Connect with us

Libri

J.K. Rowling racconta: quando scrivo mi piace mangiucchiare…

“Ho sei progetti in mente. Uno lo sto già scrivendo. Ci saranno altri due della saga di Cormoran Strike (in cui lei si firma con lo pseudonimo Robert Galbraith). Ma ho tante altre storie che dovranno uscire presto dalla mia testa”.

Avatar photo

Pubblicato

il

    La saga diHarry Potter, prima coi libri e poi sul grande schermo, continua ad essere un fenomeno letterario che ha conquistato milioni di persone in tutto il mondo. Creato dalla scrittrice britannica J.K. Rowling, l’occhialuto maghetto ha ispirato una serie di libri che hanno venduto più di 500 milioni di copie e sono stati tradotti in oltre 80 lingue.

    Non solo avventure ma anche temi sociali

    La storia di Harry Potter segue le avventure del giovane mentre cresce e affronta le sfide della vita a Hogwarts, la scuola di magia e stregoneria. Con un mix di magia, amicizia, amore e coraggio, la saga ha affascinato lettori di tutte le età e ha ispirato film, videogiochi, spettacoli teatrali e persino parchi a tema. Oltre alla trama avvincente e ai personaggi indimenticabili, Harry Potter ha anche affrontato temi universali come l’importanza dell’amicizia, la lotta contro il male e il potere della speranza. Questo fenomeno letterario ha lasciato un’impronta indelebile nella cultura popolare e continuerà ad essere amato da generazioni future.

    L’idea della scrittura la focalizzò all’eta di 4 anni

    La 58enne scrittrice inglese si racconta attraverso una recente intervista, svelando anche alcuni dettagli divertenti. Una cosa che raramente aveva fatto in passato. Dice di aver sempre voluto essere una scrittrice, sin da quando aveva 4 anni, affascinata dal fatto che i libri sono fatti di persone e realizzando che quello sarebbe stato il suo futuro.

    Lavoratrice organizzata

    Il suo metodo lavorativo è molto organizzato: “Da Harry Potter ho iniziato a stilare faldoni di file e documenti per ogni personaggio. Un background necessario, perché mi aiuta a orientarmi. Sembra una cosa da impiegati, da colletti bianchi, ma non è così: si prova del divertimento anche in questo modo. E adoro pianificare perché è uno stato di grande ottimismo per uno scrittore, in cui le pagine sono bianche e tutto sembra possibile”.

    Il mio laptop fa schifo, colpa dei popcorn!

    “Un tempo scrivevo tutto su alcuni quaderni”, spiega la Rowling, “ora invece più spesso sul cellulare o direttamente sul computer, che porto sempre con me in camera. Nel caso, prima di andare a letto, mi venga un’idea troppo articolata da segnarmela momentaneamente sul telefonino. A volte, scrivo fino a molto tardi, anche alle 3 di notte, e sono assolutamente esausta”. La scrittrice ascolta musica classica mentre è all’opera (solo musica strumentale, le parole dei testi la distraggono) e mangia sempre popcorn: “oppure nulla”. E mangia popcorn: “ecco perché il mio laptop è sempre uno schifo”.

    Progetti per il futuro

    Sui progetti futuri i fan si tengano forte: “Ho sei progetti in mente. Uno lo sto già scrivendo. Ci saranno altri due della saga di Cormoran Strike (in cui lei si firma con lo pseudonimo Robert Galbraith). Ma ho tante altre storie che dovranno uscire presto dalla mia testa”.

      Advertisement

      Ultime notizie

      Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù