Connect with us

Sport

… eh, lasciatelo piangere un po’!!!

La rivalità tra Sinner e Alcaraz non solo è una delle più emozionanti del tennis moderno, ma mette in evidenza l’intensità e la passione che entrambi i giocatori dedicano allo sport. Con Wimbledon alle porte, il mondo del tennis è in attesa di vedere come si svilupperà questa rivalità sui campi d’erba.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Ma perché ci meravigliamo così tanto delle lacrime di Jannik Sinner? E’ un ragazzo di 22 anni, numero uno al mondo del ranking ATP – primo italiano della storia del tennis – e come tutti ha sentimenti che esprime a modo suo, quando vuole lui e con motivazioni che sa solo lui. O no?

    La rivalità tra Sinner e Alcaraz

    Uno dei motivi di quel suo pianto, da ragazzo cresciuto in fretta, è dettato dalla rivalità tra Jannik e Carlos Alcaraz. Il tennista atesino recentemente ha spiegato alcuni motivi di quei suoi momenti di fragilità, rivelando sentimenti molto personali. “Non ho ancora pianto di felicità, ma l’ho fatto dopo aver perso contro Alcaraz agli US Open, e un po’ anche dopo la partita al Roland Garros“, ha confessato. Ci sta. Del resto ci sono sempre momenti in cui provi emozioni che non vuoi provare. Accade a tutti noi umani. Forse questo significa che tieni allo sport e alle cose nelle quali ti impegni per raggiungere sempre il massimo livello. E poi cerchiamo di immedesimarci nello stress attraversato per arrivare dove è arrivato…

    La prima sfida non si scorda mai

    Sinner ricorda perfettamente la prima sfida con Alcaraz perché lo spagnolo in quella partita stava già giocando meglio di lui. Alcaraz a quei tempi aveva 15 anni, due meno di Jannik, e solitamente a quell’età c’è un’enorme differenza di gioco che pesa parecchio. E proprio in quel momento Jannik si è reso conto che forse quel ragazzo spagnolo con cui si stava confrontando avesse qualcosa di davvero speciale. Come poi si è rivelato.

    Impegnato a Wimbledon che regala tanti soldi

    Attualmente, Jannik Sinner è concentrato sul torneo di Wimbledon, che quest’anno ha fissato un record per quanto riguarda il montepremi. L’All England Club ha messo in palio un totale di 50 milioni di sterline (circa 59 milioni di euro). I campioni e i secondi classificati del singolare maschile e femminile riceveranno rispettivamente 2,7 milioni di sterline (3,2 milioni di euro) e 1,4 milioni di sterline (1,7 milioni di euro). Tanta roba! Ogni tennista che parteciperà al primo turno partirà da una base premio di 60.000 sterline (71.000 euro). Salgono anche i premi per i campioni del doppio maschile e femminile, che riceveranno 650.000 sterline (770.000 euro).

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Sport

      Se l’Azzurro diventa un colore imbarazzante

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Esattamente questo il sentimento che abbiamo provato per novanta minuti (e oltre) durante la gara contro la Svizzera… e poi nei giorni a seguire. Un vero e proprio scempio di squadra che si presentava come detentrice del titolo, umiliata, derisa, annientata. Senza nessun genere di idee, senza gioco, senza qualità. E anche senza cattiveria.

        Senza un minimo di vitalità. molli come fichi

        Nei match precedenti un minimo di cuore si era visto sia con l’Albania che con la Croazia. Poi il nulla, elettroencefalogramma piatto. Asfaltati dagli svizzerotti, mentre Spalletti, alla disperata ricerca di trovare un senso ad una squadra e di salvare la poltrona, proseguiva con i suoi esperimenti. Follie. Come quella di far scendere in campo quattro formazioni diverse in quattro gare. Spenti, inconcludenti, sfilacciati, distratti, passivi. Se si fosse concretizzato un miracolo non ce lo saremmo affatto meritato.

        Due semifinali da brivido: quelle degli altri…

        E’ giusto così, con quel distacco che qualche giorno di tempo trascorso a riflettere sulle nostre manchevolezze ci investe, dobbiamo dire in coro: E’ GIUSTO COSI’! Mentre abbiamo negli occhi le due avvicenti semifinali che hanno decretato il match finale di domani, riflettiamo sul sistema calcio italiano che necessita di essere rivisto a fondo. L’azzurro nello sport è una tinta che ti devi meritare, che rappresenta le tue radici, che va celebrato almeno con l’impegno, anche se alla fine puoi risultare perdente. Ma con onore.

        Come dice quella marcetta di dubbio gusto musicale che in molti si ostinano a chiamare “inno”? Siam pronti alla morte: all’Italia dei tifosi sportivi incollati davanti al televisore in salotto non è proprio parso…


          Continua a leggere

          Sport

          Ansia e speranze per il Campione Olimpico infortunato

          Con il supporto dei suoi fan e la sua ineguagliabile determinazione, Gianmarco Tamberi continua a lottare per il suo sogno olimpico, portando con sé le speranze di un’intera nazione.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

            Il campione olimpico Gianmarco “Gimbo” Tamberi ha recentemente subito un duro colpo. Si tratta di un dolore al bicipite femorale lo ha costretto a fermarsi durante il riscaldamento per una gara a Szekesfehervar, in Ungheria. L’atleta avrebbe dovuto partecipare a una tappa Gold del Continental Tour, ma ha preferito rinunciare per evitare di peggiorare la situazione.

            La reazione dell’atleta a pochi giorni dalle Olimpiadi di Parigi

            In un post sui social media, Tamberi ha espresso tutta la sua preoccupazione e frustrazione. Con le Olimpiadi di Parigi dietro l’angolo, ogni piccolo infortunio può diventare motivo di allarme. A 30 giorni dalle Olimpiadi anche un capello storto è grave, commenta il campione del salto in alto. Un infortunio che gli sta logorando l’anima. Tamberi quest’anno ha potuto gareggiare solo una volta, agli Europei di Roma, dove ha vinto l’oro.

            Obiettivo rimettersi in sesto a ogni costo

            Con la finale olimpica programmata per il 10 agosto, l’infortunio di Tamberi potrebbe mettere a rischio la sua partecipazione alla Diamond League di Montecarlo il 12 luglio. Gimbo ha espresso il suo pessimismo riguardo alla possibilità di recuperare in pochissimi giorni. Tuttavia, dalle ultime indiscrezioni, sembra che l’infortunio non sia particolarmente grave.

            Olimpiadi a rischio?

            Eppure Tamberi punta a realizzare un’impresa storica: vincere due ori olimpici consecutivi nel salto in alto, un risultato mai raggiunto da un saltatore. La cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Parigi, in cui dovrebbe sfilare come portabandiera il 26 luglio, aggiunge ulteriore pressione al campione. Il timore è che l’infortunio possa stravolgere i suoi piani, proprio come accadde a Sofia Goggia alle Olimpiadi di Pechino 2022.

            Carico di speranza e determinazione

            Nonostante le difficoltà, l’atleta non perde la speranza. In queste ultime ore ha sottolineato che ce la metterà tutta per tornare presto in pedana e continuare a inseguire quello per cui lavora ogni singolo giorno ormai da 3 anni. La sua determinazione e resilienza sono state dimostrate più volte, e i tifosi italiani sperano che possa superare anche questo ostacolo.

            Trasformare avversità in successi

            Le ultime voci suggeriscono che Tamberi potrebbe saltare anche la gara di Montecarlo e presentarsi direttamente ad Ancona il 18 luglio, per l’ultima competizione prima delle Olimpiadi. Nonostante le poche gare alle spalle e le molte incognite, Gimbo ha già dimostrato di saper trasformare le avversità in successi.

              Continua a leggere

              Calcio

              Sono i campionati europei dei portieri pararigori!

              Gli eroi silenziosi degli Europei: i portieri Nel bene e nel male, sono loro a fare la differenza. In questo Europeo, finora, nel bene: poche papere, tanti miracoli.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                I protagonisti di questo Europeo sono senza dubbio i portieri. Le loro parate spettacolari hanno deciso molte sfide, soprattutto ai rigori. L’evoluzione del ruolo del portiere passa attraverso vecchi trucchi e nuove tecniche, distinguendo gli eroi di ieri da quelli di oggi.

                Due giorni fa, Jordan Pickford, portiere dell’Inghilterra, ha neutralizzato il tiro di Akanji grazie a un promemoria plastificato sulla sua borraccia, che riportava accanto al nome del difensore del Manchester City la dicitura “Dive Left”. Pickford si è tuffato a sinistra, parando il rigore e risultando decisivo per la vittoria. Anche Mike Maignan, il portiere del Milan e della Francia, aveva un promemoria per i rigori, ma alla fine è stato l’errore di Felix a decidere la partita, con il pallone che ha colpito il palo.

                Diogo Costa, portiere del Portogallo, ha brillato nel turno precedente respingendo tre rigori su tre contro la Slovenia, un record europeo. Pickford, Sommer, Maignan e Oblak hanno eseguito sulla linea di porta il “balletto del pavone”, allargando le braccia per confondere gli avversari.

                Massimo Battara, ex allenatore dei portieri della Nazionale italiana, spiega: “Ogni portiere ha il suo rituale, ma oggi è fondamentale arrivare informati sulle caratteristiche dei rigoristi.” È anche grazie a lui che Donnarumma, nella magica notte di Wembley del 2021, parò i rigori che ci incoronarono campioni d’Europa: “Dalla panchina feci a Gigio dei segnali cromatici con le pettorine per indicare il lato dove tuffarsi.” Fu un trionfo indimenticabile, ormai solo un bel ricordo lontano.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù