Connect with us

Cronaca

Asteroidi: una giornata mondiale per migliorare il monitoraggio

In questi giorni l’attenzione è rivolta a due asteroidi, 2011 UL21 e 2024 MK, che hanno effettuato il loro passaggio ravvicinato alla Terra proprio alla vigilia della Giornata degli Asteroidi.

Avatar photo

Pubblicato

il

asteroidi sempre più vicini alla Terra

    Domenica 30 giugno è stata celebrata la Giornata internazionale degli asteroidi, istituita per commemorare l’evento di Tunguska del 1908, il più grande impatto di un asteroide nella storia recente. Questa giornata mira a sensibilizzare il pubblico e i governi sui rischi degli impatti asteroidali e sulla necessità di sviluppare strategie di difesa planetaria.

    Incontri ravvicinati

    Quest’anno l’attenzione si è concentrata su due asteroidi, 2011 UL21 e 2024 MK, che hanno effettuato passaggi ravvicinati alla Terra proprio alla vigilia della Giornata degli Asteroidi. Questi passaggi hanno offerto l’opportunità di testare i sistemi di monitoraggio e raccolta dati, fondamentali per la difesa planetaria. Ma che caratteristiche hanno i due asteroidi che hanno “sfiorato” la Terra qualche giorno fa? Ecco qualche dettaglio su questi due visitatori.

    2011 UL21

    E’ stata scoperta il 17 ottobre 2011 dalla Catalina Sky Survey, un progetto del Lunar and Planetary Laboratory dell’Università dell’Arizona. Ha un diametro di circa 2,3 chilometri più grande del 99% degli asteroidi vicini alla Terra. Lo scorso 27 giugno la sua distanza minima dalla Terra è stata di 6,6 milioni di chilometri. Il prossimo passaggio ravvicinato rispetto al nostro pianeta è previsto per il 25 giugno 2089 (a “soli” 2,7 milioni di km). Sempre più vicina quindi. Tra le sue numerose particolarità da notare che è uno dei 10 asteroidi più grandi transitati vicino alla Terra dal 1900 in poi.

    2024 MK

    E’ stata scoperta pochi giorni fa, poco prima del suo passaggio ravvicinato. E questo sarebbe preoccupante nella valutazione del monitoraggio dei cieli da parte dei ricercatori e specialisti. Non se ne erano accorti mai prima d’ora. Le sue dimensioni sono stimate tra 150 e 200 metri di diametro. La distanza minima dalla Terra al suo recente passaggio è stata di 295.000 chilometri (29 giugno 2024). Per chi se lo fosse perso il suo prossimo passaggio ravvicinato non è ancora stato previsto con precisione. E anche questo è preoccupante. Perché a ogni passaggio gli asteroidi sono sempre più vicini alla Terra. La sua orbita e le sue caratteristiche sono ancora poco conosciute.

    Potenzialmente pericolosi

    Entrambi gli asteroidi sono classificati come “potenzialmente pericolosi” per le loro dimensioni e la vicinanza alla Terra, ma non hanno rappresentato una minaccia reale. Tuttavia, il loro passaggio ravvicinato ha offerto un’opportunità unica per studiarli e migliorare le nostre capacità di monitoraggio e risposta.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Mondo

      Biden fa gaffe a raffica: chiama Zelensky “Putin” e Kamala Harris “Trump”.

      La conferenza stampa conclusiva del vertice Nato era considerata come l’ultima prova d’appello concessa al presidente, per dimostrare che può ancora condurre la campagna elettorale. Ma la macchina per sostituirlo intanto si era già messa in moto

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Trump, molto probabilmente, sarà stato davanti alla TV con un pacco di popcorn a godersi lo spettacolo, visto che ormai ogni discorso di Biden si trasforma in uno spettacolo da comico provetto a forza di gaffe. Dopo essersi definito “il primo presidente nero e donna della storia”, ieri ha chiamato Putin il presidente ucraino Zelensky, ha chiamato Trump la sua vice Kamala Harris e ha lasciato di nuovo tutti senza parole. Ma lui va dritto per la sua strada: “Devo finire questo lavoro, ci sono troppe cose in gioco”.

        Una gaffe tira l’altra

        Se il Joe Biden che ha tenuto ieri sera la conferenza stampa finale del vertice NATO si fosse presentato così anche al dibattito di Atlanta con Trump, forse adesso mezzo mondo non starebbe discutendo l’opportunità che si ritiri dalla corsa presidenziale. Però, come ha scritto George Clooney sul New York Times, non è facile cancellare quello che 51 milioni di spettatori hanno visto con i propri occhi.

        Le prossime ore saranno decisive per capire se una serata può bastare a cancellarne l’altra, con tutte le paure che ha suscitato sulla capacità di terminare la campagna ed evitare il ritorno di un presidente che minaccia di scardinare l’ordine globale basato sulle regole.

        Zelensky è Putin

        Biden non si è presentato bene alla conferenza stampa più importante della sua carriera politica, compiendo un’altra serie di gaffe degne di un attore comico provetto: mentre introduceva Zelensky all’evento della NATO dedicato a Kiev, ha detto: “E ora vi presento il presidente dell’Ucraina, che non so dirvi se abbia più coraggio o determinazione. Presidente Putin.” Gelo in sala. Aveva appena commesso l’errore più grave che si potesse immaginare, nel vertice dove doveva dimostrare di essere ancora in grado di guidare gli USA e vincere le elezioni di novembre. Ha capito subito e si è corretto: “Non Putin, Putin è quello che lui batterà. Presidente Zelensky.” Ma poteva bastare?

        Kamala è Trump

        Poi all’inizio della conferenza stampa, ritardata di un paio di ore rispetto al programma originario, ne ha combinata un’altra, chiamando la sua vice Kamala Harris la “vice presidente Trump”. Di questo errore non si è neppure accorto, continuando a spiegare perché lei sarebbe attrezzata a battere Donald: “Non l’avrei scelta, se non fossi stato convinto che poteva fare il presidente. E lo sta dimostrando, con la sua efficacia nell’affrontare temi come la salute delle donne.” Poteva sembrare un’apertura all’ipotesi di essere sostituito, ma poi ha aggiunto: “Certo che ci sono altre persone in grado di battere Trump, però cominciare da zero è assai complicato.”

        I giornalisti lo hanno incalzato con le domande sul suo stato di salute, ma non ha ammesso di avere problemi: “Ho solo detto che devo gestire meglio il mio tempo e le mie forze.” Quindi non vede il motivo di sottoporsi a esami neurologici per provare che sta bene: “Ho fatto tre test e sono andati tutti bene. Se me lo ordinasse il mio medico, lo farei. Altrimenti non c’è ragione. L’unica cosa che porta l’età avanzata, se guardi bene, è un po’ di saggezza in più.”

        Stesso discorso per l’ipotesi di farsi da parte: “Sono la persona più qualificata per battere Trump. Non ho intenzione di ritirarmi, a meno che qualcuno non mi dimostri che non ho la possibilità di vincere, dati alla mano. Ma nessun sondaggio sostiene questo fatto e la campagna è appena agli inizi.” Se vorranno, i delegati alla Convention democratica di agosto a Chicago “avranno la libertà di votare per qualche altro candidato. Ma non lo faranno, perché io ho vinto le primarie e resto la persona più qualificata per battere Trump.”

        Ottimi risultati, ma presentati così…

        Quindi ha discusso le sue politiche, i risultati dell’amministrazione, il calo repentino dell’inflazione al 3% annunciato ieri, i successi nel tenere unita la NATO contro l’aggressione di Putin, così come frenare Netanyahu a Gaza, o contenere il leader cinese Xi. Quanto al motivo per cui non ha mantenuto la promessa di essere un ponte verso una nuova generazione di leader democratici, la ragione sta nella “gravità della situazione che avrei lasciato.” Insomma, nessun passo indietro: “Sono determinato a correre, anche se mi rendo conto della necessità di placare le paure.” Resta da vedere se oggi anche gli altri leader del Partito democratico, e soprattutto gli elettori, che secondo l’ultimo sondaggio della CBS per due terzi vorrebbero il suo ritiro, saranno dello stesso parere.

        Deve ritirarsi

        Un gruppo di consiglieri di Biden si è convinto che non può vincere le elezioni contro Trump, e quindi cercherà di spingerlo verso il ritiro. Sommata alla notizia che l’ex capo della Casa Bianca Barack Obama era stato informato da George Clooney dell’articolo che stava per pubblicare sul New York Times, ma non aveva fatto nulla per fermarlo, questa rivelazione del giornale di Manhattan conferma l’accelerazione in corso per cambiare il candidato democratico.

        Ultimo appello

        La conferenza stampa di ieri sera veniva considerata come l’ultima prova d’appello concessa al presidente, per dimostrare che può ancora condurre la campagna elettorale, ma la macchina per sostituirlo intanto si stava già mettendo in moto. Il sito Politico ha rivelato che Obama era stato informato da Clooney dell’articolo con cui avrebbe chiesto il passo indietro, e pur senza appoggiarlo o consigliarlo, non aveva fatto nulla per fermarlo. Negli ambienti più vicini a Biden, questa viene presa come la conferma che l’ex presidente sta complottando contro l’ex vice, anche se pochi pensano che lo stia facendo per favorire l’ascesa della moglie Michelle a candidata del Partito.

        I senatori lo scaricano

        Il sito Axios ha scritto che il leader della maggioranza al Senato Schumer ha detto in privato di essere disposto a considerare la sostituzione di Joe. Il leader dei democratici alla Camera Jeffries ha convocato una nuova riunione per discutere i prossimi passi. I deputati che lo hanno scaricato sono undici, più un senatore, ma rappresentano solo la punta dell’iceberg di un risentimento più profondo. Molti finanziatori poi minacciano di chiudere i rubinetti e alcuni lo hanno già fatto, come Mark Pinkus o Abigal Dusney, con le risorse che secondo il Financial Times si stanno già “prosciugando.” Solo la sinistra del Partito, guidata dal senatore Sanders e la deputata Ocasio, resta ferma nella difesa di Biden, dopo averlo attaccato pesantemente su Gaza, ma in cambio chiede che adotti in pieno la sua agenda.

        Kamala Harris al suo posto

        Secondo il New York Times, alcuni collaboratori del presidente cercheranno di spingerlo al ritiro basandosi su tre punti: primo, convincerlo che non può vincere; secondo, che la vice Harris può battere Trump; terzo, che il processo per il cambio non sarà caotico. La Casa Bianca e la campagna smentiscono, ma sempre il Times scrive che dietro le quinte hanno iniziato a fare analisi e sondaggi per valutare le capacità di Kamala di prevalere contro Donald. Ieri mattina i consiglieri più stretti, Steve Ricchetti, Mike Donilon e Jennifer O’Malley Dillon, sono andati a Capitol Hill per convincere i senatori a non abbandonarlo, poche ore prima della conferenza stampa. Lui non li ha aiutati, presentando Zelensky alla cerimonia per l’Ucraina chiamandolo Putin.

        Nel frattempo è uscita la notizia che l’inflazione ha frenato più del previsto, scendendo al 3%, con la buona probabilità che ora la Federal Reserve torni a programmare il taglio dei tassi. In altri tempi, sarebbe stata manna per la campagna presidenziale democratica. Ora, però, bisogna prima scegliere il candidato che possa vantarla e usarla per battere Trump.

          Continua a leggere

          Cronaca Nera

          I fratelli Castagna sulla Strage di Erba: «Ora guardate queste foto e chiedeteci scusa»

          Nel recente verdetto del tribunale sulla strage di Erba, la richiesta di revisione del processo è stata respinta, confermando l’ergastolo per Olindo Romano e Rosa Bazzi. I fratelli Castagna, Giuseppe e Pietro, hanno chiesto di tornare a una vita normale, sottolineando la ribadita verità secondo cui i colpevoli sono stati giustamente condannati. Il loro avvocato ha annunciato ricorso in Cassazione.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Ieri, il tribunale ha emesso una decisione definitiva respingendo la richiesta di revisione del processo riguardante la tragica strage di Erba. Questo verdetto conferma che Olindo Romano e Rosa Bazzi rimangono condannati all’ergastolo, e di conseguenza torneranno a scontare la pena nei penitenziari di Opera e Bollate. I fratelli Giuseppe e Pietro Castagna, nel frattempo, hanno espresso il loro desiderio di ritornare a una “vita normale”, riaffermando con forza la verità che, secondo loro, è stata ribadita in modo inequivocabile.

            Chiedete scusa!

            Pietro Castagna ha dichiarato con fermezza: “La verità è stata ribadita per l’ennesima volta. Gente senza scrupoli né morale guardi questo video e ci chieda scusa. Chiedete scusa al piccolo Fefè, a Raffaella, a nostra madre Paola, alla signora Valeria, al signor Mario, a Elena e Andrea, a nostro padre, a Beppe e a me”.

            Niente revisione

            Nel corso dell’udienza presso la Corte d’appello di Brescia, l’istanza di revisione del processo è stata definita “inammissibile”. Durante la lettura del verdetto, Olindo Romano è rimasto impassibile, mentre Rosa Bazzi ha mostrato segni di delusione e stizza, sfociando infine in lacrime, secondo quanto riferito da testimoni presenti in aula. Questo verdetto segna una svolta decisiva per la loro vicenda giudiziaria, riportandoli nuovamente di fronte alla realtà della detenzione a tempo indeterminato.

            Resta l’ergastolo

            L’avvocato storico dei coniugi, Fabio Schembri, non si è fatto attendere nel promettere un ricorso in Cassazione, evidenziando la determinazione nel continuare a lottare per rivedere il verdetto giudiziario. Nel frattempo, Azouz Marzouk, che ha perso la moglie Raffaella Castagna, il figlio dueenne Youssef e la suocera Paola Galli nella strage, ha mantenuto la sua posizione ferma nel sostenere l’innocenza di Olindo Romano e Rosa Bazzi. Nonostante sia parte civile nel processo, Marzouk rimane convinto che i coniugi non siano i responsabili della tragedia. Continuerà a lottare affinché le indagini siano riaperte, sperando di far emergere la verità su quanto accaduto.

            .

              Continua a leggere

              Italia

              Papa Francesco esce dal Vaticano e va dall’ottico di fiducia FOTO

              Papa Francesco si è recato a sorpresa dal suo ottico di fiducia in via del Babuino a Roma per cambiare le lenti dei suoi occhiali. Arrivato con la sua Fiat 500 bianca, il Pontefice ha trascorso quasi un’ora nel negozio, rifiutando di cambiare la montatura. Alessandro Spiezia, l’ottico, ha raccontato con emozione l’incontro

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Reduce dalla visita a Trieste, dove ha concluso le Settimane sociali dei cattolici, Papa Francesco è uscito questo pomeriggio dal Vaticano per recarsi dal suo ottico di fiducia in via del Babuino, a due passi da Piazza del Popolo. L’uscita è avvenuta in modo discreto, come già fatto altre volte in passato per andare dall’ottico o in farmacia.

                Il Pontefice a bordo della sua Fiat 500 bianca, ha raggiunto il centro di Roma con un obiettivo preciso: cambiare le lenti dei suoi occhiali senza modificare la montatura, a cui è affezionato. Alessandro Spiezia, l’ottico romano che ha servito il Papa, ha raccontato con emozione l’esperienza.

                L’incredibile telefonata e l’incontro

                Alessandro Spiezia, ottico da una vita in via del Babuino, ancora incredulo, ha ricordato la telefonata ricevuta dal Papa sabato a mezzogiorno. “Mi ha chiamato dal suo cellulare per chiedere se il mio negozio fosse aperto. Mi aveva già chiamato per i miei 80 anni,” ha detto Spiezia. Lunedì 8 luglio, alle 17, Papa Francesco si è presentato nel negozio con una prescrizione per cambiare le lenti degli occhiali.

                “Abbiamo misurato la vista e ha scelto di non cambiare montatura, solo le lenti,” ha continuato Spiezia. “È stato da me poco meno di un’ora. Ha chiesto di pagare gli occhiali, come ha sempre fatto in passato, ma quei soldi li ho dati in beneficenza.”

                Un cliente speciale tra le stelle di Hollywood

                Il negozio di Alessandro Spiezia, operativo dal 1921, ha visto passare molti personaggi famosi, da Federico Fellini a Tom Hanks e Marcello Mastroianni. E ora anche Papa Francesco ha varcato la soglia di questo storico negozio. “Quando ho sentito la sua voce, l’ho riconosciuto subito,” ha raccontato l’ottico. “Era sereno e tranquillo. Gli ho chiesto se voleva cambiare la montatura oltre alle lenti, ma mi ha risposto di no. È un tradizionalista e si trova bene con quella che ha.”

                Un’uscita di basso profilo

                Questa non è la prima volta che Papa Francesco esce dal Vaticano per compiere gesti semplici e umani come recarsi dall’ottico o in farmacia. Già nel 2015, il suo “cambio di montatura” divenne un evento di grande rilevanza mediatica. Il Papa continua a sorprendere con le sue uscite di basso profilo, dimostrando una volta di più la sua vicinanza alle persone comuni e la sua semplicità.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù