Connect with us

Cronaca

Emanuela Orlandi ecco i nuovi indizi

il ritrovamento dei tre oggetti dietro la statua dell’Angelo del dolore al Verano apre nuove strade nella risoluzione del mistero di Emanuela Orlandi. La complessità del caso richiede un’analisi approfondita degli indizi e una lettura attenta dei messaggi criptici che potrebbero celare la verità su una delle sparizioni più enigmatiche della storia italiana.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Emanuela Orlandi è un fantasma che ci rincorre dal 22 giugno del 1983. Da oltre 40 anni è entrato nelle nostre case. Con la scomparsa di quella che allora era una ragazza di 15 anni alcuni di noi ci è cresciuto. Anno dopo anno, indagine dopo indagine, rivelazioni dopo rivelazioni, colpi di scena dopo colpi di scena, il mistero della sua scomparsa si è prestato a decine di speculazioni. Perché in fondo all’animo umano, il mistero piace, mette in gioco e rivela parti di noi che non conosciamo. E quindi ogni ritrovamento e frammento di una possibile verità diventa una calamita. Non ci possiamo sottrarre. Questa è la volta di tre inquietanti oggetti-codice ritrovati dietro la statua dell’Angelo al Verano.

    Dettagli che inquietano

    I tre oggetti sono stati trovati dietro la statua vandalizzata dell’Angelo del Dolore nel cimitero monumentale del Verano. Si tratta di un barattolo di vernice, una chiave d’auto con una sequenza numerica e una moneta. Gli oggetti, ritrovati da studiosi della vicenda, potrebbero fornire quindi nuovi indizi su questo caso ancora irrisolto. Vediamo come.

    La statua dell’Angelo del Dolore

    L’angelo, realizzato dallo scultore Giulio Monteverde, è situato nella cappella di famiglia al Verano. La particolarità della statua è la fascetta tra i capelli, un dettaglio che richiama l’immagine iconica di Emanuela Orlandi. Nel 2013, la statua fu vandalizzata, un gesto che potrebbe essere un riferimento diretto proprio alla storia della ragazza.

    Recentemente, dietro questa statua, sono stati trovati tre oggetti misteriosi. Si tratta di un barattolo di vernice verde arrugginito e svuotato per oltre metà. Quindi una chiave d’auto molto vecchia, con i numeri 1-6-2-6, forse riconducibile a una Fiat di piccola cilindrata o a una Mini degli anni Settanta. E infine una moneta da 100 Lire deteriorata, emessa nel 1956.

    I Legami con il Caso di Katy Skerl

    La vicenda si intreccia anche con quella di Katy Skerl, uccisa nel gennaio 1984 e la cui bara è stata rubata nel 2013, ritrovata solo nel 2022. Questo caso è stato collegato a quello di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, un altro mistero irrisolto degli anni Ottanta. La presenza di questi oggetti potrebbe quindi rappresentare un messaggio criptico, un indizio nascosto che richiede una lettura attenta.

    L’interpretazione del ritrovamento. Cosa significano gli oggetti rinvenuti

    Gli oggetti trovati possono essere interpretati in vari modi. La vernice verde potrebbe essere collegata alla “BMW verde tundra” su cui Emanuela sarebbe stata vista salire. La chiave dell’auto potrebbe aprire una porta simbolica o fisica, legata alla risoluzione del mistero. La moneta del 1956 potrebbe riferirsi a un anno con significati nascosti o storici. Ipotesi, illazioni…?

    Che ruolo ha Marco Accetti?

    Marco Accetti, indagato per il sequestro di Emanuela, ha sempre parlato di messaggi in codice. Ha consegnato un flauto riconosciuto dalla famiglia Orlandi e la sua voce è stata identificata come quella del telefonista “L’Americano”. Accetti ha insistito sull’uso di codici criptati nei suoi racconti, collegando date e numeri agli eventi del caso.

    Una commissione parlamentare d’Inchiesta sul caso

    La commissione parlamentare d’inchiesta sta investigando su questi nuovi sviluppi, cercando di decifrare il significato degli oggetti ritrovati e collegarli ai casi di Orlandi, Gregori e Skerl. L’obiettivo è capire se questi nuovi indizi possano portare a una svolta nelle indagini. (continua…).

      Italia

      Due italiane vincono l’oscar europeo per la matematica

      Due talentuose matematiche italiane, Cristiana De Filippis e Maria Colombo, sono tra i dieci vincitori del prestigioso Premio Europeo di Matematica, assegnato al Congresso Europeo di Matematica a Siviglia. L’Italia celebra anche un altro successo: Bologna è stata scelta per ospitare il prossimo congresso nel 2028. Un doppio trionfo che mette in luce l’eccellenza italiana in ambito matematico.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Ci sono due italiane tra i dieci vincitori del più importante premio europeo per la matematica, una sorta di Oscar assegnato dal Congresso Europeo di Matematica, che si apre oggi a Siviglia, Spagna. L’Italia si aggiudica anche un altro riconoscimento: Bologna è stata selezionata per ospitare il prossimo congresso nel 2028. Organizzato ogni quattro anni dalla Società Europea di Matematica (EMS), il congresso è il secondo evento di matematica più grande al mondo e si è aperto con l’assegnazione dei premi più ambiti in Europa in questa disciplina.

        Cristiana De Filippis e Maria Colombo

        Le due vincitrici italiane del premio EMS, del valore di 5.000 euro, sono Cristiana De Filippis, 31 anni, originaria di Bari e docente all’Università di Parma, e Maria Colombo, 35 anni, nata a Luino (Varese) e docente al Politecnico di Losanna.

        Eccezionali contributi

        Cristiana De Filippis, considerata dalla rivista Forbes una delle 100 donne italiane di successo del 2023, è tra le persone più citate nella matematica mondiale nella sua generazione, secondo la banca dati dell’American Mathematical Society. A Siviglia è stata premiata per gli “eccezionali contributi” alla Teoria della regolarità ellittica. Questo riconoscimento si aggiunge alla lunga serie di premi che ha già vinto, come il G-Research Prize ricevuto a Oxford nel 2019 e il Premio Iapichino dell’Accademia dei Lincei nel 2020.

        Maria Colombo è stata premiata “per i suoi contributi innovativi alla fluidodinamica incomprimibile, alle equazioni di trasporto e al calcolo delle variazioni”. Anche lei ha al suo attivo una lunga lista di riconoscimenti, come l’Iciam Collatz Prize e il Peter Lax Award.

        Anticamera del Nobel

        Istituito nel 1992, il premio EMS è considerato l’anticamera del ‘Nobel’ della matematica, la medaglia Fields, ed è stato finora assegnato a 13 donne. I vincitori italiani complessivi sono stati sei: oltre a De Filippis e Colombo, hanno vinto il premio Guido De Philippis (2016), Alessio Figalli e Corinna Ulcigrai (2012) e Stefano Bianchini (2004).

        Con Bologna pronta ad accogliere il prossimo Congresso Europeo di Matematica nel 2028, l’Italia si conferma una protagonista di rilievo nella comunità matematica internazionale.

          Continua a leggere

          Italia

          Non è reato colpire la Prof col fucile ad aria compressa in classe

          Deridere e colpire una professoressa con pallini ad aria compressa in classe non è reato, secondo la Procura dei Minori di Venezia. L’inchiesta contro 21 studenti dell’Itis Viola di Rovigo è stata archiviata. Nonostante l’umiliazione subita e la diffusione del video sui social, i ragazzi sono stati promossi con il 9 in condotta. Solo i responsabili materiali del gesto affronteranno conseguenze, mentre il resto della classe ne esce impunito. La professoressa Finatti, amareggiata ma non sorpresa, spera che il divieto dei telefonini in classe possa prevenire future umiliazioni.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Deridere in massa un’insegnante colpita con una pistola ad aria compressa non è un fatto penalmente rilevante. Almeno, questo è quanto pensa la Procura dei Minori di Venezia, che ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta contro 21 studenti dell’Itis Viola di Rovigo. Questi giovani eroi del cattivo gusto hanno colpito, deriso e filmato la professoressa Maria Cristina Finatti, diffondendo poi il video sui social. Ma tranquilli, non c’è nulla di cui preoccuparsi: secondo il magistrato, non c’è reato.

            Il piano era semplice quanto crudele: uno doveva sparare, un altro riprendere la scena con il telefonino e tutti gli altri intorno a ridere. Ah, la gioventù e il loro insaziabile desiderio di notorietà sui social! Il reato ipotizzato era “oltraggio a pubblico ufficiale”, ma a quanto pare, nella classe non c’è nulla di penalmente rilevante. Solo i ragazzi che hanno sparato e ripreso la scena dovranno affrontare qualche conseguenza, ma per gli altri? Nessuna implicazione giudiziaria.

            E nemmeno scolastica, visto che sono stati tutti promossi con il 9 in condotta! Sì, avete letto bene: il 9 in condotta. È solo grazie all’intervento del ministro Valditara che il giudizio è stato sospeso. Ma non preoccupatevi, perché tutti sappiamo quanto sia efficace una sospensione del giudizio in questi casi…

            Gli avvocati Nicola Rubiero e Tosca Sambinello sono amareggiati. Pensavano che questa fosse l’occasione per dare un segnale forte alla comunità scolastica. La professoressa Finatti è delusa ma non sorpresa: “Immaginavo che sarebbe finita così”, commenta dalla sua vacanza a Santiago di Compostela. Almeno il ministro ha deciso di vietare i telefonini in classe, sperando che episodi del genere non si ripetano.

            Intanto, il video della prof impallinata è diventato virale su Facebook, Instagram e TikTok. Perché, in fondo, cosa c’è di più divertente di un’insegnante umiliata pubblicamente, vero?

              Continua a leggere

              Italia

              Plusvalenze Juventus: la Procura manda tutti a processo. Ecco le accuse

              La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex presidente della Juventus, Andrea Agnelli, e altri ex dirigenti come Pavel Nedved, Maurizio Arrivabene e Fabio Paratici. Le accuse, che variano tra aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza e false fatturazioni, riguardano l’indagine sulle plusvalenze e la manovra stipendi. Il procedimento è stato trasferito a Roma dopo che la Cassazione ha dichiarato l’incompetenza territoriale della Procura di Torino.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                La Procura di Roma ha richiesto il rinvio a giudizio per l’ex presidente della Juventus, Andrea Agnelli, insieme ad altri ex dirigenti di spicco della società bianconera, tra cui Pavel Nedved, Maurizio Arrivabene e Fabio Paratici. Questa richiesta si inserisce nell’ambito dell’indagine sulle plusvalenze e sulla manovra stipendi.

                Le accuse

                Gli indagati, una decina in totale, devono affrontare accuse che variano a seconda delle loro posizioni. Tra le principali accuse figurano aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza e false fatturazioni.

                Il procedimento

                Il procedimento è stato coordinato dall’aggiunto Giuseppe Cascini e dal sostituto Lorenzo Del Giudice. Il caso è arrivato alla Procura di Roma in seguito alla decisione della Cassazione, che ha dichiarato l’incompetenza territoriale della Procura di Torino.

                Questa nuova svolta giudiziaria getta ulteriore luce sulle pratiche contabili e gestionali della Juventus, una delle squadre di calcio più prestigiose d’Italia, e potrebbe avere ripercussioni significative per i coinvolti e per l’intero panorama calcistico italiano.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù