Connect with us

Spettacolo

90 di questi giorni, Paperino

Avatar photo

Pubblicato

il

    Tanti auguri Donald Duck! Sai perchè ti vogliamo un gran bene? Perchè con la tua spiccata caratteristica di antieroe hai attraversato decenni dell’intrattenimento, rappresentando ostinata calamita per tutte le avversità. A differenza di Topolino, piuttosto saccente e sempre con la risposta pronta… tu incarni i dubbi e le debolezze che fanno parte del nostro quotidiano di umani qualunque! E in epoca di superuomini (e di superpaperi…), è un motivo di distinzione.

    Un esordio datato 1937

    Magician Mickey si intitola un cortometraggio del 1937 e diretto da David Hand, il regista di Biancaneve e i sette nani. Topolino si esibisce sul palco in numeri di magia, ma qualcuno nel pubblico è geloso. È un personaggio nato appena tre anni prima, ma già graficamente definito… che corrisponde ad un papero!

    L’emblema della debolezza umana

    Già dal suo esordio nella Silly Symphony dal titolo The Wise Little Hen (9 giugno del 1934, La gallinella saggia, diretto da Wilfred Jackson) si comprese subito che tiposia: un simulatorie di malanni per sfuggire al lavoro, insieme al compare Meo Porcello. Non solo Paperino rappresenta l’opposto caratteriale del solare, sereno e ottimista Topolino, ma in Magician Mickey arriva a contestarlo addirittura lo contesta attivamente con il famoso. “Everybody can do that!” ( Questo lo possono fare tutti!”). Si tratta di invidia quella di Paperino, una debolezza umana che tutti noi viviamo.

    Intuito e capacità d’adattamento

    Donald Duck è un Don Chisciotte palmato che lotta contro i mulini a vento. Non è uno stupidone come Pippo e neanche intelligentissimo come Topolino. Anche se è consapevole di quello che gli accade, con l’intuizione giusta per accomodare alla meglio le disgrazie che gli capitano. Paperino siamo tutti noi!

    In guerra

    Da notare: quando il suo creatore Disney accetta di realizzare i corti a cartoni animati da usare come propaganda bellica della II Guerra Mondiale… manda al fronte lui! Non manda Topolino. Non manda Pippo. Manda Paperino, perché la guerra è una brutta e seria faccenda, che non ammette ingenuità né alienazione: è roba da uomo comune. E allora… tatissimi auguri Donald!

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Televisione

      L’assurdo reality giapponese: un uomo nudo chiuso in una stanza per mesi

      Diventa un filmi l’incredibile storia di Tomoaki Hamatsu, alias Nasubi, protagonista di uno dei reality show più assurdi e controversi della televisione giapponese degli anni ’90. Chiuso in una stanza per oltre un anno, ignaro del pubblico che lo osservava, Hamatsu dovette lottare per la sopravvivenza e la dignità, affrontando prove estreme e umilianti, il tutto per la gioia di milioni di spettatori. Una narrazione mozzafiato che mette in luce l’assurdità dei confini tra intrattenimento e crudeltà sociale.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Un documentario recente ha portato alla luce la storia incredibile di Tomoaki Hamatsu, meglio conosciuto come Nasubi, protagonista di uno dei primi reality show giapponesi, Susunu! Denpa Shonen, nel 1998. Il giovane comico, ignaro del fatto che milioni di spettatori lo stessero guardando, si ritrovò chiuso da solo in una stanza per oltre un anno, senza alcuna conoscenza del fatto che le sue azioni fossero trasmesse in diretta.

        Una situazione bizzarra

        Questa bizzarra situazione, resa ancor più straordinaria dal fatto che Hamatsu non era consapevole del pubblico che lo osservava, è stata oggetto di riflessioni e dibattiti dopo la presentazione del documentario “The Contestant” al Toronto International Film Festival nel 2023.

        Concorsi a premi

        Il reality show, ideato da Toshio Tsuchiya, sfidava Hamatsu a procurarsi cibo, vestiti e altre necessità essenziali esclusivamente attraverso concorsi a premi postali, con prove estreme e umilianti. Il tutto veniva registrato da telecamere che lo riprendevano 24 ore su 24, senza il suo consenso, e trasmesso in brevi segmenti settimanali senza che lui ne fosse al corrente.

        Situazioni estreme

        La sua esperienza nella stanza, caratterizzata da situazioni estreme e momenti di solitudine devastante, è stata descritta come una sottile linea tra la produzione di un reality show e un crudele esperimento sociale. Hamatsu, vincitore di premi come riso e spaghetti senza gli strumenti per cucinarli, finì per mangiare persino cibo per cani e intrattenere conversazioni con un pupazzo per combattere la solitudine.

        Truman Show

        Questa storia, che ha ricordato il film “Truman Show” e “Oldboy” per molti, ha portato Hamatsu a vivere esperienze difficili e a soffrire di pensieri suicidi. Oggi, grazie al documentario “The Contestant”, la storia di Hamatsu è di nuovo al centro dell’attenzione, evidenziando l’assurdità di un programma che ha messo alla prova i limiti umani e ha sollevato importanti questioni etiche sulla produzione di contenuti televisivi.

        Nudo e solo

        Un elemento peculiare di questa storia è la nudità di Hamatsu durante la sua permanenza nella stanza, dovuta alla mancanza di abiti vinti nei concorsi a premi. La sua nudità, accentuata dall’uso di un’animazione a forma di melanzana per coprire le parti intime, ha aggiunto un ulteriore elemento di umiliazione e vulnerabilità a questa esperienza già straordinaria.

          Continua a leggere

          Cinema

          Per l’attore Kevin Bacon il quotidiano fa schifo!

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Che si sia sentito annoiato dalla sua condizione di arista ricco e famoso? Fatto sta che Kevin Bacon, l’indimenticabile protagonista di Footloose, ha voluto provare per un giorno a fare la parte del comune mortale sconosciuto. Peccato che, dopo poche ore di totale anonimato, si è accorto che una vita così (la nostra…) ‘fa schifo’. Lo ha dichiarato in un’intervista al popolare settimanale Vanity Fair. Nell’articolo, intitolato, Kevin Bacon ha passato un giorno da persona comune, il 65enne ha detto che, prima dell’esperimento, sognava spesso a occhi aperti di camminare per strada senza essere riconosciuto.

            Trucco e parrucco… da non usare in scena

            Per provarci davvero, è ricorso all’aiuto di un professionista e, dopo una seduta di trucco, in pratica sembrava davvero un’altra persona. Spiegando che: “Un cappello e un paio di occhiali funzionano fino ad un certo punto. Mi sono rivolto quindi ad un make up artist e gli ho chiesto di farmi un trucco prostetico”. Con tanto di dentatura falsa e un naso dalla forma differente, Bacon ha voluto testare il tutto recandosi presso un centro commerciale di Los Angeles, come al solito affollato di persona.

            In fila per il caffè e nessun fan osannante

            Dapprima il godimento è stato concreto: “Nessuno mi ha riconosciuto. Ad un certo punto, però, ho cominciato a provare una strana sensazione, quella di essere invisibile. Le persone mi spingevano, mi passavano davanti. Nessuno mi diceva, ti adoro. Ho dovuto fare la file per comprare un ca**o di caffe’. Mi sono detto, ‘questo fa schifo, torno ad essere famoso”.

            La morale della questione

            Questo episodio, per certi versi divertente, insegna un grande valore. Ovvero quello di apprezzare quello che si possiede, senza diventare matti a cambiare radicalmente il proprio orizzonte. Che, nel caso di Bacon, sicuramente contemplerà certamente qualche fastidioso ammiratore un po’ invadente… ma sicuramente gli garantirà di essere servito per primo al bar!

            Qualcosa sulla sua vita privata

            Sul set del film Lemon Sky ha incontrato l’attrice Kyra Sedgwick, con la quale si è sposato il 4 settembre 1988. La coppia vive nell’Upper West Side a Manhattan, coi loro due figli: Travis Bacon nato il 23 giugno 1989 e Sosie Ruth Bacon (15 marzo 1992).

              Continua a leggere

              Televisione

              Morta Shannen Doherty la star di ‘Beverly Hills 90210’

              Shannen Doherty, famosa per i suoi ruoli in “Beverly Hills 90210” e “Streghe”, è deceduta a 53 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro al seno. La notizia è stata confermata dalla sua addetta stampa, Leslie Sloane. Doherty ha raggiunto la fama interpretando Brenda Walsh in “Beverly Hills 90210”, una serie che ha affrontato temi come l’abuso di droghe e il razzismo. La sua carriera è iniziata da bambina con ruoli in “Father Murphy” e “La casa nella prateria”. È apparsa anche in film come “Heathers” e nei lavori di Kevin Smith. Era stata sposata tre volte, l’ultima con il fotografo Kurt Iswarienko.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Shannen Doherty, celebre attrice di “Beverly Hills 90210” e “Streghe”, è morta a 53 anni dopo una lunga lotta contro il cancro al seno. La notizia è stata confermata dal magazine People attraverso una dichiarazione della sua addetta stampa, Leslie Sloane: “Con il cuore afflitto confermo la scomparsa dell’attrice Shannen Doherty. Sabato 13 luglio, dopo anni di lotta contro il cancro, ha perso la sua battaglia”.

                Brenda per tutti

                Doherty è diventata famosa nel 1990 interpretando Brenda Walsh nella serie “Beverly Hills 90210” della Fox. Brenda e il suo fratello gemello Brandon, interpretato da Jason Priestley, rappresentavano una famiglia del Minnesota trasferitasi a Beverly Hills, affrontando le eccentricità dei ricchi adolescenti di Los Angeles.

                Con Luke Perry

                La storia d’amore tra Brenda e Dylan, interpretato da Luke Perry, ha suscitato polemiche fin dalla prima stagione, soprattutto quando Brenda valutava la possibilità di perdere la verginità. La successiva rottura tra Brenda e Dylan, a causa della relazione di quest’ultimo con Kelly (Jennie Garth), ha generato ulteriore scalpore. La serie è stata pionieristica nell’affrontare temi come l’abuso di droghe e il razzismo, ottenendo un enorme successo mediatico.

                Una vera diva

                Shannen Doherty è stata spesso al centro dei pettegolezzi sul set, e la stampa l’ha etichettata come una “diva”. È diventata il membro del cast meno amato, in contrasto con Kelly di Garth. Doherty ha partecipato a 111 episodi della serie prima di lasciarla alla fine della quarta stagione, tra segnalazioni di attriti con i colleghi, in particolare con Garth.

                Nata a Memphis, Tennessee, Doherty si è trasferita a Los Angeles da bambina, iniziando la sua carriera a 10 anni nella serie “Father Murphy”. Michael Landon la notò e la scelse per il ruolo di Jenny Wilder in “La casa nella prateria” quando aveva 11 anni. Successivamente, ha avuto un ruolo ricorrente nella serie per famiglie “Our House” con Wilfred Brimley.

                Nel cinema, è apparsa in film cult per adolescenti come “Heathers”, “Girls Just Want to Have Fun” e nei film di Kevin Smith “Mallrats” e “Jay and Silent Bob Strike Back”. È stata sposata brevemente con Ashley Hamilton e con il giocatore di poker Rick Salomon. Nel 2011, ha sposato il fotografo Kurt Iswarienko, da cui ha chiesto il divorzio nel 2023.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù