Connect with us

Beauty

La maschera LED che spopola tra i VIP

Una delle novità per il beauty skincare dei vip è la luce al LED, vediamo come…

Avatar photo

Pubblicato

il

    Nell’era digitale, abbiamo il privilegio di avere le nostre celebrità preferite come guide di bellezza, pronte ad ispirarci con un solo clic. Tra le ultime tendenze che hanno catturato l’attenzione delle stelle, ci sono le maschere a LED, che promettono una pelle luminosa e splendente, il tutto comodamente da casa tua. Celebrità del calibro di Victoria Beckham che da poco ha compiuto 50 anni, Kourtney Kardashian, Kate Hudson e persino il vincitore dell’Oscar Cillian Murphy sono state avvistate indossando queste maschere innovative per ottenere una pelle radiosa e dall’aspetto impeccabile. Ma cosa sono esattamente queste maschere e come funzionano? Scopriamolo insieme.

    Victoria Beckham @victoriabeckham

    Cos’è una maschera LED?

    Una maschera LED è un dispositivo che sfrutta diverse lunghezze d’onda della luce per ravvivare la pelle e migliorarne l’aspetto. In passato considerato un trattamento di lusso da salone, questo strumento ha guadagnato popolarità grazie alle sue straordinarie proprietà rigeneranti. Oggi è diventato facilmente accessibile per l’uso domestico, permettendo a tutti di godere dei suoi benefici.

    Kourtney Kardashian @kourtneykardash

    Quali problemi della pelle può risolvere?

    La maggior parte delle maschere LED per il viso sono dotate di luci rosse e infrarosse. La luce rossa favorisce la produzione di collagene, mentre quella infrarossa aiuta a guarire e lenire la pelle, conferendole un aspetto più giovane e tonico.

    Kate Hudson @katehudson

    Scelta del colore LED adeguato:

    • Rosso per luminosità e rimpolpatura: La luce rossa penetra in profondità nella pelle, riducendo l’infiammazione e stimolando la produzione di collagene, per una carnagione luminosa e vibrante.
    • Blu per l’acne: Questa luce antibatterica è efficace nel combattere i batteri che causano l’acne e purificare i pori, ideale per la pelle a tendenza acneica.
    • Ambra per ridurre il gonfiore: Meno comune ma altrettanto efficace, questa tonalità rivitalizza la pelle, riducendo il gonfiore e conferendole luminosità.
    • Infrarossi per collagene ed elastina: Questa luce invisibile penetra in profondità, stimolando la produzione di collagene ed elastina per una pelle più giovane e tonica.

    Le mascherine LED sono sicure?

    Sebbene ci siano state preoccupazioni riguardo agli effetti sulla salute degli occhi, uno studio del 2018 “non ha riscontrato eventi avversi associati all’uso delle maschere LED”. È importante scegliere una maschera approvata dalla EMA e acquistata da un marchio affidabile per garantire la tua sicurezza.

      SEGUICI SU INSTAGRAM @INSTAGRAM.COM/LACITY_MAGAZINE

      Benessere

      Decluttering, come far ordine nella propria testa!

      Si chiama decluttering emotivo. Richiede del tempo, impegno e pazienza, ma il risultato sarà una mente più leggera, aperta e resiliente, pronta ad affrontare le sfide della vita con ottimismo e fiducia, per liberarsi dalle zavorre mentali e intraprendere un processo di auto-riflessione e accettazione positiva.

      Avatar photo

      Pubblicato

      il

      Autore

        Per liberarci da modi di pensare stantii e controproducenti che ci trascinano verso il basso, è essenziale adottare un processo di consapevolezza che coinvolga mente, corpo ed emozioni, tutto in uno. Ricorda che il declutter emotivo è un processo continuo che richiede tempo, impegno e pazienza. Ricorda che è normale avere alti e bassi lungo il percorso della nostra vita. Ecco alcuni passaggi fondamentali per riuscire, una volta per tutte, a liberarci dalla zavorra emotiva e dare spazio a pensieri più positivi e costruttivi.

        Autoconsapevolezza
        Il primo passo è diventare consapevoli dei pensieri e dei sentimenti che ci affliggono. Fai attenzione ai tuoi schemi di pensiero e alle emozioni ricorrenti che ti trascinano verso il basso.

        Identificazione dei problemi
        Cerca di individuare le situazioni, le persone o gli eventi che scatenano i sentimenti negativi. Questo può aiutarti a capire meglio quali aree della tua vita richiedono più attenzione durante il declutter emotivo.

        Depressione e ansia
        Condizioni mentali come depressione e ansia possono amplificare le zavorre emotive, rendendo più difficile gestire i pensieri negativi e le emozioni dolorose.

        Rimuginare la mente sul passato
        Ripetuti pensieri su errori o fallimenti passati che generano sensi di colpa, vergogna o rimpianto.

        Accettati come sei
        Accetta i tuoi sentimenti senza giudicarli. È normale provare una vasta gamma di emozioni, comprese quelle negative. L’accettazione di ciò che provi può aiutarti a lasciar andare la resistenza e a muoverti verso una maggiore pace interiore.

        Rancore e risentimento
        Sentimenti negativi nei confronti di persone che ci hanno ferito o delusi in passato, che possono impedirci di perdonare e andare avanti.

        La difficilissima strada del perdono
        Perdonati e perdona gli altri per le esperienze passate che potrebbero ancora influenzarti. Il perdono non significa necessariamente approvare o dimenticare ciò che è accaduto, ma liberarti dal peso emotivo che ti trascina indietro.

        Inquadra bene il tuo presente
        Concentrati sul qui e ora anziché rimuginare sul passato o preoccuparti per il futuro. La mindfulness e la pratica della consapevolezza possono aiutarti a essere più presenti nel momento presente e a ridurre l’ansia legata ai pensieri negativi.

        Preoccupazioni sul futuro: Ansie e preoccupazioni costanti riguardo al futuro, come timori riguardanti l’incertezza, il fallimento o l’insuccesso.

        Disegna con la mente i tuoi nuovi schemi di pensiero
        Una volta identificati i pensieri e i sentimenti negativi, prova a sostituirli con quelli più positivi e costruttivi. Ad esempio, anziché concentrarti su ciò che potrebbe andare storto, focalizzati su ciò che è sotto il tuo controllo e su come puoi affrontare le sfide in modo proattivo.

        Perfezionismo eccessivo
        Aspettative irrealistiche riguardo a sé stessi o agli altri, che possono portare a un’eccessiva auto-critica e frustrazione quando non si raggiungono determinati standard.

        Sensazione di inadeguatezza
        Sentimenti di inferiorità o di non essere all’altezza rispetto agli altri, che possono minare la fiducia in sé stessi e limitare le opportunità di crescita personale.

        Ce n’è uno in ogni angolo di strada
        Se ti senti sopraffatto o non riesci a gestire da solo il declutter emotivo, considera di rivolgerti a un terapeuta o a un consulente. Parlare con un professionista può fornire un supporto prezioso e nuove prospettive per affrontare i tuoi pensieri e sentimenti.

          Continua a leggere

          Benessere

          Timidezza negli adulti, un ostacolo sociale

          La timidezza è spesso associata all’infanzia e all’adolescenza, ma molte persone continuano a sperimentarla anche nell’età adulta. Questo tratto di personalità, caratterizzato da un senso di incertezza e ritrosia nelle interazioni sociali, può avere un impatto significativo sulla vita personale e professionale. Comprendere la timidezza negli adulti è il primo passo per affrontarla e gestirla in modo efficace.

          Avatar photo

          Pubblicato

          il

          Autore

            La timidezza negli adulti è una realtà comune che può influenzare profondamente la vita quotidiana. Tuttavia, con le giuste strategie e un supporto adeguato, è possibile gestire e superare molte delle sfide associate a questo tratto di personalità. Promuovere la comprensione e l’empatia nei confronti della timidezza può contribuire a creare società e ambienti di lavoro più inclusivi e accoglienti, dove ogni individuo possa esprimersi liberamente e senza timore.

            Cause della timidezza negli adulti
            La timidezza negli adulti può derivare da una combinazione di fattori genetici, ambientali e psicologici. Alcuni possono essere predisposti geneticamente a essere più riservati, mentre altri possono sviluppare timidezza a causa di esperienze passate, come episodi di bullismo o mancanza di supporto emotivo durante l’infanzia. Inoltre, le aspettative sociali e le pressioni culturali possono accentuare questo tratto, rendendo difficile per gli adulti timidi sentirsi a proprio agio in situazioni sociali.

            Impatti della timidezza sulla vita quotidiana
            La timidezza può influenzare vari aspetti della vita di un adulto. In ambito professionale, può limitare le opportunità di networking, avanzamento di carriera e partecipazione attiva a riunioni o progetti di gruppo. Sul piano personale, può ostacolare la formazione di nuove amicizie, relazioni romantiche e la partecipazione a eventi sociali. Le persone timide possono spesso sentirsi isolate o fraintese, aumentando il rischio di sviluppare ansia sociale o depressione.

            Affrontare la timidezza richiede tempo, pazienza e una serie di strategie mirate. Comprendere le situazioni che scatenano la timidezza e i pensieri associati può aiutare a identificare i modelli di comportamento e a sviluppare strategie per gestirli. Esporsi gradualmente a situazioni sociali può aiutare a costruire fiducia. Iniziare con piccoli gruppi o situazioni meno intimidatorie può rendere il processo meno stressante. Pratiche come la respirazione profonda, la meditazione e il mindfulness possono aiutare a ridurre l’ansia associata alle interazioni sociali.

            L’importanza di un approccio empatico
            È fondamentale ricordare che la timidezza non è un difetto da correggere, ma un aspetto della personalità che merita comprensione e rispetto. Creare un ambiente di supporto e accettazione può fare una grande differenza per chi è timido. In ambito lavorativo, i leader e i colleghi possono contribuire promuovendo un clima inclusivo e incoraggiando la partecipazione di tutti, senza forzare situazioni che potrebbero causare disagio.

              Continua a leggere

              Beauty

              Bella Hadid: “Bevo solo acqua sexy”!

              I social sensualizzano anche una pratica comune come bere acqua, trasformandola in qualcosa di più grande della vita. La tendenza “sexy water” ha reso l’idratazione un rito erotico. Il concetto in sé è così seducente come il termine? Poco importa se la ricetta è Bella Hadid.

              Avatar photo

              Pubblicato

              il

              Autore

                Il lato sensuale del bere acqua

                È interessante notare come i creatori di contenuti possano influenzare e promuovere tendenze legate alla salute, alla consuetudine di necessità umane prendendo spunto da figure di riferimento come Kelly Stranick, con il suo account TikTok ha introdotto il termine sexy water per identificare l’ultima tendenza legata all’idratazione, prendendo spunto dal gesto di bere e trasfomandolo nel senso più sensuale dell’esperienza.

                Il mercato delle “sexy waters”

                Una imprevedibile esplosione di interesse, alimentata anche dalla partecipazione di celebrità come la modella Bella Hadid, ha mostrato anche il suo coinvolgimento nella tendenza del bere sexy acqua. Queste bevande sono degli infusi contenenti erbe, spezie e additivi progettati per supportare il sistema immunitario e ridurre le infiammazioni, detossinando l’organismo. Questa partecipazione delle celebrità ha, dunque, contribuito a promuovere ulteriormente la tendenza delle “sexy waters” e ha dato maggiore visibilità al mercato delle bevande analcoliche funzionali, soprattutto negli Stati Uniti.

                Che differenza c’è tra acqua e acqua sexy

                Le “sexy waters” sono essenzialmente varianti esteticamente accattivanti dell’acqua, progettate per rendere l’atto del bere più invitante e attraente. Sono acque aromatizzate e arricchite con frutta, verdura, tinture madri e altri ingredienti che aggiungono sapore e potenziali benefici per la salute.

                Fare in casa la “sexy water” come Bella Hadid

                Utilizziamo acqua demineralizzata, ingredienti freschi e possibilmente biologici. Puliamo bene la frutta, la verdura e le erbe utilizzate. Aggiungete polveri e ulterio ingredienti personalizzati facendo attenzione agli allergeni contenuti in alcuni frutti.

                Ingredienti per 1 sexy bottle

                1 litro di acqua demineralizzata fredda
                1 limone biologico, tagliato a fette sottili
                1 cetriolo biologico, tagliato a fette sottili
                8-10 foglie di menta fresca
                2 cm di zenzero tagliato a fette
                Cubetti di ghiaccio

                Preparazione

                Prepara tutti gli ingredienti, assicurandoti che siano ben lavati e tagliati, poi versa l’acqua nelle bottiglie che hai scelto di utilizzare, aggiungi le fette di limone, le fette di cetriolo lo zenzero a fettine, strappa le foglie di menta fresca e aggiungile alla miscela. Unisci i cubetti di ghiaccio.

                Mescola delicatamente gli ingredienti e lascia riposare la “Sexy Water” in frigorifero per almeno 1-2 ore, in modo che gli aromi si amalgamino bene con l’acqua. Quando sei pronta, goditi la tua bevanda fresca e aromatica!

                  Continua a leggere
                  Advertisement

                  Ultime notizie

                  Lacitymag.it - Tutti i colori della cronaca | DIEMMECOM® Società Editoriale Srl P. IVA 01737800795 R.O.C. 4049 – Reg. Trib MI n.61 del 17.04.2024 | Direttore responsabile: Luca Arnaù