Connect with us

Cucina

Giorgione lo chef strappato alla terra

La sua visione della cucina come esperienza conviviale e gioiosa, e non solo come nutrimento fisico, è illuminante. Giorgione rifiuta l’idea che l’alimentazione debba essere noiosa o monotona e crede fermamente che il cibo debba essere gustoso e appagante.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Romano de Roma, sessantasette anni Giorgio Barchiesi, più conosciuto come Giorgione, deve il suo successo ai piatti che serve nel suo ristorante di Montefalco in provincia di Perugia, Ristorante alla Via di Mezzo da Giorgione. Ma anche alla sua rubrica televisiva “Giorgione. Orto e cucina” in onda su Gambero Rosso Channel e al suo approccio alla cucina e alla vita. Una persona genuina che riflette una profonda conoscenza e un profondo rispetto per il cibo e le tradizioni culinarie italiane. Prima di diventare ristoratore e anche chef televisivo faceva il veterinario. Sarà una delle star del Macfrut di Rimini, la vetrina internazionale del settore ortofrutticolo in programma dall’8 al 10 maggio. I suoi nemici? Diamo più che altro i suoi non amici sono il sovranismo alimentare che reputa una stupidaggine come tutti i sovranismi.

    Star in tv e star sui social

    Da Instagram a Facebook è seguito e noto dai 5 ai 90 anni, un successo di cui è consapevole che reputa carico di problemi e inquietudini. Quando ha iniziato a occuparsi della sua immagine e ha deciso di studiare l’uso dei social, circa sedici anni non avrebbe mai scommesso un centesimo “Sulla vita che sto facendo ora“, dice. Non era sua intenzione fare l’influencer. Il successo è arrivato in maniera fortuita, per caso. Sedici anni aveva fatto una festa in casa con amici e amici di amici. Alcuni di loro avevano un ristorantino nel borghetto a Montefalco, in Umbria.

    Fu allora“, dice, “che l’occasione della mia vita mi corse incontro. Gli amici dei miei amici volevano lasciar perdere e allora l’ho rilevato, e anche per pochi soldi, anzi pochissimi“. Giorgione allora non faceva il cuoco nel senso che non era uno chef con tanto di corsi e di scuola. No lui amava cucinare in casa per amici e tavolate intere ma solo per stare insieme e gustare i suoi piatti preferiti cercando di stare in buona compagnia e fare divertire.

    Uno che si diverte e fa divertire

    Uno di suoi motti è: l’alimentazione è sana quando non è noiosa.A casa spesso le persone mangiano sempre le stesse cose. E’ triste“. La tavola non deve essere solo ingurgitare alimenti a caso nella giusta quantità che contengono gli elementi nutritivi, sali minerali, vitamine, amminoacidi, etc. “A chi va in farmacia a caccia di integratori io dico caro mio mangia di tutto e vedrai non ti serve niente”. Inoltre Giorgione reputa il pasto che sia serale o a pranzo un momento sacro. Che deve essere gestito e vissuto bene. In armonia con il giusto tempo. “Ci siamo ridotti che oggi a tavola non si parla più, si mangia e non si chiacchiera e magari si è distratti dalla tv che ci distoglie da quello che stiamo mangiando e non ci fa assaporare nel giusto modo il cibo“.

    Ma come si è guadagnati a sua fama?

    Suo padre voleva che facesse il liceo, ma lui scelse l’istituto agrario. Poi si iscrissi a veterinaria. Anche sua moglie ha studiato all’agrario. “Stiamo insieme dal 1975 e siamo sposati dal 1981“, dice. Per 20 anni ha fatto il veterinario agricolo in un’azienda. Proprio in quella lunga esperienza che ha avuto modo di conoscere la materia prima, gli ortaggi, la frutta, i grani. E la carne. “E’ stato fondamentale“. All’inizio degli anni Ottanta, per lo scandalo dei bovini allevati con antibiotici ed estrogeni che coinvolse la Plasmon e gli omogeneizzati per i bambini non si vendeva più carne.

    Lavoravo come veterinario in una azienda, che aveva tanti animali da vendere in un periodo di crisi“, ricorda. Per superare quel momento creò una cooperativa che iniziò a confezionare e vendere i primi pacchetti di carne “pronta da cuocere”. “Indossai il camice da macellaio e tolsi quello da veterinario e mi misi a vendere la carne che ci fece guadagnare una buona fama almeno nella zona d Roma“.

    Prezzi contenuti e alta qualità

    Nel ristorante di Giorgione il prezzo è sempre quello. Trentasei euro bevande escluse in un’epoca in cui i ristoranti hanno fatto salire i loro prezzi a cifre inavvicinabili. E in più le cucine super stellate propongono menu da capogiro. “Sono dell’idea che trentasei euro bevande escluse sia un prezzo ragionevole per la nostra qualità e quantità“. Nel menù a prezzo fisso di Giorgione si trovano trippa, lingua, nervetti, lampredotto, formaggi da spizzicare. E poi due primi, due secondi, due contorni e un tris di dolci.

    Ma si mangia quello che vuole lui in maniera insindacabile. “Attenzione si mangia quello che diciamo noi: quello che arriva, arriva, non c’è alcuna trattativa. Non si può scegliere. Non facciamo porzioni ma portiamo vassoi e se non basta la quantità non è un problema, perché aumentiamo“. Sono questi i motivi per cui il conto da lui è ancora abbordabile. Naturalmente per chi soffre di intolleranze alimentari Giorgione ha predisposto una serie di alternative.

    Pur essendo uno strenuo difensore della tradizione culinaria, è contro l’idea di sovranismo alimentare. “Certo perché il seme del sovranismo è inquietante e trova un terreno fertile per germogliare. Credo che in cucina bisogna provare con curiosità sempre. Come la carne non carne che comunque nasce e si sviluppa da una trasformazione in laboratorio da cellule animali per cui se buona perché non mangiarla per di più produrla non inquina. Così come essere a priori contro l’utilizzo degli insetti è sbagliato. Bisogna sempre provare. Ricordiamoci che c’è gente che muore di fame, che il cibo è cosa seria e che in tempi di guerra…“.

      Cucina

      Gusto estivo: Torta di frolla con fragole e crema!

      Siamo nel mondo incantato delle crostate! Fragole fresche e dolci, circondate da crema pasticcera e avvolte dall’abbraccio di una pasta frolla croccante. La perfezione del fatto in casa e il gusto autentico di casa nostra.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        La versione della pasta frolla che conosciamo oggi ha preso forma durante il Rinascimento. Nel 1500, i pasticceri italiani iniziarono a perfezionare l’arte della pasticceria, aggiungendo zucchero, uova e burro all’impasto base. Questo periodo di innovazione culinaria portò alla nascita della pasta frolla come la conosciamo oggi: un impasto ricco e burroso, perfetto per crostate e biscotti.

        Ogni regione ha sviluppato le proprie varianti, adattando la ricetta base alle tradizioni locali e agli ingredienti disponibili. In Italia, la pasta frolla è spesso arricchita con scorza di limone o vaniglia, mentre in altre tradizioni europee si possono trovare aggiunte di mandorle tritate o spezie.

        Crostata di fragole e crema               

        Ingredienti per una torta da 22 cm di diametro
        Per la base di frolla
        250 g di farina 00
        125 g di burro freddo a cubetti
        100g di zucchero a velo
        1 uovo intero
        Un pizzico di sale
        Per la crema pasticcera
        500 ml di latte intero
        4 tuorli d’uovo
        100 g di zucchero
        40 g di amido di mais
        1 cucchiaino di estratto di vaniglia
        Per farcire
        Fragole fresche, lavate e tagliate a metà
        Per le finiture
        Gel lucidante per dolci (disponibile nei negozi di articoli per la pasticceria)

        Procedimento
        In una ciotola grande, metti la farina e aggiungi il burro freddo a cubetti. Con la punta delle dita, lavora il burro nella farina fino a ottenere un composto sabbioso, aggiungi lo zucchero a velo, l’uovo e un pizzico di sale. Lavora gli ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo.

        Avvolgi il panetto nella pellicola trasparente e lascia riposare in frigorifero per almeno 30 minuti. In un pentolino porta il latte e la vaniglia a ebollizione insieme alla stecca di vaniglia (tagliata a

        In una ciotola a parte sbatti i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungi l’amido di mais e mescola bene, versaci sopra il latte bollente e mescola rapidamente per evitare la formazione di grumi.

        Rimetti tutto sul fuoco medio-basso, continuamente a mescolare fino a quando la crema si addensa. Trasferisci la crema calda in una ciotola, copri con pellicola trasparente a contatto con la superficie e lasciala raffreddare completamente.

        Stendi la pasta frolla su una superficie leggermente infarinata e adagiala in una teglia per crostate precedentemente imburrata e infarinata. Bucherella il fondo della pasta con una forchetta e versaci sopra la crema pasticcera preparata, livellandola con il dorso di un cucchiaio.

        Inforna per circa 25-30 minuti a 170 gradi ventilato, o fino a quando la pasta frolla risulta dorata. Una volta cotta, lascia raffreddare completamente sulla teglia. Disponi sulla torta le fragole, una accanto all’altra in modo ordinato, spennellale con il gel lucidante per dolci per ottenere una splendida finitura brillante. Metti in frigo fino al momento di servire.  

          Continua a leggere

          Cucina

          Sua maestà la Charlotte con panna e frutti rossi!

          È un dolce raffinato e delicato dalla storia intrigante che affonda le sue radici nella Francia del XIX secolo. L’origine del nome “Charlotte” è avvolta nel mistero, con diverse teorie che tentano di spiegarne, invano, la sua etimologia.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Alcuni credono che il dolce sia stato chiamato in onore della regina Carlotta, moglie di Giorgio III d’Inghilterra, mentre altri suggeriscono che il nome derivi dalla parola francese “charlot”, che significa “un impasto di frutta”. Indipendentemente dall’origine del nome, la Charlotte è diventata un simbolo di eleganza e raffinatezza nella cucina francese.

            Charlotte con panna montata, lamponi e susine nere

            Ingredienti per una Charlotte da 18 cm diametro
            300 g di savoiardi
            500 ml di panna fresca di latteria
            200 g di zucchero a velo
            250 g di lamponi freschi
            250 g di prugne mature, denocciolate e tagliate a pezzetti
            1 tazza di latte di mandorle

            Procedimento
            Versa la panna fredda in una ciotola e monta con uno sbattitore elettrico. Aggiungi gradualmente lo zucchero a velo e continua a montare fino a ottenere una crema fitta a becco d’oca. Metti da parte.

            Prendi uno stampo rotondo e foderalo con pellicola trasparente, poi inzuppa rapidamente i savoiardi nel latte e disponili sul fondo dello stampo formando uno strato uniforme.

            Adesso, disponi i savoiardi in piedi lungo la circonferenza dello stampo, versa all’interno metà della panna montata e livella con una spatola, distribuisci i lamponi, poi copri con panna, un altro strato di savoiardi imbevuti e le susine.
            Quando raggiungerai quasi l’altezza dei savoiardi metti il resto della panna e coprite la Charlotte con pellicola trasparente, metti in frigorifero per almeno una notte, per farla rassodare.

            Prima di servire, sforma delicatamente la Charlotte su un piatto da portata e decora la parte superiore con la frutta e servi la Charlotte fresca avvolta con del nastro attorno ai savoiardi, che funge sia da presentazione sia per evitare che il dolce si disfi. Servi a fette generose.

              Continua a leggere

              Cucina

              Torta salata con verdure di primavera: un trionfo di sapori

              Questa torta salata è un’ode alla primavera e alle verdure di aprile. Sperimenta con gli ingredienti, crea la tua interpretazione e delizia familiari e amici con un capolavoro culinario che celebra la stagione. Buon appetito e buona cucina!

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Mentre la primavera sboccia, le verdure di primavera offrono una tavolozza di colori e sapori irresistibili. Oggi esploreremo una deliziosa ricetta di torta salata che cattura la freschezza di questo mese. Pronta a stupire il palato con ingredienti di stagione, questa torta salata è un capolavoro culinario da non perdere.

                La primavera ci regala una varietà di verdure fresche e nutrienti. Spinaci, carote, zucchine e asparagi sono solo alcune delle opzioni ricche di vitamine e antiossidanti che possono essere protagoniste della nostra torta salata.

                La scelta delle verdure

                Inizia la tua avventura culinaria selezionando verdure fresche e di alta qualità. Puoi giocare con le consistenze e i colori, creando uno spettacolo visivo e gustativo. Ricorda che l’uso di ingredienti di stagione aggiunge un tocco di autenticità alla tua preparazione.

                Ricetta base per la tua torta salata

                Ecco una ricetta base per una torta salata con le verdure di marzo:

                Ingredienti per la pasta:

                • 250g di farina
                • 125g di burro freddo a cubetti
                • Acqua fredda qb
                • Un pizzico di sale

                Ingredienti per il ripieno:

                • 200g di spinaci freschi
                • 2 carote, grattugiate
                • 1 zucchina, tagliata a fettine sottili
                • 100g di asparagi, tagliati a pezzi
                • 150g di formaggio (fontina o feta)
                • 4 uova
                • 200ml di panna
                • Sale e pepe qb
                • Noce moscata qb

                Istruzioni:

                1. In una ciotola, mescola la farina con il burro fino a ottenere una consistenza sabbiosa. Aggiungi l’acqua fredda e impasta fino a formare una palla. Avvolgila nella pellicola e fai riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
                2. Stendi la pasta su una superficie infarinata e foderane una teglia. Bucherella il fondo con una forchetta.
                3. In una padella, rosola gli spinaci fino a quando sono appassiti. Aggiungi le carote, le zucchine e gli asparagi, cuocendo per qualche minuto.
                4. Disponi le verdure sulla base di pasta.
                5. In una ciotola, sbatti le uova con la panna. Aggiungi il formaggio grattugiato, sale, pepe e noce moscata. Versa il composto sulla verdura.
                6. Cuoci in forno preriscaldato a 180°C per circa 30-40 minuti o fino a quando la superficie è dorata.

                Varianti e personalizzazioni:

                Questa ricetta è altamente personalizzabile. Puoi aggiungere erbe aromatiche fresche, formaggi diversi o persino prosciutto cotto per una variante più sostanziosa.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù