Connect with us

Sport

A Napoli arriva Conte… e parla già in dialetto!

Avatar photo

Pubblicato

il

    Il neo Mister del Napoli Antonio Conte, a quanto pare, si è già perfettamente ambientato nella città di Pulcinella, di Totò, di Troisi, di Pino Daniele… e di Maradona! Talmente a suo agio da cominciare a parlare in dialetto. Il messaggio rivolto ai tifosi è chiaro: “Messaggio ai tifosi? Posso dire una cosa: “amma faticà”. Che la dice lunga sia sulla voglia di entrare subito nel vivo dell’azione, con la consapevolezza che non si tratterà certo di una passeggiata di salute.

    La magia di una città

    Agglomerato di usi, costumi e tradizioni diverse, che qui riescono a trovare il modo di coesistere, legate al tessuto sociale e in grado di unire tutte le generazioni, dai bambini agli anziani, passando per gli adolescenti. Le tradizioni non sono legate solo a eventi religiosi (San Gennaro su tutti) ma si legano soprattutto ad avvenimenti storici e politici della città. Il tutto unito da un collante comune: l’amore per la squadra del Napoli!

    Tanta voglia di ricominciare…

    Dopo una stagione decisamente deludente, l’obiettivo della squadra è quello di tornare subito ai vertici del calcio nazionale. Per farlo, sulla panchina partenopea è quindi arrivato un allenatore di prestigio come Antonio Conte. Il quale, nel corso della sua prima intervista ai canali ufficiali del club, ha voluto tracciare qualche liena guida iniziale su quello che si aspetta da questa avventura. In una città dove, oltre alla pizza, agli spaghetti e al caffè… si campa di calcio!

    Un’occasione unica

    Queste sono state le sue prime parole: “Se mi dicono Napoli mi vengono in mente tante cose: una delle città più belle al mondo, per prima cosa. Sarà una grandissima esperienza professionale e di vita e ho tanta voglia di viverla. Avendo l’opportunità di fare questo mestiere, vivere un’esperienza al Napoli deve essere qualcosa di unico che devi fare se ti capita l’occasione”.

    Con Diego nella mente

    I ricordi di Conte giocatore corrono ad una data per lui fatidica: “Lo stadio Maradona mi evoca un grande ricordo: Napoli-Lecce, ebbi il privilegio di marcare Maradona. Perdemmo 3-2, ma il ricordo più grande è stato quello del mio primo gol in Serie A, il tutto mentre dovevo marcare Maradona. Fu una grandissima soddisfazione”.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Sport

      Stasera ci giochiamo tutto, anche la faccia…

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Stasera la Nazionale di Spalletti alle 21 chiude il Girone B di Euro 2024 affrontando la Croazia a Lipsia. In contemporanea si giocherà Spagna-Albania.

        Un punto per non tornare a casa

        Serve almeno un punto con la Croazia, fondamentale per non tornare a casa prima del tempo e per provare a difendere il titolo conquistato nel 2021. Giocandosi tutto e per tutto. Perché se con la Spagna una sconfitta era preventivabile (anche se non per colpa di un autogol…), contro quello che resta della squadra di capitan Modric l’Italia non può fare sbagliare. Come cantavano gli 883… è la dura legge del gol!

        Discreto inizio e poi il passo falso

        Dopo la vittoria con l’Albania all’esordio, a ben guardare piuttosto sofferta, gli azzurri guidati da Mister Spalletti sono caduti in malo modo contro la banda di Williams e Yamal, non brillando affatto e subendo la spinta e l’entusiasmo avversario.

        Dentro o fuori, senza appello ulteriore

        Fino ad oggi il nostro comparto d’attacco appare timido e rinunciatario, nonostante la potenza fisica di Scamacca e l’irruente spavalderia di Chiesa. Con la Croazia si tratta di un vero e proprio spareggio con due risultati su tre a disposizione. Il rischio Albania sembra più paura di un’impresa che un rischio concreto: per ritrovarsi seconda dovrebbe battere infatti la Spagna e sperare in una contemporanea sconfitta dell’Italia contro la Croazia. In quel caso l’Italia sarebbe eliminata.

        Facciamo il punto

        L’Italia dopo il ko contro gli spagnoli ha dovuto dire addio al primo posto nel Gruppo B, conquistato dalle Furie Rosse che primeggiano a punteggio pieno. Gli azzurri di conseguenza sono rimasti con 3 soli punti, con un vantaggio di due lunghezze rispetto a Croazia e Albania. Agli azzurri stasera basta anche un pareggio per centrare la qualificazione agli ottavi di finale.

        Tutti i possibili incroci. l’Italia si qualifica se…

        * Vince o pareggia contro la Croazia
        * Perde contro la Croazia, l’Albania non batte la Spagna e l’Italia rientra tra le quattro migliori terze.

          Continua a leggere

          Sport

          Campione! L’Italia di Velasco ed Egonu trionfa in Nations League di volley

          La nazionale femminile di volley conquista la Nations League con una vittoria decisiva contro il Giappone.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            La nazionale italiana femminile di volley ha ottenuto una vittoria storica contro il Giappone, aggiudicandosi la Nations League. Il match, disputato a Fukuoka, ha visto le azzurre prevalere con un netto 3-0 (25-15, 25-20, 25-18), consolidando la loro posizione ai vertici del volley mondiale e garantendosi il titolo.

            Il ritorno trionfale di Velasco

            Sotto la guida esperta di Julio Velasco, l’Italia ha mostrato una crescita costante e una rinnovata energia. Velasco, tornato a guidare la nazionale dopo anni di successi con squadre maschili e femminili, ha infuso fiducia e determinazione alle sue atlete. La squadra, grazie alla sua guida, ha dimostrato una compattezza e una forza che hanno portato a questo trionfo.

            Paola Egonu inarrestabile

            Paola Egonu, stella indiscussa del volley italiano, ha brillato particolarmente in questo match, contribuendo in modo decisivo alla vittoria con i suoi attacchi potenti e precisi. La sua prestazione è stata fondamentale per mettere in difficoltà le avversarie giapponesi e per portare a casa un risultato netto. Con Egonu in questa forma, l’Italia ha mostrato di essere una squadra imbattibile.

            Un traguardo verso le Olimpiadi

            La vittoria nella Nations League rappresenta un passo importante nel percorso della nazionale italiana verso le Olimpiadi di Parigi. Questo trionfo è un banco di prova cruciale che prepara la squadra alle sfide future. Velasco e le sue atlete stanno lavorando duramente per mantenere alto il livello di gioco e per garantire una qualificazione olimpica che sembra sempre più vicina.

            Prossimi obiettivi

            Con la vittoria nella Nations League, l’Italia continua a guardare avanti con determinazione. Le azzurre sanno che ogni partita è fondamentale per mantenere la loro posizione di élite e per costruire la strada verso Parigi dove le azzurre sono già qualificate grazie al ranking. La squadra affronterà le prossime sfide con la stessa grinta e concentrazione che le ha portate a questo trionfo.

              Continua a leggere

              Calcio

              Walter Mazzarri allenerà in Iran

              L’ex allenatore di Napoli, Inter e Torino si trasferisce in Iran per una nuova avventura calcistica. Ma è una mossa strategica o solo un tentativo disperato di rimanere rilevante nel mondo del calcio?

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Se c’è una cosa che il calcio ci ha insegnato, è che la carriera di un allenatore può essere imprevedibile. Walter Mazzarri ne è l’esempio perfetto. Dopo il suo periodo positivo a Napoli, culminato con la conquista della Coppa Italia, le cose hanno preso una piega meno brillante. Le avventure con Inter e Torino non sono andate come sperato, con prestazioni altalenanti e risultati deludenti. E così, quando sembrava che le opzioni stessero esaurendosi, ecco l’Iran.

                Iran: il paradiso del calcio?

                L’Iran, conosciuto più per le sue meraviglie storiche e culturali che per i suoi successi calcistici, è ora la destinazione di Mazzarri. Non esattamente il sogno di ogni allenatore, ma forse il “belpaese” delle opportunità per chi ha bisogno di rilanciarsi. Dopotutto, non ci sono squadroni in Iran, e le pressioni mediatiche europee sono un lontano ricordo.

                Una scelta disperata?

                Molti vedono questa mossa come l’ultima spiaggia per Mazzarri, una sorta di tentativo disperato di rimanere in gioco. E non si può negare che ci sia del vero. Quando le chiamate dai club di Serie A si fanno rare, e le opzioni si limitano, si diventa improvvisamente più aperti a esplorare territori inesplorati. Ma chissà, magari l’Iran si rivelerà essere la sorpresa che nessuno si aspettava, nemmeno Mazzarri stesso.

                Le reazioni del pubblico

                La notizia ha suscitato una varietà di reazioni. Da un lato, c’è chi non può fare a meno di sorridere ironicamente, vedendo in questa scelta un chiaro segno dei tempi difficili che Mazzarri sta affrontando. Dall’altro, alcuni ammirano il coraggio di lanciarsi in un’avventura così diversa. In ogni caso, la domanda resta: sarà un nuovo inizio o solo il principio della fine?

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù