Connect with us

Televisione

Sanremo 2025: il vecchio che avanza

Avatar photo

Pubblicato

il

    Per ora di sicuro ci sono le date della messa in onda su Rai1: da martedì 4 febbraio a sabato 8 febbraio 2025. Riviera24.it, sito della cittadina ligure sede della manifestazione, anticipa le date che però devono ancora essere ufficializzate dall’organizzazione. Sarebbe stato il proprietario del teatro Ariston, Walter Vacchino, a spoilerarle, durante l’annuncio della stagione 2024-2025 della struttura. Scivolone involontario oppure dichiarazione concordata?

    Una parziale novità nelle scenografie

    Sarebbe conclusa la storica collaborazione dello scenografo Gaetano Castelli e della figlia Maria Chiara con il festival. A disegnare la scenografia della prossima edizione sarà Riccardo Bocchini, storico collaboratore di Carlo Conti, che aveva curato già le ultime edizioni del festival condotte dal presentatore toscano.

    Le novità ad oggi

    A quanto ci è dato sapere per ora, la news più concreta del prossimo Festival di Sanremo, sarà il ritorno della divisione tra Big e Nuove Proposte. Non sarà prevista nessuna eliminazione e, come accadeva un tempo, il vincitore delle Nuove Proposte sarà proclamato nella serata delle cover. Torna il DopoFestival, grazie anche alla durata delle puntate più breve rispetto a quella del Festival targato Amadeus. Dove dovrebbe “atterrare” Alessandro Cattelan, dopo che su di lui si erano fatte ipotesi per la conduzione primaria.

    Piacerà ancora al popolo del web?

    Il timore è che quest’aria di restaurazione del passato porti ad un programma old style, vanificando il lavoro di svecchiamento sviluppato da Amadeus nelle ultime edizioni. Uno sforzo che, a parte la qualità delle canzoni sulla quale si può discutere… aveva attribuito alla gara una nuova veste social, molto apprezzata dai più giovani. Che, fino a quel momento, si erano tenuti debitamente alla larga dal programma. Resta comunque la grande attesa per l’evento, per la sua composizione e per quelli che accompagneranno lo storico conduttore Rai in questa nuova avventura.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Televisione

      Leopoldo Mastelloni: “Vedo l’abisso, si sono tutti dimenticati di me”

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Ieri l’attore napoletano ha compiuto 79 anni, ringraziando Dio, San Gennaro e il pubblico che l’ha applaudito nel tempo. Ma teme per il suo futuro: «Non pensavo che la mia vecchiaia sarebbe stata così. Terrorizzante. Davanti vedo l’abisso. Sono stato cancellato dal teatro, depennato. Non lavoro e ne avrei bisogno: la piccola pensione non mi basta a pagare affitto e bollette. La legge Bacchelli? Per il momento mi è stata negata anche se ho due valigie di documentazioni. Faccio appello al ministro Sangiuliano, che è uomo di cultura, e napoletano».

        Cos’è la legge Bacchelli

        Emanata dal Governo Craxi nell’agosto del 1985, prende il nome dallo scrittore Riccardo Bacchelli e istituisce un vitalizio straordinario a favore dei cittadini italiani di chiara fama che versano in stato di particolare necessità e che hanno portato lustro al Paese con meriti in campo scientifico, letterario, artistico, economico, lavorativo e sportivo.

        Quell’esternazione blasfema costatagli carissima

        Nato il 12 luglio 1945, un attore protagonista della tv italiana, almeno fino a quella celebre bestemmia sfuggitagli 40 anni fa, entrata nei libri di storia dei media di casa nostra. Era domenica 22 gennaio 1984, su Rai 2 andava in onda la trasmissione di Gianni Minà Blitz in cui era previsto un collegamento con Bussoladomani dal Lido di Camaiore. Dopo aver cantato Mastelloni era stato intervistato da Stella Pende e rispondendo, alle pressanti domande del pubblico sulla sua vita privata aveva pronunciato la fatidica bestemmia. Nel giugno dell’anno successivo l’attore viene assolto dal pretore di Viareggio perché “il fatto non costituisce reato” e “le parole usate avevano il sapore rafforzativo, senza alcuna offesa alla divinità”. Anche se quell’imprecazione gli costò la carriera.

        Pensione minima

        Qualche anno fa Mastelloni, in un’intervista al Corriere, ha rivelato di percepire una pensione da 625 euro: “Dopo 50 anni di lavoro e di contributi prendo 625 euro di pensione al mese. Se non avessi degli amici che mi aiutano a pagare l’affitto, prenderei 40 pillole di sonnifero e me andrei via: ci penso sempre più spesso a farla finita”.

        Dal teatro serio al varietà d’autore

        Lo sfogo di Mastelloni è amaro: «Non mi chiamano neppure per fare la giuria nei talent. Sì, certo, ai giovani potrei trasmettere molto». La scorsa estate Rai1 gli dedicò una puntata di Techetechetè, mentre su Rai 5 andò in onda un ricco speciale per Chi è di scena. Artista di spessore, passando per il teatro di Raffaele Viviani e Giuseppe Patroni Griffi, Eduardo, Pirandello. Senza dimenticare la sua verve nel varietà televisivo d’autore, da Bambole non c’è una lira a Milleluci fino a Domenica in.

        La mancanza del teatro

        Negli ultimi anni due bei regali glieli ha fatti il cinema, con il quale non ha avuto un rapporto occasionale seppur di qualità: «Ringrazio il maestro Pupi Avati che mi ha voluto Bonifazio VIII in Dante e il bravissimo Giampaolo Morelli per il suo Falla girare. Ma quello che mi manca di più è il teatro. Parti da vecchio ce ne sono, potrei essere per esempio un Re Lear, ma anche in qualche ruolo da madre».

        Fluido e senza santi in Parlamento

        D’altronde la sua fluidità sulla scena è conosciuta da tempo: «Non mi sono mai sentito anormale». Come il suo carattere vibrante ed irruente: «Mai appartenuto a circoli, mai avuto santi in Parlamento. Forse sono stato troppo presuntuoso, meglio dire che ho carattere, sono un volitivo. E vengo da una famiglia di magistrati, quindi non accetto il compromesso. Mi dispiace sopratutto per il teatro Sannazaro di Napoli che pure avevo contribuito all’epoca a rilanciare, dopo gli anni di Luisa Conte. Cancellato anche da quella programmazione, l’ultimo spettacolo credo di averlo fatto tre anni fa».

          Continua a leggere

          Televisione

          DAZN torna allo streaming, indietro al futuro per guardare avanti!

          La scelta di DAZN di abbandonare il digitale terrestre per tornare al puro streaming potrebbe sembrare un controsenso. Era il futuro, poi il passato, ora di nuovo il futuro? In realtà, la decisione, per quanto sorprendente, ha una logica precisa, basata su diverse ragioni. Vediamo quali

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Riallacciamo i fili
            DAZN è una piattaforma di streaming sportivo che offre accesso a una vasta gamma di eventi sportivi in diretta e on-demand. Fondata nel 2016, DAZN ha rivoluzionato il modo in cui i fan seguono lo sport, proponendosi come alternativa ai tradizionali canali televisivi via cavo e satellitari. Con una copertura che spazia dal calcio, al pugilato, fino agli sport motoristici e molto altro, DAZN consente agli utenti di guardare i loro eventi preferiti su una varietà di dispositivi, tra cui smartphone, tablet, smart TV e computer. L’approccio “over-the-top” (OTT) della piattaforma permette una fruizione flessibile e personalizzata, rendendo lo sport più accessibile che mai, ovunque ci si trovi e in qualsiasi momento.

            Ma le ragioni?
            Miglioramento della copertura internet:
            La penetrazione della banda larga è ormai capillare, anche nelle zone remote. Questo rende lo streaming un’opzione più stabile e affidabile rispetto al digitale terrestre, soggetto a interferenze e problemi di segnale.

            Costi ridotti: Eliminare il digitale terrestre significa tagliare i costi di gestione e manutenzione di un’infrastruttura parallela. DAZN può così concentrare le risorse sul miglioramento della piattaforma e dei contenuti.

            Maggiore flessibilità: Lo streaming permette una fruizione più flessibile e personalizzabile. Puoi guardare i contenuti su qualsiasi dispositivo connesso a internet, quando e dove vuoi.

            Qualità video superiore: Lo streaming può supportare una qualità video superiore rispetto al digitale terrestre, offrendo un’esperienza visiva più immersiva.

            Funzionalità avanzate: Lo streaming apre le porte a funzionalità avanzate come la visione in differita, il replay e la selezione di diverse telecamere.

            A prima vista, dunque, la decisione di DAZN di abbandonare il digitale terrestre per tornare al puro streaming a partire da agosto 2024 può sembrare un passo indietro. Ma come abbiamo visto, ci sono diverse ragioni che supportano questa scelta, tra cui il miglioramento della copertura internet, i costi ridotti, la maggiore flessibilità e la qualità video superiore. Tuttavia, è importante sottolineare che DAZN non abbandona completamente il digitale terrestre. Il DAZN TV Box continuerà a funzionare, permettendo di accedere ai canali del digitale terrestre e all’app DAZN. Inoltre, DAZN ha stretto accordi con alcuni provider per la distribuzione dei suoi contenuti su decoder di terze parti.

            In definitiva, la scelta di DAZN rappresenta un’evoluzione, non un passo indietro. L’azienda punta a offrire un’esperienza di visione dello sport più completa, flessibile e di alta qualità, sfruttando al meglio le tecnologie disponibili oggi. Resta da vedere se questa strategia si rivelerà vincente nel lungo termine, ma sicuramente rappresenta un cambiamento significativo nel panorama televisivo italiano.

            In sintesi, DAZN punta a un futuro dello sport più accessibile, flessibile e di alta qualità, scommettendo su una tecnologia che, seppur non nuovissima, offre oggi i migliori vantaggi in termini di fruizione. C’è da dire che la scelta ha scatenato anche alcune critiche, soprattutto da parte di chi vive in zone con connessioni internet ancora non ottimali. Tuttavia, DAZN confida che i benefici a lungo termine supereranno i disagi momentanei.

              Continua a leggere

              Televisione

              Una serie che ci trasporta nell’antica Roma

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                C’è voglia di “antichità” fra gli spettatori… o almeno così parrebbe. Vivendo i fasti di civiltà antiche, attraverso produzioni tele-cinematografiche da sogno, impreziosite da cast stellari. In attesa del Gladiatore 2 di Ridley Scott, con Paul Mescal e Pedro Pascal – a distanza di ventiquattro anni dall’uscita del primo iconico film con Russell Crowe – arriva Those About to Die che sbarca dal 19 luglio su Prime Video, lungo 10 episodi.

                Roma antica, quando era lei a dominare il mondo

                Si tratta di un dramma storico creata dallo scrittore candidato all’Oscar Robert Rodat (Salvate il soldato Ryan) e diretto da Roland Emmerich (Independence Day), ambientato nell’antica Roma del 79 a.C., quando la città era la più ricca del mondo, animata da un grande flusso di schiavi che la raggiungeva come manodopera.

                Cibo e spettacoli violenti per controllare la plebe

                L’annoiato popolo romano, sempre più violento, viene gestito dal potere con due modalità: cibo gratuito e intrattenimento spettacolare con gare di bighe e scontri fra gladiatori. Si tratta del più volte citato panem et circensem, locuzione coniatadal poeta Giovenale, che sintetizzava le aspirazioni della plebe. Valida anche in epoca contemporanea, in riferimento a strategie politiche demagogiche…

                Un cast guidato da una leggenda del cinema

                Il cast di questa nuova serie è guidato da una leggenda del cinema: Sir Anthony Hopkins, due volte premio Oscar, nel ruolo dell’imperatore Vespasiano, Iwan Rheon (Il Trono di Spade) in quello di Tenax, Tom Hughes come Tito Flaviano e Sara Martins-Court (Delitti in Paradiso) che impersona Cala. Vedremo anche Jóhannes Haukur Jóhannesson (Il Trono di Spade) nel ruolo di Viggo, Jojo Macari (Sex Education) Domiziano, Gabriella Pession (Crossing Lines) nel ruolo di Antonia, Dimitri Leonidas (Rosewater) come Scorpus.

                Il plot

                La trama sviscera il mondo corrotto dei gladiatori, ed esplora un “lato nascosto” dell’Impero Romano. Approfondendo quello che era lo show business agli albori, pensato per intrattenere le masse dando a loro ciò che desideravano di più: il sangue. Una società, quella romana, dove non c’erano vie di mezzo. Avidità di denaro, violenza, lotte di potere e corruzione sono alla base dell’avvincente sceneggiatura.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù