Connect with us

Italia

Quando il falsario ci mette la firma: peggio di Totò nella banda degli onesti

Avatar photo

Pubblicato

il

    Mi sono venute così bene che… ci metto pure la firma. Così deve aver pensato Simone Giuseppe Alfarano, un 28enne nativo di Casarano (LE), accusato di aver falsificato banconote di vario taglio – dai 5 ai 100 euro – per poi venderle in rete anche attraverso offerte promozionali coi fiocchi! Peccato che, nel farlo, abbia utilizzato uno username con il proprio nome di battesimo… I falsi venivano poi spediti in Italia e all’estero ai vari acquirenti n diversi paes, tra cui Francia, Germania, Lussemburgo, Spagna e Austria. Le modalità di pagamento accettate includevano Paypal, ricariche Postepay e transazioni in criptovaluta Bitcoin.

    L’accusa gli contesta la falsificazione di banconote

    L’Alfarano è stato arrestato dai carabinieri di Roma, eseguendo una misura cautelare in carcere firmata dal gip di Lecce, Anna Paola Capano. Dopo che il sostituto procuratore Maria Grazia Anastasia ne aveva fatto richiesta. Il 28enne è accusato di aver organizzato una tipografia con materiali e strumenti reperiti sul web per falsificare cartamoneta.

    La vendita via Telegram

    Le indagini hanno rivelato un sofisticato schema di contraffazione, con l’utilizzo di materiali e strumenti professionali per la produzione delle banconote, tra cui stampanti professionali, toner, carte olografiche e patinate. La distribuzione deli falsi avveniva tramite canali telematici, in particolare attraverso il servizio di messaggistica Telegram. Due canali, “DoS Shop Gruppo” e “DoS Shop”, gestiti da Alfarano con gli username @DeathofSilentBuy e @SimoneDoS, erano utilizzati come piattaforme per la vendita delle banconote false.

    Con tanto di promozione in rete

    La vendita in rete sarebbe stata organizzata con l’aiuto di alcuni complici, sui quali si sta indagando. Dal dicembre 2022 e fino a maggio scorso, sarebbero state organizzate oltre 160 spedizioni, promosse da una sorta di “marketing” in piena regola, con tanto di foto e di listino prezzi ufficiale!

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Italia

      La vacanza extra-lusso del re saudita Bin Salman al Grand Hotel: 41 camere, 300 bagagli e l’assaggiatore personale

      Re Salman dell’Arabia Saudita ha trascorso 15 giorni al Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio, riservando 41 camere e godendo di numerose attività esclusive. L’arrivo ha visto oltre 300 bagagli e rigorose misure di sicurezza.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Il Re dell’Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz, ha trascorso un lussuoso soggiorno di 15 giorni al Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio. Accompagnato dalle mogli, dai nipoti e da un nutrito personale di servizio, il regnante 88enne ha goduto di numerose attività esclusive, tra cui passeggiate a cavallo sulla spiaggia e uno show cooking sulla terrazza vista mare.

        Un arrivo in grande stile

        All’arrivo di Re Salman, l’hotel ha accolto oltre 300 bagagli e ha implementato misure di sicurezza rigorose, con bodyguard presenti 24 ore su 24. Il re ha riservato 41 delle 80 camere disponibili, occupando l’intero terzo e quarto piano per le principesse e la servitù, oltre all’uso esclusivo del rooftop e della cucina annessa.

        Lussuosa suite presidenziale

        Il sovrano ha soggiornato nella suite presidenziale di 150 metri quadrati, progettata dallo stilista Stefano Ricci e caratterizzata da materiali pregiati come marmi, sete e legni di alta qualità.

        Logistica rivisitata e sicurezza

        Il soggiorno del re ha comportato una revisione della logistica dell’hotel, con l’allestimento di un’area gioco per i bambini e la trasformazione della Sala Butterfly in una dining room privata. Ogni piatto servito al re è stato supervisionato da un tester arabo di fiducia, affiancato dall’executive chef pluristellato Giuseppe Mancino.

        Personaggi di spicco al Grand Hotel

        Non è la prima volta che il Grand Hotel Principe di Piemonte ospita figure illustri. Poche settimane prima, il Presidente del Tagikistan, Emomali Rahmon, aveva soggiornato nella stessa struttura con una rappresentanza di Stato.

        Il “no” di Forte dei Marmi al figlio del re

        Ha fatto discutere il recente rifiuto del resort extralusso ‘La Datcha’ a Forte dei Marmi nei confronti di Mohammad bin Salman, principe saudita e presidente del Public Investment Fund. Di conseguenza, il figlio del re ha optato per un hotel stellato a Firenze.

          Continua a leggere

          Cronaca

          L’Etna diventa più alto

          Il più grande vulcano attivo d’Europa è diventato più alto: adesso ha raggiunto l’altezza di 3.369 metri.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          l'Etna diventa più alto

            L’Etna ha raggiunto una nuova altezza record di 3.369 metri grazie alle recenti eruzioni, in particolare quelle del cratere “Voragine“. Il vulcano, situato nella Sicilia orientale, è il più grande vulcano attivo d’Europa e la sua altezza è in costante cambiamento a causa delle frequenti attività eruttive.

            Come è cresciuto

            La fase eruttiva iniziata il 14 giugno scorso ha risvegliato il cratere Voragine dopo tre anni di inattività. Tra il 28 giugno e il 4 luglio, la sua attività è aumentata significativamente, culminando in un parossismo che ha durato più di 7 ore e ha profondamente modificato la morfologia della sommità del vulcano.

            Accumulo di materiale piroclastico

            Durante i parossismi, l’accumulo di materiale piroclastico sugli orli della Voragine ha fatto innalzare l’altezza del cratere di 107 metri, portandolo a superare il Cratere di Sud-Est, che aveva raggiunto i 3.347 metri nel 2021.

            Rilievi effettuati dall’INGV

            I rilievi effettuati dall‘INGV-Osservatorio Etneo con l’ausilio di droni hanno confermato che l’orlo orientale della Voragine ha raggiunto i 3.369 metri, stabilendo un nuovo record di altezza per l’Etna.

            Eruzioni senza fine

            Le recenti eruzioni hanno causato la ricaduta di cenere vulcanica che ha creato disagi ai trasporti viari e danni all’agricoltura locale. Le strade di vari comuni etnei sono state coperte di sabbia vulcanica, costringendo i cittadini a pulire balconi e spazi esterni. Nelle recenti eruzioni non si sono registrati danni a persone e cose nonostante l’intensità dei parossismi.

            ‘A Muntagna’ modella il paesaggio circostante

            L’Etna, chiamato affettuosamente “a Muntagna” dagli etnei, è visto come un simbolo della Madre Terra. La sua attività continua a modellare il paesaggio e a influenzare la vita della popolazione locale, rendendolo un elemento dinamico e significativo della Sicilia orientale.

              Continua a leggere

              Italia

              Paura per Fedez, nella notte ricoverato in ospedale. E lui se la prende con Chiara

              Fedez ricoverato in ospedale per un’emorragia, l’attacco a Chiara Ferragni: “Certe persone è meglio perderle che trovarle”

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Nuovi problemi di salute per Fedez. Il rapper milanese è stato ricoverato d’urgenza al Policlinico di Milano a causa di un’emorragia interna, fortunatamente rilevata dai medici “prima che fosse troppo tardi”. Sebbene le condizioni del cantante siano ancora da chiarire, Fedez ha subito rassicurato i fan sui social e ha colto l’occasione per lanciare frecciate all’ex moglie Chiara Ferragni. Scopriamo cos’è successo e tutti i dettagli.

                Fedez ricoverato in ospedale: come sta

                Attimi di paura per Fedez nella notte tra mercoledì 10 e giovedì 11 luglio. Ricoverato in ospedale per un’emorragia, il rapper ha subito rassicurato i fan pubblicando una foto dal lettino del Policlinico di Milano e scherzando: “Sono tipo DJ Khaled quando dice ‘another one’ ma con le emorragie interne”. Ha ringraziato il personale dell’ospedale milanese, raccontando: “Grazie di cuore ai dottori e agli infermieri del Policlinico di Milano che hanno trovato l’emorragia interna prima che fosse troppo tardi”. Ricordiamo che Fedez si era sottoposto a un delicato intervento per asportare un tumore al pancreas oltre due anni fa, e da allora ha affrontato diversi problemi di salute.

                La frecciata a Chiara Ferragni

                Durante il ricovero, Fedez ha avuto modo di riflettere su eventi recenti e ha lanciato frecciate nei confronti dell’ex moglie Chiara Ferragni. Su Instagram ha condiviso il testo di una nuova canzone, che sembra rivolgersi proprio a lei e alla fine del loro matrimonio: “Sbagli se pensi che non ho mai amato. Per te avrei ucciso ma tu mi hai fermato. I buchi allo stomaco che mi sono fatto per tutto lo schifo che ho accumulato”. Poco dopo, ha aggiunto: “È in questi momenti che capisci che certe persone è meglio perderle che trovarle”.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù