Connect with us

Cronaca

Campi Flegrei, come comportarsi col super vulcano

Il piano di emergenza per il bradisismo ai Campi Flegrei è ben strutturato e prevede misure dettagliate per proteggere la popolazione. È fondamentale seguire le informazioni ufficiali e rimanere aggiornati sulla situazione attraverso fonti affidabili come l’INGV.

Avatar photo

Pubblicato

il

    La popolazione ne è consapevole da sempre, un piano di evacuazione per allontanarsi in tempi brevissimi dalla zona dei Campi Flegrei (significa lunghe stasi) è praticamente impossibile. Sulla carta esiste. Ma nel corso dei decenni nella zona l’abuso edilizio ha trasformato l’urbanistica e il territorio in tutta la sua complessità. Per cui l’accumularsi di nuove costruzioni, nuovi accessi su nuove strade è diventato anche un grave ostacolo nel caso sia necessaria una improvvisa necessità di abbandonare l’area da parte di tutta la popolazione che ci abita.

    Hai voglia a dire niente panico

    Da decine e decine di anni il rischio il bradisismo ai Campi Flegrei richiederebbe un piano di emergenza ben strutturato. Con il Decreto Legge 140 del 2023, il Governo Meloni ha approvato un piano “speditivo” per gestire tali emergenze, ma senza che lo stessa potesse tenere conto della trasformazione urbanistica abusiva. Il piano comunque è suddiviso in tre scenari di rischio basati sui danni potenziali causati da terremoti e sciami sismici.

    Quali sono gli scenari possibili

    Scenario 1 e 2 prevedono danni minori o moderati, che non richiedono una evacuazione immediata. Scenario 3, prevede danni significativi che richiedono l’evacuazione immediata della popolazione. Attualmente, lo sciame sismico iniziato il 20 maggio 2024 non è stato classificato ufficialmente, ma ufficiosamente rientra tra lo scenario 1 e 2. Alcuni edifici a Pozzuoli sono stati dichiarati inagibili e gli sfollati sono stati temporaneamente ospitati al Palatrincone. A questo proposto la Regione Campania sta lavorando per sistemare gli sfollati in hotel convenzionati, grazie a un accordo con Federalberghi Campania.

    Una attività sismica che viene da lontano

    La grande caldera flegrea, un unicum in Europa, si estende a ovest di Napoli tra la collina di Posillipo, Bagnoli e i comuni di Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, Quarto e Giugliano. L’area vulcanica comprende diversi crateri – i più famosi sono quelli della Solfatara e il lago d’Averno, Che secondo Dante e Virgilio in pratica sarebbe la porta verso gli Inferi. E’ proprio questa zone al centro delle cronache negli ultimi mesi e delle ultime settimane per il sollevamento del terreno causato da variazioni di pressione sotterranea legate ad attività magmatico-idrotermale. Ma in realtà la preoccupazione, mai sopita, è ritornata dal mese di giugno del 2022. Da allora si è registrato un aumento crescente della sismicità (oltre 500 le scosse negli ultimi due mesi), compresa quella più intensa nella notte del 27 settembre (magnitudo 4.2), la più forte degli ultimi 39 anni.

    Ma cosa succede se bisogna scappare tutti subito?

    Nella necessità di abbandonare al più presto il territorio l’evacuazione viene attivata appena si verificano alcuni determinati fenomeni. Quando si propone un aumento significativo del sollevamento del suolo. Quando la sismicità aumenta in frequenza ed energia. Se si verificano danni strutturali ingenti da compromettere la sicurezza degli edifici. L’evacuazione per ora non prevede il trasferimento in altre regioni, ma l’accoglienza su base regionale. La Regione Campania, infatti, ha predisposto strutture come palestre e palazzetti dello sport, oltre a hotel convenzionati, per ospitare gli sfollati.

    Molti dormono in auto parcheggiata sotto casa non fidandosi delle tende

    La nuova zona rossa bradisismica interessa una popolazione di circa 500 mila abitanti suddivisi tra il comune di Bacoli, i quartieri napoletani di Bagnoli, Soccavo, Agnano, Pianura, Fuorigrotta e Posillipo e il comune di Pozzuoli. Il patrimonio edilizio da controllare è di oltre 15 mila edifici (2.604 a Bacoli, 3.332 a Napoli, 9.580 a Pozzuoli). Una immediata evacuazione di massa sarebbe davvero improbabile. Da Monte di Procida a Baia, da Pozzuoli a Bacoli e Quarto, e residenti della zona del versante napoletano che va da Agnano a Posillipo, da Mergellina ai Camaldoli, dovrebbero tutti insieme e in tempi brevissimi abbandonare casa e confluire nelle aree prestabilite per essere sfollati. Il Piano nazionale di Protezione civile prevede che quest’esodo senza precedenti si dovrebbe realizzare in 72 ore ma allo stato delle cose è impensabile perché numerose “vie di fuga” individuate dal 1984 al 2022 sono rimaste infrastrutture incompiute.

    Che procedura seguire per allontanarsi dai Campi Flegrei

    Il Consiglio dei Ministri deve dichiarare lo stato di emergenza nazionale su proposta del Dipartimento di Protezione Civile Nazionale e su richiesta del Presidente della Regione.
    Il Sindaco adotta l’ordinanza di sgombero degli insediamenti abitativi interessati.
    Viene attivata la DiComaC (Direzione di Comando e Controllo) a Caserta.
    La DiComaC coordina le attività di allontanamento e trasferimento della popolazione.

    Tutti in allarme permanente

    Il terremoto di magnitudo 4.4 del 20 maggio 2024 è il più forte mai registrato nell’area in epoca strumentale. Tuttavia, questa magnitudo non indica necessariamente un’eruzione imminente. Il bradisismo, causato da fenomeni vulcanici, può portare a terremoti significativi senza sfociare in eruzioni. L’ultima eruzione ai Campi Flegrei risale al 1538, e per ora non ci sono indicazioni scientifiche che suggeriscono un’eruzione imminente.

    Il costante monitoraggio dell’INGV

    Il territorio è monitorato dall’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), che fornisce informazioni aggiornate e precise. È essenziale seguire le indicazioni ufficiali per evitare allarmismi inutili e garantire la sicurezza della popolazione.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Cronaca Nera

      Natisone: trovato un cadavere nel fiume, il sindaco conferma: “È Cristian”

      Le autorità stanno verificando l’identità del cadavere ritrovato nel fiume Natisone. Cristian Molnar, il giovane scomparso, potrebbe aver trovato un tragico epilogo.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Purtroppo Cristian Molnar è morto. Nel tardo pomeriggio di sabato un cadavere è stato scoperto nel fiume Natisone, nella zona di San Pietro. La tragica scoperta è avvenuta durante una delle operazioni di ricerca condotte dalle squadre di soccorso e dalle forze dell’ordine locali, che erano impegnate nella ricerca del ragazzo inghiottito dalla corrente del fiume insieme a due amiche, Patrizia Cormos, Bianca Doros. Tutti e tre erano di nazionalità rumena.

        L’identificazione

        Le forze dell’ordine stanno procedendo con l’identificazione del corpo ritrovato. Sebbene non ci siano ancora conferme ufficiali, le caratteristiche del cadavere corrisponderebbero alla descrizione di Cristian Molnar. Sono in corso esami medico-legali per stabilire con certezza l’identità e le cause del decesso.

        Il sindaco conferma

        È stato il sindaco di Premariacco, Michele De Sabata, a confermare ufficiosamente l’identità del corpo: “L’abbiamo trovato, il cadavere  nelle acque del Natisone è di Cristian Molnar. Lo dico perché ho potuto vedere alcune cose. Bravi e grazie di cuore ai pompieri e i fluviali che lo hanno recuperato mettendo a repentaglio la loro vita perché era davvero difficile individuarlo”.

        La scomparsa di Cristian Molnar

        Cristian Molnar era scomparso il 15 giugno, quando è stato visto per l’ultima volta nei pressi del fiume Natisone. Le ricerche sono iniziate immediatamente dopo la segnalazione della sua scomparsa, coinvolgendo numerosi volontari, vigili del fuoco, polizia e unità cinofile. Gli sforzi si sono concentrati lungo il corso del fiume e nelle aree circostanti, sperando di trovarlo in vita.

        Le circostanze del ritrovamento

        Il cadavere è stato individuato grazie all’impiego di droni e subacquei, che hanno scandagliato le acque del Natisone in un’operazione complessa e delicata. La scoperta del corpo è avvenuta in una zona particolarmente difficile da raggiungere, caratterizzata da correnti forti e acque profonde.

        Le prossime fasi delle indagini

        Le autorità stanno lavorando per completare l’identificazione del cadavere e capire le dinamiche che hanno portato alla tragedia. Non si esclude alcuna ipotesi, e gli inquirenti stanno raccogliendo tutte le informazioni necessarie per ricostruire gli ultimi momenti di Cristian Molnar.

          Continua a leggere

          Mistero

          Su un sarcofago egizio il disegno di una donna che somiglia a Marge Simpson

          La mummia di Tadi Ist, figlia del Gran Sacerdote di El-Ashmunein, diventa virale per la sua somiglianza con Marge Simpson. I fan del cartoon ironizzano sull’Antico Egitto che avrebbe previsto i Simpson.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Una recente scoperta archeologica in Egitto ha fatto parlare di sé non solo per il suo valore storico, ma anche per un’inaspettata somiglianza con un famoso personaggio dei cartoni animati. Il ministero del Turismo del Cairo ha pubblicato le foto di un sarcofago contenente una mummia di 3500 anni, quella di Tadi Ist, figlia del Gran Sacerdote di El-Ashmunein. Tuttavia, quello che ha catturato l’attenzione del web non è stata solo l’antichità del reperto, ma il fatto che la mummia somiglia incredibilmente a Marge Simpson, la madre di famiglia dai capelli blu del celebre cartone animato “I Simpson”.

            Il web si scatena

            Non ci è voluto molto perché i social media venissero inondati di commenti e meme sulla somiglianza. I fan dei Simpson, noti per la loro creatività e senso dell’umorismo, non hanno perso l’occasione per ironizzare sulla scoperta. Alcuni hanno scherzato dicendo che l’Antico Egitto aveva previsto i Simpson, mentre altri si sono chiesti se Matt Groening, il creatore della serie, avesse un antenato nell’Antico Egitto.

            Predizioni dei Simpson

            I Simpson sono famosi per le loro presunte “predizioni” del futuro, avendo anticipato eventi reali in episodi andati in onda anni prima. Dall’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti alla pandemia di Ebola, le coincidenze sono numerose. Ora, con questa scoperta, i fan hanno aggiunto una nuova “predizione” alla lista, sostenendo scherzosamente che il cartone animato aveva in qualche modo previsto anche l’aspetto di Tadi Ist.

            Un legame inaspettato

            Mentre è chiaro che la somiglianza tra la mummia e Marge Simpson è puramente casuale, non si può negare che questa scoperta abbia portato un sorriso a molti. È interessante vedere come l’archeologia e la cultura pop possano intrecciarsi in modi inaspettati, creando momenti di leggerezza e divertimento.

              Continua a leggere

              Mistero

              Il Buco dell’Inferno: sigillato con i suoi segreti nelle profondità della Terra

              Iniziato nel 1970, il Kola Superdeep Borehole ha cercato di esplorare le profondità della Terra. Oggi, il progetto è stato abbandonato e sigillato, ma il suo fascino e i suoi misteri continuano a vivere.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Il 24 maggio 1970, l’Unione Sovietica lanciò un ambizioso progetto scientifico: perforare la crosta terrestre per raggiungere profondità senza precedenti. Questo progetto, conosciuto come Kola Superdeep Borehole, o più comunemente come il Buco dell’Inferno, mirava a penetrare i segreti più nascosti del nostro pianeta.

                Gli scienziati iniziarono a perforare nel cuore della Russia settentrionale, spinti dalla curiosità e dalla sete di conoscenza. Tuttavia, ciò che trovarono sfidò ogni aspettativa: al posto della roccia solida, scoprirono quantità sorprendenti di acqua. Questa scoperta smentì le teorie accettate sulla composizione interna della Terra.

                Le sfide incontrate

                Le temperature estreme e le pressioni implacabili rappresentarono ostacoli significativi per gli scienziati. Le attrezzature furono messe a dura prova, così come la resistenza dei ricercatori stessi. Le condizioni estreme portarono a dubbi sulla fattibilità e sul successo del progetto.

                Oltre alle difficoltà scientifiche, il destino del Kola Superdeep Borehole fu segnato dal caos politico. Con il crollo dell’Unione Sovietica nei primi anni ’90 e il conseguente esaurimento dei finanziamenti, il progetto fu abbandonato.

                Il sigillo del mistero

                Nonostante l’abbandono, il Buco dell’Inferno non scomparve dalla memoria collettiva. Racconti di strani suoni provenienti dalle sue profondità alimentarono leggende e speculazioni. Alcuni attribuirono questi rumori ai “suoni dell’inferno”. Successivamente, si scoprì che tali suoni erano il risultato di fenomeni naturali, ma il fascino e il mistero del Kola Superdeep Borehole persistettero.

                Oggi, il sito giace sigillato, un monumento alla curiosità umana e al desiderio inesauribile di esplorare l’ignoto. Il Kola Superdeep Borehole, con i suoi segreti e le sue leggende, continua a stimolare l’immaginazione di molti, simbolo di ciò che ancora non conosciamo delle profondità della Terra.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù