Connect with us

Salute

L’alcol e gli antidepressivi: una questione delicata

Avatar photo

Pubblicato

il

    Mentre un bicchiere di vino o una birra possono sembrare innocui per molti, per coloro che assumono antidepressivi, l’alcol può rappresentare un rischio significativo. Questa combinazione può avere effetti imprevisti e persino pericolosi sul corpo e sulla mente. Vediamo perché l’abbinamento di alcol e antidepressivi è sconsigliato.

    Effetti collaterali potenziali

    Gli antidepressivi sono progettati per influenzare i neurotrasmettitori nel cervello al fine di trattare disturbi dell’umore come depressione, ansia e disturbo ossessivo-compulsivo. L’alcol, d’altro canto, è un depressivo del sistema nervoso centrale che può accentuare gli effetti collaterali degli antidepressivi. Questo può includere sonnolenza, vertigini, difficoltà di concentrazione e problemi di coordinazione.

    Aumento del rischio di depressione

    Sebbene l’alcol possa inizialmente sembrare un modo per alleviare lo stress o l’ansia, può in realtà esacerbare i sintomi della depressione nel lungo termine. L’alcol è noto per avere effetti depressivi sul sistema nervoso centrale, il che può contrastare gli sforzi per trattare la depressione con farmaci antidepressivi.

    Alterazione dell’efficacia del trattamento

    L’assunzione di alcol mentre si è sotto trattamento con antidepressivi può compromettere l’efficacia del farmaco nel trattare i sintomi. L’alcol può interferire con l’assorbimento e il metabolismo degli antidepressivi nel corpo, riducendo la loro efficacia nel gestire i disturbi dell’umore.

    Rischio di gravi reazioni avverse

    Oltre agli effetti collaterali comuni, l’abbinamento di alcol e antidepressivi può aumentare il rischio di gravi reazioni avverse. Questo può includere aumento della pressione sanguigna, crisi ipertensive, insufficienza respiratoria e comportamento suicida. In alcuni casi estremi, può verificarsi anche il rischio di coma.

    Consigli e precauzioni

    È fondamentale seguire le indicazioni del medico riguardo all’assunzione di antidepressivi e all’evitare l’alcol durante il trattamento. Se si ha il desiderio di bere, è importante discuterne con il proprio medico per valutare i rischi e benefici individuali. Inoltre, è essenziale essere consapevoli dei segnali di reazioni avverse e cercare assistenza medica immediata in caso di emergenza.

    L’interazione tra alcol e antidepressivi può essere pericolosa e sconsigliata. È importante essere consapevoli dei rischi associati e seguire le indicazioni del medico per garantire un trattamento sicuro ed efficace dei disturbi dell’umore. In caso di dubbi o domande, è sempre consigliabile consultare un professionista sanitario. Se ti senti giù, prova a leggere i nostri consigli per raggiungere la gioia.

      Salute

      Verze un superfood pieno di benefici per la salute

      Le verze rappresentano un’aggiunta preziosa a qualsiasi dieta equilibrata. Con la loro ricchezza di nutrienti, proprietà antiossidanti e benefici per la salute, queste crucifere sono un vero superfood che può contribuire al tuo benessere generale. Sperimenta con ricette creative e goditi gli innumerevoli modi in cui le verze possono migliorare la tua salute.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Le verze, con la loro vivace colorazione verde e la consistenza croccante, non solo sono un elemento delizioso in molte ricette, ma offrono anche una vasta gamma di benefici per la salute. In questo articolo, esploreremo le proprietà nutrizionali e terapeutiche delle verze, sottolineando perché dovrebbero essere parte integrante di una dieta equilibrata.

        Ricche di nutrienti essenziali: Le verze sono un vero tesoro di nutrienti. Sono particolarmente ricche di vitamina C, vitamina K e vitamina A. La vitamina C svolge un ruolo fondamentale nel rafforzare il sistema immunitario, mentre la vitamina K è cruciale per la coagulazione del sangue e la salute delle ossa. La presenza di vitamina A contribuisce alla salute degli occhi e della pelle.

        Fonte eccellente di fibre

        Le verze sono una ricca fonte di fibre alimentari, che favoriscono la salute digestiva e aiutano a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue. La fibra contribuisce anche a una sensazione di sazietà, il che può essere utile per coloro che cercano di gestire il peso corporeo.

        Antiossidanti e protezione cellulare

        Contengono una varietà di antiossidanti, tra cui beta-carotene e flavonoidi, che aiutano a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi. Gli antiossidanti possono svolgere un ruolo nella prevenzione di malattie croniche e nell’invecchiamento precoce.

        Supporto alla salute del cuore

        Le verze sono associate a benefici per la salute cardiovascolare. Il loro contenuto di potassio contribuisce al controllo della pressione sanguigna, mentre i composti fitochimici possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.

        Proprietà antinfiammatorie

        Gli antiossidanti e i fitonutrienti presenti nelle verze hanno anche proprietà antinfiammatorie. Ciò può contribuire a ridurre l’infiammazione nel corpo, fornendo potenziali benefici per condizioni come l’artrite e altre malattie infiammatorie.

        Supporto alla salute digestiva

        La presenza di fibre e altri composti nella verza può supportare la salute del tratto digestivo. Le fibre promuovono la regolarità intestinale e possono aiutare a prevenire problemi digestivi come la stitichezza.

        Utilizzo in cucina e consigli pratici

        Le verze possono essere integrate facilmente in molte ricette. Possono essere consumate crude in insalate, cotte in zuppe o brasate come contorno. Per massimizzare i benefici per la salute, è consigliabile cucinare le verze in modo da conservare il massimo dei nutrienti.

        Considerazioni e avvertenze

        Nonostante i numerosi benefici, è importante notare che alcune persone potrebbero dover limitare il consumo di verze a causa di condizioni specifiche, come ipotiroidismo. Sempre consultare un professionista della salute prima di apportare modifiche significative alla dieta.

          Continua a leggere

          Salute

          Maledette notifiche, che fonte di stress!

          Un recente studio del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità ha individuato come causa di ansia e stress le continue notifiche che riceviamo. E che ci distolgono da quello che stiamo facendo.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

            Un recente studio del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità ha individuato come causa di ansia e stress le continue notifiche che riceviamo. E che ci distolgono da quello che stiamo facendo.

            Vibrazione fatale

            Infatti basta una vibrazione nella tasca, un suono che proviene da un’altra stanza, che ci precipitiamo subito a prendere lo smartphone. Per distogliere il nostro cervello da ciò che stiamo facendo. La notifica: una delle invenzioni più pervasive degli ultimi decenni. Una rivoluzione tecnologica importante ma con un lato oscuro devastante. L’iper-connessione sta cambiando le nostre vite, e… crea tanta dipendenza.

            Secondo Adele Minutillo, psicologa, del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, in una recente intervista ha specificato come da un punto di vista neurobiologico il circuito che viene attivato è quello del piacere. “Ogni volta che controlliamo il telefono riceviamo una piccola gratificazione in modo simile a quanto avviene con il gioco d’azzardo o con altre sostanze che creano assuefazione“.

            Pericolo dipendenza da troppa dopamina

            Minutello è convinta che il picco di dopamina che si genera ci spinge a ricercare questa attività con sempre maggiore frequenza “(…) e con “dosi” sempre più importanti”. Una dpendenza che può innescare anche una sindrome da astinenza come accade anche per sigarette e alcool.

            Come nasce la nomofobia

            Secondo la ricercatrice molte persone arrivano addirittura a sviluppare veri e propri stati d’ansia o attacchi di panico se per caso si esce di casa senza cellulare. Tanto da sentirsi “nudi”? È la cosiddetta “nomofobia”, da no-mobile-phone-phobia.

            Generazione Z sotto attacco

            Questa sindrome colpirebbe maggiormente i giovani della Generazione Z. Ma per quale motivo? “La ragione principale“, dice la ricercatrice, “è che si tratta di ragazze e ragazzi nati in questo mondo che vivono con estrema naturalità. Mentre quelli di una certa età hanno avuto modo di imparare. Nel nostro rapporto è emerso chiaramente che i ragazzi e le ragazze che avevano problemi di dipendenza da videogiochi e social media erano quelli che più frequentemente soffrivano di stati di ansia e depressione preesistenti“.

            Ma la famiglia non dà sempre il buon esempio

            Purtroppo in famiglia i genitori dei ragazzi che appartengono alla Gen-Z non danno il buon esempio. Ci sono infatti genitori iper connessi che spesso non riescono a stabilire regole nell’utilizzo della tecnologia nemmeno su sé stessi. Figuriamoci se possono dare un buon esempio.

            Niente tablet e notifiche fino ai tre anni

            Come possiamo evitare che già in tenera età i nostri bambini siano sottoposti a questo pericolo? Secondo la ricercatrice le linee guida pediatriche ci indicono “(…) che i bambini fino ai 3 anni non dovrebbero avere accesso a tablet e strumenti simili. In età adolescenziale, poi, la prevenzione deve basarsi su percorsi di consapevolezza ed educazione all’uso“. Se un genitore riscontra già i primi sintomi di “dipendenza da notifica” a chi si può rivolgere? “Quei casi vanno presi in carico da strutture specialistiche come i Servizi per le dipendenze o le neuropsichiatrie del Sistema Sanitario“. Prosegue Minutillo. Purtroppo non è ancora operativo un numero verde nazionale. Ma è disponibile sul sito dipendenzainternet.iss.it che propone una mappatura delle oltre 100 risorse territoriali che si occupano del problema.

              Continua a leggere

              Salute

              Combattere la carenza di vitamina d in modo naturale

              Mantenere livelli adeguati di vitamina D in inverno è cruciale per la salute generale. Con una combinazione di esposizione al sole controllata, integrazione alimentare e scelte alimentari oculate, è possibile affrontare la carenza di vitamina D in modo naturale.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Con l’arrivo dell’inverno, molti di noi rischiano di sperimentare una carenza di vitamina D, nota come la “vitamina del sole”. La mancanza di esposizione alla luce solare può influire negativamente sulla nostra salute. In questo articolo, esploreremo rimedi naturali che possono aiutare a mantenere livelli ottimali di vitamina D durante la stagione invernale, favorendo il benessere generale.

                Importanza della vitamina D

                La vitamina D è essenziale per la salute delle ossa, la funzione immunitaria e il benessere generale. È sintetizzata principalmente attraverso l’esposizione alla luce solare, ma in inverno, con giornate più brevi e meno sole, è comune sperimentare una carenza di vitamina D.

                Esposizione al sole

                Nonostante le giornate più corte, cercare di trascorrere del tempo all’aperto durante le ore di luce può essere benefico. Esponi viso, braccia e gambe per almeno 10-15 minuti al giorno. Evita l’eccessiva esposizione e ricorda che la durata può variare a seconda del tipo di pelle.

                Integratori di vitamina D

                Gli integratori di vitamina D sono un modo pratico per mantenere livelli adeguati, specialmente in inverno. Consulta un professionista della salute per determinare la giusta dose, in quanto eccessi possono avere effetti negativi.

                Alimenti ricchi di vitamina D

                Integrare nella dieta alimenti ricchi di vitamina D è fondamentale. Pesce grasso come salmone, sgombro e tonno sono ottime fonti, così come uova, latte fortificato, uova e funghi.

                Olio di fegato di merluzzo

                L’olio di fegato di merluzzo è una fonte tradizionale di vitamina D. Contiene anche omega-3 benefici per la salute. Assicurati di scegliere un prodotto di alta qualità e consulta il medico prima di introdurlo nella tua routine.

                Cibi fortificati

                Controlla l’etichetta degli alimenti confezionati per verificare se sono arricchiti con vitamina D. Alcuni cereali, succhi di frutta e prodotti a base di soia sono spesso fortificati per offrire un contributo extra di questa vitamina.

                Magnesio per la vitamina D

                Il magnesio è coinvolto nel metabolismo della vitamina D. Assicurati di consumare alimenti ricchi di magnesio, come noci, semi, legumi e verdure a foglia verde.

                Luce solare artificiale

                Le lampade a luce solare artificiale possono essere utilizzate per compensare la mancanza di esposizione al sole. Assicurati di utilizzare dispositivi certificati e segui le indicazioni del produttore.

                Attività fisica all’aperto

                Un modo piacevole per ottenere vitamina D è svolgere attività fisica all’aperto. Passeggiate, jogging o semplici esercizi possono essere realizzati all’aria aperta per massimizzare l’esposizione al sole.

                Monitoraggio dei livelli di vitamina D

                Per garantire un equilibrio ottimale, è consigliabile monitorare periodicamente i livelli di vitamina D con esami del sangue. Questo aiuterà a regolare l’assunzione di vitamina D in modo personalizzato.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù