Connect with us

Beauty

Meglio starnutire oppure trattenersi?

Meglio starnutire oppure trattenersi? I consigli dell’esperto e i rischi che si possono correre
Starnutire: un atto naturale ma potenzialmente pericoloso

Avatar photo

Pubblicato

il

starnutire fa bene al cuore

    Trattenere lo starnuto fa male? Starnutire fragorosamente fa bene al cuore? Quali rischi possiamo correre? Non ci pensiamo mai ma starnutire è un un atto naturale ma potenzialmente nasconde alcuni pericoli.

    Un gesto potenzialmente pericoloso

    E’ un meccanismo naturale che serve a espellere oggetti potenzialmente dannosi dal nostro sistema respiratorio. Tuttavia, può comportare rischi sia quando lo si lascia libero sia quando lo si trattiene. Secondo il professor Massimo Torre, Direttore del Dipartimento Cardiotoracovascolare dell’Ospedale Niguarda di Milano, lo starnuto può causare danni se non gestito correttamente. Vediamo quali.

    Che rischi ci sono nel trattenere uno starnuto

    Trattenere uno starnuto può avere gravi conseguenze come una iperespansione dei polmoni. La pressione dell’aria trattenuta può provocare la rottura dei polmoni, con fuoriuscita d’aria e collasso degli stessi. Il primo sintomo è il dolore toracico acuto e violento, con possibile dispnea. Può causare anche la lacerazione della trachea la sua distensione acuta con fuoriuscita dell’aria nei tessuti molli, provocando gonfiore al collo e cambiamento di tono della voce. Un altra conseguenza nel trattenere lo starnuto potrebbe essere l’ipertensione endotoracica. Ovvero la pressione interna può causare ernie e dilatazione della muscolatura addominale. E ancora la pressione interna del naso può provocare la lesione alla membrana timpanica.

    E se starnutisco a tutto volume?

    Anche liberare uno starnuto può comportare rischi come la lacerazione dei muscoli intercostali. Le contrazioni violente, infatti, possono causare addirittura mini fratture costali. Emorragie congiuntivali con la rottura dei capillari negli occhi, oppure può causare la rottura di un aneurisma intracranico. In casi molto estremi estremi, può causare la dissecazione della parete dell’aorta.

    Un consiglio? Starnutire fa bene

    Il nostro organismo è in grado di adattarsi benissimo a questo atto naturale per cui è bene starnutire liberamente rispetto a trattenere. Magari è bene anche coprire naso e bocca per contenere la dispersione delle particelle aeree. E starnutire nel gomito? Mah in assenza di un fazzoletto è un’ottima alternativa purché non sia nel gomito del nostro vicino.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Beauty

      Tutti con la barba. La tendenza che sempre di più ci accompagna

      Non è più considerato una violazione del bon ton presentarsi in pubblico con una barba di qualche giorno. Questa tendenza ha conquistato uomini di tutte le età, dimostrando che la barba lunga non è solo un segno di trascuratezza, ma un vero e proprio accessorio di stile.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Forse per una scelta consapevole di allontanarsi dagli stereotipi della perfezione, sempre più VIP sfoggiano la barba sul tappeto rosso. Questo Festival di Cannes non è stato un’eccezione. Non è più considerato una violazione del bon ton presentarsi in pubblico con una barba di qualche giorno. Questa tendenza ha conquistato uomini di tutte le età, dimostrando che la barba lunga non è solo un segno di trascuratezza, ma un vero e proprio accessorio di stile.

        Il significato nella storia

        La barba ha radici antiche e significati culturali profondi. In molte civiltà, era vista come simbolo di saggezza, potere e maturità. Ad esempio, i filosofi greci e i patriarchi biblici sono spesso raffigurati con folte barbe. Nel corso del tempo, la popolarità della barba è variata, passando da periodi di grande diffusione a epoche in cui era quasi completamente assente.

        Can Yaman e Jason Momoa

        Il boom delle barbe lunghe

        Negli ultimi anni, la barba lunga ha conosciuto una rinascita. Spinta da celebrità e influencer, questa tendenza ha trovato terreno fertile tra gli uomini moderni. Attori come Can Yaman e Jason Momoa, noti per le loro imponenti barbe, hanno contribuito a rendere questo stile desiderabile e alla moda.

        James Franco

        Una mediazione tra fascino e praticità

        Dopo anni in cui i visi lisci e puliti erano la norma, oggi si cerca una mediazione tra il fascino della barba e la praticità di gestione. Per questo motivo, si preferiscono lunghezze più controllate e facili da mantenere, che permettono di ottenere un aspetto curato senza sacrificare il carattere distintivo virile e selvaggio che solo una barba può donare. Al Festival di Cannes, James Franco ha lasciato la sua barba crescere senza interventi visibili. Molto al naturale.

        Shia LeBeouf

        Dettagli da non trascurare

        Per ottenere un look perfetto, è fondamentale prestare attenzione a diversi dettagli. Sul red carpet, Shia LaBeouf ha abbinato la barba in stile vichingo con i capelli schiariti portati all’indietro in stile slick back, il taglio classico elegante dagli anni ’20. Per fissarli, si può utilizzare una brillantina lucida o una pasta naturale, che aiutano a mantenere la forma e l’aspetto luminoso.

        Chris Hemsworth

        Un look studiato

        Chris Hemsworth, un amante della barba incolta. Ma importante sapere che si tratta in realtà di un tolettatura studiata, con lunghezze e linee di contorno lasciate naturali. Questo stile si adatta particolarmente bene a coloro che hanno un viso lungo o squadrato, poiché aiuta a conferire un senso di equilibrio e a definire le linee del viso. Tuttavia, potrebbe non essere l’opzione migliore per chi ha un viso più tondo, poiché potrebbe accentuare ulteriormente la forma.

        Pierfrancesco Favino

        Abbinamenti di stile

        La barba incolta si sposa particolarmente bene con lunghezze moderate e tagli come il quiff o il pompadour, poiché creano un contrasto bilanciato. Come ha fatto Pierfrancesco Favino. È invece meno indicata con tagli molto corti, come il buzz-cut, o molto lunghi, poiché potrebbe creare un contrasto troppo marcato tra la lunghezza della barba e quella dei capelli.

        Kevin Costner

        Curata con precisione

        Kevin Costner, elegantissimo a Cannes, sfoggia con stile un baffo chevron abbinato alla barbetta a moschetto, ormai irrinunciabile. Questo tipo di tolettatura è ideale per chi cerca un look pulito e semplice, perfetto per chi non ha molto tempo da dedicare alla cura dei baffi e barba. Nonostante la sua semplicità, mantiene un aspetto di gran classe, come lo dimostra sempre l’eroe di Guardia del corpo“.

        Come curare la barba: una guida per tutte le lunghezze

        La barba, che sia lunga, corta o media, è un vezzo, un segno distintivo, un tratto della propria personalità. Per averla sana e lucida, è importante sapere come curarla e trattarla con i prodotti giusti.

        • Cura quotidiana: Lavare la barba con shampoo specifici e applicare balsamo per mantenerla morbida e idratata.
        • Olio speciale: Utilizzare un buon olio per barba per nutrire i peli e la pelle sottostante, prevenendo secchezza e irritazioni.
        • Taglio regolare: Anche se si desidera una barba lunga, è essenziale rifinirla regolarmente per mantenere una forma ordinata e prevenire le doppie punte.
        • Spazzolatura: Spazzolare la barba quotidianamente aiuta a distribuire uniformemente gli oli naturali e a mantenere la barba in ordine.

        Per l’uomo la barba è molto più di una semplice tendenza; è un’espressione di stile e personalità. Che si tratti di un ritorno alle radici culturali o di una semplice preferenza estetica, questo look ha conquistato il cuore di molti uomini in tutto il mondo. Con la giusta cura e attenzione, questo attributo può diventare un simbolo distintivo di eleganza e virilità.

          Continua a leggere

          Beauty

          Dolce sonno e rimedi naturali contro l’insonnia

          Combatte l’insonnia può richiedere una combinazione di approcci, ma spesso i rimedi naturali offrono soluzioni efficaci. Sperimenta con diverse strategie e osserva quali funzionano meglio per te. Se l’insonnia persiste, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute per una valutazione approfondita.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            L’insonnia può disturbare la qualità del nostro sonno, influendo sulla nostra salute generale e sulla qualità della vita. Invece di affidarsi a farmaci sonniferi, molte persone cercano soluzioni naturali per migliorare il sonno. In questo articolo, esploreremo alcuni rimedi naturali efficaci per combattere l’insonnia e promuovere un riposo rigenerante.

            Creare una routine del sonno

            Stabilire una routine regolare può aiutare a regolare il ritmo circadiano, migliorando la qualità del sonno. Vai a letto e svegliati alla stessa ora ogni giorno, anche nei giorni festivi, per aiutare il tuo corpo a stabilire un modello di sonno coerente.

            Scegliere alimenti rilassanti

            Certamente, alcuni alimenti possono favorire il sonno. Bevi una tazza di tè alla camomilla o al valeriano prima di coricarti. Evita invece cibi ricchi di caffeina o zuccheri nelle ore serali, poiché possono interferire con il sonno.

            Esercizio fisico regolare

            L’esercizio fisico regolare può contribuire a migliorare il sonno. Svolgi attività fisica moderata durante il giorno, evitando l’esercizio intenso poco prima di andare a letto. L’esercizio aiuta a rilasciare endorfine e a ridurre lo stress, favorendo un sonno più profondo.

            Creare un ambiente di sonno confortevole

            La creazione di un ambiente di sonno confortevole è fondamentale. Assicurati che la tua camera da letto sia buia, silenziosa e a una temperatura confortevole. Investi in un buon materasso e cuscini per favorire una postura corretta durante il sonno.

            Tecniche di rilassamento

            Pratiche come la meditazione, la respirazione profonda o lo yoga possono aiutare a rilassare mente e corpo. Dedica alcuni minuti ogni sera a pratiche di rilassamento per liberare la tensione e prepararti per una notte di sonno riposante.

            Utilizzare rimedi naturali

            L’utilizzo di rimedi naturali come l’olio essenziale di lavanda o la melatonina può essere utile per indurre il sonno. Tuttavia, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute prima di utilizzare qualsiasi integratore.

            Limitare l’esposizione alla luce blu

            La luce blu emessa da dispositivi elettronici può interferire con la produzione di melatonina, l’ormone del sonno. Riduci l’uso di dispositivi elettronici almeno un’ora prima di andare a letto o utilizza filtri di luce blu per mitigare l’impatto.

            Monitorare il consumo di caffeina e alcol

            Limita il consumo di caffeina e alcol nelle ore serali, poiché entrambi possono interferire con il sonno. Opta per bevande rilassanti come tisane senza caffeina prima di andare a letto.

              Continua a leggere

              Beauty

              Scopri il segreto giapponese per una chioma luminosa

              Con l’acqua di riso, la bellezza dei tuoi capelli diventa una storia di amore e cura per te stessa e per la natura. Abbraccia questo antico segreto di bellezza e preparati a rivelare la tua chioma più luminosa e sana che mai!

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                I capelli hanno sempre giocato un ruolo cruciale nella definizione della bellezza femminile attraverso i secoli. In questa epoca di consapevolezza e rispetto per l’ambiente, sempre più donne si stanno rivolgendo a rimedi naturali per prendersi cura della propria chioma. Tra tutti, uno dei più acclamati è l’acqua di riso, un segreto di bellezza che affonda le radici nell’antica tradizione giapponese. Scopriamo insieme i suoi straordinari benefici e come utilizzarla per ottenere una chioma da sogno!

                L’arte della bellezza giapponese: Yu-Su-Ru, ilsegreto per capelli sani e luminosi

                In Giappone, l’acqua di riso è stata a lungo considerata un elisir di bellezza per capelli. La pratica conosciuta come Yu-Su-Ru è diffusa non solo in Giappone, ma anche in India, Cina e Corea, dove viene utilizzata per prevenire problemi comuni come la caduta dei capelli e il diradamento, oltre a donare una chioma sana e luminosa. Ma qual è il segreto dietro questo straordinario rituale?

                I potenti benefici dell’acqua di riso per i capelli: nutrimento e forza dalla natura

                L’acqua di riso è ricca di amido, inositolo, aminoacidi e vitamine, che lavorano in sinergia per rafforzare, nutrire e proteggere i capelli. Uno studio pubblicato sull’International Journal of Cosmetic Science ha sottolineato che gli estratti esaminati di Yu-Su-Ru sono stati dimostrati efficaci nella cura dei capelli, fornendo loro forza, elasticità e lucentezza senza compromettere la salute del cuoio capelluto. L’amorevole cura dei capelli diventa così un rituale di bellezza che rispetta e valorizza la natura dei capelli.

                Un rimedio naturale per tutti i problemi: l’acqua di riso per una chioma perfetta

                L’acqua di riso è una soluzione per una varietà di problemi comuni dei capelli. Dalle doppie punte alla forfora, passando per l’idratazione e la lucentezza, questo elisir naturale affronta ogni sfida con delicatezza e efficacia. Applicata regolarmente, aiuta a mantenere i capelli sani, forti e luminosi, permettendoti di esprimere al meglio la tua bellezza autentica.

                La magia dell’acqua di riso: come utilizzarla per ottenere risultati straordinari

                L’acqua di riso può essere utilizzata in diversi modi per massimizzarne i benefici. Puoi applicarla come pre-shampoo per 20 minuti prima della detersione, oppure come post-shampoo sul cuoio capelluto e lunghezze per una profonda idratazione e nutrimento. In entrambi i casi, massaggiala delicatamente sulle radici e distribuiscila uniformemente su tutta la chioma per risultati ottimali.

                Preparare l’acqua di riso è facile come bere un sorso d’acqua: ecco come

                Preparare l’acqua di riso è semplice e veloce. Basta seguire questi passaggi:

                1. 1. Metti ½ tazza di riso crudo in una ciotola.
                2. 2. Aggiungi 2-3 tazze di acqua calda e lascia in ammollo per circa Il riso andrà lasciato in acqua per 24-48 ore.
                3. 3. Trascorse le 48 ore, filtra il liquido ottenuto, versalo in un flacone spray o in qualsiasi contenitore.
                4. 4. Applica l’acqua di riso sui capelli appena lavati, lascia in posa da 15 a 20 minuti e poi risciacqua prima di utilizzare il balsamo.

                Prima di adottare qualsiasi metodo fai-da-te, è sempre consigliabile consultare il proprio medico. In particolare, se si verifica un diradamento dei capelli, è consigliabile sottoporsi a una visita dermatologica per ottenere una valutazione più approfondita del problema. La consulenza medica garantisce un approccio personalizzato e mirato, assicurando la scelta delle migliori soluzioni per la salute e la bellezza dei capelli.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù