Connect with us

Lifestyle

Assegnate le Chiavi ai migliori hotel italiani

Da Capri alle colline umbre e da Venezia alla campagna del modenese, andiamo a conoscere le strutture premiate dalla Guida Michelin 2024.

Avatar photo

Pubblicato

il

    La Guida Michelin 2024 ha svelato i nomi delle 146 strutture ricettive d’eccellenza sul territorio italiano a cui ha attribuito le sospirate Chiavi che distinguono le strutture d’eccellenza dalle altre. Ogni regione è rappresentata. Da Capri alle colline umbre e da Venezia alla campagna del modenese, andiamo a conoscere le strutture premiate.

    I premiati dalla Guida Michelin come i migliori d’Italia

    Otto strutture hanno ottenuto tre Chiavi (che equivalgono alle Stelle per i ristoranti). In pratica il riconoscimento più prestigioso. Bene quest’anno Michelin ha assegnato 31 due Chiavi e 107 una Chiave. l direttore internazionale della Guida Gwendal Poullennec è stat molto lusinghiero nei giudizi delle nostre strutturi definendole dei veri e propri “gioielli gestiti con talento da grandi professionisti”. Tutti sono prenotabili online sulle piattaforme digitali della Guida. Di seguito presentiamo le strutture che hanno ottenuto le tre Chiavi.

    Casa Maria Luigi dello chef Massimo Bottura e di Lara Gilmore

    Con sole 12 camere, la Guida la definisce “intima, ma tutt’altro che banale grazie al vivace design degli interni e alla nobile collezione di mobili moderni e opere d’arte contemporanea”. Dista 15 minuti di auto da Modena, che per chi viene ospitato dalla struttura viene considerata poco rispetto a poter “rimanere sul posto per esplorare i giardini e i terreni della tenuta”. Ha “una piscina, un campo da tennis e un centro fitness che funge anche da galleria d’arte”.

    J.K. Capri

    Dispone di 22 camere, come gli altri hotel della catena, gli interni sono firmati dall’architetto e designer toscano Michele Bonan:. “Classici, eleganti, con un tocco di stile country inglese, colori pastello e carte da parati a fantasia”. È una delle poche strutture che a Capri possono affacciarsi direttamente sul mare, sulla scogliera sopra il porto di Marina Grande.

    Il San Pietro di Positano

    E’ arroccato sulle scogliere frastagliate” della Costiera Amalfitana. .Una piccola cappella del XVII secolo delimita l’ingresso, “mentre il resto della struttura si sviluppa sulla scogliera sottostante” con ogni piano adagiato “sulla parete rocciosa come una scala”. Arroccato com’è la vista non può che essere spettacolare. Ogni stanza “si affaccia sul mare con una terrazza privata sul lato anteriore”. Dispone di 59 camere, piscina scavata nella scogliera e un pratico ascensore che dalla hall porta direttamente alla spiaggia privata.

    Corte della Maestà

    Nella “città che muore” in provincia di Viterbo, a Civita di Bagnoregio, c’è la Corte della Maestà. Una bomboniera con “cinque suite dai nomi femminili ed evocativi: La Badessa, la Sonnambula, L’Intrusa, La Maestà e La Scrittrice”. Le stanze sono state “restaurate con cura e arredate con la collezione di oggetti d’arte e antiquariato dei proprietari”. Una di queste stanze ha il letto a baldacchino, un’altra il soffitto affrescato. Naturalmente non sono previsti apparecchi televisivi né la tremenda aria condizionata

    Belmond Hotel Cipriani

    E’ uno dei più grandi a essere premiato con le tre chiavi. Ha 95 camere e si trova sull’Isola della Giudecca. “Palazzo Vendramin, antica residenza aristocratica del XV secolo, è ora parte dell’Hotel Cipriani e si compone di sette suites di lusso e di tre camere doppie, con servizio di maggiordomo privato e, naturalmente, una vista spettacolare su Venezia”, spiega il sito della Guida. Ha “motoscafi privati che non concludono le corse fino a che l’ultimo ospite è rientrato” e l’immancabile piscina di acqua salata (riscaldata).

    Aman Venice

    Sempre a Venezia c’è l’Aman Venice con 24 camere. “A parte alcuni discreti interventi di interior design e i molti mobili moderni, il palazzo è esattamente come l’hanno lasciato i suoi antichi proprietari“, spiega la Guida. Le stanze migliori affacciano sul Canal Grande e agli ospiti “vengono organizzate visite guidate con storici dell’arte, chef e letterati, per scoprire ogni sfaccettatura della città lagunare“.

    Castello di Reschio

    Questa struttura molto antica sorge a Tabaccaia di Reschio, Lisciano Niccone, Perugia, adagiato “in una vasta tenuta sulle suggestive colline umbre al confine con la Toscana”. La struttura ospita 36 camere, e risale al X secolo Dopo Cristo. Buona parte delle suite sono ubicate nell’antica sacrestia, “ma le più straordinarie occupano cinque piani dell’antica torre del castello“. Dietro le mura c’è una piscina di forma ovale, e le terme romane, un hammam, una sauna svedese e sala massaggi.

    Rosewood Castiglion del Bosco

    In provincia di Siena, a Montalcino, ottiene tre Chiavi anche il Rosewood Castiglion del Bosco, al cui interno opera una scuola culinaria e un orto biologico. La struttura si trova sul terreno di tenuta agricola di 2 mila ettari, che ospitano anche un’azienda vinicola. Di seguito l’elenco delle strutture che hanno ottenuto le due Chiavi.

    Hotel Santa Caterina, Amalfi, Campania
    Borgo Santandrea, Amalfi, Campania
    Capri Palace Jumeirah, Capri, Campania
    Hotel Borgo San Felice, Castelnuovo Berardenga, Toscana
    Four Seasons Hotel Firenze, Firenze, Toscana
    Villa La Massa, Firenze, Toscana
    Villa Cora, Firenze, Toscana
    Palazzo Portinari Salviati Residenza D’Epoca, Firenze, Toscana
    Eala My Lakeside Dream, Limone sul Garda, Lombardia
    Bellevue Hotel & Spa, Cogne, Valle d’Aosta
    Therasia Resort, Lipari, Sicilia
    Grand Hotel Victoria, Menaggio, Lombardia
    Bulgari Hotel Milano, Milano, Lombardia
    Portrait Milano, Milano, Lombardia
    Grand Hotel et de Milan, Milano, Lombardia
    Villa Eden The Leading Park Retreat, Merano, Trentino-Alto Adige
    Castel Fragsburg, Merano, Trentino-Alto Adige
    Castelfalfi, Montaione, Toscana
    Forestis Dolomites, Plose, Trentino-Alto Adige
    Lefay Resort & Spa Dolomiti, Pinzolo, Trentino-Alto Adige
    Grand Hotel Belmond Timeo
    I Borghi dell’Eremo San Giovanni, Piegaro, Umbria
    Castello di Casole, Belmond Hotel, Siena, Toscana
    Il Sereno, Torno, Lombardia
    Grand Hotel Tremezzo, Tremezzo, Lombardia
    Bellevue Syrene 1820, Sorrento, Campania
    La Minervetta, Sorrento, Campania
    San Domenico Palace, Taormina, A Four Seasons Hotel, Taormina,Sicilia
    Grand Hotel Timeo, A Belmond Hotel, Taormina, Sicilia
    Hotel Gritti Palace, Venezia, Veneto.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Cucina

      Sapore di mare e freschezza: Orata alla griglia con salsa al limone!

      Nelle serate estive, nulla può eguagliare la freschezza e la leggerezza di un piatto a base di orata accarezzato dal profumo vivace e rinfrescante del limone. Un piatto soddisfacente, perfetto per una cena all’aria aperta.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Conosciuta anche come “regina del Mediterraneo”, l’orata è un pesce prelibato dal sapore dolce e dalla consistenza morbida, che si presta a una vasta gamma di preparazioni culinarie. I suoi filetti, teneri e succulenti, sono un’opzione gastronomica amata da chef e gourmet di tutto il mondo. Scopriamo insieme come esaltare il suo sapore cucinandola alla griglia.

        Filetti di orata alla griglia al limone
        Ingredienti per 4 porzioni
        4 filetti di orata, senza pelle
        2 limoni (succo e scorza grattugiata)
        Olio extravergine di oliva q.b.
        ½ spicchio di aglio tritato finemente
        Prezzemolo, basilico e rosmarino freschi tritati q.b.
        Sale e pepe appena macinato q.b.

        Procedimento
        Preriscalda una griglia sul fornello a fuoco medio-alto. In una ciotola, mescola il succo di limone, la scorza grattugiata di limone, l’olio, l’aglio tritato e gli odori tritati. Aggiungi sale e pepe a piacere e mescola bene.

        Disponi i filetti di orata sulla grigia calda, spennella i filetti di orata con la salsina al limone, assicurandoti di coprirli uniformemente da entrambi i lati.

        Cuoci il pesce per circa 4-5 minuti per lato, o fino a quando risulta cotto e tenero e la superficie è dorata e croccante. Durante la cottura, spennella i filetti di orata con la salsina rimanente per mantenerli succosi e aromatizzati.

        Una volta cotti, trasferisci i filetti su un piatto da portata e servi immediatamente, guarnendo con fettine di limone e foglioline di basilico, se desideri.

          Continua a leggere

          Animali

          Come rimuovere una zecca dal cane: guida completa

          Rimuovere una zecca dal tuo cane può sembrare un’operazione delicata, ma seguendo questi passaggi puoi farlo in modo sicuro ed efficace. La prevenzione e la vigilanza sono essenziali per mantenere il tuo amico a quattro zampe in salute e libero da parassiti.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Le zecche sono parassiti fastidiosi e potenzialmente pericolosi che possono attaccarsi al tuo cane durante le passeggiate all’aperto, specialmente in aree erbose o boschive. Rimuovere una zecca correttamente è fondamentale per prevenire infezioni e malattie. Ecco una guida passo-passo su come togliere una zecca al tuo cane in modo sicuro ed efficace.

            1. Preparazione: cosa ti serve

            Prima di iniziare, assicurati di avere a portata di mano i seguenti strumenti:

            • Pinzette a punta fine o un rimozione zecche specifico.
            • Guanti in lattice o nitrile per proteggere le mani.
            • Alcool denaturato per disinfettare la zona e gli strumenti.
            • Cotone o garza per pulire la zona dopo la rimozione.
            • Barattolo con coperchio per conservare la zecca.
            • Antisettico per disinfettare la pelle del cane dopo la rimozione.

            2. Trova la zecca

            Controlla attentamente il tuo cane, concentrandoti su aree come:

            • Orecchie
            • Collo
            • Ascelle
            • Inguine
            • Pieghe della pelle

            Le zecche possono essere piccole e difficili da individuare, quindi è importante esaminare il cane con attenzione.

            3. Rimuovi la zecca

            Una volta individuata la zecca, segui questi passaggi:

            1. Indossa i guanti: Proteggi le tue mani da eventuali malattie trasmesse dalle zecche.
            2. Usa le pinzette o il rimozione zecche: Afferrate la zecca il più vicino possibile alla pelle del cane. Non schiacciare il corpo della zecca, poiché questo potrebbe iniettare ulteriori agenti patogeni nel cane.
            3. Tira con fermezza e costanza: Applicare una pressione costante e lenta. Non strappare bruscamente per evitare che la testa della zecca si stacchi e rimanga nella pelle.

            4. Dopo la rimozione

            1. Disinfetta la zona: Utilizza un batuffolo di cotone imbevuto di alcool denaturato per pulire l’area intorno alla puntura della zecca.
            2. Conserva la zecca: Metti la zecca in un barattolo con coperchio, contenente un po’ di alcool. Questo può essere utile per test successivi se il cane sviluppa sintomi di malattia.
            3. Disinfetta gli strumenti: Pulisci le pinzette o il rimozione zecche con alcool.
            4. Osserva il cane: Monitora il tuo cane per i segni di infezione o malattie trasmesse dalle zecche, come febbre, letargia, perdita di appetito o zoppia. Se noti questi sintomi, consulta immediatamente il veterinario.

            5. Prevenzione

            Per prevenire future infestazioni da zecche, considera i seguenti suggerimenti:

            • Usa prodotti antiparassitari: Collari, spray, shampoo e pipette specifici per zecche.
            • Controlla regolarmente il cane: Dopo ogni passeggiata, soprattutto se frequentate aree a rischio.
            • Mantieni il giardino curato: Erba corta e rimozione delle foglie secche riducono il rischio di zecche.
              Continua a leggere

              Curiosità

              Sempre in ritardo: I pigri cronici che rubano tempo agli altri!

              I ritardatari: un fenomeno che affligge appuntamenti, riunioni di lavoro e perfino eventi sociali. Ma chi sono queste persone che sembrano avere un talento innato per farci perdere la pazienza? E perché il loro comportamento è tanto esasperante?

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Un profilo psicologico
                I ritardatari disturbati non sono semplicemente persone disorganizzate. Alcuni psicologi suggeriscono che dietro il ritardo cronico ci siano tratti di personalità come l’ansia, la procrastinazione o una percezione distorta del tempo. Questi individui spesso credono di poter fare molto di più di quanto sia realisticamente possibile in un dato lasso di tempo, portandoli a sottovalutare costantemente quanto tempo richiedano le loro attività.

                Ma i ritardatari spesso sono percepiti come disorganizzati o poco rispettosi del tempo altrui. Ma la realtà è più complessa. Alcuni studi suggeriscono che la tendenza ad arrivare tardi può essere legata a tratti di personalità come l’ottimismo. Infatti, i ritardatari cronici spesso sopravvalutano il tempo a loro disposizione, credendo di poter fare più cose di quelle realisticamente possibili in un dato lasso di tempo.

                Cause e alibi tra scuse e abitudini
                Le cause del ritardo possono essere molteplici e variegate. Alcuni ritardatari soffrono di procrastinazione, un comportamento che porta a posticipare le attività fino all’ultimo minuto. Altri potrebbero avere problemi di gestione del tempo, incapaci di stimare correttamente la durata delle attività quotidiane.

                Spesso, però, i ritardatari utilizzano una gamma di scuse e giustificazioni per il loro comportamento. Dal traffico imprevisto all’urgenza dell’ultimo minuto, queste spiegazioni, sebbene a volte reali, diventano un modello di autoassoluzione che non affronta la radice del problema.

                Conseguenze sociali e professionali
                Essere in ritardo non è solo una questione di disagio personale. I ritardi cronici possono avere conseguenze significative nelle relazioni sociali e professionali. Nel mondo del lavoro, arrivare tardi può essere interpretato come un segno di mancanza di serietà e affidabilità, influenzando negativamente la carriera di una persona. Anche nelle relazioni personali, i ritardatari possono generare frustrazione e risentimento nei confronti di amici e familiari.

                Strategie di miglioramento
                Per chi desidera liberarsi di questa etichetta, ci sono diverse strategie che possono essere adottate. La pianificazione anticipata e l’utilizzo di strumenti di gestione del tempo, come agende e app, possono fare una grande differenza. Inoltre, riconoscere i propri limiti e adottare un approccio più realistico alle proprie capacità può aiutare a ridurre i ritardi.

                I ritardatari non sono tutti necessariamente persone pigre o maleducate, ma spesso individui che devono imparare a gestire meglio il loro tempo e le loro aspettative. Con un po’ di impegno e consapevolezza, anche i ritardatari più incalliti possono trasformarsi in modelli di puntualità.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù