Connect with us

Curiosità

Cani molecolari, gli eroi nella lotta al crimine!

I cani molecolari rappresentano una delle risorse più preziose e innovative nel campo dell’investigazione forense e della sicurezza pubblica. Questi straordinari animali sono addestrati per rilevare tracce molecolari specifiche, come droghe, esplosivi, e tracce umane. Tra le razze più utilizzate il Bloodhound per il suo olfatto eccezionalmente sviluppato.

Avatar photo

Pubblicato

il

    La razza Bloodhound, i cani detti anche di Sant’Uberto
    Originaria del Belgio, la razza è nota per il suo olfatto straordinariamente acuto e per la sua capacità di seguire tracce anche dopo molti giorni. Questa razza, con le sue lunghe orecchie e il caratteristico muso rugoso, è storicamente utilizzata per la caccia e per la ricerca di persone scomparse. La sua abilità nel seguire tracce olfattive lo rende ideale per il lavoro di cane molecolare.

    I Bloodhound hanno circa 300 milioni di recettori olfattivi, rispetto ai 5 milioni dell’uomo, e una parte del cervello dedicata all’elaborazione degli odori molto più sviluppata. Questa caratteristica li rende capaci di distinguere e identificare singoli odori all’interno di un’ampia gamma di altri odori, anche in condizioni ambientali difficili.

    I cani molecolari al lavoro con i militari dell’Arma

    Quali i compiti dei cani molecolari nelle istituzioni
    Rilevamento di sostanze illegali

    Uno dei compiti più comuni per i cani molecolari è il rilevamento di droghe. Questi cani sono addestrati a individuare piccole quantità di sostanze stupefacenti nascoste in veicoli, edifici, bagagli e addosso alle persone.
    Rilevamento di esplosivi
    La sicurezza negli aeroporti, nelle stazioni e durante gli eventi pubblici di massa dipende spesso dal lavoro dei cani molecolari, che possono individuare tracce di esplosivi nascosti.
    Ricerca e Soccorso
    Oltre al rilevamento di sostanze, i cani sono impiegati nella ricerca di persone scomparse. Il loro olfatto acuto permette di seguire tracce umane anche in terreni difficili e dopo lunghi periodi di tempo.
    Malattie umane
    Sono stati addestrati per rilevare alcune malattie, come il cancro e il diabete. Essi possono percepire i cambiamenti chimici nel corpo umano attraverso il respiro o il sudore, fornendo un metodo non invasivo per la diagnosi precoce.
    Indagini Forensi
    In campo forense, i cani molecolari sono utilizzati per trovare cadaveri o resti umani, anche sepolti o sommersi, aiutando a risolvere casi di persone scomparse e omicidi.

    Come si addestrano
    L’addestramento dei cani molecolari è un processo complesso e rigoroso. Gli animali vengono selezionati fin da cuccioli per le loro capacità olfattive e per la loro attitudine al lavoro. L’addestramento può durare diversi mesi e richiede sessioni giornaliere di esercizi specifici per abituarli a riconoscere e segnalare le diverse sostanze. La cura è altrettanto importante. Questi cani necessitano di una dieta equilibrata, esercizio fisico regolare e visite veterinarie frequenti per mantenere la loro salute e la loro capacità operativa. Inoltre, il legame tra il cane e il suo conduttore è fondamentale per il successo delle operazioni, richiedendo fiducia reciproca e affiatamento.

      Curiosità

      Il bullismo non ha età, le prepotenze continuano anche tra adulti

      Un fenomeno subdolo e spesso sottovalutato, il bullismo tra adulti può assumere diverse forme e avere conseguenze devastanti sulla vita delle vittime. Il bullismo è un fenomeno che ha radici profonde nella storia umana. Nonostante i nostri progressi culturali e tecnologici, continua a essere un serio problema sociale che colpisce persone di tutte le età.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Oltre al bullismo tradizionale, che si manifesta con aggressioni fisiche, verbali o psicologiche, gli adulti possono essere vittime di mobbing, cyberbullismo, stalking e altre forme di abuso di potere.

        Perché è importante parlare di bullismo tra adulti?
        È un fenomeno più diffuso di quanto si pensi. Secondo alcune ricerche, colpisce circa il 7% dei lavoratori in Italia. Il bullismo può avere conseguenze gravi sulla salute fisica e mentale delle vittime, causando stress, ansia, depressione, e persino disturbi post-traumatici da stress. Il bullismo crea un ambiente di lavoro ostile e tossico, che può ostacolare la produttività e il benessere di tutti i dipendenti.

        Cosa fare se sei vittima di bullismo tra adulti?
        La prima cosa da fare è parlare di ciò che sta accadendo. Non vergognarti e non aver paura di chiedere aiuto. Tieni un diario dove annoti tutti gli episodi di bullismo, con date, orari, testimoni e descrizioni dettagliate di quanto accaduto. Rivolgiti a un amico fidato, un familiare, un collega di fiducia o un professionista, come uno psicologo o un terapista. Se il bullismo avviene sul posto di lavoro, puoi denunciarlo al tuo superiore, alle risorse umane o alle autorità competenti.

        Insieme possiamo fermare il bullismo tra adulti!
        Il bullismo è un problema serio che non deve essere tollerato. Se sei vittima di bullismo, ricorda che non sei solo e che ci sono persone che possono aiutarti. Con il coraggio di parlare e denunciare le violenze, possiamo creare un ambiente di lavoro e una società più sicuri e rispettosi per tutti.

        La storia si ripete
        Il bullismo è un problema antico che continua a evolversi con la società. Sebbene le forme e i mezzi possano cambiare, l’impatto negativo sul benessere delle vittime rimane costante. Quindi,
        non è un fenomeno nuovo.
        Episodi di prevaricazione, violenza e intimidazione sono stati documentati in diverse culture e contesti sociali.

        Nelle società antiche, come quelle greca e romana, il bullismo era spesso legato alla struttura gerarchica e alle dinamiche di potere. Nelle scuole medievali, i ragazzi più grandi spesso prevaricavano sui più giovani, in un ciclo di violenza che veniva visto come parte della crescita. Con le scuole moderne, il bullismo ha trovato nuovi terreni di espressione, ma è stato anche oggetto di studi e ricerche che stanno cercando di comprendere e contrastare il fenomeno.

          Continua a leggere

          Curiosità

          Staycation: come viaggiare senza lasciare la città!

          D’estate, molti stanno rivalutando il concetto di vacanza, preferendo il comfort della propria città alle mete turistiche affollate. Le “staycation,” ovvero le vacanze trascorse a casa o nelle vicinanze, stanno diventando una tendenza sempre più popolare del 2024. Ecco come trasformare il tuo soggiorno in città in un’esperienza di vacanza indimenticabile.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Le vacanze cosiddette staycation offrono una meravigliosa opportunità per rilassarsi e godere di una vacanza senza lo stress dei viaggi. Con un po’ di creatività e pianificazione, puoi trasformare il tuo soggiorno in città in un’avventura entusiasmante e rigenerante con momenti speciali a casa e approfitta delle molteplici attività e esperienze che ti circondano.

            Riscoprire le gemme nascoste della tua città
            Spesso, presi dalla routine quotidiana, dimentichiamo le meraviglie che ci circondano. Una staycation è l’occasione perfetta per riscoprire i tesori nascosti della tua città. Organizza visite ai musei locali, esplora quartieri che non hai mai visitato, partecipa a tour storici o gastronomici e goditi i parchi cittadini. Ogni città ha i suoi luoghi unici e affascinanti che meritano di essere scoperti.


            Creare un’atmosfera di vacanza a casa
            Trasforma la tua casa in un rifugio di relax e divertimento. Organizza serate a tema con cene ispirate a diverse cucine del mondo. Dedica del tempo a te stesso con attività ricreative e di benessere. Approfitta dei centri benessere locali per un massaggio rilassante o un trattamento termale.

            Esperienze culturali e artistiche
            Le città offrono una vasta gamma di esperienze culturali e artistiche. Partecipa a spettacoli teatrali, concerti all’aperto o serate di cinema sotto le stelle. Visita gallerie d’arte e mostre temporanee, o partecipa a laboratori artistici per scoprire nuovi hobby.


            Cucinare e degustare
            Prova nuove ricette, magari ispirate a piatti internazionali, o partecipa a corsi di cucina online per perfezionare le tue abilità culinarie. Se preferisci rilassarti, esplora i ristoranti locali che non hai mai provato.

              Continua a leggere

              Curiosità

              Basta, mi licenzio e cambio vita

              La storia di Erica dimostra che, nonostante le sfide, seguire i propri sogni e cercare una vita più appagante può portare a grandi soddisfazioni. La vita in crociera, seppur difficile, le ha permesso di scoprire il mondo e se stessa, offrendo una prospettiva unica su cosa significhi veramente vivere appieno.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              cambio vita

                Erica, una giovane laureata in giornalismo, ha scelto di cambiare radicalmente la sua vita lasciando un lavoro d’ufficio a New York per diventare intrattenitrice su una nave da crociera. Nonostante le difficoltà iniziali, oggi Erica è felice della sua scelta, avendo visitato 79 Paesi in dieci anni.

                La decisione di cambiare vita

                Erica ha lavorato in un prestigioso ufficio a New York, ma la routine stressante, il lungo tragitto e le ore passate in un cubicolo l’hanno portata a soffrire fisicamente e mentalmente. Cercando disperatamente una soluzione, ha scoperto il lavoro sulle navi da crociera, che le avrebbe permesso di viaggiare e conoscere nuove persone. Dopo aver superato un colloquio, ha iniziato la sua carriera come entertainment host.

                Le difficoltà dell’inizio? Superate con la solidarietà dei colleghi

                La vita a bordo non è stata facile all’inizio. Erica ha dovuto completare un rigoroso corso sulla sicurezza e imparare rapidamente le sue mansioni. Le cabine per i dipendenti sono spesso molto piccole e spartane, a volte condivise con altri membri dell’equipaggio, e le ispezioni settimanali sono una costante. Ma non mancano battute, scherzi e giochi tra colleghi per rendere la vita a bordo meno stressante. Nonostante questi ostacoli, Erica ha trovato un nuovo equilibrio.

                La vita a bordo? Mai la stessa

                La vita in crociera è intensa e non per tutti. I turni di lavoro possono variare dalle 8 alle 12 ore al giorno per sette mesi consecutivi. Tuttavia, Erica e molti dei suoi colleghi amano questa vita per le esperienze uniche che offre. Viaggiare continuamente permette di scoprire nuovi luoghi e culture, creando un forte senso di comunità tra l’equipaggio.

                Esperienze Indimenticabili da Petra alla Nuova Zelanda

                Grazie al suo lavoro, Erica ha avuto la fortuna di esplorare posti incredibili come Petra, l’Alaska e le grotte della Nuova Zelanda. Anche se a volte può sentirsi sola, considera la sua esperienza a bordo come la più emozionante e gratificante della sua vita. Insomma nonostante le sfide, seguire i propri sogni e cercare una vita più appagante può portare a grandi soddisfazioni. La vita in crociera, seppur difficile, le ha permesso di scoprire il mondo e se stessa, offrendo una prospettiva unica su cosa significhi veramente vivere appieno l propria esistenza.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù