Connect with us

Salute

Raffreddore primaverile: rimedi della nonna per un benessere naturale

Ricorrere ai rimedi della nonna per il raffreddore è un modo gentile e naturale per affrontare i sintomi invernali. Mentre questi suggerimenti possono offrire sollievo, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute per condizioni persistenti o gravi.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Con l’arrivo della primavera, i raffreddori sono spesso dietro l’angolo. Fortunatamente, la saggezza delle nonne ci offre una serie di rimedi naturali che possono alleviare i sintomi del raffreddore senza l’uso eccessivo di farmaci. In questo articolo, esploreremo alcuni rimedi della nonna che sono facilmente reperibili in casa e che possono portare sollievo.

    Tisane calde

    Una tazza di tisana calda può fare miracoli per il raffreddore. Prova tisane a base di zenzero, miele e limone, o camomilla. Queste bevande non solo riscaldano il corpo, ma possono anche lenire la gola irritata.

    Inalazioni con vapore

    Le inalazioni di vapore possono essere efficaci nel liberare le vie respiratorie. Aggiungi alcune gocce di olio essenziale di eucalipto o mentolo a una ciotola di acqua calda, copri la testa con un asciugamano e respira il vapore. Questo può aiutare a liberare il naso e alleviare la congestione.

    Miele e limone per la tosse

    Una miscela di miele e succo di limone è un rimedio classico per lenire la tosse. Il miele ha proprietà antibatteriche e lenitive, mentre il limone apporta vitamina C benefica per il sistema immunitario.

    Brodo caldo

    Un buon brodo caldo non solo è nutriente ma può anche offrire comfort quando si è raffreddati. Aggiungi aglio e zenzero al brodo per ottenere proprietà antinfiammatorie e migliorare il recupero.

    Riposo adeguato per guarire

    Il riposo è uno dei rimedi più fondamentali. Lascia che il tuo corpo dedichi tempo alla guarigione, dormendo a sufficienza e permettendoti pause durante il giorno.

    Gargarismi con acqua salata

    Un gargarismo con acqua salata può aiutare a ridurre il mal di gola. Mescola mezzo cucchiaino di sale in una tazza d’acqua tiepida e gargarizza diverse volte al giorno.

    Impacchi caldi per il torace

    Impacchi caldi applicati sul torace possono contribuire a ridurre la congestione. Usa un panno caldo o una borsa dell’acqua calda e applicalo delicatamente sulla zona del torace per un sollievo temporaneo.

    Vitamina C da alimenti naturali

    Aumenta l’assunzione di vitamina C attraverso alimenti ricchi come agrumi, fragole, kiwi e broccoli. La vitamina C può supportare il sistema immunitario e accelerare il processo di guarigione.

    Aceto di mele

    L’aceto di mele ha proprietà antimicrobiche. Aggiungine un cucchiaino a una tazza d’acqua calda con miele per una bevanda che può lenire la gola e fornire benefici.

    Tè al miele e alla cannella

    Il tè al miele e alla cannella è noto per le sue proprietà riscaldanti e lenitive. Aggiungi miele e cannella a un normale tè caldo per un rimedio dolce e gustoso.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Salute

      Allergie ai pollini di primavera: cause, sintomi e rimedi

      Le allergie ai pollini di primavera possono essere fastidiose, ma con i giusti accorgimenti e trattamenti, è possibile ridurre significativamente i sintomi e godersi la bella stagione. Se i sintomi persistono o peggiorano, è consigliabile consultare un allergologo per un trattamento personalizzato.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Con l’arrivo della primavera, molte persone iniziano a soffrire di allergie ai pollini, una condizione che può trasformare la stagione più bella dell’anno in un incubo. Le allergie ai pollini, note anche come rinite allergica stagionale, sono causate dalla reazione del sistema immunitario ai pollini rilasciati nell’aria da alberi, erbe e fiori. In questo articolo, esploreremo le cause, i sintomi e i rimedi per le allergie ai pollini di primavera.

        Cause delle allergie ai pollini di primavera

        Le allergie ai pollini sono scatenate dall’inalazione dei pollini rilasciati nell’aria durante la primavera. Gli alberi come betulle, querce e pioppi, insieme a erbe come graminacee e piante erbacee, sono i principali responsabili. Quando il polline entra in contatto con le mucose del naso, della gola e degli occhi, il sistema immunitario reagisce producendo istamine, che causano i sintomi tipici dell’allergia.

        Sintomi delle allergie ai pollini

        I sintomi delle allergie ai pollini possono variare da lievi a gravi e includono:

        • Starnuti frequenti
        • Naso chiuso o che cola
        • Prurito al naso, agli occhi e alla gola
        • Occhi rossi e lacrimanti
        • Tosse secca
        • Affaticamento e irritabilità

        In alcuni casi, le persone possono anche sperimentare sintomi di asma, come difficoltà respiratorie e respiro sibilante.

        Rimedi e trattamenti

        Esistono diversi rimedi e trattamenti per alleviare i sintomi delle allergie ai pollini di primavera:

        1. Antistaminici: Farmaci da banco che riducono la produzione di istamine, alleviando prurito, starnuti e naso che cola.
        2. Decongestionanti: Utili per ridurre la congestione nasale, ma da usare con cautela per periodi brevi.
        3. Corticosteroidi nasali: Spray nasali che riducono l’infiammazione delle mucose nasali.
        4. Immunoterapia: Trattamento a lungo termine che desensibilizza il sistema immunitario ai pollini attraverso iniezioni o compresse sublinguali.
        5. Rimedi naturali: Lavaggi nasali con soluzione salina, tè al miele e tisane a base di erbe possono aiutare a ridurre i sintomi.
        6. Evitare l’esposizione ai pollini: Chiudere le finestre, utilizzare filtri HEPA negli impianti di aria condizionata e indossare occhiali da sole per proteggere gli occhi.

        Prevenzione

        Per prevenire le allergie ai pollini, è importante monitorare i livelli di polline nella tua zona e limitare le attività all’aperto nelle giornate in cui i livelli sono elevati. Fare la doccia e cambiare i vestiti dopo essere stati all’aperto può aiutare a rimuovere i pollini dal corpo e dai vestiti.

          Continua a leggere

          Salute

          Verze un superfood pieno di benefici per la salute

          Le verze rappresentano un’aggiunta preziosa a qualsiasi dieta equilibrata. Con la loro ricchezza di nutrienti, proprietà antiossidanti e benefici per la salute, queste crucifere sono un vero superfood che può contribuire al tuo benessere generale. Sperimenta con ricette creative e goditi gli innumerevoli modi in cui le verze possono migliorare la tua salute.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Le verze, con la loro vivace colorazione verde e la consistenza croccante, non solo sono un elemento delizioso in molte ricette, ma offrono anche una vasta gamma di benefici per la salute. In questo articolo, esploreremo le proprietà nutrizionali e terapeutiche delle verze, sottolineando perché dovrebbero essere parte integrante di una dieta equilibrata.

            Ricche di nutrienti essenziali: Le verze sono un vero tesoro di nutrienti. Sono particolarmente ricche di vitamina C, vitamina K e vitamina A. La vitamina C svolge un ruolo fondamentale nel rafforzare il sistema immunitario, mentre la vitamina K è cruciale per la coagulazione del sangue e la salute delle ossa. La presenza di vitamina A contribuisce alla salute degli occhi e della pelle.

            Fonte eccellente di fibre

            Le verze sono una ricca fonte di fibre alimentari, che favoriscono la salute digestiva e aiutano a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue. La fibra contribuisce anche a una sensazione di sazietà, il che può essere utile per coloro che cercano di gestire il peso corporeo.

            Antiossidanti e protezione cellulare

            Contengono una varietà di antiossidanti, tra cui beta-carotene e flavonoidi, che aiutano a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi. Gli antiossidanti possono svolgere un ruolo nella prevenzione di malattie croniche e nell’invecchiamento precoce.

            Supporto alla salute del cuore

            Le verze sono associate a benefici per la salute cardiovascolare. Il loro contenuto di potassio contribuisce al controllo della pressione sanguigna, mentre i composti fitochimici possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.

            Proprietà antinfiammatorie

            Gli antiossidanti e i fitonutrienti presenti nelle verze hanno anche proprietà antinfiammatorie. Ciò può contribuire a ridurre l’infiammazione nel corpo, fornendo potenziali benefici per condizioni come l’artrite e altre malattie infiammatorie.

            Supporto alla salute digestiva

            La presenza di fibre e altri composti nella verza può supportare la salute del tratto digestivo. Le fibre promuovono la regolarità intestinale e possono aiutare a prevenire problemi digestivi come la stitichezza.

            Utilizzo in cucina e consigli pratici

            Le verze possono essere integrate facilmente in molte ricette. Possono essere consumate crude in insalate, cotte in zuppe o brasate come contorno. Per massimizzare i benefici per la salute, è consigliabile cucinare le verze in modo da conservare il massimo dei nutrienti.

            Considerazioni e avvertenze

            Nonostante i numerosi benefici, è importante notare che alcune persone potrebbero dover limitare il consumo di verze a causa di condizioni specifiche, come ipotiroidismo. Sempre consultare un professionista della salute prima di apportare modifiche significative alla dieta.

              Continua a leggere

              Salute

              Maledette notifiche, che fonte di stress!

              Un recente studio del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità ha individuato come causa di ansia e stress le continue notifiche che riceviamo. E che ci distolgono da quello che stiamo facendo.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

                Un recente studio del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità ha individuato come causa di ansia e stress le continue notifiche che riceviamo. E che ci distolgono da quello che stiamo facendo.

                Vibrazione fatale

                Infatti basta una vibrazione nella tasca, un suono che proviene da un’altra stanza, che ci precipitiamo subito a prendere lo smartphone. Per distogliere il nostro cervello da ciò che stiamo facendo. La notifica: una delle invenzioni più pervasive degli ultimi decenni. Una rivoluzione tecnologica importante ma con un lato oscuro devastante. L’iper-connessione sta cambiando le nostre vite, e… crea tanta dipendenza.

                Secondo Adele Minutillo, psicologa, del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, in una recente intervista ha specificato come da un punto di vista neurobiologico il circuito che viene attivato è quello del piacere. “Ogni volta che controlliamo il telefono riceviamo una piccola gratificazione in modo simile a quanto avviene con il gioco d’azzardo o con altre sostanze che creano assuefazione“.

                Pericolo dipendenza da troppa dopamina

                Minutello è convinta che il picco di dopamina che si genera ci spinge a ricercare questa attività con sempre maggiore frequenza “(…) e con “dosi” sempre più importanti”. Una dpendenza che può innescare anche una sindrome da astinenza come accade anche per sigarette e alcool.

                Come nasce la nomofobia

                Secondo la ricercatrice molte persone arrivano addirittura a sviluppare veri e propri stati d’ansia o attacchi di panico se per caso si esce di casa senza cellulare. Tanto da sentirsi “nudi”? È la cosiddetta “nomofobia”, da no-mobile-phone-phobia.

                Generazione Z sotto attacco

                Questa sindrome colpirebbe maggiormente i giovani della Generazione Z. Ma per quale motivo? “La ragione principale“, dice la ricercatrice, “è che si tratta di ragazze e ragazzi nati in questo mondo che vivono con estrema naturalità. Mentre quelli di una certa età hanno avuto modo di imparare. Nel nostro rapporto è emerso chiaramente che i ragazzi e le ragazze che avevano problemi di dipendenza da videogiochi e social media erano quelli che più frequentemente soffrivano di stati di ansia e depressione preesistenti“.

                Ma la famiglia non dà sempre il buon esempio

                Purtroppo in famiglia i genitori dei ragazzi che appartengono alla Gen-Z non danno il buon esempio. Ci sono infatti genitori iper connessi che spesso non riescono a stabilire regole nell’utilizzo della tecnologia nemmeno su sé stessi. Figuriamoci se possono dare un buon esempio.

                Niente tablet e notifiche fino ai tre anni

                Come possiamo evitare che già in tenera età i nostri bambini siano sottoposti a questo pericolo? Secondo la ricercatrice le linee guida pediatriche ci indicono “(…) che i bambini fino ai 3 anni non dovrebbero avere accesso a tablet e strumenti simili. In età adolescenziale, poi, la prevenzione deve basarsi su percorsi di consapevolezza ed educazione all’uso“. Se un genitore riscontra già i primi sintomi di “dipendenza da notifica” a chi si può rivolgere? “Quei casi vanno presi in carico da strutture specialistiche come i Servizi per le dipendenze o le neuropsichiatrie del Sistema Sanitario“. Prosegue Minutillo. Purtroppo non è ancora operativo un numero verde nazionale. Ma è disponibile sul sito dipendenzainternet.iss.it che propone una mappatura delle oltre 100 risorse territoriali che si occupano del problema.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù