Connect with us

In primo piano

Lite tra Mentana e la Gruber. Chi porta i popcorn?

“Benvenuti alle 20.46 e non alle otto e mezza. E neanche a Otto e mezzo. L’incontinenza è una brutta cosa”. Con queste parole Lilli Gruber ha aperto la sua trasmissione in onda su La7, commentando così il ritardo con cui è stata costretta a iniziare dopo il tg di Enrico Mentana

Avatar photo

Pubblicato

il

    Che spettacolo, due icone di La7 che preferiscono scambiarsi frecciatine davanti a tutti anziché risolvere le loro divergenze dietro le quinte. Ma se fosse stato diversamente, non avremmo avuto il piacere di goderci questa chicca mediatica e di partecipare alla discussione accesa su un argomento tanto appassionante per le star del piccolo schermo: quando fare il cambio di turno televisivo.

    Tutto ha inizio il 6 maggio, quando Lilli Gruber decide di iniziare la nuova puntata di Otto e mezzo con un tocco di amarezza, comunicando al pubblico il suo sdegno per il fatto che il suo show vada in onda più tardi del previsto, a causa di un prolungamento imprevisto del Tg La7 condotto da Enrico Mentana: “Benvenuti alle 20.46 e non a Otto e mezzo. L’incontinenza è una brutta cosa”, commenta Gruber, scatenando una tempesta sui social che spinge Mentana a spezzare il silenzio e a intervenire sui suoi profili social.

    Con la delicatezza di un elefante in una cristalleria, Enrico Mentana risponde senza mezzi termini all’attacco di Lilli Gruber in diretta televisiva di ieri sera. La conduttrice di Otto e mezzo ha tirato le sue frecce contro il collega per il ritardo con cui ha lasciato spazio al suo programma.

    Una polemica che è rimasta senza risposta da parte di Mentana fino a questa mattina, quando il direttore ha condiviso sui social un grafico dell’andamento degli ascolti del suo telegiornale, accompagnato da questo commento: “Questa è la curva degli ascolti – del tutto simile a quelle dei giorni precedenti – del TgLa7 di ieri sera, segnato da fatti importanti e in continuo aggiornamento. A quel Tg, però, ha imprevedibilmente fatto seguito un giudizio grevemente sprezzante nei miei confronti da parte di chi conduceva il programma successivo, che pure è ogni sera diretto beneficiario di quella curva ascendente”.

    Piccata la chiosa del direttore: “Un giudizio da cui finora nessuno tra i vertici di La7 ha sentito il bisogno di prendere le distanze – scrive oggi Mentana -. Piccolo episodio, ma molto indicativo. A questo punto le distanze, come è doveroso, le prendo io, dai maleducati e dagli ignavi”.

      In primo piano

      Intrigante classifica: è Venezia la città italiana dove si tradisce di più

      Ashley Madison ci offre uno sguardo intrigante sulle città italiane più intraprendenti. Questa classifica, benché divertente, sottolinea l’evoluzione delle dinamiche relazionali e la crescente apertura mentale, dimostrando che la ricerca di connessioni è in costante mutamento, indipendentemente dalle dimensioni della città.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Quando si tratta di relazioni extraconiugali e avventure clandestine, Ashley Madison svela i dati più intriganti. La recente classifica delle città italiane con il maggiore picco di intraprendenza sessuale è affascinante e sorprendente. Scopriamo insieme quali centri urbani si riscaldano di più nelle fredde stagioni, secondo la piattaforma leader internazionale per chi è alla ricerca di relazioni non-monogame.

        Il cambiamento sociale e le relazioni extraconiugali

        La società sta vivendo cambiamenti dinamici, e con essi, anche le dinamiche delle relazioni. La tradizionale classifica annuale di Ashley Madison rivela che le relazioni extraconiugali non seguono più rigidamente le barriere geografiche, aprendo la strada a un nuovo approccio più aperto e digitale.

        Le Top 3 del Veneto: Venezia, Vicenza e Verona

        Il Veneto si guadagna il titolo di regione più “allegra” dell’inverno 2023, occupando completamente il podio con Venezia, Vicenza e Verona. La Serenissima, celebre meta turistica, scala addirittura di 15 posizioni rispetto all’anno precedente, confermandosi il centro più intraprendente.

        Le città in ascesa nel Nord Italia

        Il Nord Italia mantiene la sua presa sulla libertà riguardo alle relazioni extraconiugali. Bergamo, Padova e Monza sono capoluoghi di provincia che hanno guadagnato notevolmente nelle ultime classifiche, dimostrando un’intraprendenza in costante crescita.

        Trieste: la gelida bora non ferma l’intraprendenza

        Trieste, che per lungo tempo ha dominato il ranking di Ashley Madison, scivola al quarto posto. Anche se la gelida Bora può aver raffreddato gli animi, i triestini dimostrano di non cedere facilmente alla monotonia invernale.

        La tendenza nei piccoli centri urbani

        C’è un cambio di prospettiva nei piccoli centri urbani, che sembrano abbracciare forme di relazione più aperte come la non-monogamia. L’anonimato limitato potrebbe spingere le persone a cercare discretamente nuovi partner su piattaforme online, evidenziando un’apertura mentale che va al di là degli stereotipi.

        Sex & LaCity

        Per esplorare ulteriormente il fascino delle relazioni extraconiugali in Italia e approfondire l’analisi delle dinamiche sociali, visita il nostro blog dedicato. Simona Griggio ti porterà alla ricerca delle piccole e grandi trasgressioni italiane. Troverai articoli che esplorano le tendenze, offrono consigli e analizzano il lato intrigante delle relazioni moderne.

          Continua a leggere

          Cronaca

          Possibile riabilitare la feccia nazista? La storia dice di no

          Le controverse dichiarazioni di Maximilian Krah dell’AfD: “Una SS non è automaticamente criminale”. Ma la storia ci racconta tutt’altro.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            L’affermazione “Una SS non è automaticamente criminale” di Maximilian Krah, capolista del partito tedesco neonazista AfD (Alternative für Deutschland), durante un’intervista al quotidiano Repubblica il 18 maggio, è un tentativo di revisionismo storico inaccettabile e profondamente errato. Dopo essere stato sospeso, Krah ha scelto di lasciare il comitato esecutivo federale del suo partito e ha dichiarato che non parteciperà più alla campagna elettorale prima delle elezioni europee. Per fortuna aggiungiamo noi.

            Le SS e il loro ruolo criminale nella storia

            Le SS (Schutzstaffel) furono direttamente e attivamente coinvolte nell’esecuzione della Soluzione Finale della questione ebraica, ossia il genocidio degli Ebrei in Europa. Dopo la Conferenza di Wannsee del gennaio 1942, le SS organizzarono e implementarono l’Olocausto, sistematicamente eliminando milioni di persone. Le eliminazioni di massa venivano condotte in modo dettagliato, con liste di vittime presenti, future e potenziali e meticolose registrazioni delle esecuzioni.

            Metodi di sterminio delle SS

            Durante l’Olocausto, le SS sperimentarono metodi sempre più efficienti per uccidere in massa, come l’uso di gas velenosi nei campi di sterminio. Le camere a gas utilizzate a Chełmno ne sono un altro esempio. Le SS furono responsabili dell’organizzazione e dell’operazione di ogni aspetto dell’Olocaustoche usccise tra 15 e 17 milioni di persone, tra cui 6 milioni di ebrei.

            Crimini di guerra e crimini contro l’umanità

            I membri delle SS furono giudicati colpevoli di crimini di guerra e crimini contro l’umanità dal Tribunale Militare Internazionale di Norimberga. Ernst Kaltenbrunner, il capo supremo delle SS superstiti, fu condannato a morte e impiccato nel 1946. Heinrich Himmler si suicidò dopo essere stato catturato dall’esercito britannico. Le SS furono direttamente coinvolte in stragi di civili in tutta Europa. Rappresaglie, uccisioni di massa, stupri e violenze, e nella spoliazione dei beni delle vittime e nello sfruttamento schiavistico dei prigionieri nei campi di concentramento.

            Condanna del revisionismo storico

            L’affermazione di Krah è una palese distorsione della realtà storica e un tentativo di revisionismo storico che minimizza le atrocità commesse dalle SS. Considerare anche solo uno dei loro membri come non colpevole di crimini è un’offesa alla memoria delle vittime dell’Olocausto e delle atrocità naziste. Le SS furono una delle organizzazioni più criminali e disumane della storia, e cercare di riabilitare la loro immagine è un’operazione impossibile e inaccettabile.

              Continua a leggere

              Gossip

              Anna Tatangelo sparisce da Instagram. Che le sta succedendo?

              La cantante ha fatto piazza pulita sul suo profilo Instagram, cancellando tutti i post e cambiando la foto del profilo. Ma si tratta davvero di un attacco hacker che ha cancellato i suoi ricordi più intimi, o sta semplicemente facendo spazio per novità sensazionali?

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore


                Anna Tatangelo è una cantante e personaggio televisivo, vince il Festival di Sanremo nella categoria Giovani nel 2002, poi consolida la sua presenza nel panorama musicale italiano con numerosi album di successo e hit popolari.

                Oltre alla sua carriera musicale, è nota anche per la sua partecipazione a vari programmi televisivi e per la sua relazione con il cantante ed ex, Gigi D’Alessio, con il quale ha avuto un figlio, Andrea.

                Ma, ultimamente, l’artista ha cancellato tutti i post dal suo profilo Instagram e aggiornato la foto del profilo, una mossa che ha suscitato curiosità e preoccupazione tra i suoi fan.
                La verità potrebbe essere molto più semplice e positiva, perché solitamente questa mossa è spesso utilizzata dagli artisti per segnalare l’arrivo di nuovi progetti.
                Nel caso di Anna, potrebbe indicare che sta per lanciare nuovi brani, un nuovo album o altre novità musicali. Quindi, non resta che aspettare il prossimo post per scoprire cosa di incredibile ha in serbo per i suoi seguaci.

                Potrebbe essere…
                Gli artisti spesso eliminano i loro post dai social media per diversi motivi. Potrebbe essere una decisione strategica per dare inizio a una nuova fase della loro carriera, per concentrarsi su progetti futuri senza distrazioni o per creare attesa e suspense tra i fan. Allo stesso tempo, potrebbe essere una semplice pulizia del profilo per ricominciare da zero o per riflettere cambiamenti personali o artistici. In alcuni casi, potrebbe esserci una motivazione più personale dietro questa azione, come la necessità di una pausa dai social media per gestire questioni personali.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù