Connect with us

Gossip

Un dialogo non ancora concluso con il padre chef!

Antonino Cannavacciuolo, un nome che brilla nel firmamento della gastronomia italiana, con 3 stelle Michelin all’attivo e una carriera televisiva di grande successo. Ma dietro i riflettori e il clamore, c’è un uomo che trova la sua vera pace nella cucina, il suo regno creativo. Ma lo chef è sempre alla ricerca dell’approvazione paterna.

Avatar photo

Pubblicato

il


    Come Antonino diventa Cannavacciuolo nel mondo
    Nato a Vico Equense nel 1975, ha coltivato la sua passione per la cucina fin da bambino, tra i profumi e i sapori della tradizione campana. Un amore che lo ha portato a intraprendere un percorso professionale di grande dedizione e sacrificio, lavorando in diverse cucine d’Italia e d’Europa.

    Un rapporto speciale di Antonino con il padre esigente
    «Onestamente: Tonino non l’avrei mai voluto chef. Si fa presto a dire figlio d’arte. Quell’arte la conosco bene, sono nato cuoco, ho insegnato anni all’istituto alberghiero di Vico Equense, l’ho provata sulla mia pelle la vita di chi lavora ai fornelli, di come devi rinunciare a tante cose, alla famiglia prima di tutto, e per lui sognavo qualcosa di più comodo. Un bel lavoro da fare dalle nove alle sei, e poi basta, molli tutto e te ne vai a casa tranquillo con le gambe sotto il tavolo. Dentista lo avrebbe voluto sua madre Anna. O qualunque altra cosa»
    . Così dichiara il padre di Antonino, lo chef Andrea Cannavacciuolo.

    Il papà di Antonino, lo chef Andrea Cannavacciuolo

    Il papà di Cannavacciuolo non desiderava che il figlio seguisse le sue orme nella cucina. Sognava per lui un futuro diverso, forse più lontano dai sacrifici e dalle difficoltà del mondo della ristorazione. Nonostante le aspettative paterne, Antonino ha seguito la sua passione e ha intrapreso la carriera di chef, ottenendo un successo straordinario. Ha conquistato le ambite stelle Michelin, diventando uno dei nomi più celebri della cucina italiana.
    Il padre, pur non esprimendolo apertamente, apprezza i successi del figlio e ne va fiero. Lo dimostra il fatto che si vanta di lui con gli altri, anche se mantiene un contegno più riservato nei suoi confronti diretti. Tra padre e figlio si è instaurato un gioco affettuoso. Antonino prepara dei piatti per il padre e gli chiede la sua opinione, cercando un’approvazione che, pur non arrivando esplicitamente, è comunque percepibile nel loro legame profondo.

    “La cucina come rifugio e musa ispiratrice”
    Parole di Antonino che rivelano il suo profondo legame con questo ambiente, non solo come luogo di lavoro, ma come dimensione intima e vitale. In questa dichiarazione emerge anche la tenacia e la disciplina dello chef, che trova la forza di dedicarsi al suo lavoro con entusiasmo anche nelle prime ore del mattino. La cucina diventa così una “palestra per l’anima”, dove corpo e mente si fondono in un’armonia di gesti e sapori.
    «Succede anche a chi ha l’hobby della palestra: si sveglia prima per andarci, dice che una volta lì poi si sente meglio. Ecco, questo a me capita con la cucina: starci non è mai una fatica, io mi diverto. Ci apro la giornata e cerco di rimanerci: è il posto più bello dove io possa stare, dove sono davvero tranquillo. Se mi togli dalla mia cucina io ho finito di vivere».

    Un a veduta di Villa Crespi e a destra lo chef

    La cucina italiana e una critica all’immobilismo
    Lo chef denuncia una certa tendenza in Italia a riposarsi sugli allori, cullandosi sulla presunta superiorità della propria tradizione culinaria. Questo atteggiamento, secondo Cannavacciuolo, rischia di frenare l’innovazione e la crescita del settore. Per Antonino, la cucina non ha confini geografici. Ogni cultura e ogni tradizione culinaria hanno qualcosa da offrire e da insegnare. La vera ricchezza sta nella contaminazione, nello scambio di idee e sapori che permette di creare piatti nuovi e sorprendenti. Lo chef sottolinea che la cucina deve essere prima di tutto una fonte di piacere. Non si tratta di seguire regole rigide o di difendere la purezza di ricette tramandate da generazioni. La sperimentazione e l’innovazione sono strumenti per rendere la cucina ancora più golosa e appagante.
    «La “nostra” cucina non esiste, la cucina è una sola: quella buona. Di certo in Italia abbiamo dei grandissimi prodotti, i migliori, e ogni campanile ha la sua ricetta. Ma la cucina ha sapori e contaminazioni da tutto il mondo».

    Villa Crespi e i format televisivi
    Nel 1999, insieme alla moglie Cinzia Primatesta, ha preso le redini di Villa Crespi, una dimora storica in stile moresco situata sul lago d’Orta. Qui, la sua arte culinaria ha raggiunto vette altissime, conquistando ben tre stelle Michelin, un traguardo ambitissimo che lo consacra come uno dei più grandi chef d’Italia.

    Sperimentare e creare
    Ma Cannavacciuolo non si è fermato qui. La sua personalità vulcanica e il suo talento comunicativo lo hanno portato a conquistare anche il pubblico televisivo. Programmi come MasterChef Italia e Cucine da incubo lo hanno reso un volto familiare nelle case degli italiani, apprezzato per la sua professionalità, la sua severità ma anche per la sua umanità e il suo immenso amore per la cucina.
    «Cucine da incubo è un programma a cui sono molto legato perché l’obiettivo è rendere felici le persone. Spesso, quando riparto, la gente piange: questo dà l’idea di quanto mi dedichi, anima e corpo al risollevare un ristorante in un momento di difficoltà. Ogni volta ci passo tre giorni e sono sempre tre giorni di fatica di lavoro».

    Lo chef in cucina con i suoi collaboratori e a destra un ambiente di Villa Crespi

    «Io non ho la bacchetta magica. Ma se dopo tutto non cambiano le abitudini, è chiaro che i tre giorni non bastano. Quello che so è che io torno sempre a casa con la coscienza a posto, oltre che distrutto, perché so che ho dato mentalmente e fisicamente tutto quello che avevo».

    «Se mi togli dalla mia cucina io ho finito di vivere»
    Per Antonino, la cucina è un laboratorio in continua evoluzione, dove l’ingegno e la curiosità dello chef si mescolano alla qualità degli ingredienti e alle tecniche acquisite nel corso degli anni. Questo approccio gli permette di dare vita a piatti nuovi e sorprendenti, che conquistano i palati dei suoi clienti e lo consacrano come uno dei più grandi chef d’Italia.
    «In cucina, con gli chef che lavorano come me, cerchiamo sempre di inventare cose nuove, sperimenti e vedi se nasce qualcosa…per questo faccio di tutto per esserci, anche quando registro. Ogni volta che posso torno a Villa Crespi e questa è la mia fortuna, quello che ci ha portato alla terza stella. Il mio primo obiettivo era, è e sarà sempre la cucina».

    Cannavacciuolo e il suo percorso verso l’eccellenza, talento, fatica e momenti di crisi
    Cannavacciuolo racconta un percorso professionale intenso, costellato di successi ma anche di difficoltà e momenti di sconforto. Nato in una famiglia di chef, Cannavacciuolo si è immerso nel mondo della cucina fin da piccolo. Lavorare in cucine stellate sin da giovane gli ha permesso di acquisire esperienza e competenze preziose, ma anche di confrontarsi con alti standard e con la dura realtà del lavoro in un ambiente professionale di alto livello.
    L’incontro con Gualtiero Marchesi è stato un punto di svolta fondamentale nella sua carriera. La consulenza dello chef stellato ha aperto gli occhi di Cannavacciuolo sulla vastità e complessità del mondo dell’alta cucina, facendogli comprendere la differenza tra un buon ristorante e un ristorante stellato. Questo confronto lo ha spinto a rimettersi in discussione e ad impegnarsi ancora di più per migliorare le sue capacità.
    «Ho avuto la fortuna e la sfortuna al tempo stesso di avere un papà chef, così sono entrato da subito in cucine 5 stelle. Grazie a una consulenza di Marchesi nel ristorante in cui lavoravo ho capito cosa fosse il mondo stellato: fino a quel momento pensavo di essere bravo, invece di colpo sono passato dalle medie all’università».
    «In quel periodo avevo perso in poco tempo 15 chili: ero arrivato a pesare 78 chili per la concentrazione che davo al lavoro. Quando tornavo a casa leggevo libri di cucina, ero dedito al cento per cento. Poi, verso la fine degli Anni 90, ci sono stati due anni di continui sbagli».

    La sicurezza in cucina
    Già all’età di 23 anni, al timone di Villa Crespi con un team di 15 persone, Cannavacciuolo dimostrava una sicurezza e una consapevolezza non comuni. Era consapevole delle sue capacità e aveva la stoffa per guidare una brigata e portare avanti un’impresa ambiziosa. Il mondo della televisione, pur con tutto il suo fascino, ha rappresentato per lui un territorio inesplorato, ricco di incognite. La sua inesperienza iniziale era naturale e ha generato dubbi e incertezze. Nonostante le paure iniziali, Cannavacciuolo ha dimostrato di possedere doti preziose che gli hanno permesso di superare le difficoltà e affermarsi anche come personaggio televisivo. La sua capacità di comunicare, la sua leadership e la sua naturalezza di fronte alle telecamere, lo hanno reso uno dei volti più amati del pubblico italiano.


    Il valore del servizio
    La sua esperienza gli ha insegnato l’importanza di un servizio eccellente, capace di valorizzare al meglio il lavoro in cucina e di creare un’esperienza indimenticabile per il cliente. Un principio che applica con rigore sia a Villa Crespi che nei suoi altri ristoranti.

    Effetti della popolarità, tra crescita e coerenza
    È innegabile che la fama raggiunta con la televisione abbia avuto un impatto significativo sulla vita di Antonino Cannavacciuolo. Lui stesso lo ammette: “È cambiata”. Ma questa trasformazione non ha snaturato la sua essenza né deviato il suo percorso. Cannavacciuolo aveva già le idee chiare sul suo futuro: la sua passione per la cucina e la sua visione imprenditoriale erano già ben definite. La televisione ha amplificato la sua voce e la sua immagine, ma non ha creato qualcosa dal nulla.

    Due immagini del programma “Cucine da incubo”

    Un rapporto speciale di Antonino con il padre esigente
    Il papà di Cannavacciuolo non desiderava che il figlio seguisse le sue orme nella cucina. Sognava per lui un futuro diverso, forse più lontano dai sacrifici e dalle difficoltà del mondo della ristorazione. Nonostante le aspettative paterne, Antonino ha seguito la sua passione e ha intrapreso la carriera di chef, ottenendo un successo straordinario. Ha conquistato le ambite stelle Michelin, diventando uno dei nomi più celebri della cucina italiana.
    Il padre, pur non esprimendolo apertamente, apprezza i successi del figlio e ne va fiero. Lo dimostra il fatto che si vanta di lui con gli altri, anche se mantiene un contegno più riservato nei suoi confronti diretti. Tra padre e figlio si è instaurato un gioco affettuoso. Antonino prepara dei piatti per il padre e gli chiede la sua opinione, cercando un’approvazione che, pur non arrivando esplicitamente, è comunque percepibile nel loro legame profondo.

    In fondo, Antonino rimane fedele a se stesso e ai suoi valori. La popolarità gli ha dato nuove opportunità, ma non lo ha reso qualcun altro. La sua dedizione alla cucina, la sua attenzione alla qualità e il suo rispetto per il lavoro rimangono i capisaldi della sua filosofia.

      Gossip

      Blanco svestito: cosa si è inventato dopo Sanremo…

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Il bresciano Riccardo Fabbriconi in “arte” Blanco è un personaggio irrequieto e, secondo alcuni, dotato di senso artistico. Se così fosse, partendo dal presupposto che l’arte rappresenta anche il lato folle dell’umanità, la diversità e la libertà di espressione… il nudo ci può anche stare. Considerando poi che il ragazzo, classe 2003,è abituato a trasgredire, andando un po’ fuori dalle righe… tutto torna. D’altronde in intimo lo avevamo già visto in qualche videoclip, il nudo integrale è il naturale passo successivo.

        Come mamma l’ha fatto

        Blanco spiazza tutti… e lo fa apparendo come mamma l’ha fatto attraverso un post liberatorio di Instagram! D’altronde, dopo la distruzione delle rose sul palco dell’Ariston, lui doveva in qualche modo alzare l’asticella. Come? Stimolando gli ormoni della sua fanbase, che ha mostrato di gradire l’iniziativa naked

        Opposte fazioni

        Il giovane cantante italiano è un personaggio divisivo. C’è chi lo stima moltissimo (come la grande icona Mina, che recentemente l’ha voluto in un duetto), conquistato dal suo folle talento e dalla sua musica. Chi invece lo considera un prodotto studiato a tavolino dalla casa discografica, nel tentativo di proporre qualcosa che renda solo ed esclusivamente a livello commerciale. Nonostante la giovane età, a giudicare dalle reazioni della sua fanbase, il ragazzo riesce davvero a trasmettere emozioni e sensazioni prorompenti.

        Nudo: liberazione o stratagemma

        L’immagine pubblica che emana è quella di uno spirito libero, in grado di non farsi omologare dai criteri di “normalità” imposti dalla società attuale. Cercando di rivoluzionare i pensieri e la mentalità delle persone attraverso la sua arte o presunta tale. Adesso opta per il nudo integrale, anche se le parti più intime rimangono opportunamente nascoste. Necessità di affermare la propria totale liberazione da barriere di ogni sorta o… furbata per guadagnarsi un po’ di attenzione?!? D’altronde si sa, il nudo fa sempre notizia.

          Continua a leggere

          Gossip

          Lady Matri fa sognare: Federica Nargi divina! (Gallery)

          La bellissima Federica Nargi ha trovato, ancora una volta, la formula vincente per conquistare e far impazzire tutti i suoi follower! L’ex velina di “Striscia” si è mostrata in tutto il suo splendore, sfoggiando diversi outfit mozzafiato. La Nargi è attualmente in vacanza con marito e figlie, in una location con mare e tramonti da sogno.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore


            Federica Nargi è una delle donne più riconosciute nel panorama televisivo italiano. La sua carriera, iniziata con i concorsi di bellezza e consolidata con il ruolo di Velina a “Striscia la Notizia”, è stata caratterizzata dal continuo successo. La sua presenza nei media italiani testimonia il suo talento e la sua capacità di mantenere un forte legame con il pubblico.

            Federica è indubbiamente una figura di spicco nel panorama della moda italiana, riconosciuta non solo per il suo talento ma anche per la sua straordinaria bellezza. La sua estetica eterea e profondamente italiana cattura l’attenzione e incanta.


            La sua bellezza e il suo stile l’hanno resa una scelta popolare per vari brand. Ha collaborato con diversi marchi di moda e bellezza, diventando spesso testimonial di prodotti e linee di abbigliamento.

            Federica Nargi è sposata con Alessandro Matri, ex calciatore professionista e insieme hanno due figlie, Sofia e Beatrice. È molto attiva sui social, dove condivide momenti della sua vita anche personale con i suoi numerosi follower.  

              Continua a leggere

              Gossip

              Strane polveri e insulti alla madre: Costacurta Jr ci ricasca!

              Martina Colombari, Billy Costacurta e il figlio Achille sono nuovamente al centro dell’attenzione a causa di un’altra recente polemica che vede coinvolto il 20enne. Questa volta per alcune storie pubblicate sul suo profilo Instagram che mostravano immagini di soldi, passaporto a nome di Achille e bustine contenenti polvere rosa.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore


                Vediamo cosa è successo…
                Achille Costacurta, figlio di Billy Costacurta e Martina Colombari, ha recentemente pubblicato immagini discutibili sul suo profilo Instagram. Le foto mostravano bustine di polvere rosa, mazzette di soldi e un passaporto con il suo nome. Tutto corredato da commenti e tag del tipo: «Quando sei con Martina Colombari, puoi spostarne quanta ne vuoi». Un’altra immagine che ritraeva mazzette di soldi era taggata al profilo della madre con la scritta: «Vai, come si traffica». 

                Ma poco dopo la pubblicazione, l’account di Achille è stato disattivato.
                Sospetti di hackeraggio, o l’ennesimo incidente che coinvolge il figlio di Costacurta?
                Alcuni dettagli pare che non escludano del tutto altre possibilità.


                Chi sono i genitori di Achille
                Il papà, Alessandro Costacurta, detto Billy, è uno dei più grandi difensori della storia recente del calcio italiano. La mamma, Martina Colombari, ex miss Italia, attrice e modella, molto apprezzata nel nostro Paese.

                Ma Achille è spesso su tutti i giornali
                Il Costacurta jr non è nuovo a questi episodi controversi che spesso lo coinvolgono in accuse pesanti. Come per aver sferrato un pugno a un poliziotto lo scorso anno. Pare che sia stato denunciato per resistenze e violenza a pubblico ufficiale e le accuse sono per aver dato un diretto a un vigile urbano, dopo essersi barricato all’interno di un taxi.
                Ma questo è un altro fatto che si aggiunge a ulteriori tensioni familiari per la sua vita pubblica.

                Nelle immagini di IG, potrebbe essere Ecstasy
                La polvere rosa mostrata nelle immagini potrebbe indicare vari tipi di sostanze, sia legali sia illegali. Nel contesto delle droghe, potrebbe essere polvere rosa potrebbe essere MDMA (Ecstasy) in forma cristallina o polverizzata che spesso assume colorazioni diverse a seconda degli agenti coloranti utilizzati. O forse no.
                Ma tutto questo elemento contribuisce a mantenere l’ambiguità e il sospetto attorno all’intera vicenda. La situazione è ulteriormente complicata dalla presenza del passaporto e delle scritte provocatorie, che aggiungono complessità alla questione.
                Indipendentemente dalla natura esatta della polvere, la pubblicazione di tali immagini su un profilo pubblico ha inevitabilmente attirato attenzione dalle autorità. Questo ha anche aumentato la pressione su Achille Costacurta e la sua famiglia, che stanno cercando di gestire le conseguenze di queste azioni.

                Immagini di repertorio di cocaina rosa

                La “coca rosa,” la droga al profumo di fragola, dei super ricchi e dei giovani narcos
                È anche conosciuta come “tusi” o “tucibi” (pronuncia fonetica di 2C-B), è una droga sintetica che ha guadagnato notorietà negli ultimi anni, soprattutto nei circoli delle feste e dei club. Nonostante il nome possa suggerire una relazione con la cocaina, la coca rosa è una sostanza completamente diversa, con effetti psichedelici e stimolanti. Originariamente sviluppata negli anni ’70, il 2C-B è un composto appartenente alla famiglia delle fenetilamine, che include altre sostanze come l’MDMA (Ecstasy) e la mescalina.

                Questa droga viene spesso venduta sotto forma di polvere rosa, da cui deriva il nome “coca rosa.” Gli effetti del 2C-B possono variare ampiamente a seconda della dose, andando da un lieve euforia e stimolazione a potenti esperienze visive e sensoriali.
                A basse dosi, il 2C-B può essere utilizzato per migliorare l’umore e aumentare la socievolezza, mentre a dosi più elevate può indurre allucinazioni visive e alterazioni della percezione.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù