Connect with us

Benessere

Dieta antinfiammatoria: Ecco gli alimenti e ricette amiche della salute!

Una singola dieta miracolosa non esiste, ma una ricca giusta è un’arma potente nella lotta contro l’infiammazione cronica. Incorporiamo tutti i giorni ai nostri pasti verdura, frutta, semi, frutta secca, legumi. spezie ed erbe aromatiche e ridurremo il rischio di malattie croniche.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Perché sviluppiamo infiammazioni
    È una reazione del sistema immunitario che coinvolge una serie complessa di processi chimici. Può essere scatenata da fattori come lo stress, uno stile di vita sedentario, una dieta ricca di cibi processati e povera di nutrienti, nonché da patologie croniche come l’obesità.

    Il processo infiammatorio è importante per mantenere in salute l’organismo
    È una risposta naturale e necessaria del nostro corpo per difendersi da potenziali minacce esterne, come virus, batteri e allergeni.

    E le citochine, che sono proteine coinvolte nella regolazione delle risposte immunitarie e infiammatorie, vengono prodotte durante questo processo per combattere le minacce. Tuttavia, quando l’infiammazione diventa cronica le citochine vengono prodotte in modo persistente, danneggiando i tessuti sani.

    Come si gestisce una infiammazione cronica
    Per prevenire l’infiammazione cronica, è importante adottare uno stile di vita sano che includa una dieta equilibrata ricca di alimenti antinfiammatori, regolare attività fisica, sonno di qualità e tecniche di gestione dello stress. Queste azioni possono contribuire a mantenere sotto controllo l’infiammazione nel corpo e a promuovere una migliore salute generale nel lungo termine.

    Benefici della dieta antinfiammatoria
    Riducendo l’infiammazione, si può ridurre il dolore associato a condizioni come l’artrite.
    Una dieta antinfiammatoria può contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiache riducendo l’infiammazione nei vasi sanguigni. Riducendo l’infiammazione, si può migliorare la sensibilità all’insulina e favorire la perdita di peso. L’infiammazione cronica è stata associata a disturbi neurologici come l’Alzheimer e il morbo di Parkinson.

    Alimentazione per L’ARTROSI
    L’artrosi è una malattia degenerativa delle articolazioni che causa dolore e rigidità. Ecco gli ricchi di antiossidanti che possono aiutare a proteggere le articolazioni.
    Vitamina E – Mirtilli e Frutti di Bosco: Ricchi di antiossidanti e vitamina E, i mirtilli, le fragole, i lamponi e le more sono eccellenti per combattere l’infiammazione.
    Verdure a Foglia Verde: Bietole, spinaci e lattuga sono buone fonti di vitamina E.
    Crucifere: Cavoli, cavolfiori e broccoli sono ricchi di vitamine e antiossidanti.
    Frutta Secca e Semi: Mandorle e Nocciole: Ottime fonti di vitamina E, oltre a grassi sani.
    Semi di Girasole: Ricchi di vitamina E e altri nutrienti benefici.
    Vitamina C – Agrumi: Arance, limoni, lime e pompelmi sono ricchi di vitamina C, che aiuta a proteggere il collagene nelle articolazioni.
    Legumi: Fagioli, lenticchie e piselli sono buone fonti di vitamina C e proteine.

    Ecco un esempio di ricetta per l’artrosi
    Pasta Integrale con fagioli e broccoli
    Ingredienti per 4 persone
    200 g di pasta integrale
    1 tazza di fagioli (borlotti o cannellini) precotti
    1 broccolo, tagliato a cimette
    2 cucchiai di olio extravergine di oliva
    1 spicchio di aglio in camicia
    Succo di mezzo limone (per aggiungere vitamina C)
    Sale e pepe q.b.
    Parmigiano grattugiato q.b.
    Procedimento
    In una padella grande metti olio, aglio e le cimette di broccoli, e cuoci aggiungendo un po’ di acqua fino a quando diventeranno teneri. Regola di sale e pepe. Unisci i fagioli, mescola bene e cuoci per altri 5 minuti. Lessa la pasta in acqua salata, poi scola e trasferisci in padella con i broccoli e i fagioli. Mescola bene per combinare tutti gli ingredienti. Aggiungi il succo di limone e regola di pepe a piacere. Servi caldo, con una spolverata di parmigiano grattugiato.

    Alimentazione per L’INTESTINO
    La problematica più diffusa riguarda il colon.
    Alimenti da Limitare
    Zuccheri, Latticini, Frutta dolce, tipo uva, banane, mango. Verdure, legumi e cereali integrali, a causa dell’alto contenuto di fibre.
    Alimenti da Preferire
    Pesce: Ricco di omega-3, Carne Magra: Come pollo e tacchino, Uova, Zucchine, carote e patate, Riso Basmati

    Ecco un esempio di ricetta per l’artrosi
    Riso Basmati con Zucchine e Gamberetti
    Ingredienti per 4 persone
    200 g di riso basmati
    1 zucchina tagliata a rondelle
    200 g di gamberetti puliti
    2 cucchiai di olio extravergine di oliva
    1 spicchio di aglio in camicia
    Sale e pepe q.b.
    Succo di mezzo limone
    Procedimento
    Porta a ebollizione una pentola d’acqua salata e cuoci il riso basmati. Scola e metti da parte. In una padella grande, scalda olio, aglio e fai soffriggere per 1-2 minuti fino a doratura. Aggiungi le zucchine e cuoci fino a quando sono tenere, circa 10 minuti, aggiungendo un bicchiere di acqua e regola di sale e pepe. Aggiungi i gamberetti e cucina per circa 3-4 minuti. Unisci adesso il riso cotto, mescola bene e servi caldo, con una spruzzata di succo di limone.

    Alimentazione per I MUSCOLI
    Per la fibromialgia e la salute muscolare.

    Alimenti da Privilegiare
    Mandorle: Ricche di vitamina E e antiossidanti, Noci e Pinoli: Ottime fonti di acidi grassi omega-3 e antiossidanti, Semi di Girasole: Contengono vitamina E e selenio, Semi di Zucca: Ricchi di magnesio e zinco, Zenzero: Ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, Curcuma: Contiene curcumina, un potente antinfiammatorio, Zafferano: Ricco di antiossidanti, ha effetti positivi sulla salute muscolare, Banane: Una delle migliori fonti di potassio, Fave: Ricche di potassio e proteine vegetali, Spinaci e Bietole: Ottime fonti di magnesio e potassio, Fagioli Borlotti: Contengono elevate quantità di potassio e magnesio, Lenticchie: Ricche di proteine, ferro e magnesio, Germe di Grano: Ricco di vitamine del gruppo B, magnesio e potassio, Quinoa: Una fonte eccellente di magnesio e proteine complete.

    Ecco un esempio di ricetta per i muscoli
    Insalata di Quinoa con Verdure, Semi e Frutta Secca
    Ingredienti per 4 persone
    1 tazza di quinoa
    1 zucchina tagliata a cubetti
    1 carota grattugiata
    1 manciata di spinaci freschi
    1/4 tazza di mandorle tritate
    2 cucchiai di semi di zucca
    1/4 tazza di fagioli borlotti precotti
    1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
    Il succo di mezzo limone
    1/2 cucchiaino di curcuma in polvere
    1/2 cucchiaino di zenzero grattugiato
    Sale e pepe q.b.
    Procedimento
    Sciacqua la quinoa sotto l’acqua corrente. Porta a ebollizione due tazze d’acqua in una pentola, aggiungi la quinoa e cuoci per circa 15 minuti, o fino a quando tutta l’acqua è stata assorbita. Lascia raffreddare. In una ciotola unisci zucchina, carota, spinaci, fagioli e mandorle tritate, aggiungi la quinoa cotta, condisci con olio, succo di limone, curcuma, zenzero, sale e pepe. Mescola bene, aggiungi i semi di zucca prima di servire.

    COSA BERE per ridurre l’infiammazione
    Tè Verde. Contiene catechine, che sono composti che aiutano a ridurre l’infiammazione e proteggere le cellule dai danni. Bere una o due tazze di tè verde al giorno può contribuire a migliorare la salute generale e ridurre i livelli di infiammazione.
    Infuso di Zenzero. Potente antinfiammatorio naturale. Può essere consumato sotto forma di infuso per trarre beneficio dalle sue proprietà.
    Kombucha. Èuna bevanda fermentata a base di tè, ricca di probiotici che possono aiutare a migliorare la salute del microbiota intestinale.
    Bevande Fermentate. Kefir, Tempeh, Miso, Kimchi e i Crauti possono aiutare a mantenere un microbiota intestinale sano.

    Ricetta per un Infuso di Zenzero
    Ingredienti
    1 pezzo di zenzero fresco (circa 2-3 cm) grattugiato
    2 tazze d’acqua
    Succo di mezzo limone
    Miele a piacere
    Procedimento
    Grattugia lo zenzero fresco, porta a ebollizione l’acqua in una pentola, aggiungi lo zenzero grattugiato e lascia in infusione per circa 10 minuti. Filtra l’infuso per rimuovere i pezzi di zenzero, aggiungi il succo di limone e il miele a piacere. Servi caldo.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Benessere

      DOC: Quando le ossessioni diventano un incubo senza fine!

      È una malattia seria. Riconoscere i primi segni e sintomi del Disturbo Ossessivo-Compulsivo è fondamentale per intervenire subito e migliorare la qualità della vita di chi ne è affetto. Se sospetti di avere sintomi del DOC, consulta subito uno specialista.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Cos’è e come si manifesta
        Si chiama DOC in termini medici, il Disturbo Ossessivo-Compulsivo. È una condizione psichiatrica caratterizzata dalla presenza di ossessioni e compulsioni che possono interferire significativamente con la vita quotidiana di chi ne soffre.
        Le ossessioni sono pensieri, immagini o impulsi ricorrenti e indesiderati, mentre le compulsioni sono comportamenti ripetitivi o azioni mentali che una persona si sente obbligata a compiere per ridurre l’ansia provocata dalle ossessioni.

        Primi segni e sintomi
        Ossessioni. I sintomi iniziali spesso si manifestano con ossessioni che possono includere paure eccessive di contaminazione, preoccupazioni per l’ordine e la simmetria, pensieri aggressivi o intrusivi riguardo a danni che potrebbero essere inflitti a sé stessi o agli altri. Questi pensieri sono persistenti e causano notevole disagio.

        Compulsioni. Per cercare di gestire l’ansia causata dalle ossessioni, una persona con DOC può sviluppare comportamenti compulsivi come lavarsi le mani ripetutamente, controllare continuamente che porte e finestre siano chiuse, contare oggetti o ripetere parole specifiche. Questi rituali sono spesso eseguiti secondo regole precise e rigide.

        Interferenza nella Vita Quotidiana. Un segnale precoce di DOC è l’incapacità di svolgere normalmente le attività quotidiane a causa del tempo e dello sforzo dedicati alle compulsioni. Ciò può portare a difficoltà significative sul lavoro, a scuola e nelle relazioni interpersonali.

        Diagnosi e trattamento. La diagnosi di DOC viene solitamente effettuata da un professionista della salute mentale attraverso una valutazione clinica che include l’osservazione dei sintomi e il loro impatto sulla vita del paziente. I trattamenti efficaci includono la terapia cognitivo-comportamentale e farmaci come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina.

        Ecco alcuni esempi comuni di come si presenta questo disturbo.

        Bisogno di simmetria e ordine. Preoccupazione estrema per l’ordine, la simmetria o la disposizione esatta degli oggetti. Necessità di allineare perfettamente oggetti o di disporli in un ordine specifico.

        Compulsioni Comuni: Lavaggio e Pulizia. Lavarsi le mani ripetutamente e per periodi prolungati, spesso fino a irritare la pelle.Pulire e disinfettare oggetti o superfici in modo eccessivo. Controllo Ripetitivo: Controllare ripetutamente che porte, finestre, elettrodomestici siano chiusi o spenti. Verificare molte volte di aver completato correttamente compiti quotidiani. Rituali Mentali: Ripetere mentalmente parole, frasi o preghiere per ridurre l’ansia provocata dalle ossessioni.  Contare o eseguire calcoli mentali in modo compulsivo.

        Rituali di Ordinamento e Simmetria: Organizzare oggetti in modo preciso e simmetrico, spendendo molto tempo a farlo. Riordinare continuamente oggetti fino a quando non sembrano “giusti”.

        Rassicurazioni Ripetitive: Chiedere continuamente conferme agli altri per ridurre l’ansia legata ai dubbi e alle preoccupazioni ossessive. Ripetere le proprie azioni fino a sentirsi sicuri che siano state eseguite correttamente.

        Questi esempi illustrano come il DOC possa manifestarsi in modi vari e debilitanti, interferendo significativamente con la vita quotidiana delle persone. Se riconosci uno o più di questi comportamenti in te stesso o in qualcuno che conosci, è importante cercare aiuto da un professionista della salute mentale per una valutazione e un trattamento appropriati.

          Continua a leggere

          Benessere

          Superfood emergente: Le lenticchie d’acqua!

          Dette anche Lemma Minor, rappresentano un superfood dalle qualità straordinarie per la nutrizione umana. La loro storia millenaria, come fonte di cibo e rimedio naturale, si intreccia con il ruolo contemporaneo per promuovere un nuovo tipo di alimentazione che questo minuscolo cibo ha da offrire.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Esistono tesori nascosti nella natura che spesso ignoriamo o sottovalutiamo. Tra questi, c’è un piccolo protagonista che merita di essere portato alla ribalta: le lenticchie d’acqua, o Lemna minor. Questi minuscoli organismi acquatici stanno guadagnando sempre più attenzione come superfood emergente, grazie alla loro ricchezza nutrizionale e al loro potenziale ecologico.

            Le lenticchie d’acqua, appartenenti al genere Lemna, sono piante acquatiche che si trovano comunemente in stagni, laghi e corsi d’acqua tranquilla in tutto il mondo. La varietà più nota, Lemna minor, è stata utilizzata fin dall’antichità come fonte di cibo e rimedio naturale. In molte culture, Lemna minor è stata apprezzata per la sua capacità di crescere rapidamente, fornendo una fonte sostenibile di nutrizione in tempi di scarsità alimentare.

            Proprietà nutrizionali delle lenticchie d’acqua
            Nonostante le sue dimensioni apparentemente trascurabili, sono una potenza di nutrienti essenziali. Queste minuscole piante sono ricche di proteine, vitamine (tra cui la vitamina A, la vitamina C e alcune del gruppo B), minerali (come il ferro, il calcio e il magnesio) e antiossidanti. Inoltre, sono una fonte preziosa di fibra alimentare, che favorisce la salute digestiva e la sensazione di sazietà. Grazie a questa composizione nutrizionale, offrono un contributo significativo alla dieta umana, specialmente in contesti in cui l’accesso a cibi ricchi di nutrienti è limitato.

            Alcune fasi dopo la raccolta delle lenticchie d’acqua

            Come si mangia
            Le lenticchie d’acqua possono essere consumate crude, essiccate o trasformate in vari prodotti alimentari. Le foglie fresche possono essere aggiunte a insalate, frullati o zuppe per aumentare il contenuto proteico e vitaminico del pasto. Inoltre, le lenticchie d’acqua possono essere essiccate e macinate per ottenere una farina ad alto contenuto proteico, ideale per la preparazione di pane, pasta e prodotti da forno.

            Fonte e Credit foto copertina – www.giardinaggio.org

              Continua a leggere

              Benessere

              Quel leggero chiodo fisso quando nasce un amore…

              Il pre-innamoramento è quel delicato periodo durante il quale esistono sentimenti romantici verso un’altra persona, ma non è amore. È solo un’anticipazione di sentimenti che potrebbero diventare tali. Ecco come si fa ad affrontare il momento.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                È un’anticipazione di sentimenti che potrebbero evolversi in amore, ma al momento sono ancora in fase di formazione. Durante questo periodo, si possono sperimentare emozioni intense e desiderio di avvicinarsi alla persona desiderata, ma è importante mantenere la prospettiva e comprendere che questi sentimenti potrebbero cambiare nel tempo.

                Come ci sentiamo quando ci piace qualcuno
                Durante questa fase, le emozioni sono intense e la mente è piena da pensieri che si accavallano riguardanti la persona che suscita interesse. È come se si stesse fluttuando in una nuvola di felicità e fascino, senza ancora toccare terra. Ogni piccolo gesto, ogni sguardo, ogni parola assume un significato speciale e viene ripassato dalla mente con attenzione tantissime volte.

                Ma quanto dura il pre-innamoramento?
                Può durare per un breve periodo o protrarsi per settimane, mesi o anche più a lungo, a seconda delle circostanze e della propria natura o dei rapporti interpersonali con l’agognato partner. È una fase, quindi, preziosa e delicata, che prepara il terreno per un possibile sviluppo dei sentimenti più profondi, ma che richiede tempo, pazienza e apertura emotiva per essere pienamente vissuta.

                Il limbo emotivo
                Questo stato di cosa può essere davvero complesso perché, se da un lato c’è quel desiderio profondo di avvicinarsi alla persona, dall’altro lato, però, c’è la paura del rifiuto e dell’incertezza sulle reciproche intenzioni e sentimenti. Questo può scatenare ansia se mettersi in gioco completamente, di mostrare i propri veri sentimenti e di essere vulnerabili. La paura di non essere corrisposti o di essere respinti può frenare le azioni e portare a una sorta limbo, senza osare fare il primo passo.

                Come si gestisce questo stato di incertezza?
                La pazienza è fondamentale in questa fase. Bisogna permettere ai sentimenti di evolversi naturalmente, senza forzarli o anticipare troppo le cose. È un processo che richiede tempo e rispetto. Ascoltare se stessi e accettare l’altro senza giudizi o preconcetti. L’apertura emotiva favorisce la connessione, creando un terreno fertile per la crescita dei legami.

                Le soluzioni che possono aiutare
                Prima di tutto, è importante conoscere te stesso. Fai un’analisi dei tuoi sentimenti, dei tuoi desideri e delle tue paure. Capire le tue emozioni ti aiuterà a gestire meglio il periodo di infatuazione. Poi parla con la persona che ti interessa in modo aperto, esprimi i tuoi sentimenti e ascolta i suoi. Non avere fretta nel definire le cose, perché il pre-innamoramento è una fase delicata che richiede tempo per svilupparsi pienamente. Goditi il momento e lascia che le cose accadano naturalmente. Inoltre, sii realistico perché tutto questo lavoro potrebbe non portare necessariamente a una relazione romantica duratura. Accetta che le cose possano andare in diversi modi e concentrati sul goderti il momento. Sii sempre gentile con te stesso e con l’altra persona e continua a mantenere la tua vita uguale a prima, perché rimanere se stessi potrebbe aiutarti a gestire meglio le emozioni e ad avere una prospettiva più ampia. C’è il rischio di essere feriti o respinti, ma accettare la vulnerabilità è parte integrante del processo di connessione emotiva. Infine, la parte più importante è cercare supporto da amici, familiari o se necessario, professionisti della salute mentale. Parlarne con qualcuno di fiducia può aiutarti a ottenere prospettive diverse e a trovare comfort.

                Affrontare il pre-innamoramento in modo saggio e consapevole può aiutare a creare basi solide per una relazione sana e significativa nel tempo.

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù