Connect with us

Cronaca

Pennabilli e la battaglia contro Dracula

La notizia del trasferimento dell’associazione nazionale dei ‘veri vampiri’, la Darkblood Italy Vampires, nel borgo di Pennabilli, in provincia di Rimini, ha suscitato non poche polemiche e reazioni contrastanti tra gli abitanti del luogo e le autorità locali.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Ci mancavano anche i vampiri per confondere le idee di questa stramba primavera che si appresta a diventare estate ma senza tanta convinzione. La notizia è che siamo circondati da vampiri. Forse anche il vicino della porta accanto lo è e non ce ne siamo mai accorti. Forse anche un nostro stesso parente stretto… ma qui entriamo nel mondo del fantasy, dei romanzi e dei film ad alta tensione emotiva.

    Veri vampiri tra di noi

    Di fatto sappiamo, per stessa ammissione di uno dei suoi leader Horus Sat, alias Jacob Dimitri, che in mezzo a noi si ramifica una comunità di “real vampyres” che sostiene di avere bisogno di sangue come “energia vitale” per vivere. L’associazione più in vista, nata all’inizio del 2024, è la Darkblood Italy Vampyres composta da persone che si definiscono ‘veri vampiri’, ovvero individui che ‘dicono’ di assumere energia bevendo sangue da donatori. Volontari? A capo di questa comunità c’è Jacob Dimitri. Da anni gli associati sostengono di non essere né dei malati né esaltati e rivendicando solo il “sacrosanto diritto di riunirsi”.

    Perché parliamo di vampiri?

    L’argomento vampiri è salito alla ribalta delle cronache perché l’associazione di cui sopra ha scelto di avere una nuova sede e per questo ha puntato su uno dei borghi più incantevoli sulle colline riminesi: Pennabilli. Povero Tonino Guerra, poeta, scrittore e sceneggiatore di fama internazionale, tra i più sopraffini della fine del secolo scorso, nato a Sant’Arcangelo di Romagna che a Pennabilli ha trascorso gran parte della sua esistenza. Anche se ormai sottoterra dal 2012 gli gireranno un po’ sapere che nella sua terra d’elezione si stabiliranno i succhiatori di sangue. Ma è in buona compagnia. Perché nel borgo riminese i vampiri non li vuole nessuno. La scelta di stabilire la sede dell’associazione a Pennabilli, infatti, ha sollevato diverse polemiche e critiche, soprattutto da parte del sindaco del paese e di alcuni rappresentanti della comunità locale.

    Indignazione tra i residenti e le autorità locali

    Renzo Baldoni, direttore dei Musei del Calcolo e dell’Informatica di Pennabilli, è stato tra i primi a reagire, definendo questa decisione e le affermazioni del leader Dimitri come “peggio dei terrapiattisti“. Naturalmente anche il sindaco Mauro Giannini ha sottolineato che Pennabilli non ha bisogno iniziative del genere. Comunque questa storia ha attirato l’attenzione dei media e sollevato discussioni sulla legittimità e l’impatto delle credenze dei “real vampyres”. Nonostante la presenza di un seguito online, le attività di Horus Sat sono state accolte con scetticismo e preoccupazione per le possibili implicazioni sociali e culturali per il piccolo borgo. E chissà mai se Tonino là dove si trova ora troverà l’ispirazione per qualche suo racconto o per un nuovo soggetto cinematografico.

    I vampiri in Italia

    Darkblood Italy Vampires più contare su numerosi seguaci o adepti con un gruppo ufficiale su Facebook che in pochi mesi ha registrato oltre 4400 aderenti. I promotori si definiscono “la più grande associazione italiana di Real Vampires sui social e sul territorio nazionale, un’organizzazione legalmente costituita, con statuto depositato presso l’Agenzia delle Entrate.” Guidata da Jacob the real vampire” l’associazione “ha radunato intorno a sé altri real vampiri, amici di lunga data, con i quali ha costituito il consiglio direttivo che governa il Darkblood“. L’organizzazione dispone di diverse sedi ufficiali, oltre quella italiana anche a New York, gestita da Steve Barnes, ex compagno di Jacob, e una a Fort Worth gestita da Mark, il fratello di Jacob.

    Tra eritrociti e leocociti

    Tra gli scopo dell’associazione oltre che fare conoscenza anche organizzare “attività ricreative rivolte al divertimento e allo svago dei real Vampire, tra cui raduni, incontri, eventi, feste, serate a tema, cene sociali, proiezioni di film, presso il domicilio del gruppo o presso i locali ospitanti“. Inoltre l’associazione intende diffondere la conoscenza della realtà vampiro in Italia ed essere un valido sostegno per tutti i real vampyres e real werewolves che cercano aiuto, supporto. L’associazione è aperta a tutti coloro che desiderano esplorare il tema del vampirismo, così come la licantropia e la magia/stregoneria.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Cronaca

      Ucraina svelati i primi insediamenti umani in Europa

      La scopetta del sito di Korolevo in Ucraina amplia le conoscenze sulla presenza umana in Europa, e sottolinea l’importanza di metodi innovativi nella ricerca archeologica.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      insediamenti umani in Ucraina

        I primi insediamenti umani in Europa potrebbe risalire a circa 1,4 milioni di anni fa, secondo una recente scoperta di un team di ricercatori della Repubblica Ceca. Gli scienziati dell’Accademia Ceca delle Scienze, guidati da Roman Garba, hanno pubblicato un articolo sulla rivista Nature, dove annunciano i risultati del loro studio su manufatti rinvenuti in un sito archeologico in Ucraina. Questi ritrovamenti forniscono importanti informazioni sull’arrivo dei primi esseri umani in Europa e sulle loro migrazioni.

        Antica presenza umana in Europa

        Le teorie più accreditate finora suggerivano che i nostri antenati avessero raggiunto l’Europa tra uno e due milioni di anni fa. Tuttavia, la datazione precisa è sempre stata complicata a causa della scarsità di siti archeologici ben conservati di quel periodo. Nel sito di Korolevo, situato nell’Ucraina occidentale, sono stati scoperti strumenti e oggetti risalenti al Paleolitico. Questi ritrovamenti hanno permesso agli scienziati di utilizzare un metodo innovativo per ricostruire la storia degli artefatti. Un metodo basato sul decadimento dei nuclidi cosmogenici, che ha reso possibile esaminare i sedimenti in cui sono stati sepolti gli strumenti di pietra.

        Tracciata la migrazione dei primi ominidi

        Gli autori dello studio hanno anche valutato l’idoneità degli habitat negli ultimi due milioni di anni. I risultati suggeriscono che i primi ominidi potrebbero aver approfittato dei periodi interglaciali più caldi per colonizzare regioni a latitudini più elevate, come Korolevo. Questo sito, geograficamente significativo, si trova tra il Caucaso e l’Europa e potrebbe rappresentare una tappa importante nella migrazione degli ominidi.

        Che valore ha questa scoperta

        La datazione delle prime occupazioni da parte degli ominidi in queste aree è cruciale sia dal punto di vista temporale che spaziale. La scoperta supporta l’ipotesi, già sostenuta da diversi esperti, secondo cui l’Europa fu colonizzata da est a ovest. Questo studio fornisce nuove prove a favore di questa teoria, contribuendo a una migliore comprensione della preistoria europea.

          Continua a leggere

          Cronaca Nera

          Su Satnam Singh siamo perfettamente d’accordo con Selvaggia Lucarelli

          La giornalista critica duramente il servizio sulla morte di Satnam Singh, bracciante indiano abbandonato dopo un incidente sul lavoro. La vicenda ha scatenato un’ondata di indignazione sui social, mettendo in luce gravi problemi di sfruttamento e caporalato nel settore agricolo italiano.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Questa volta siamo perfettamente d’accordo con Selvaggia Lucarelli. La nota giornalista e opinionista ha duramente criticato il servizio del Tg1 sulla morte del bracciante indiano Satnam Singh, che è stato trovato senza vita dopo essere stato abbandonato per strada dal suo datore di lavoro, un imprenditore agricolo di Latina che lo sfruttava pagandolo in nero.

            La morte di Satnam Singh: il servizio surreale del Tg1

            Il servizio del Tg1 ha suscitato indignazione perché ha dato spazio alle giustificazioni del datore di lavoro, Renzo Lovato, che ha parlato di una “leggerezza costata cara a tutti”. Lovato, già indagato per caporalato, è accusato di omissione di soccorso, violazione delle disposizioni in materia di lavoro irregolare e omicidio colposo.

            Il servizio del Tg1 non ha sottolineato adeguatamente la crudeltà della vicenda e le condizioni disumane a cui Singh era sottoposto, suscitando le critiche di Selvaggia Lucarelli e di molti utenti sui social.

            Lo sdegno di Selvaggia Lucarelli e la reazione dei social

            Selvaggia Lucarelli ha espresso tutta la sua amarezza su X, definendo il servizio del Tg1 “vergognoso” e criticando duramente il modo in cui è stata trattata la vicenda. “Lo fanno lavorare senza contratto regolare, lo mollano per strada col braccio mozzato e la leggerezza è del lavoratore, leggerezza che È COSTATA CARA A TUTTI. Ma la vergogna” ha scritto Lucarelli, raccogliendo il consenso di tantissimi follower.

            Barbarie che ignora ogni gesto di umanità

            I commenti sui social hanno sottolineato come questo episodio rappresenti non solo uno sfruttamento, ma una vera e propria barbarie che ignora ogni gesto di umanità. Molti utenti hanno criticato il Tg1 per aver trasmesso l’intervista al datore di lavoro, accusando il telegiornale di voler distogliere l’attenzione dalle colpe dell’imprenditore.

            Sotto inchiesta

            Nel frattempo si è scoperto che il titolare della cooperativa Agrilovato, Renzo Lovato, padre di Antonello Lovato, l’imprenditore agricolo che ha abbandonato, senza chiamare i soccorsi, il bracciante indiano Satnam Singh davanti casa dopo un incidente sul lavoro nella sua azienda che gli è costato la vita, è indagato da cinque anni per reati connessi al caporalato.

            Il procedimento giudiziario, un altro rispetto a quello che riguarda la morte del bracciante 31enne, conosciuto come Navi, deceduto in ospedale dopo aver perso il braccio destro, amputato da un macchinario avvolgiplastica, è stato rivelato da Enrico Mentana al TgLa7.

            L’uomo, che dopo l’incidente aveva accusato Satnam Singh di aver “commesso una leggerezza che ha fatto male a tutti”, è sospettato dalla procura di Latina di avere sottoposto “i lavoratori, almeno sei, a condizioni di sfruttamento e approfittando del loro stato di bisogno” corrispondendo loro una retribuzione inferiore a quella stabilita dal contratto nazionale.

            Sfruttamento dei lavoratori

            Secondo le accuse, inoltre, Lovato, avrebbe violato la “normativa sull’orario di lavoro, sulla sicurezza e sull’igiene dei luoghi di lavoro” e avrebbe sottoposto i lavoratori “a condizioni di lavoro e a situazioni alloggiative degradanti”. I fatti risalgono al periodo che va da novembre 2019 a maggio 2020: con Renzo Lovato sotto indagine ci sono anche altre due persone, responsabili di una cooperativa agricola.

              Continua a leggere

              Mondo

              Annullata la condanna a morte del rapper iraniano Toomaj Salehi: la mobilitazione internazionale ha vinto

              LaCityMag.it si era schierata chiaramente per chiedere la grazia per Toomaj Salehi, il cui caso ha attirato l’attenzione globale. La lotta per i diritti umani in Iran continua.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                La notizia dell’annullamento della condanna a morte del rapper iraniano Toomaj Salehi è stata accolta con grande sollievo dai suoi sostenitori in tutto il mondo. Toomaj, noto per le sue canzoni contro il regime iraniano, era stato arrestato e condannato a morte, suscitando un’ondata di proteste e appelli per la sua liberazione.

                Toomaj Salehi è diventato un simbolo della lotta per la libertà di espressione in Iran. Le sue canzoni critiche verso il governo lo hanno reso un bersaglio, ma hanno anche attirato l’attenzione internazionale. Organizzazioni per i diritti umani, artisti e attivisti da ogni parte del mondo hanno chiesto con forza la sua liberazione.

                La mobilitazione globale

                La mobilitazione per Toomaj ha visto la partecipazione di numerose piattaforme e testate internazionali. Tra queste, anche LaCityMag.it si è schierata chiaramente per chiedere la grazia per il rapper. La pressione internazionale ha giocato un ruolo cruciale nel portare l’attenzione sul caso e nel sollecitare le autorità iraniane a rivedere la sentenza.

                La situazione in Iran

                Nonostante questa vittoria, gli attivisti avvertono che l’attenzione internazionale non deve calare. La situazione in Iran rimane critica, con numerosi prigionieri politici e attivisti sotto costante minaccia. Il caso di Toomaj Salehi è solo uno dei tanti che richiedono una vigilanza costante e un sostegno globale. Gli arresti di artisti, giornalisti e attivisti sono all’ordine del giorno, e il regime continua a reprimere duramente ogni forma di dissenso.

                La lotta per i diritti umani

                Il caso di Toomaj Salehi ha messo in luce la difficile situazione dei diritti umani in Iran. La libertà di espressione è costantemente minacciata, e coloro che osano criticare il regime rischiano la vita. La comunità internazionale deve continuare a monitorare e a intervenire per proteggere i diritti fondamentali dei cittadini iraniani.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù