Connect with us

Lifestyle

E tu a che genere appartieni?

Riconoscere e comprendere la varietà di identità e orientamenti sessuali è fondamentale per costruire una società inclusiva e rappresentativa. La lingua evolve per riflettere queste diversità, rendendo necessario un impegno costante per ascoltare, comprendere e rispettare tutte le esperienze umane.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Non binario, gender fluid, pansessuale, demigender. Sono alcune delle parole entrate nel nostro vocabolario per descrive nuove sfumature legate alla percezione dell’io, della propria sessualità e del genere a cui si appartiene. Più che una bussola ci sarebbe bisogno di aggiornare periodicamente l’enorme gamma di varianti nate per identificare e identificarsi al cospetto di se stessi e del resto del mondo.

    Uomo-donna, maschio-femmina, etero o omosessuale

    Genesi 27. E Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò: maschio e femmina li creò. 28 Dio li benedisse e Dio disse loro: “Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra e soggiogatela, dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente che striscia sulla terra”. Fin lì ci arriviamo tutti. Ma è dopo che deve essere successo qualcosa. In quel “moltiplicatevi” noi umani ci abbiamo messo dentro di tutto. E più passa il tempo più si creano nuove opzioni. O meglio si capiscono molte cose. Restare aggiornati sulle trasformazioni di genere da tener presente per non fare la figura degli ignoranti e soprattutto con il timore di commettere infinte gaffes è diventata una impresa. Senza offesa per nessuno.

    Una trasformazione sociale trainata dai giovani

    Le categorie usate per definire identità di genere e orientamento sessuale nei secoli sono state legate a una dualità schematizzate cha tralasciato strutture relazionali diverse. A una narrazione che si identifica nella maggioranza delle persone, le nuove generazioni stanno rivoluzionando categorie e smantellando pregiudizi radicati socialmente. Generi, orientamenti, identità sono messi in dubbio per dare la possibilità a un numero sempre maggiore di persone di sentirsi rappresentate nella società. Un cambiamento di sensibilità che per essere davvero compreso necessita di alcuni punti di riferimento.

    Che cos’è il genere e cosa il sesso?

    Secondo Vittorio Lingiardi, psichiatra e psicoanalista professore ordinario di Psicologia dinamica alla Sapienza Università di Roma si intende la dimensione biologica e anatomica dell’individuo (femmina, maschio oppure, in rari casi, intersessuale). Con i termini genere e identità di genere facciamo riferimento alla varietà di caratteristiche e di atteggiamenti che culturalmente attribuiamo al sesso biologico.

    Cosa rappresenta il genere

    L’espressione di genere comprende diversi aspetti dalla scelta dell’abbigliamento, al taglio dei capelli, dalla postura al modo di camminare ed è in stretto rapporto con i ruoli di genere di una determinata cultura o società. Se il sesso costituisce una matrice biologica, il genere rappresenta una costruzione psicosociale, dice Lingiardi. E qui nasce la prima discrepanza. Perché un conto è come si presenta il corpo un’atra cosa è come si fa esperienza della propria identità.

    Mini guida alle Identità di genere e orientamenti sessuali

    Uomo/donna/intersessuale

    La determinazione del sesso si basa sull’osservazione delle caratteristiche sessuali e del fenotipo del bambino. Secondo l’Iss, Istituto superiore di sanità, la percentuale di bambini intersessuali varia tra lo 0,018% e l’1,7%.

    Androfilo/Ginefilo/Ambifilico

    Questi termini indicano l’attrazione sessuale verso gli uomini (androfilo), le donne (ginefilo), o entrambi i generi binari tradizionali (ambifilico).

    Cisgender

    Cisgender, o cisessuale, descrive le persone il cui sesso assegnato alla nascita corrisponde alla loro identità di genere.

    Eterosessuale

    In un’ottica binaria, l’orientamento sessuale di chi prova attrazione verso persone dell’altro sesso.

    Bisessuale

    Sempre in un’ottica binaria, una persona che prova attrazione verso entrambi i sessi.

    Omosessuale

    In un contesto binario, una persona che prova attrazione verso persone del proprio sesso. Se l’identità di genere risponde alla domanda “a quale genere mi sento di appartenere?“, l’orientamento sessuale risponde alla domanda “quale genere mi attrae?“. Due aspetti indipendenti, ma spesso interconnessi.

    Asessuale

    Una persona asessuale non prova attrazione sessuale verso gli altri. Questo non significa che non possano instaurare relazioni affettive o romantiche, né implica la totale assenza di libido.

    Polisessuale e pansessuale

    Le persone pansessuali provano attrazione sessuale o romantica per tutti i generi, a prescindere dall’identità o orientamento sessuale dell’altro. I polisessuali, invece, provano attrazione per più generi, ma non per tutti.

    Non binarismo

    Il binarismo, ossia la divisione dei generi tra maschile e femminile, non riesce più a rappresentare le diverse sfumature di chi non si riconosce in questa dicotomia. L’esperienza di un’identità fluida e non binaria è quella di chi si trova più a suo agio muovendosi su un personale gradiente di genere.

    Bigender

    Bigender è l’identità di chi si identifica in due generi, in modo simultaneo o alternando le identità. Possono essere identità binarie, fluide o non binarie.

    Transgender

    Termine ombrello per identificare le persone il cui genere non corrisponde al genere o al sesso assegnato alla nascita.

    Genderfluid/Non Binary

    Una persona non binaria non si riconosce nel binarismo dei generi maschio-femmina, mentre gender fluid indica un’identità di genere in continuo mutamento.

    Demigender

    Identità di genere che si riconosce solo in parte in una identità di genere tradizionale, a prescindere dal sesso assegnato alla nascita.

    Agender

    Le persone agender si definiscono neutrali o senza genere, andando oltre l’idea stessa di “genere”.

    Rappresentazione e social network

    La necessità di raccontarsi e di definirsi trova nei social media una sponda e un’accelerazione. Il confronto e il senso di comunità in rete possono colmare le lacune di una società in cui chi si sente meno rappresentato fatica a sentirsi accettato. Tuttavia, per alcune persone, i social possono diventare un rifugio virtuale che nega l’esistenza di un corpo fisico, paradossalmente il luogo di embodiment dell’identità di genere. Ma non bisogna dimenticare che i social possono anche essere dannosi perché violenti. E possono influenzare negativamente il giudizio di chi si affida a internet per costruirsi idee e pregiudizi nei confronti di chi non si allinea alle regole della maggioranza delle persone.

    L’importanza del supporto psicologico

    Il ruolo della psicologia è fondamentale per ascoltare e comprendere, favorendo il benessere psicologico e l’espressione autentica di sé. La figura dello psicologo è utile a qualunque livello della varianza di genere, non per condannare o assolvere, ma per supportare insieme.

      Moda

      Gli shorts bianchi di Alessia Marcuzzi sono il trend senza tempo per l’estate 2024

      Gli shorts bianchi, come dimostra Alessia Marcuzzi, sono il capo ideale per l’estate 2024. Versatili, eleganti e perfetti per ogni occasione, non possono mancare nel vostro guardaroba estivo.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Nel mare di tendenze di questa estate 2024, tra micro e macro correnti fashion, spiccano come sempre quegli assoluti di stile considerati senza tempo, come gli shorts bianchi. Un capo simbolo della moda estiva per eccellenza, pezzo immancabile nel guardaroba di stagione, che fa delle forme mini e del bianco ottico la sua combo perfetta. Versatili quanto basta per essere sfoggiati dal giorno alla sera, gli shorts bianchi sono infatti il passe-partout per ogni meta e appuntamento vacanziero, in grado di illuminare con semplicità ed eleganza le classiche mise total white o da coordinare a toni vitaminici e stampe multicolor, con cui risalteranno in modo chic.

        Alessia Marcuzzi ci mostra come sfoggiare gli shorts bianchi

        A suggerirci come sfoggiare gli shorts bianchi questa estate ci pensa Alessia Marcuzzi, che in ferie sull’Isola di Capri, ha scelto un modello in denim con vita alta e bordi sfrangiati, dal carattere sbarazzino. Alessia li ha abbinati a un crop top stretch senza spalline rosso corallo, creando un ensemble fresco e minimale, femminile ed evergreen, da cui prendere ovviamente ispirazione.

        Come abbinare gli shorts bianchi di Alessia Marcuzzi

        I pantaloncini bianchi sono il capo must-have di ogni bella stagione e anche questa estate 2024 si fanno protagonisti. Il non-colore permette gli abbinamenti più svariati sia per il giorno che per la sera, e le forme mini sono ideali per mettere in mostra le gambe toniche e abbronzate come quelle di Alessia Marcuzzi.

        Per sfoggiarli con nonchalance nelle località marittime, abbinateli al vostro bikini preferito e coordinateli a una camicia in lino oversize, sandali bassi e panama, per un look rilassato ma pur sempre chic. Per le giornate in città, provate ad abbinarli a una polo e mocassini in pelle, per un look sporty chic. E per la sera, puntate sul contrasto più elegante, quello tra bianco e nero, e portateli con un top in pizzo ed espadrillas in corda.

          Continua a leggere

          Curiosità

          Il bullismo non ha età, le prepotenze continuano anche tra adulti

          Un fenomeno subdolo e spesso sottovalutato, il bullismo tra adulti può assumere diverse forme e avere conseguenze devastanti sulla vita delle vittime. Il bullismo è un fenomeno che ha radici profonde nella storia umana. Nonostante i nostri progressi culturali e tecnologici, continua a essere un serio problema sociale che colpisce persone di tutte le età.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Oltre al bullismo tradizionale, che si manifesta con aggressioni fisiche, verbali o psicologiche, gli adulti possono essere vittime di mobbing, cyberbullismo, stalking e altre forme di abuso di potere.

            Perché è importante parlare di bullismo tra adulti?
            È un fenomeno più diffuso di quanto si pensi. Secondo alcune ricerche, colpisce circa il 7% dei lavoratori in Italia. Il bullismo può avere conseguenze gravi sulla salute fisica e mentale delle vittime, causando stress, ansia, depressione, e persino disturbi post-traumatici da stress. Il bullismo crea un ambiente di lavoro ostile e tossico, che può ostacolare la produttività e il benessere di tutti i dipendenti.

            Cosa fare se sei vittima di bullismo tra adulti?
            La prima cosa da fare è parlare di ciò che sta accadendo. Non vergognarti e non aver paura di chiedere aiuto. Tieni un diario dove annoti tutti gli episodi di bullismo, con date, orari, testimoni e descrizioni dettagliate di quanto accaduto. Rivolgiti a un amico fidato, un familiare, un collega di fiducia o un professionista, come uno psicologo o un terapista. Se il bullismo avviene sul posto di lavoro, puoi denunciarlo al tuo superiore, alle risorse umane o alle autorità competenti.

            Insieme possiamo fermare il bullismo tra adulti!
            Il bullismo è un problema serio che non deve essere tollerato. Se sei vittima di bullismo, ricorda che non sei solo e che ci sono persone che possono aiutarti. Con il coraggio di parlare e denunciare le violenze, possiamo creare un ambiente di lavoro e una società più sicuri e rispettosi per tutti.

            La storia si ripete
            Il bullismo è un problema antico che continua a evolversi con la società. Sebbene le forme e i mezzi possano cambiare, l’impatto negativo sul benessere delle vittime rimane costante. Quindi,
            non è un fenomeno nuovo.
            Episodi di prevaricazione, violenza e intimidazione sono stati documentati in diverse culture e contesti sociali.

            Nelle società antiche, come quelle greca e romana, il bullismo era spesso legato alla struttura gerarchica e alle dinamiche di potere. Nelle scuole medievali, i ragazzi più grandi spesso prevaricavano sui più giovani, in un ciclo di violenza che veniva visto come parte della crescita. Con le scuole moderne, il bullismo ha trovato nuovi terreni di espressione, ma è stato anche oggetto di studi e ricerche che stanno cercando di comprendere e contrastare il fenomeno.

              Continua a leggere

              Curiosità

              Staycation: come viaggiare senza lasciare la città!

              D’estate, molti stanno rivalutando il concetto di vacanza, preferendo il comfort della propria città alle mete turistiche affollate. Le “staycation,” ovvero le vacanze trascorse a casa o nelle vicinanze, stanno diventando una tendenza sempre più popolare del 2024. Ecco come trasformare il tuo soggiorno in città in un’esperienza di vacanza indimenticabile.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Le vacanze cosiddette staycation offrono una meravigliosa opportunità per rilassarsi e godere di una vacanza senza lo stress dei viaggi. Con un po’ di creatività e pianificazione, puoi trasformare il tuo soggiorno in città in un’avventura entusiasmante e rigenerante con momenti speciali a casa e approfitta delle molteplici attività e esperienze che ti circondano.

                Riscoprire le gemme nascoste della tua città
                Spesso, presi dalla routine quotidiana, dimentichiamo le meraviglie che ci circondano. Una staycation è l’occasione perfetta per riscoprire i tesori nascosti della tua città. Organizza visite ai musei locali, esplora quartieri che non hai mai visitato, partecipa a tour storici o gastronomici e goditi i parchi cittadini. Ogni città ha i suoi luoghi unici e affascinanti che meritano di essere scoperti.


                Creare un’atmosfera di vacanza a casa
                Trasforma la tua casa in un rifugio di relax e divertimento. Organizza serate a tema con cene ispirate a diverse cucine del mondo. Dedica del tempo a te stesso con attività ricreative e di benessere. Approfitta dei centri benessere locali per un massaggio rilassante o un trattamento termale.

                Esperienze culturali e artistiche
                Le città offrono una vasta gamma di esperienze culturali e artistiche. Partecipa a spettacoli teatrali, concerti all’aperto o serate di cinema sotto le stelle. Visita gallerie d’arte e mostre temporanee, o partecipa a laboratori artistici per scoprire nuovi hobby.


                Cucinare e degustare
                Prova nuove ricette, magari ispirate a piatti internazionali, o partecipa a corsi di cucina online per perfezionare le tue abilità culinarie. Se preferisci rilassarti, esplora i ristoranti locali che non hai mai provato.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù