Connect with us

Cinema

La Marvel ha perso la sua magia? A guardare i risultati si direbbe proprio di sì

La nuova fase del Marvel Cinematic Universe è un flop, tra film e serie TV che non entusiasmano più il pubblico.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Fino a qualche anno fa, l’uscita di un nuovo film Marvel era un evento mondiale. La “Saga dell’infinito”, composta da 22 film, ha incassato oltre 21 miliardi di dollari. Ma da allora, l’interesse sembra calato. La “Fase 4” introdotta con “Avengers: Endgame” e basata sul multiverso non ha catturato l’immaginazione come sperato. La Marvel ha prodotto 32 film e 22 serie TV dal 2008, ma l’eccessiva complessità delle trame e la sovrapproduzione hanno confuso gli spettatori.

    La sovrapproduzione sta danneggiando la Marvel?

    Eliana Dockterman di Time ha raccontato le difficoltà nel seguire la trama della seconda stagione di “Loki”, definendo l’esperienza simile a fare “compiti a casa”. La Marvel ha prodotto nove serie TV dal 2021, ma molte, come “Ms Marvel”, “She-Hulk: Attorney at Law” e “Moon Knight”, non hanno entusiasmato il pubblico. “Secret Invasion”, promossa come serie “imperdibile”, è stata un flop, con un punteggio del 7% su Rotten Tomatoes per l’ultimo episodio, il più basso mai attribuito a una serie Marvel.

    Il multiverso: un’idea troppo complessa?

    Con l’introduzione dei multiversi, le storie sono diventate sempre meno coerenti, rendendo difficile per gli spettatori seguirle tutte. Questo ha portato a una diminuzione dell’interesse e del coinvolgimento del pubblico. La Marvel sembra essersi persa in un labirinto di trame e personaggi, rischiando di alienare i suoi fan storici.

    La Marvel può ancora recuperare?

    Nonostante i recenti insuccessi, la Marvel ha ancora la possibilità di riconquistare il pubblico. Sarà necessario semplificare le trame e ridurre il numero di uscite per rendere le storie più accessibili e coinvolgenti. Solo il tempo dirà se la Marvel riuscirà a ritrovare la sua magia e a riconquistare il trono della cultura pop.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Cinema

      Shelley, ora sei finalmente a casa…

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Scompare a 75 anni Shelley Duvall, l’attrice americana che nel 2016 aveva rivelato di soffrire di problemi mentali, è morta nel sonno a causa di complicazioni legate al diabete, nella sua casa in Texas. L’annuncio arriva dal suo compagno, il regista Dan Gilroy: «La mia cara, dolce, meravigliosa compagna di vita e amica ci ha lasciato. Troppe sofferenze ultimamente, ora è libera. Vola via, bellissima Shelley»

        Un ruolo che le ha segnato la vita

        Era stata l’indimenticabile Wendy di Shining, al fianco di un altrettanto gigantesco Jack Nicholson. Di recente la stampa americana aveva rivelato che, a causa della malattia e di un problema di circolazione a un piede che le aveva ridotto la mobilità, Shelley era costretta a trascorrere tutto il giorno in casa o a bordo della sua enorme Toyota.

        +Altman, il suo mentore

        La sua carriera cinematografica era iniziata negli anni Settanta, dopo il fortunato incontro con Robert Altman che, colpito dalla sua particolare fisicità, la volle per molti dei suoi film, fra cui Tre Donne, per il quale fu premiata a Cannes nel 1977. Poi un piccolo ma significativo ruolo in Io e Annie di Woody Allen ma, soprattutto, il personaggio che l’ha resa un’icona del cinema horror: quello di Wendy, la moglie di Jack Torrance in Shining di Stanley Kubrick. L’esperienza sul set di Shining, come raccontò anni dopo lei stessa, la segnò profondamente.

        Un’esperienza massacrante

        Un ruolo di grande spessore, per il quale il regista – noto per la sua maniacalità – la mise a durissima prova: nel 1981 l’attrice svelò al magazine People che le riprese, durate ben 13 mesi, furono estenuanti e che il regista la fece «piangere 12 ore al giorno per settimane intere».

        Il ritorno, a sorpresa, nel 2022

        Nel 2002 il suo ritiro dalle scene. Svelerà poi di soffrire di problemi mentali, anche in conseguenza dell’esperienza traumatica vissuta durante le riprese di Shining. Dopo venti anni di silenzio, nel 2022 a sorpresa l’attrice era tornata a recitare in un horror indipendente, The Forest Hills. Sembrava rinata, al punto da dichiarare: «Recitare di nuovo è davvero divertente, ti arricchisce la vita». E poi, aveva aggiunto con ironia «se Jessica Tandy ha vinto un Oscar a 80 anni, posso ancora vincerlo anche io!».

        Purtroppo non lo sapremo mai…

          Continua a leggere

          Cinema

          Denny Mendez è la migliore attrice del BCT di Benevento

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Nella splendida cornice del BCT-Festival Nazionale del Cinema e della Televisione di Benevento, lo scorso 30 giugno 2024 Denny Mendez è stata premiata come vincitrice nella prestigiosa categoria di “Miglior Attrice”. Un riconoscimento che celebra il suo talento.
            Un evento che ogni anno riunisce le più brillanti stelle del firmamento cinematografico e televisivo.

            Il mopmento della premiazione della Mendez

            Maestria nell’interpretare un ruolo intenso

            Denny, con la sua interpretazione in Global Harmony di Fabio Massa ha conquistato pubblico e critica, ricevendo l’ambito riconoscimento dalla giuria di selezione del BCT. “Global Harmony” è stato proclamato vincitore nella categoria “Greatest Independent”, un ulteriore attestato di qualità per il lungometraggio e per l’attrice protagonista, che ha saputo incarnare con intensità e autenticità il suo ruolo. La sua performance in Global Harmony ha dimostrato la sua abilità di trasmettere emozioni profonde, dando vita a personaggi autentici.

            Parla Denny

            “Per me è un onore ricevere un premio come migliore attrice in questo Festival così prestigioso e ricco di grandi nomi. Soprattutto perché ho sempre creduto e credo tuttora, che lavorare sodo premi sempre, nella professionalità” ha esordito l’attrice nel commentare il prestigioso riconoscimento. La Mendez è apparsa fiera di poter condividere questo risultato anche con tutti coloro che l’hanno sempre seguita e supportata e con chi si ritrova nelle dinamiche del film. “In particolare, sono fiera per questo film, dove si parla di pari opportunità, diritti dei bambini e l’equilibrio delle relazioni con quel meraviglioso continente che è l’Africa”. “Tematiche molto attuali e trattate con la giusta delicatezza” ha concluso. Riferendosi al suo ruolo nel lungometraggio, dove interpreta Ester, responsabile delle relazioni della Global Harmony con l’Africa.

            BCT, imperdibile appuntamento in ambito cinema e tv

            La serata del 30 giugno ha visto protagoniste numerose personalità del mondo del cinema e della televisione. Unite per celebrare i successi di un’industria in continua evoluzione. Il BCT Festival, con la sua missione di valorizzare e promuovere le eccellenze del settore, offre una piattaforma prestigiosa. Nella quale artisti emergenti e affermati possono mostrare il loro lavoro a un pubblico attento e appassionato e si è confermato come un appuntamento imperdibile per gli amanti del cinema e della televisione.

              Continua a leggere

              Cinema

              Tutto quello che non sapete su Dario Argento

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                In molti lo definiscono il “Re dell’Horror italiano”. Supremazia a parte, è sicuro che sin dagli esordi nei primi anni ’70, Dario Argento si è subito trasformato nell’immaginario collettivo degli spettatori in una precisa trasposizione della paura sul grande schermo. Un mondo, il suo, fatto di visioni, incubi e aneddoti. Che vi vogliamo svelare.

                Un’icona non solo italiana

                Autore di horror che oggi sono considerati capolavori, come Profondo Rosso, Inferno e Suspiria… ma anche di thriller come L’uccello dalle piume di cristallo (che segnò il suo esordio come regista), Argento ha conquistato il pubblico italiano e internazionale (oltre che alcuni fan molto famosi, come la scrittrica giapponese Banana Yoshimoto) con i suoi incubi e i tratti distintivi del suo fare cinema.

                Il difficile rapporto con gli attori sul set

                Su di lui è stato scritto praticamente di tutto e i suoi film sono stati sviscerati scena per scena, alcune pellicole vengono utilizzate come materiale di studio nelle scuole di cinematografia. Il regista ha raccontato in alcune occasioni (tra cui anche nella sua autobiografia, Paura) che con alcuni attori, sul set il rapporto si è rivelato particolarmente difficile. “Con Tony Musante fu un tormento. Era il mio primo film, L’uccello dalle piume di cristallo. Non ci siamo proprio presi, sin dal primo giorno. Una lite continua, su tutto. Alle fine delle riprese voleva menarmi. Sapeva dove abitavo, cominciò a battere i pugni sulla porta. Io e Daria Nicolodi restammo chiusi dentro, zitti, finché non se ne andò“.

                Quello con la Marsillach fu un rapporto difficile

                Non è andata meglio con Cristina Marsillach, protagonista di Opera, un thriller del 1987 che ebbe una lavorazione sofferta e difficile. Lo ha ammesso anche l’attrice, in una recente intervista, raccontando che durante le riprese Argento le lanciava i corvi vivi addosso e lei gli urlava di fermarsi: “Litigavamo sempre, ma mi sono divertita. Fu stressante, ma divertente“.

                Dario e gli animali

                Tra Argento e gli animali vi è sempre stato un collegamento molto stretto. Gli animali hanno spesso un ruolo chiave nella soluzione della storia o appaiono in molte scene. Addirittura sono dei co-protagonisti, come lo scimpanzé e gli insetti di Phenomena. Presenze che possono essere vendicative o collaborative, in grado anche di trasformarsi in pericoli mortali. Una particolare curiosità riguarda l’uccello dalle piume di cristallo che dà il titolo al film: l’Hornitus Nevalis di cui si parla nel finale, in realtà non esiste. Quella che appare in scena è una diffusissima gru coronata.

                Passione per l’arte

                Amante dell’arte figurativa, non a caso utilizzò un quadro come elemento risolutivo in Profondo Rosso. Più volte si è parlato del vero autore di quel particolare dipinto. Ma tra chi sostiene che si tratti di un’opera di Enrico Colombotto Rosso e chi invece sostiene che sia un quadro di un certo Francesco Bartoli di Ceccano (che imitò lo stile di Colombotto Rosso) il dibattito è aperto e il mistero irrisolto. Sempre in Profondo Rosso, una delle prime scene si svolge davanti al Blue Bar, che è la copia esatta del locale ritratto in Nighthawks di Edward Hopper. Un locale che nella realtà non esiste e che venne temporaneamente posto in Piazza C.L.N.a Torino, rimosso poi a fine riprese.

                La villa del bambino urlante

                Profondo Rosso si identifica anche per le scene ambientata nella Villa del bambino urlante, una bellissima dimora in stile liberty che si trova a Torino. Villa Scott è un edificio storico costruito nel 1902 situato nel quartiere Cavoretto, in zona pre-collinare a Torino. Ai tempi del film era un collegio di suore, mentre oggi è stata acquistata da un gruppo immobiliare di Londra. In occasione delle riprese del film, le suore e le ragazze che vivevano con loro nella villa, furono mandate in vacanza a Rimini… a spese della produzione!

                I suoi film creano ossessioni

                Numerosi gli stalker che hanno perseguitato il regista, ossessionati dalle sue storie. Fu la brutta esperienza con uno di questi “fan numero uno” a fornire al regista l’ispirazione per Tenebre, uscito nel 1982. Non solo uomini: anche le donne stalker hanno dato qualche preoccupazione al regista: “Sadiche o masochiste, le attiro. Una voleva accoltellarsi e dare la colpa a me perché la respingevo“.

                Le mani degli omicidi sono le sue

                Uno dei “marchi di fabbrica” del suo cinema sono le sequenze in cui si vedono le mani dell’assassino, spesso coperte da guanti neri. Il regista ha spiegato che le mani che vediamo sullo schermo sono le sue. Argento però non è l’unico ad utilizzare le proprie mani per le scene più cruente dei film: lo hanno fatto James Cameron (in Titanic) e Quentin Tarantino nella scena di Bastardi senza gloria in cui Diane Kruger viene strangolata.

                Non solo horror

                A teatro ha diretto Lucia di Lammermoor, Salomè e il Macbeth risulta essere anche al centro del suo thriller Opera, ambientato nel mondo della lirica. Nei panni di attore, ha fatto qualche fugace apparizione nei suoi film e in quelli dei suoi colleghi, ma si è visto anche in Tutti pazzi per amore e, con un ruolo da protagonista, nel recente Vortex di Gaspar Noè. Un film che di horror non ha davvero nulla e che racconta la storia di una coppia anziana di coniugi, nel quale la loro lunghissima relazione poco a poco si disgrega mentre cercano di sostenere il figlio tossicodipendente.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù