Connect with us

Benessere

Il pruning sinaptico durante il sonno: come il cervello ottimizza l’apprendimento

Studi recenti, inclusi quelli condotti su topi con microscopia elettronica 3D, hanno confermato questa teoria, suggerendo implicazioni significative per il trattamento dei disturbi del sonno e lo sviluppo di farmaci che rispettano i delicati meccanismi cerebrali.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Durante il sonno, il nostro cervello compie una straordinaria operazione di “pruning” sinaptico, tagliando i collegamenti meno significativi tra i neuroni. Questo processo, noto come ipotesi dell’omeostasi sinaptica, è stato recentemente esplorato da due neuroscienziati italiani, Giulio Tononi e Chiara Cirelli, nel loro studio pubblicato su Science.

    Questo meccanismo non solo libera spazio per nuovi apprendimenti, ma è anche cruciale per prevenire un sovraccarico informativo del cervello. “Riusciamo a dimenticare in maniera intelligente”, ha affermato il dottor Tononi, sottolineando l’importanza di questo processo per la nostra capacità di apprendere e ricordare efficacemente.

    La ricerca, condotta utilizzando una sofisticata microscopia elettronica 3D su topi, ha rivelato che le sinapsi riducono le loro dimensioni dopo il sonno, indicando il successo del processo di potatura. Queste scoperte potrebbero aprire nuove strade nella comprensione dei disturbi del sonno e nell’ottimizzazione dei trattamenti farmacologici.

    Inoltre, un secondo studio pubblicato su Science ha confermato biochimicamente l’ipotesi, identificando una proteina, Homer1A, responsabile della regolazione delle sinapsi durante il riposo. Questo potrebbe avere implicazioni significative nello sviluppo di farmaci che non interferiscono con il vitale processo di pruning del cervello.

    Le immagini al microscopio elettronico dei topi hanno reso visibile ciò che accade nel nostro cervello ogni notte: un delicato equilibrio tra crescita e riduzione delle sinapsi, essenziale per il mantenimento della salute cerebrale e della capacità cognitiva. Continua a seguire le ricerche su questo argomento per scoprire come le nuove scoperte potrebbero rivoluzionare il trattamento dei disturbi del sonno e migliorare la nostra comprensione del cervello umano.

      Beauty

      Caldo, afa, sudorazione… come contenerla

      La gestione della sudorazione e dei cattivi odori richiede un approccio multifattoriale che comprende igiene, alimentazione, scelta degli indumenti e trattamenti specifici. Consultare un medico per una diagnosi accurata e trattamenti personalizzati può fare la differenza. Implementare questi consigli pratici può aiutarti a sentirti più sicuro e a tuo agio nella vita quotidiana.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      sudorazione eccessiva

        Perché si suda

        La sudorazione è un meccanismo fisiologico essenziale per regolare la temperatura corporea. Secondo il dottor Pietro Locantore, sudiamo quando la temperatura corporea aumenta per diverse ragioni, come l’attività fisica, la febbre o l’aumento della temperatura ambientale. Il sudore aiuta a disperdere il calore e mantenere la temperatura corporea costante.

        Le cause dell’ipersudorazione

        Il medico spiega che ci sono due tipi di ipersudorazione. Quella più generica può essere causata da condizioni organiche come ipertiroidismo, squilibri ormonali, obesità o ansia.
        Quella parcellare di solito non ha cause organiche ed è spesso una condizione costituzionale individuale.

        Quali sono i trucchi per non sudare (o sudare meno)

        Per prima cosa serve curare di più l’alimentazione iniziando a limitare alcolici, caffè e cibi piccanti che causano eccessiva vasodilatazione. Meglio evitare anche cibi dall’aroma intenso come aglio e cipolla.

        Ma come faccio a detergere quando colo…?

        I consigli sembrano troppo semplici ma vanno applicati in maniera costante. Per esempio è indispensabile lavarsi il viso con detergenti delicati e applicare idratanti leggeri dopo la detersione. Lavarsi regolarmente con detergenti delicati per rimuovere la sudore inoltre aiuta a prevenire possibili infezioni e acne. Un altro accorgimento è quello di utilizzare il talco. Dopo la detersione, asciugare bene la pelle e applicare una spolverata di talco per assorbire l’umidità.

        Come scegliere il deodorante giusto

        E’ consigliabile utilizzare deodoranti su pelle pulita e asciutta. Preferire prodotti delicati e senza sostanze irritanti. E naturalmente meglio indossare abiti in fibre naturali come cotone e lino che favoriscono la traspirazione. Indossa calzature aperte in estate e fare frequenti pediluvi con sale grosso o bicarbonato. Qualcuno inoltre per contenere l’eccessiva sudorazione estiva anche di rimuovere i peli che faciliterebbe anche la pulizia.

        C’è anche un problema psicologico: come gestire l’ansia

        Per tenere sotto controllo la sudorazione è consigliabile, inoltre, praticare attività rilassanti come yoga o pilates. In caso di ansia severa, considera la consulenza di uno psicologo. La gestione della sudorazione e dei cattivi odori richiede un approccio multifattoriale che comprende igiene, alimentazione, scelta degli indumenti e trattamenti specifici. Se poi si manifesta in modo eccessivo è consigliabile, come sempre, consultare un medico per una diagnosi accurata e trattamenti personalizzati può fare la differenza. Implementare questi consigli pratici può aiutarti a sentirti più sicuro e a tuo agio nella vita quotidiana.

          Continua a leggere

          Benessere

          Psicologia: perché è difficile parlare con qualcuno guardandolo negli occhi?

          Secondo una ricerca dell’Università di Kyoto, evitare il contatto visivo durante una conversazione potrebbe non essere solo timidezza. Lo studio suggerisce che il cervello umano potrebbe sperimentare un sovraccarico cognitivo quando si deve gestire contemporaneamente l’interazione verbale e il contatto visivo. Questa scoperta getta nuova luce sulle dinamiche del comportamento umano nelle interazioni sociali.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Se durante una conversazione ti trovi a distogliere lo sguardo o a evitare il contatto visivo, potrebbe non essere semplicemente timidezza. Secondo una ricerca condotta dall’Università di Kyoto, esiste una spiegazione scientifica: il fenomeno potrebbe derivare da un sovraccarico del sistema cognitivo. Lo studio, guidato da Shogo Kajimura e pubblicato sulla rivista Cognition, suggerisce che il cervello umano può trovarsi sotto pressione quando deve gestire simultaneamente l’interazione verbale e il contatto visivo.

            Durante l’esperimento, i ricercatori hanno esaminato volontari che dovevano associare parole a termini specifici, sia guardando direttamente volti generati al computer che distogliendo lo sguardo da essi. È emerso che i partecipanti incontravano maggiori difficoltà nel processo di associazione delle parole quando erano impegnati nel contatto visivo diretto. Secondo Kajimura, queste difficoltà indicano che il cervello potrebbe essere sovraccaricato nel gestire simultaneamente molteplici attività cognitive e visive.

            Questo fenomeno evidenzia l’importanza delle risorse cognitive limitate e della loro distribuzione durante le interazioni sociali. In pratica, mantenere il contatto visivo può competere con altre attività cognitive, portando il cervello a dover fare delle scelte su dove focalizzare l’attenzione in un dato momento. Questa ricerca non solo aiuta a comprendere meglio i meccanismi del comportamento umano durante le conversazioni, ma suggerisce anche che il contatto visivo è un’attività che richiede risorse cognitive significative, oltre a essere influenzata da variabili individuali e contestuali.

              Continua a leggere

              Beauty

              Dolce sonno e rimedi naturali contro l’insonnia

              Combatte l’insonnia può richiedere una combinazione di approcci, ma spesso i rimedi naturali offrono soluzioni efficaci. Sperimenta con diverse strategie e osserva quali funzionano meglio per te. Se l’insonnia persiste, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute per una valutazione approfondita.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                L’insonnia può disturbare la qualità del nostro sonno, influendo sulla nostra salute generale e sulla qualità della vita. Invece di affidarsi a farmaci sonniferi, molte persone cercano soluzioni naturali per migliorare il sonno. In questo articolo, esploreremo alcuni rimedi naturali efficaci per combattere l’insonnia e promuovere un riposo rigenerante.

                Creare una routine del sonno

                Stabilire una routine regolare può aiutare a regolare il ritmo circadiano, migliorando la qualità del sonno. Vai a letto e svegliati alla stessa ora ogni giorno, anche nei giorni festivi, per aiutare il tuo corpo a stabilire un modello di sonno coerente.

                Scegliere alimenti rilassanti

                Certamente, alcuni alimenti possono favorire il sonno. Bevi una tazza di tè alla camomilla o al valeriano prima di coricarti. Evita invece cibi ricchi di caffeina o zuccheri nelle ore serali, poiché possono interferire con il sonno.

                Esercizio fisico regolare

                L’esercizio fisico regolare può contribuire a migliorare il sonno. Svolgi attività fisica moderata durante il giorno, evitando l’esercizio intenso poco prima di andare a letto. L’esercizio aiuta a rilasciare endorfine e a ridurre lo stress, favorendo un sonno più profondo.

                Creare un ambiente di sonno confortevole

                La creazione di un ambiente di sonno confortevole è fondamentale. Assicurati che la tua camera da letto sia buia, silenziosa e a una temperatura confortevole. Investi in un buon materasso e cuscini per favorire una postura corretta durante il sonno.

                Tecniche di rilassamento

                Pratiche come la meditazione, la respirazione profonda o lo yoga possono aiutare a rilassare mente e corpo. Dedica alcuni minuti ogni sera a pratiche di rilassamento per liberare la tensione e prepararti per una notte di sonno riposante.

                Utilizzare rimedi naturali

                L’utilizzo di rimedi naturali come l’olio essenziale di lavanda o la melatonina può essere utile per indurre il sonno. Tuttavia, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute prima di utilizzare qualsiasi integratore.

                Limitare l’esposizione alla luce blu

                La luce blu emessa da dispositivi elettronici può interferire con la produzione di melatonina, l’ormone del sonno. Riduci l’uso di dispositivi elettronici almeno un’ora prima di andare a letto o utilizza filtri di luce blu per mitigare l’impatto.

                Monitorare il consumo di caffeina e alcol

                Limita il consumo di caffeina e alcol nelle ore serali, poiché entrambi possono interferire con il sonno. Opta per bevande rilassanti come tisane senza caffeina prima di andare a letto.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù