Connect with us

Mondo

G7, Bottura ai fornelli per domare i leoni del mondo!

Il conto alla rovescia è azzerato, è già iniziato il 50° vertice del G7, un evento cruciale che riunirà in Puglia, i leader delle sette potenze industriali più avanzate del pianeta. Menu speciali ideati e preparati dallo chef stellato Massimo Bottura, e menu di benvenuto innaffiati con vini pregiati delle cantine di Bruno Vespa.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Da oggi fino al 15 giugno 2024, l’affascinante cornice di Borgo Egnazia in Puglia farà da sfondo a un incontro di portata globale, presieduto dalla premier italiana Giorgia Meloni. Un’occasione unica per discutere le sfide più urgenti che il mondo odierno si trova ad affrontare e per individuare soluzioni condivise per un futuro migliore.

    Ma questo G7 non sarà solo un evento politico di alto livello. Assumerà infatti un valore storico ancora più profondo grazie alla straordinaria partecipazione di Papa Francesco. La presenza del Santo Padre sottolinea l’importanza di un dialogo costruttivo tra fede e politica, tra etica e concretezza, per affrontare le grandi tensioni che riguardano l’umanità.

    Ma affiliamo le forchette!
    Oltre alle intense sessioni di lavoro, il 50° vertice del G7 sarà caratterizzato da momenti di buffet di benvenuto, cena inaugurale e banchetti con eccellenze enogastronomiche di menu speciali ideati e preparati dallo chef stellato Massimo Bottura. I brindisi con menu di benvenuto, a cura di organizzazioni locali, saranno, invece, bagnati con i vini di Bruno Vespa, provenienti dalla selezionatissima cantina del noto giornalista Rai.

    Il maestro chef Massimo Bottura e a destra alcune pietanze

    Bottura, un maestro del gusto al servizio dei potenti
    Massimo Bottura, il pluripremiato chef dell’Osteria Francescana di Modena, non è certo un novellino quando si tratta di eventi di alto profilo. Anzi, potremmo definirlo un vero e proprio ambasciatore del gusto italiano nel mondo.

    Nel corso della sua brillante carriera, Bottura ha avuto l’onore di cucinare per capi di stato e di governo di diverse nazioni, conquistandoli sempre con la sua straordinaria abilità culinaria e la sua capacità di celebrare l’essenza della cucina italiana.

    2015: un menu speciale per il presidente francese François Hollande e il premier italiano Matteo Renzi.
    2017: una cena di gala per l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e sua moglie Michelle
    2016: un menu a base di prodotti modenesi per la cancelliera tedesca Angela Merkel.

    In ogni occasione, Bottura ha saputo stupire e deliziare i suoi ospiti con piatti che fondono sapientemente tradizione e innovazione. La sua cucina è un omaggio alla ricchezza e alla varietà della gastronomia italiana, un viaggio sensoriale che conquista anche i palati più esigenti.

    Al G7 di Fasano, Bottura avrà nuovamente l’opportunità di mostrare il suo talento al mondo intero. I due menù che ha preparato per i leader mondiali, “Vieni in Italia con me”, saranno sicuramente un successo, un trionfo di sapori, un vero e proprio viaggio ideale tra i sapori della Penisola, un percorso che attraverserà le diverse regioni italiane, dal Nord al Sud, alla scoperta delle loro eccellenze culinarie.

    Il 1° menù

    – Pane e pomodoro della Campania

    – Zuppa di pesce adriatico in stile lagunare (Veneto)

    – Risotto all’astice blu con fondo di branzino e agrumi (Sardegna)

    – Merluzzo, salsa di olive verdi di Nocellara, capperi di Pantelleria e colatura di alici di Cetara (Sicilia)

    – Crostatina di limoni di Sorrento, bergamotti di Calabria e mandorle di Noto (tutto il Sud).

    Il 2° menu

    Pesto alla genovese (Liguria)

    Lasagna (Bologna)

    Tortellini in crema leggera al Parmigiano Reggiano (Bologna)

    Fassona con salsa al Barolo e tartufo nero d’Abruzzo (Piemonte e Abruzzo)

    Pane proveniente da Matera (Basilicata)

    Dolce ai frutti di bosco in crema di latte e vaniglia al profumo di basilico (Trentino).

    Un’esperienza sensoriale unica che i leader del G7 avranno il privilegio di vivere. Un modo speciale per celebrare la cultura e le tradizioni del nostro Paese, mentre si affrontano le sfide globali del presente e del futuro.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Mondo

      Donald Trump, lo sparo perfetto: l’attentato di ieri e la santificazione sul campo

      The Donald scampa a un attentato perfetto e assurge al ruolo di eroe americano. Un attentato, quello di Butler, che gli regala di fatto la Presidenza. A sparargli un giovane repubblicano del suo stesso partito che lo ha incredibilmente mancato sparando da breve distanza con un fucile da un tetto. E questo nonostante il fatto che quel ragazzo armato fosse stato segnalato alla polizia… che non ha fatto nulla. Una regia perfetta…

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Neppure un regista di Hollywood avrebbe potuto creare un attentato così perfetto: l’ex Presidente Donald Trump se la cava con un graffietto e la Presidenza in tasca. E probabilmente ricorderà quel momento in cui ha sfiorato la morte come uno dei più perfetti della sua vita. Anche nei suoi sogni più proibiti mai avrebbe pensato che uno sparo, che lo ha mancato di pochi centimetri, avrebbe potuto santificarlo da vivo, facendo dimenticare a tutti i processi, le condanne, gli eccessi, le bugie a raffica.

        La foto dell’ex presidente americano Donald Trump, con il pugno chiuso, sanguinante al volto per la ferita subita durante un comizio in Pennsylvania, in testa il cappello rosso “Make America Great Again”, entra a far parte della storia politica USA, muta il clima delle elezioni per la Casa Bianca 2024 e offre alla Convenzione repubblicana, che si apre lunedì a Milwaukee, un diverso e più profondo messaggio politico, costringendo i democratici del presidente Joe Biden a una drammatica linea difensiva.

        Mentre scrivo, la dinamica dell’attacco ormai è chiara. E i complottisti avranno da scatenarsi visto che non si capisce come un ragazzo con un fucile, che era stato ripetutamente segnalato alla polizia, sia stato bellamente fare tutto quello che aveva in mente prima di essere ucciso per chiudergli la bocca per sempre.

        Le immagini mostrano l’ex presidente accasciarsi, colpito all’orecchio, subito circondato dagli agenti del Secret Service. Mentre lo sorreggono, Trump alza gridando il braccio verso i militanti, in un gesto di sfida e unità che incendierà la platea della Convenzione e sta già mobilitando online milioni di seguaci, persuasi che “la sinistra vuole la guerra civile”.

        La politica cambia faccia

        L’America si avviava al voto del 5 di novembre in pessime condizioni, l’esausto presidente Biden circondato dalle richieste di passare la mano a un candidato più giovane, Trump a insultare lui e la vice Kamala Harris, gli estremisti conservatori di Project 2025 a stilare un manifesto per la svolta autoritaria a Washington. Ora i toni si alzeranno in peggio, al di là della solidarietà di facciata offerta dai democratici al Congresso, il web gronda odio, con i trumpiani a reclamare rappresaglie e i radicali di sinistra persuasi che si sia trattato solo di un “false flag”, finto attentato per far di Trump un martire ed eroe.

        Per gli uni l’ex presidente è vittima di una persecuzione politica, prima legale e ora violenta, per gli altri è un trucco mal organizzato o un’occasione mancata per liberarsi del detestato rivale. La disinformazione infuria e le immagini vengono toccate e distorte.

        Il confronto brutale

        Di certo, la campagna 2024 perde ogni aggancio alle diverse filosofie politiche, per ridursi a brutale scontro di personalità e propaganda in cui ogni interesse nazionale comune viene smarrito e le due Americhe si confrontano irriducibili, ostili, estranee, sorde.

        Ora lo scontro è ancora più impari: il Santo Trump, l’Eroe col pugno chiuso come un Che Guevara populista, il Sopravvissuto, contro il vecchio che perde colpi, il Signore delle Gaffe che chiama Selensky, Putin e sembra in preda alla follia senile più acuta. Ma non molla la corsa alla Presidenza, pronto ad andare a sbattere contro Trump a cento all’ora regalandogli la Casa Bianca.

        Come non tornare alla memoria che torna a John Kennedy ucciso a Dallas e Ronald Reagan scampato per miracolo all’attentato di Washington? registi diversi, probabilmente. Se quelli sono stati drammi moderni degni di grandissimi registi da Oscar, qui sembra essere sceso in campo lo sceneggiatore di Walker Texas Ranger…

        Ora la campagna del Grand Old Party repubblicano si indirizza su una strada ben marcata: Donald Trump, l’eroe ferito che non molla mai, fra condanne e sparatorie. Come i democratici sapranno replicare a questa nuova figura, incancellabile, non è semplice da immaginare e molti ormai, nello stesso partito, contano preoccupati i giorni della scelta imminente.

          Continua a leggere

          Cronaca

          L’Europa all’attacco dei siti porno per proteggere i minori

          La piena attuazione del DSA non solo protegge i minori dall’accesso a contenuti inappropriati, ma rafforza anche la prevenzione della violenza di genere e lo sviluppo di un ambiente digitale più sicuro. L’importanza che queste piattaforme dimostrino responsabilità e trasparenza nelle loro operazioni, assicurando misure efficaci per verificare l’età degli utenti e mitigare i rischi. Questa azione rappresenta un passo significativo verso una maggiore protezione dei minori online e la promozione di un internet più sicuro per tutti.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          La Commissione Europea si muove contro i siti porno

            La Commissione Europea ha chiesto ai tre più importanti siti porno al mondo, Pornhub, XVideos e Stripchat, di spiegare quali misure stanno adottando per proteggere i minori dall’accesso ai loro contenuti. E soprattutto quali azioni hanno avviato per prevenire la diffusione di pornografia non consensuale. Si tratta di una iniziativa che rientra nell’ambito del Digital Services Act (DSA), che mira a rendere il web un luogo più sicuro. Il Digital Services Act è un regolamento dell’Unione europea per modernizzare e ampliare la Direttiva sul commercio elettronico 2000/31/CE in relazione ai contenuti illegali, alla pubblicità trasparente e alla disinformazione.

            Risposte entro il 4 luglio

            La Commissione Europea ha stabilito che Pornhub, XVideos e Stripchat dovranno fornire le informazioni richieste entro il 4 luglio. A Bruxelles si attendono informazioni dettagliate sulle politiche di protezione dei minori dal porno e di prevenzione della violenza di genere. La minaccia è di pesanti sanzioni, fino al 6% del loro fatturato globale, se non rispetteranno le nuove regole imposte dall’UE.

            Un sistema sicuro e non raggirabile per verificare l’età di chi si collega

            Un problema cruciale è come identificare l’età degli utenti digitali. Secondo alcuni avvocati esperti di diritto digitale il sistema di verifica dell’età sembra ormai inevitabile in Europa. L’Italia ha assunto un ruolo guida in questo campo, con regolamenti che anticipano le regole del DSA. La verifica dell’età non è solo importante per impedire ai minori di accedere a contenuti pornografici, ma anche per regolamentare l’accesso ai social media per i minori di 13 anni, con una proposta di legge per alzare questo limite a 16 anni.

            Richieste precise della Commissione Europea

            La Commissione Europea ha classificato Pornhub, XVideos e Stripchat come “piattaforme online di grandi dimensioni“, con più di 45 milioni di utenti medi mensili ciascuna. Ha chiesto quindi alle aziende di fornire precise informazioni in merito alle misure adottate per proteggere i minori. E soprattutto prevenire la diffusione di contenuti illegali, come il materiale pedopornografico e i deepfake porn. Le piattaforme devono anche dimostrare come hanno adattato la loro organizzazione interna per conformarsi al DSA.

            Come si stanno muovendo i singoli Paesi

            Anche altri Paesi stanno adottando misure per proteggere i minori. In Italia, il decreto-legge del 13 novembre 2023 prevede misure urgenti per la sicurezza dei minori in ambito digitale, in attesa della regolamentazione di dettaglio. Francia, Germania, Gran Bretagna e alcuni Stati americani hanno leggi che impongono ai siti porno di verificare l’età degli utenti tramite carte di credito, documenti d’identità o scansioni facciali, sollevando tuttavia problemi di privacy e discriminazione.

              Continua a leggere

              Cronaca

              Emirates cerca assistenti di volo a 2.500 euro netti mese…

              Emirates cerca 5.000 assistenti di volo con stipendi da 2.500 euro al mese, 30 giorni di ferie e viaggi scontati. Scopri i requisiti e le opportunità di carriera

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Emirates cerca 5000 assistenti di volo

                La compagnia aerea Emirates degli Emirati Arabi con hub principale a Dubai cerca 5.000 assistenti di volo. Lo stipendio è di 2.500 euro netti al mese, e in più sono garantiti 30 giorni di ferie all’anno oltre a un numero di viaggi iper-scontati.

                In dodici mesi Emirates ha aggiunto 2.600 assistenti di volo ai suoi Airbus A380 e Boeing 777-300. Al 31 marzo scorso, la compagnia contava 21.690 tra hostess e steward. Quest’anno, il numero salirà di altre 5.000 unità, secondo vice president of cabin crew Samantha James. La formazione per diventare assistente di volo della compagnia si svolge a Dubai, ed è aperta sia ai principianti che agli esperti.

                Requisiti per diventare assistente di volo Emirates

                Per prima cosa bisogna conoscenza la lingua inglese scritta e parlata (se conoscete altre lingue oltre l’italiano tanto di guadagnato sarà un valore aggiunto nel vostro cv). Bisogna essere portati per lavorare in team. Quello dell’assistente di volo è indubbiamente un lavoro di squadra. Tra i requisiti fisici bisogna avere una altezza minima di 160 cm, con braccia che raggiungono 212 cm.

                Requisiti per il visto di lavoro negli Emirati Arabi Uniti

                Per ottenere il visto e poter lavorare negli Emirati Arabi bisogna avere minimo un diploma di scuola superiore. Non bisogna avere alcun tatuaggio visibile mentre si indossa l’uniforme.

                Offerta contrattuale e benefici

                Lo stipendio proposto è di 2.500 euro al mese netti. A questo si aggiungono alcuni benefit come un alloggio fornito da Emirates, che comprende anche tutte le utenze e la gratuità del trasporto tramite navette da e per il lavoro. Inoltre, cosa gradita e inusuale nelle altre compagnie aeree, si assicura la partecipazione agli utili dell’azienda. Ma non basta. Sono garantiti 30 giorni di ferie annuali, oltre a una serie di biglietti scontati per sé, la famiglia e gli amici. Nel contratto sono inclusi anche una assicurazione medica completa e sconti presso migliaia di marchi e negozi al dettaglio.

                Ma quanto si lavora?

                La programmazione mensile dell’impegno lavorativo si riceve almeno due settimane prima dell’inizio del mese che prevede comunque circa otto giorni liberi da impegni.
                Le rotte della compagnia sono oltre 135 con città dislocate in più di 77 paesi. Ogni assistente ha la possibilità di scegliere le rotte e i voli preferiti.

                La formazione dura circa sette settimane e mezzo e prevede l’ospitalità, la sicurezza e l’utilizzo di diversi servizi. Una volta assunti si inizierà a lavorare in classe Economy. Poi si passerà alla Business e First class in base alle prestazioni e alle capacità acquisite. Naturalmente è prevista l’opportunità di avanzare come supervisori e capi cabina. Inoltre è possibile ottenere ruoli a terra come istruttori o reclutatori.

                Quanti sono gli italiani attualmente impiegati nella compagnia?

                Oggi sono oltre 710 gli assistenti di volo italiani impegnati nella compagnia Emirates che lavorano a fianco di colleghi provenienti da 140 diversi Paesi che parlano e 70 lingue.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù