Connect with us

Spettacolo

Fedez e gli altri. Ecco i mega cachet dei vip

Una domanda, sempre la stessa, tante risposte, sempre le stesse. Il cachet dei vip in tv da sempre sono un pensiero fisso per la stampa ma ancora di più per i telespettatori. Soprattutto quelli che rosicano per i compensi troppo elevati, per i moralisti e per chi ama farsi gli affari degli altri più che i propri.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Una domanda, sempre la stessa, tante risposte, sempre le stesse. Il cachet dei vip in tv da sempre sono un pensiero fisso per la stampa ma ancora di più per i telespettatori. Soprattutto quelli che rosicano per i compensi troppo elevati, per i moralisti e per chi ama farsi gli affari degli altri più che i propri. E quindi i cachet dei vip che vanno in tv da sempre sono passati al setaccio. Soprattutto quando a pagarli è il servizio pubblico. Soldi che tiriamo fuori noi con le nostre tasse. Poi è chiaro che quando vedi certe cifre un po’ ti rode dentro. La politica? Questioni di lana caprina, avremmo scritto un tempo. Quello che più da fastidio è la diversità di trattamento tra chi, come noi, ha una entrata tassata alla fonte e chi invece può scialacquare. In ordine sparso gli ultimi ad essere messi alla gogna mediatica sono Fedez e lo scrittore Antonio Scurati. Ma chi può dimenticare le accese discussioni intorno ai guadagni di Fabio Fazio, Maurizio Crozza, Michele Santoro, Belen Rodriguez, Vittorio Sgarbi, Valeria Marini, e persino Gianni Sperti e Tina Cipollari?

    Facciamogli le pulci… e anche le zecche

    Quanto ha guadagnato Fedez per l’intervista rilasciata nella trasmissione Belve? Interessa davvero a qualcuno? Sembra proprio di sì. A distanza di qualche giorno dalla sua partecipazione al programma di Francesca Fagnani, è spuntato fuori il cachet. Ma la prima a guadagnarci è stata la giornalista stessa con un picco di ascolti da record. Il cachet pattuito per avere Fedez nel salottino della Fagnani è stato di 70 mila euro. Ma la certezza non si avrà mai perché fare conoscere i propri guadagni sembra proprio un tabù. Per tutti. E a proposito di tabù vogliamo ricordarci quanto sono costate le opinioni Vittorio Sgarbi o di Mauro Corona nel suo appuntamento settimanale accanto a Bianca Berlinguer nella trasmissione Cartabianca?

    I cachet degli ospiti in Rai? Non esiste un listino prezzi

    Non esiste un listino prezzi standard per gli ospiti dei programmi Rai. Tutto dipende dalle scelte del direttore di turno. Nelle diverse ere geologiche dell’emittente di Stato le cose sono cambiate. Tanto per fare un esempio nell’era di Luigi Gubitosi, che della Rai è stato direttore generale dal 2012 al 2015 i giornalisti di reti concorrenti erano tenuti a intervenire gratuitamente. Oggi la retribuzione può variare dai 500 ai 2.000 euro per un giornalista e superare i 5.000 euro per i “personaggetti”. E gli altri? I compensi oscillano dai 3.000 ai 20.000 euro. Rammentiamo per esempio il cachet di Belen Rodriguez nel periodo del suo massimo splendore. E per Valeria Marini? Anche lei è stata pagata strabene. Una sua comparsata era intorno ai 7 mila euro. Sempre quando il personaggio in questione si trovava ai massimi della sua popolarità.

    Diversi invece i compensi per scrittori. Nel caso di Scurati si è scritto e riscritto che il compenso sarebbe stato di circa 1500 euro netti, in linea con il cachet di altri scrittori. Fonti parlamentari riportano che inizialmente a Scurati era stato proposto di fare il suo intervento gratuitamente. Ma perché avrebbe dovuto? Non siamo qui per analizzare il contenuto del suo testo e neppure la querelle politica con il Premier Meloni, ma in fondo il lavoro deve essere sempre pagato. O no?

    Il dating televisivo che tira di più

    Tutte le reti e le trasmissioni tv hanno a disposizione un budget con diverse voci di spesa dal conduttore agli ospiti. Persino Tina Cipollari e Gianni Sperti nella trasmissione Uomini e Donne di Mediaset (1996), hanno un discreto cachet perché fanno audience. Fanno ascolto, attirano pubblico e quindi inserzionisti. La coppia dei due opinionisti pare percepisca un cachet tra i 1000 i 2 mila euro per ogni singola puntata. Fatti due conti questo significa che entrambi incasserebbero tra i 1000 e i 2000 euro a registrazione e il loro stipendio potrebbe oscillare tra i 4.000 e gli 8.000 mila euro al mese. Niente male per i due “consiglieri” dei tronisti in carica. Un vero e proprio “impiego”. Ricordiamoci che Sperti, ex ballerino di Buona Domenica, è approdato in trasmissione dopo il naufragio del matrimonio con Paola Barale. La Cipollari, invece, inizialmente è approdata negli studi in qualità di Vamp e corteggiatrice. Era il 2003. La coppia di opinionisti quindi è presente in tv da più di venti anni.

    Potremo mai dimenticare il tormentone estivo di Fabio Fazio?

    Certo che no. Anche perché il suo compenso in Rai è stato per anni e anni un tormentone estivo durante la presentazione dei palinsesti autunnali. In Rai per ogni puntata di Che Tempo che fa (32 puntate annue), nei tempi gloriosi e di maggiore ascolto, Fazio veniva pagato 50 mila euro a puntata in prima serata. Del resto il costo di uno spot mandato in onda durante la trasmissione era paragonabile a quelli trasmessi al Festival di Sanremo. Ogni settimana la Rai con Fazio incassava circa 1 milione di euro. Cifre da capogiro per un trenta secondi. Ai costi per l trasmissione la Rai sborsava anche un cachet di 7 mila euro percepito dal conduttore in qualità di autore della stessa. Cifre, a quei tempi, in linea con quanto devoluto a Carlo Conti e Antonella Clerici.

    Ma a molti andava di traverso il fatto che oltre a un budget per la trasmissione, la Rai trovasse per lui anche un cachet come autore. OFFicina, la società di Fabio Fazio creata per produrre Che Tempo che fa, inizialmente era detenuta al 50% da Magnolia (diventata Banijay) e al 50% direttamente da Fabio Fazio stesso, che diventò così anche co-produttore del programma. Nel 2021 Fazio ha ceduto il suo 50% a Banijay, con un’operazione stimata di 931.000 euro. A Discovery e il canale Nove (Warner Bros) Fazio si è accordato per una cifra nettamente inferiore a quella percepita in Rai che qualcuno posiziona sotto il milione e mezzo a stagione.

      Cinema

      Sharon Stone: l’icona hollywoodiana cerca l’amore sui social

      La regina degli schermi ha deciso di cercare l’amore digitale, dimostrando che non è mai troppo tardi per lanciarsi in nuove avventure romantiche. Che sia un “match” perfetto o una serie di appuntamenti bizzarri, il diario amoroso digitale di Sharon Stone si annuncia già come una delle storie più intriganti di Hollywood. Stay tuned per il prossimo “swipe” epico!

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Chi l’avrebbe mai detto? Sharon Stone, la regina delle scene hot di “Basic Instinct”, è ufficialmente in cerca di amore, e dove cerca? Su Tinder, ovviamente! A 65 anni, la diva ha annunciato al Times il suo desiderio di innamorarsi “al cento per cento” quest’anno. Un annuncio che ha fatto tremare persino il mondo digitale del dating!

        Scandali, matrimoni, e ora… Tinder!

        Dopo scandali sensazionali, due matrimoni e decenni sul grande schermo, Sharon Stone decide di abbandonare la sua comfort zone e tuffarsi nel selvaggio mondo del dating online. Su Tinder! Sì, hai letto bene, su quella app dove potenziali cuori infranti si incontrano con un semplice “swipe.”

        Amore, arte e una sincera confessione

        Mentre prepara una mostra d’arte a Berlino, la Stone rivela il suo desiderio di innamorarsi, ma non prima di lanciarsi in un’estenuante sessione di pittura. “Sto cadendo a pezzi”, scherza, mostrando che anche le icone di Hollywood affrontano le sfide della vita amorosa come noi comuni mortali.

        Canzoni, romanzi e… suore?

        Oltre a essere un’attrice straordinaria, Sharon Stone è un’artista poliedrica. Sta scrivendo canzoni, e addirittura un romanzo sulle suore! “Sono un’artista internazionale e la mia arte può prendere tante forme diverse”, dichiara, dando un tocco di ironia alla sua creatività senza limiti.

        Tinder Tales

        La diva alla ricerca dell’amore digitale: Le esperienze di Stone su Tinder? Un misto di risate e orrori. Dal cattivo ragazzo con la fedina penale sporca al romantico dipendente dall’eroina, Sharon ha incontrato di tutto. Ma il Covid ha scompigliato anche le storie più promettenti: “Sono stata una specie di terapista per loro,” racconta con uno scintillio di saggezza.

        Svelarsi senza filtro: In un mondo dominato da filtri Instagram, Stone si presenta al Times senza trucco e con i capelli grigi. “Sto cadendo a pezzi,” confessa. La sua onestà sulla sua vita amorosa aggiunge un tocco di umanità all’icona di Hollywood, dimostrando che la ricerca dell’amore è universale. E così, mentre il mondo si chiede chi sarà il fortunato a conquistare il cuore di Sharon Stone su Tinder, noi restiamo con il fiato sospeso.

          Continua a leggere

          Musica

          Vasco live: abbiamo la possibile scaletta dei concerti!

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Tutto è partito dalla dichiarazione del rocker di Zocca che, durante un’intervista a Sorrisi e Canzoni, ha annunciato che nei prossimi concerti eseguirà il brano Basta poco. Addirittura è lui in persona stesso a postare lo stralcio dell’intervista in cui ne parla in una storia su Instagram: «Non la facevo da anni. “Si fa presto a montarsi la testa” (ride). È attuale, non vedo l’ora di cantarla».

            La canzone

            Il pezzo uscì il 19 gennaio 2007, in anteprima sui videofonini di H3G dal giorno precedente. Rappresenta il primo caso di canzone pubblicata unicamente per download digitale, riuscendo a vendere in tre giorni 50 000 copie. Naturalmente la successiva programmazione nelle radio gli valse per un certo periodo di tempo la posizione numero 1 dell’airplay. Uscita sotto forma di singolo nel 2007, Basta poco aprì i concerti del tour di quell’anno. L’anno successivo fu inserita nell’album Il mondo che vorrei, non venendo più riproposta nei live. riproposta dal vivo. Nei prossimi concenti rientra in scaletta dopo 17 anni di assenza.

            La possibile scaletta da una fonte che vuole rimanere anonima

            Partendo da queste gustosa anticipazione… siamo riusciti ad avere – attraverso una fonte che non vuole essere citata – la (possibile) scaletta dei prossimi show. Eccola:

            Blasco Rossi

            Asilo Republic

            Gli spari sopra

            Gli sbagli che fai

            Quanti anni hai

            Come stai

            Vivere senza te

            Bollicine

            Jenny è pazza

            Sally

            Liberi liberi

            Medley: Gabri / Non mi va / Il fantastico blues della chitarra sola / Delusa

            Domenica lunatica

            Un gran bel film

            Tu vuoi da me qualcosa

            Basta poco

            Gli angeli

            C’è chi dice no

            Rewind

            Il mondo che vorrei

            Dillo alla luna

            Se ti potessi dire

            Canzone

            Siamo solo noi

            Vita spericolata

            Albachiara

            Un set che, se confermato, farà la gioia dei tantissimi presenti. In merito alla sequenza dei suoi concerti, il Blasco ha detto: “La sequenza dei brani dal vivo, la scaletta o set list che sia, è fondamentale. Le mie cambiano ogni anno, a seconda del racconto che vogliamo fare. Quello che rende speciali i miei concerti è l’onda che si crea al susseguirsi dei brani, ti travolge, ti frusta, ti lascia un attimo di respiro per poi ricominciare il giro. È un’emozione continua, come essere alle giostre sull’otto volante. A volte lascio fuori grandi canzoni, è ovvio: non posso cantarle tutte. Assicuro, però, sempre che nell’arco delle due ore e passa di concerto saranno ‘rappresentate’ tutte”.

            Dove vederlo dal vivo… solo se avete acquistato il biglietto

            I biglietti sono già esauriti, i casi sono due: avete già in tasca il vostro prezioso tagliando o dovrete passare – ve lo sconsigliamo – attraverso le grinfie dei bagarini. Questi gli show previsti:

            02 Giugno
            Bibione
            21:00 Stadio Comunale – Bibione

            07 – 08 – 11 – 12 – 15 – 19 – 20 Giugno
            Milan
            20:30 Giuseppe Meazza (San-Siro)

            25 – 26 – 30 Giugno
            Bari
            21:00 Stadio San Nicola

              Continua a leggere

              Televisione

              Che al Festival i “migliori anni” siamo finiti?

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Dopo settimane di rumors, che dicevano tutto e il loro contrario, giunge la conferma ufficiale: Carlo Conti sarà il conduttore dei prossimi due Festival di Sanremo! L’annuncio è arrivato dopo una lunga trattativa che si è conclusa con un esito inaspettato: non una ma due edizioni per l’abbronzatissimo professionista del piccolo schermo. Infranti quindi i sogni di chi confidava in una vera e propria scolta, con Alessandro Cattelan su tutti, alla guida della seguitissima kermesse.

                Il vecchio che avanza

                La Rai quindi opta in maniera unanime per una novità che a molti osservatori appare quantomeno di “rottura col passato”, per tornare ulteriormente indietro nel tempo della kermesse. Se Amadeus ha rappresentato, nelle edizioni da lui gestite, una ventata di rinnovamento soprattutto stilistico, la scelta di un professionista esperto ma forse meno moderno – a partire dallo stile – come Conti rinverdisce vecchi schemi festivalieri, che pensavamo ormai archiviati per sempre.

                Su X partono le polemiche

                Riuscira il toscano ad emulare i grandiosi ascolti della conduzione Amadeus (e Fiorello a rimorchio)? Se lo chiedono in molti. Per ora, dato non trascurabile, il popolo del web non sembra aver accolto con entusiasmo la scelta dei vertici Rai. Sull’ex Twitter (ora X) sono spuntati come funghi tantissimi post che lamentano la decisione dei vertici della tv di Stato. Sempre più, a quanto parrebbe, ripiegata su se stessa e non rivolta al futuro.

                Chi ha fortemente voluto Conti

                A decretare il nuovo direttore artistico del Festival sono stati l’Amministratore delegato Roberto Sergio, il Direttore generale Giampaolo Rossi e il Direttore Intrattenimento Prime Time Marcello Ciannamea. L’annuncio con il tradizionale e formale comunicato stampa: “Come annunciato al Tg1 sarà Carlo Conti il nuovo Direttore artistico e conduttore del Festival della Canzone Italiana di Sanremo”.

                Ci promettono sorprese e novità: sarà vero?!?

                Il documento prosegue: “Per il conduttore non si tratta di un semplice ritorno al Festival ma di una nuova sfida che, come obiettivo, ha quello di continuare a promuovere e valorizzare le nuove tendenze, cosi come fece nelle tre edizioni di successo, dal 2015 al 2017, che vide lanciare artisti oggi protagonisti della musica italiana. Il Direttore artistico è già al lavoro per un Festival con tante sorprese e novità“.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù