Connect with us

Animali

Alveare Horror: l’ape regina e il triste destino dei suoi maschi!

Scopriamo il ruolo vitale dei fuchi nell’alveare e come contribuiscono alla riproduzione e alla sopravvivenza della colonia. La loro vita agiata, il loro ruolo nell’accoppiamento con l’ape regina e l’importanza del loro contributo genetico.

Avatar photo

Pubblicato

il

    Andiamo per ordine
    All’inizio della loro vita i maschi delle api conducono una vita agiata e meravigliosa, facendosi imboccare dalle femmine dell’alveare e trascorrendo le giornate sugli alberi, come al bar. I fuchi, noti anche come droni, sono i maschi all’interno di un alveare di api. Il ruolo principale dei fuchi è quello di accoppiarsi con l’ape regina durante i voli nuziali. Durante questo periodo, i fuchi lasciano l’alveare e si aggregano in aree aperte o in punti di aggregazione noti come “arene di accoppiamento”.

    Vita da pascià che pagano a caro prezzo
    In queste arene cercano di accoppiarsi con l’ape regina durante i suoi voli nuziali, anche se solo una piccola percentuale dei fuchi avrà l’opportunità di accoppiarsi con l’ape regina. A differenza delle api operaie, i fuchi non partecipano alle attività quotidiane all’interno dell’alveare, come la costruzione dei favi, la raccolta del polline e del nettare, o la cura delle larve e delle uova. Sono invece dipendenti dall’alveare per il loro sostentamento e devono essere nutriti dalle api operaie. I fuchi sono incapaci di nutrirsi da soli in quanto non possono raccogliere il cibo come le api operaie. Quindi, dipendono dalle api operaie per il loro sostentamento. Vengono nutriti dalle api operaie con il nettare e il polline raccolto, e a volte con la pappa reale.

    E poi, che succede?
    Dopo l’accoppiamento, la maggior parte dei fuchi muore, poiché l’organo riproduttivo viene strappato via dalla regina durante l’accoppiamento stesso. Dopo l’accoppiamento, la femmina con un colpo di coda stacca il pene al drone facendoglielo esplodere in volo e il resto dei maschi uccisi per mano delle ancelle. E i sopravvissuti? Muoiono nei prati di fame e di stenti.

    Ma è tutto organizzato dalla natura
    Complessivamente, il ruolo principale dei fuchi nell’alveare è quello di fornire il materiale genetico per la prossima generazione di api all’interno della colonia. Sebbene siano meno numerosi e attivi rispetto alle api operaie, il loro contributo è essenziale per la riproduzione e la sopravvivenza della colonia nel suo complesso.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Animali

      Micio perde il pelo a primavera. Che problema!

      La perdita di pelo nei gatti a primavera è generalmente un processo naturale, ma può essere gestito con spazzolature regolari, un’alimentazione adeguata e un controllo periodico della salute. Mantenere il gatto idratato, ridurre lo stress e fare visite regolari dal veterinario sono passi fondamentali per assicurarsi che la perdita di pelo non sia sintomo di problemi più seri.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        La perdita di pelo nei gatti durante la primavera è un fenomeno comune e naturale. Durante questa stagione, i gatti spesso perdono il loro pelo invernale per fare spazio a un manto più leggero adatto alle temperature più calde. Tuttavia, una perdita di pelo eccessiva o accompagnata da altri sintomi può indicare problemi di salute che richiedono attenzione. Ecco cosa fare per gestire la perdita di pelo del gatto a primavera.

        1. Spazzolare regolarmente

        Spazzolare il gatto regolarmente aiuta a rimuovere il pelo morto e riduce la quantità di pelo sparso per casa. Utilizza una spazzola adatta al tipo di pelo del tuo gatto:

        • Peli corti: Usa una spazzola a setole morbide o un guanto da grooming.
        • Peli lunghi: Opta per un pettine a denti larghi o una spazzola specifica per peli lunghi.

        La spazzolatura non solo aiuta a mantenere il pelo del gatto in buone condizioni, ma stimola anche la circolazione sanguigna e distribuisce gli oli naturali della pelle, contribuendo a un pelo sano e lucido.

        2. Alimentazione equilibrata

        Una dieta equilibrata e ricca di nutrienti essenziali è fondamentale per la salute del pelo del gatto. Assicurati che la dieta del tuo gatto includa:

        • Proteine di alta qualità: Essenziali per la crescita del pelo.
        • Acidi grassi omega-3 e omega-6: Contribuiscono alla salute della pelle e del pelo.
        • Vitamine e minerali: Vitamina E, biotina e zinco sono particolarmente importanti per il benessere del pelo.

        Consulta il veterinario per consigli su alimenti specifici o integratori che possano migliorare la salute del pelo del tuo gatto.

        3. Idratazione adeguata

        L’acqua è essenziale per la salute della pelle e del pelo. Assicurati che il tuo gatto abbia sempre accesso a acqua fresca e pulita. Un’idratazione adeguata aiuta a prevenire la pelle secca e la perdita eccessiva di pelo.

        4. Controlla parassiti e allergie

        La perdita di pelo può essere causata anche da parassiti come pulci o acari, o da allergie alimentari o ambientali. Controlla regolarmente il pelo del tuo gatto per segni di parassiti e consulta il veterinario se noti:

        • Grattarsi eccessivo
        • Pelle arrossata o irritata
        • Aree di pelo mancante

        Il veterinario può raccomandare trattamenti antiparassitari o esami per identificare eventuali allergie.

        5. Riduzione dello stress

        Lo stress può contribuire alla perdita di pelo nei gatti. Cerca di ridurre le situazioni stressanti per il tuo gatto e assicurati che abbia un ambiente tranquillo e sicuro. Offri giocattoli, graffiatoi e spazi dove il gatto può nascondersi e rilassarsi.

        6. Visite regolari dal veterinario

        Se la perdita di pelo è eccessiva o accompagnata da altri sintomi come perdita di peso, cambiamenti nell’appetito o comportamenti anomali, è importante consultare il veterinario. Potrebbe essere necessario un esame approfondito per escludere problemi di salute sottostanti come infezioni, disfunzioni ormonali o altre patologie.

          Continua a leggere

          Animali

          Come rimuovere una zecca dal cane: guida completa

          Rimuovere una zecca dal tuo cane può sembrare un’operazione delicata, ma seguendo questi passaggi puoi farlo in modo sicuro ed efficace. La prevenzione e la vigilanza sono essenziali per mantenere il tuo amico a quattro zampe in salute e libero da parassiti.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            Le zecche sono parassiti fastidiosi e potenzialmente pericolosi che possono attaccarsi al tuo cane durante le passeggiate all’aperto, specialmente in aree erbose o boschive. Rimuovere una zecca correttamente è fondamentale per prevenire infezioni e malattie. Ecco una guida passo-passo su come togliere una zecca al tuo cane in modo sicuro ed efficace.

            1. Preparazione: cosa ti serve

            Prima di iniziare, assicurati di avere a portata di mano i seguenti strumenti:

            • Pinzette a punta fine o un rimozione zecche specifico.
            • Guanti in lattice o nitrile per proteggere le mani.
            • Alcool denaturato per disinfettare la zona e gli strumenti.
            • Cotone o garza per pulire la zona dopo la rimozione.
            • Barattolo con coperchio per conservare la zecca.
            • Antisettico per disinfettare la pelle del cane dopo la rimozione.

            2. Trova la zecca

            Controlla attentamente il tuo cane, concentrandoti su aree come:

            • Orecchie
            • Collo
            • Ascelle
            • Inguine
            • Pieghe della pelle

            Le zecche possono essere piccole e difficili da individuare, quindi è importante esaminare il cane con attenzione.

            3. Rimuovi la zecca

            Una volta individuata la zecca, segui questi passaggi:

            1. Indossa i guanti: Proteggi le tue mani da eventuali malattie trasmesse dalle zecche.
            2. Usa le pinzette o il rimozione zecche: Afferrate la zecca il più vicino possibile alla pelle del cane. Non schiacciare il corpo della zecca, poiché questo potrebbe iniettare ulteriori agenti patogeni nel cane.
            3. Tira con fermezza e costanza: Applicare una pressione costante e lenta. Non strappare bruscamente per evitare che la testa della zecca si stacchi e rimanga nella pelle.

            4. Dopo la rimozione

            1. Disinfetta la zona: Utilizza un batuffolo di cotone imbevuto di alcool denaturato per pulire l’area intorno alla puntura della zecca.
            2. Conserva la zecca: Metti la zecca in un barattolo con coperchio, contenente un po’ di alcool. Questo può essere utile per test successivi se il cane sviluppa sintomi di malattia.
            3. Disinfetta gli strumenti: Pulisci le pinzette o il rimozione zecche con alcool.
            4. Osserva il cane: Monitora il tuo cane per i segni di infezione o malattie trasmesse dalle zecche, come febbre, letargia, perdita di appetito o zoppia. Se noti questi sintomi, consulta immediatamente il veterinario.

            5. Prevenzione

            Per prevenire future infestazioni da zecche, considera i seguenti suggerimenti:

            • Usa prodotti antiparassitari: Collari, spray, shampoo e pipette specifici per zecche.
            • Controlla regolarmente il cane: Dopo ogni passeggiata, soprattutto se frequentate aree a rischio.
            • Mantieni il giardino curato: Erba corta e rimozione delle foglie secche riducono il rischio di zecche.
              Continua a leggere

              Animali

              A Cannes la Palm Dog 2024 premia Kodi

              Il riconoscimento della Palm Dog mette in luce l’importanza dei cani nel cinema, celebrando le loro performance e il loro impatto emotivo sul pubblico. Kodi, con la sua interpretazione in “Le procès du chien”, ha aggiunto il suo nome a una lista di cani memorabili che hanno conquistato i cuori al Festival di Cannes.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Kodi ha vinto il Palm dog al festival di Cannes

                Il riconoscimento canino è stato assegnato a Kodi, il cane protagonista del film “Le procès du chien” diretto da Laetitia Dosch. Presentato nella sezione Un Certain Regard, ha conquistato la Palm Dog, il riconoscimento per i cani attori al Festival di Cannes. Questo premio, nato nel 2001 e giunto alla sua 24esima edizione, celebra l’eccellenza canina sul grande schermo.

                Una performance da cani

                Nel film, Kodi interpreta Cosmos, un meticcio di griffone che funge da cane guida per non vedenti e che si trova al centro di un processo per un presunto attacco. La sua performance è stata lodata anche per la sua intensità e l’importanza del ruolo, che esplora il legame tra esseri umani e cani. Offre una visione satirica e comica su come vengono addomesticati e considerati dal sistema giudiziario. Anna Smith, critica e membro della giuria, ha elogiato il film per il suo significato profondo e il modo in cui tratta questi temi. Per Kodi potrebbe essere l’ultima passerella prima di ritirarsi dai set, godendo di una meritata pensione.

                Il gran premio della giuria è andato a Xin

                Il levriero Xin, protagonista di “Black Dog” del regista cinese Guan Hu, ha ricevuto il Gran Premio della Giuria Palm Dog. Xin interpreta un ex detenuto incaricato di liberare la città dai cani randagi. Ma finisce per fare amicizia con uno di loro, offrendo una storia toccante e riflessiva sulla redenzione e l’amicizia.

                I quattro zampe premiati negli scorsi anni

                La Palm Dog ha una lunga tradizione di premiare cani che hanno offerto performance memorabili. Nel 2023, il premio è andato a Messi, il cane di “Anatomy of a Fall” di Justine Triet. Altri vincitori sono stati Brandy, il pitbull di Brad Pitt in “C’era una volta a Hollywood” (2019), i tre spaniel di Tilda Swinton in un film di Joanna Hogg (2021). E inoltre il barbone bianco Bruno de “The Meyerowitz Stories” (2017).

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù