono determinato a correre, anche se mi rendo conto della necessità di placare le paure.” Resta da vedere se oggi anche gli altri leader del Partito democratico, e soprattutto gli elettori, che secondo l’ultimo sondaggio della CBS per due terzi vorrebbero il suo ritiro, saranno dello stesso parere.

        Deve ritirarsi

        Un gruppo di consiglieri di Biden si è convinto che non può vincere le elezioni contro Trump, e quindi cercherà di spingerlo verso il ritiro. Sommata alla notizia che l’ex capo della Casa Bianca Barack Obama era stato informato da George Clooney dell’articolo che stava per pubblicare sul New York Times, ma non aveva fatto nulla per fermarlo, questa rivelazione del giornale di Manhattan conferma l’accelerazione in corso per cambiare il candidato democratico.

        Ultimo appello

        La conferenza stampa di ieri sera veniva considerata come l’ultima prova d’appello concessa al presidente, per dimostrare che può ancora condurre la campagna elettorale, ma la macchina per sostituirlo intanto si stava già mettendo in moto. Il sito Politico ha rivelato che Obama era stato informato da Clooney dell’articolo con cui avrebbe chiesto il passo indietro, e pur senza appoggiarlo o consigliarlo, non aveva fatto nulla per fermarlo. Negli ambienti più vicini a Biden, questa viene presa come la conferma che l’ex presidente sta complottando contro l’ex vice, anche se pochi pensano che lo stia facendo per favorire l’ascesa della moglie Michelle a candidata del Partito.

        I senatori lo scaricano

        Il sito Axios ha scritto che il leader della maggioranza al Senato Schumer ha detto in privato di essere disposto a considerare la sostituzione di Joe. Il leader dei democratici alla Camera Jeffries ha convocato una nuova riunione per discutere i prossimi passi. I deputati che lo hanno scaricato sono undici, più un senatore, ma rappresentano solo la punta dell’iceberg di un risentimento più profondo. Molti finanziatori poi minacciano di chiudere i rubinetti e alcuni lo hanno già fatto, come Mark Pinkus o Abigal Dusney, con le risorse che secondo il Financial Times si stanno già “prosciugando.” Solo la sinistra del Partito, guidata dal senatore Sanders e la deputata Ocasio, resta ferma nella difesa di Biden, dopo averlo attaccato pesantemente su Gaza, ma in cambio chiede che adotti in pieno la sua agenda.

        Kamala Harris al suo posto

        Secondo il New York Times, alcuni collaboratori del presidente cercheranno di spingerlo al ritiro basandosi su tre punti: primo, convincerlo che non può vincere; secondo, che la vice Harris può battere Trump; terzo, che il processo per il cambio non sarà caotico. La Casa Bianca e la campagna smentiscono, ma sempre il Times scrive che dietro le quinte hanno iniziato a fare analisi e sondaggi per valutare le capacità di Kamala di prevalere contro Donald. Ieri mattina i consiglieri più stretti, Steve Ricchetti, Mike Donilon e Jennifer O’Malley Dillon, sono andati a Capitol Hill per convincere i senatori a non abbandonarlo, poche ore prima della conferenza stampa. Lui non li ha aiutati, presentando Zelensky alla cerimonia per l’Ucraina chiamandolo Putin.

        Nel frattempo è uscita la notizia che l’inflazione ha frenato più del previsto, scendendo al 3%, con la buona probabilità che ora la Federal Reserve torni a programmare il taglio dei tassi. In altri tempi, sarebbe stata manna per la campagna presidenziale democratica. Ora, però, bisogna prima scegliere il candidato che possa vantarla e usarla per battere Trump.

          Continua a leggere

          Cronaca

          Cosa sta succedendo al nostro pianeta? Perché la Terra rallenta la sua rotazione?

          sebbene il rallentamento del nucleo interno della Terra sia un fenomeno intrigante e complesso, le sue conseguenze immediate per la nostra vita quotidiana sono minime. Continueremo a beneficiare della protezione del campo magnetico terrestre e della regolarità del ciclo giorno-notte, senza doverci preoccupare di cambiamenti drastici.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

            Il rallentamento della rotazione del nucleo interno della Terra è un fenomeno affascinante che, sebbene sia ancora poco compreso, non rappresenta una minaccia imminente per il pianeta e nemmeno per la nostra vita quotidiana. Vediamo di fare il punto della situazione.

            Cosa sta succedendo?

            Il nucleo interno della Terra, composto principalmente da ferro e nichel, ruota a una velocità diversa rispetto al resto del pianeta. Recentemente, i ricercatori hanno scoperto che questa rotazione sta rallentando, tanto che la superficie terrestre ha “superato” il nucleo interno. Questo cambiamento è stato osservato attraverso l’analisi delle onde sismiche prodotte da terremoti e test nucleari, che rivelano informazioni su come si comportano le profondità del nostro pianeta.

            Conseguenze sul campo magnetico

            Il nucleo esterno, fluido, è fondamentale per la generazione del campo magnetico terrestre. Anche se le variazioni nella velocità del nucleo interno potrebbero influenzare leggermente il campo magnetico, non ci aspettiamo effetti drammatici. Potrebbero esserci lievi variazioni nel campo magnetico e nella velocità di rotazione della Terra, ma non tali da avere un impatto significativo sulla nostra vita quotidiana.

            Impatti sulla durata del giorno

            Le differenze di rotazione tra il nucleo interno e la superficie terrestre possono influire sulla durata del giorno, ma queste variazioni sono minime, dell’ordine di qualche millesimo di secondo. Non dovremo quindi riadattare i nostri orologi.

            Che futuro ci aspetta?

            Gli studi suggeriscono che il nucleo interno segue un ciclo di accelerazione e decelerazione di circa 70 anni. L’ultima accelerazione risale agli anni ’70 fino al 2009, seguita dall’attuale fase di rallentamento. Si prevede che questa fase si esaurirà intorno agli anni ’40, con un nuovo ciclo di accelerazione del nucleo interno.

            Il fascino della geologia

            La comprensione di questi fenomeni richiede l’analisi di dati sismici complessi, rendendo la geologia un campo affascinante e complesso. Sebbene non esistano prove dirette della rotazione del nucleo interno, le onde sismiche offrono preziosi indizi su quanto avviene nel profondo della Terra.

              Continua a leggere

              Mondo

              George Clooney chiede il ritiro di Joe Biden: «Non può vincere contro il tempo»

              L’attore scende in campo: «Amo Joe Biden, ma abbiamo bisogno di un nuovo candidato», ha dichiarato l’attore e regista.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                In un editoriale apparso sul New York Times, George Clooney ha invitato Joe Biden a ritirarsi dalle nuove elezioni presidenziali. “Io amo Joe Biden – ha scritto l’attore – come senatore, come vicepresidente e come presidente, lo considero un amico, credo in lui. Credo nel suo carattere, credo nella sua morale. Negli ultimi quattro anni ha vinto molte delle battaglie che ha affrontato”.

                “Ma una battaglia che non può essere vinta – ha aggiunto – è quella contro il tempo. Nessuno di noi può. È devastante dirlo, ma il Joe Biden che tre settimane fa era alla raccolta fondi non era il ‘fottutamente grande’ Joe Biden del 2010. E neanche il Joe Biden del 2020. Era lo stesso uomo che tutti noi abbiamo visto al dibattito”.

                George Clooney ha ammesso: “Siamo tutti terrorizzati dalla prospettiva di un secondo mandato di Trump, i cui segnali abbiamo deciso di ignorare. L’intervista a George Stephanopoulos ha solamente rafforzato quello che abbiamo visto la settimana prima. Come democratici tratteniamo il respiro o abbassiamo il volume tutte le volte che vediamo il Presidente, che noi rispettiamo, quando esce dall’Air Force One o torna verso il microfono per rispondere a una domanda non prevista”.

                “È corretto sottolineare queste cose? – ha domandato l’attore – deve esserlo. È una questione d’età, nient’altro. Noi non vinceremo a novembre con questo Presidente, e non prenderemo la Camera e perderemo il Senato. Non è solo la mia opinione, ma l’opinione di ogni senatore, membro del Congresso e governatore con cui ho parlato in privato, a prescindere da quello che lui o lei dice pubblicamente”.

                Clooney ha proposto alcuni candidati, da Wes Moore a Kamala Harris, da Gretchen Whitmer a Gavin Newsom e Andy Beshear e J.B. Pritzker e altri. Ha pertanto chiesto di decidere in fretta e poi andare alla convention in programma il prossimo mese. “Joe Biden – ha concluso – è un eroe: ha salvato la democrazia nel 2020. Abbiamo bisogno che lo faccia di nuovo nel 2024”.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù